Tag Archives: mafia

I giovani chiedono di non dimenticare Borsellino

Ieri a Palermo si è svolta la commemorazione della strage di via D’Amelio, in cui 28 anni fa persero la vita Paolo Borsellino  e gli agenti della scorta Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina,alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una festa di popolo per non dimenticare chi ha sacrificato la vita contro la mafia e le trame oscure di chi non vuole la democrazia, come hanno detto molti giovani.

L’Italia non dimentica Giovanni Falcone

“La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”: così affermava Giovanni Falcone, trucidato il 23 maggio 1992 alle 17.57 a Capaci insieme alla moglie Francesca Morvillo ed agli agenti di scorta Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo, causando anche 23 feriti. Ed a distanza di 28 anni per non far cadere nel dimenticatoio la sua memoria alcuni musicisti, diretti da Roy Paci, hanno realizzato un video intitolato ‘Siamo Capaci’.  

Mons. Satriano denuncia gli atti criminali intimidatori sul territorio della diocesi di Rossano-Cariati

“Ci stanno bruciando vivi”. “Vergogna! Sento il bisogno di gridare per squarciare una coltre di silenzio, in cui fermenta la vigliaccheria di coloro che pugnalano alle spalle la vita dei singoli e di una collettività”.

21 marzo: la Memoria e l’Impegno non si fermano

Oggi ricorre la XXV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera e Avviso Pubblico, che doveva svolgersi a Palermo, ma a causa del coronavirus ha un diverso svolgimento, come si evince da una nota di Libera:

Dopo aggressioni mafiose, le sedi Agesci #piubellediprima

La mafia torna a colpire e lo fa partendo dalle sedi dell’Agesci in Sicilia: nei mesi di dicembre e gennaio si sono contati quattro attacchi vandalici in luoghi simbolo dell’impegno contro il crimine organizzato.

89.31.72.207