Tag Archives: preghiera

Un monaco in ostaggio. La lotta per la pace di un prigioniero dei jihadisti

Jacques Mourad è un monaco cattolico, che si unì al padre gesuita Paolo Dall’Oglio nell’impresa di ridare vita all’antico monastero di Mar Musa nel deserto siriano e ne fu il primo abitatore stabile dal 1991. Rimanendo membro della comunità di Mar Musa, egli nel 1996 accettò la richiesta del vescovo di Homs di ridare vita a un altro antico monastero abbandonato non molto lontano da Mar Musa, quello di Mar Elian (san Giuliano), nei pressi della cittadina di Qaryatayn.

Da Cascia una preghiera: “Santa Rita protegga Beirut e il popolo libanese”

Dopo la pausa estiva del mese di luglio, al termine dell’Udienza Generale, papa Francesco ha rivolto il suo pensiero a tutto il Libano e in particolare a Beirut dove si è registrata un’esplosione che non ha precedenti nella storia del Paese, lanciando un appello a tutte le componenti sociali, politiche e religiose, affinché operino insieme per permettere al Libano di superare questa crisi:

Mons. Ruzza alla diocesi di Civitavecchia chiede fraternità e discernimento

Sabato scorso mons. Gianrico Ruzza è stato accolto dai fedeli della diocesi di Civitavecchia-Tarquinia come nuovo vescovo con una breve cerimonia dove è stata data lettura del decreto di nomina papale a cui sono seguiti i saluti del clero, dei sindaci dei sei Comuni in cui questa si estende e dei rappresentanti delle istituzioni.

P. Monge: Santa Sofia e la situazione dei cristiani

Oggi riapre ad Istanbul l’ex basilica cristiana, già museo, di Santa Sofia come moschea. Nelle settimane scorse il presidente, Recep Tayyip Erdogan, ha cercato di capitalizzare al massimo il consenso che questo processo può portare: “La riapertura di Santa Sofia alla preghiera islamica era il nostro più grande sogno di gioventù. Per questo ne siamo ancora più felici, le critiche dall’estero non ci influenzano. Quella presa è una decisione presa da uno Stato sovrano che sarà un bene”.

La Chiesa celebra la Domenica del mare

“Questi sono tempi difficili per il mondo, perché abbiamo a che fare con le sofferenze causate dal coronavirus. Il vostro lavoro da marittimi e pescatori è diventato ancora più importante, per assicurare alla grande famiglia umana cibo e altri generi di prima necessità. Di questo, noi vi siamo riconoscenti. Anche perché siete una categoria molto esposta. Negli ultimi mesi la vostra vita e il vostro lavoro sono notevolmente cambiati e avete affrontato (e ancora affrontate) tanti sacrifici, lunghi periodi di lontananza a bordo delle navi senza poter scendere a terra. La lontananza dai familiari, dagli amici e dal proprio Paese, la paura del contagio, tutti questi elementi sono un peso faticoso da portare, ora più che mai. Vorrei dirvi: sappiate che non siete soli e non siete dimenticati”.

Il papa chiede di essere profeti di Gesù

Nella  Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, celebrata nella basilica di san Pietro, papa Francesco ha benedetto i palli che sono conferiti al Decano del Collegio cardinalizio e agli Arcivescovi Metropoliti nominati nel corso dell’anno. Il Pallio verrà poi imposto a ciascun Arcivescovo Metropolita dal Rappresentante Pontificio nella rispettiva Sede Metropolitana. Dopo il rito di benedizione dei Palli, il papa ha presieduto la Celebrazione Eucaristica con i cardinali dell’Ordine dei Vescovi e l’Arciprete della Basilica Papale di San Pietro, il card. Angelo Comastri, consegnando due parole distintive di questi due apostoli: unità e profezia.

Il papa promulga le nuove invocazioni nelle Litanie Lauretane

Santa Maria, Santa Madre di Dio, Santa Vergine delle vergini, Madre di Cristo, Madre della Chiesa, Madre della divina grazia, Madre purissima, Madre castissima, Madre sempre vergine, Madre immacolata, Madre degna d’amore, Madre ammirabile, Madre del buon consiglio, Madre del Creatore, Madre del Salvatore, Madre di misericordia, Vergine prudentissima, Vergine degna di onore, Vergine degna di lode, Vergine potente, Vergine clemente, Vergine fedele, Specchio della santità divina, Sede della Sapienza, Causa della nostra letizia, Tempio dello Spirito Santo, Tabernacolo dell’eterna gloria, Dimora tutta consacrata a Dio, Rosa mistica, Torre di Davide, Torre d’avorio, Casa d’oro, Arca dell’alleanza, Porta del cielo, Stella del mattino, Salute degli infermi, Rifugio dei peccatori, Consolatrice degli afflitti, Aiuto dei cristiani, Regina degli Angeli, Regina dei Patriarchi, Regina dei Profeti, Regina degli Apostoli, Regina dei Martiri, Regina dei veri cristiani, Regina delle Vergini, Regina di tutti i Santi, Regina concepita senza peccato originale, Regina assunta in cielo, Regina del santo Rosario, Regina della famiglia, Regina della pace.

Il card. De Donatis chiede alla Chiesa romana di mettersi in relazione

“Siamo qui per continuare il nostro cammino diocesano, il nostro ‘esodo’, arricchito da tutto questo tempo in cui lo Spirito ci ha ricondotto fortemente all’essenziale. Non è una ripartenza da ‘dove eravamo rimasti’, perché questo periodo non è stato una ‘parentesi’, ma piuttosto un tempo in cui siamo ‘stati arati’ per renderci ‘il terreno buono’ che accoglie il seme dei doni di Dio, nel buio, nel silenzio e nella prova. Il seme è cresciuto, notte e giorno, ‘come, noi stessi non sappiamo’, in un modo originale rispetto ai nostri piani”.

Compagnia dei Tipi Loschi: la preghiera per la novena a Piergiorgio Frassati

Fino al 3 luglio la Compagnia dei Tipi Loschi invita a partecipare alla 16^ novena internazionale al beato Pier Giorgio Frassati attraverso queste modalità di partecipazione: “Chi desidera partecipare alla novena, deve inviare le sue intenzioni di preghiera entro oggi, 25 giugno, all’indirizzo di posta elettronica info@tipiloschi.com, specificando anche il proprio nome o gruppo di appartenenza e il paese di provenienza”.

Biagio Conte in digiuno per il bene comune

Da ormai 25 giorni il missionario laico fratel Biagio Conte, fondatore della Missione Speranza e Carità (che ospita gratuitamente 1100 persone povere a Palermo), digiuna nutrendosi di sola eucarestia, rifugiato in una grotta, nell’entroterra della Sicilia.

89.31.72.207