Tag Archives: fraternità

Da Matera il giornalista lucano Maimone:’papa Francesco, un cuore innamorato di Dio’

Il giornalista Biagio Maimone, originario di Maratea, direttore dell’Ufficio Stampa e Comunicazione dell’Associazione Bambino Gesù del Cairo, il cui presidente è mons. Gaid Yoannis Lazhi, già segretario di papa Francesco, ha scritto, pochi anni fa, una lettera accorata a Sua Santità, dal titolo ‘Papa Francesco, un cuore innamorato di Dio’, che, per omaggiare Sua Santità, il quale ha  concluso a Matera, città di cui è originario, che ha ospitato il XXVII congresso eucaristico nazionale, ne ripropone, di seguito, la pubblicazione:

“Papa Francesco è un cuore innamorato di Dio. Non è facile comprendere la sofferenza umana a tal punto da volere che ad essa si offra sollievo. E’ indubbio che occorra un cuore grandioso, un cuore innamorato di Dio. È incoraggiante sapere che vi sono tante donne e tanti uomini, nel deserto dell’umanità, che hanno un cuore grandioso, innamorato di Dio e fra essi vi è papa Francesco, che è un uomo che appartiene alla storia umana, la cui finalità è Dio.

Fermamente convinto che la parola di Dio sia la Via, la Verità e la Vita egli la trasmette con vigore e passione fervente, a tal punto da far riflettere anche gli atei. Non è piaggeria affermare che Papa Francesco, uomo coraggioso del nostro tempo e non solo uomo della Chiesa, manifesta il coraggio della Fede e lo fa quando si rivolge a coloro che, senza scrupoli, senza mezze misure, inseguono ed afferrano, con avidità irrefrenabile, i beni materiali, incuranti di calpestare ed annientare i propri simili pur di arricchirsi sempre più.

Parlare di umanità e di amore rappresenta sempre una sfida e lo è ancor di più quando si parla ad una società civile nella quale domina, ormai indisturbato,  il processo di globalizzazione, simile ai grandi eventi che hanno scombussolato la storia umana e la vita dell’uomo, come lo sono state le guerre.

La società civile è, senza dubbio, ormai disgregata, in quanto le regole preesistenti all’avvento della globalizzazione valgono poco o quasi nulla, ma è certo che l’amore unifica e, pertanto, non è vano alcun messaggio che incita all’amore e alla fratellanza, che sono l’anelito più profondo degli uomini di buona volontà e non solo dell’umanità errante, che è uno dei fenomeni più strazianti scaturiti dal processo di globalizzazione, proprio in quanto coinvolge l’essere umano rendendolo oggetto e non più soggetto.

I tanti morti, anzi troppi, per annegamento nel Mar Mediterraneo, trasportati da barconi malfermi, sembrano richiamare il ricordo dei crimini contro l’umanità. Torna sulla scena della storia umana la sofferenza innocente di interi popoli, che sembrava ormai un lontano ricordo. Ed ecco il pianto di Dio: chi non lo scorge è certo che non abbia un’anima.

Lo dice papa Francesco nei suoi messaggi accorati incitanti al rispetto della dignità umana. Papa Francesco sa di parlare ad una coscienza sonnecchiante, ma non desiste. I barconi affondano e continuano ad affondare. I poveri aumentano e continuano ad aumentare. Papa Francesco continua ad esortare ed esorta sempre più.

Le donne, che hanno combattuto per la loro emancipazione, vedono e subiscono ancora tanta violenza, anzi ancor più che nel passato. Uomini senza scrupoli le deridono, le mortificano, tolgono loro la vita, ne mercificano il corpo sui marciapiedi sporchi. Ed ecco che Papa Francesco continua ad esortare e lo fa con la speranza di chi si affida a Dio.

A favore delle donne papa Francesco ha dedicato uno dei suoi più accorati messaggi. L’eco delle sue parole travolgenti non finirà di bussare alle coscienze degli uomini violenti che le rendono schiave,  fino a quando essi non apriranno le porte del loro cuore inaridito.

Papa Francesco è certo che aspiri a voler ricreare la cultura della vita, la cultura della legalità, la cultura dell’accoglienza, della solidarietà in un contesto in trasformazione, che, proprio in quanto tale, ha posto ai margini tutti quei valori, senza i quali non esiste la vita, ma la morte. Si può definire l’epoca attuale come l’epoca delle grandi contraddizioni: grandiosi grattacieli e persone sporche e maleodoranti sui marciapiedi.

Da un lato, tanta ricchezza e, dall’altro, tanta crudele miseria. Non si può non riconoscere che il materialismo imperversa sempre più in tutte le nazioni del mondo, creando miseria, illegalità, nonché torpore della coscienza e della sensibilità umana.

Papa Francesco ascolta lo strazio dell’anima di un uomo ormai solo sulla scena dell’esistenza, la cui coscienza sembra essere divisa a metà, proteso nel nulla dei valori umani e l’ardente desiderio di esserne espressione, perché indiscutibilmente figlio di Dio.

A quest’uomo lacerato parla papa Francesco, incitandolo a cogliere dentro di lui la presenza di Dio e a vivere come Dio gli chiede. Papa Francesco ripete costantemente a quest’uomo infelice che, solamente se ascolterà la voce di Dio che vive in lui, sarà meno solo e triste, saprà tendere la mano al fratello più povero, rispettare ed amare veramente le donne, portatrici della vita e della pedagogia della vita, impedire le ingiustizie sociali, impegnarsi per la vera emancipazione umana, saprà sostituire Dio al vile denaro che vorrebbe dominare la coscienza di ogni uomo.

Papa Francesco, uomo della Chiesa Cattolica e uomo della storia, con il vigore del suo impegno cristiano, dimostra che solo una coscienza umana rinnovata potrà ricreare le condizioni perché la cultura della vita rinasca come la natura a primavera”.

(Foto: Santa Sede)

A Bose Isacco di Ninive apre alla spiritualità ortodossa

“Sono stati giorni intensi, per varie ragioni. Perché si trattava di un incontro da lungo tempo atteso e restato incerto fin quasi all’ultimo. Per la complessità e l’incertezza, sotto vari aspetti, del contesto in cui abbiamo vissuto questi giorni. La gioia di ritrovarci dopo tre anni di sospensione, e la ricchezza e varietà delle presenze ha reso questo incontro un momento davvero particolare. Credo di poter dire, avendo ascoltato diversi di voi, che anche la scelta della riduzione del numero dei partecipanti ha creato un’atmosfera di familiarità, benché alcune assenze dovute alla guerra in Ucraina ci hanno rattristato”.

Palermo ha ricordato p. Pino Puglisi

Giovedì 15 settembre Palermo ha ricordato don Pino Puglisi, sacerdote della parrocchia ‘San Gaetano’, ucciso dalla mafia nel 1993, che cominciò la sua opera contro la criminalità organizzata parlando ai giovani e aprendo il ‘Centro Padre Nostro’, togliendo così la bassa manovalanza alla criminalità organizzata, beatificato nel 2013, affermando di sé: “Non sono un biblista, non sono un teologo, né un sociologo, sono soltanto uno che ha cercato di lavorare per il Regno di Dio”.

XXV domenica del Tempo Ordinario: la vera scaltrezza del cristiano

La parabola del Vangelo  dell’amministratore disonesto da parte di Gesù non vuole certo essere una lezione di disonestà, ma vuole essere una vera sberla, un richiamo forte ai ‘figli della luce’ di ieri e di oggi perché si sveglino ed agiscano con decisione, con scaltrezza, con creatività nel fare il bene focalizzando  ognuno i talenti ricevuti da Dio.

‘Voglio qualcosa di vero’: il nuovo singolo dei The Sun

Canzone manifesto della ‘Fraternità’, ispirata da don Alberto Ravagnani, ‘Voglio qualcosa di vero’, il nuovo singolo dei The Sun in uscita oggi, venerdì 26 agosto, è la canzone manifesto della ‘Fraternità’, esperienza nata tra migliaia di giovani a partire dall’oratorio di don Alberto Ravagnani, sacerdote youtuber salito alla ribalta con i suoi video realizzati per restare, nonostante l’isolamento forzato, vicino ai ragazzi della sua comunità.

6 agosto: due uomini per la pace

“La pace e la stabilità internazionale sono incompatibili con qualsiasi tentativo di costruire sulla paura della reciproca distruzione o su una minaccia di annientamento totale; sono possibili solo a partire da un’etica globale di solidarietà e cooperazione al servizio di un futuro modellato dall’interdipendenza e dalla corresponsabilità nell’intera famiglia umana di oggi e di domani”: così disse papa Francesco a Nagasaki durante il viaggio apostolico in Giappone e Thailandia nel 2019.

Un ponte per… ricorda l’esplosione a Beirut

“Auspico che il Libano, con l’aiuto della Comunità internazionale, continui a percorrere il cammino di rinascita, rimanendo fedele alla propria vocazione di essere terra di pace e di pluralismo dove le comunità di religioni diverse possano vivere in fraternità”: così ha twittato il papa nel ricordo del secondo anniversario dell’esplosione nel porto di Beirut.

Papa Francesco ripercorre il viaggio in Canada

“Vi ringrazio per il sostegno della vostra preghiera durante il mio pellegrinaggio in Canada. So che in agosto tanti di voi si recano a piedi a Jasna Góra e ad altri santuari mariani. Vi chiedo di offrire le fatiche del vostro cammino anche per la Chiesa, per la pace nel mondo, specialmente in Ucraina”: con questo ringraziamento ai pellegrini polacchi papa Francesco ha ripreso, dopo la sospensione di luglio, la catechesi delle udienze generali.

Papa Francesco agli indigeni: grazie per l’accoglienza

Nella mattina dell’ultimo giorno del viaggio ‘penitenziale’ in terra canadese papa Francesco ha incontrato  nel salone dell’Arcivescovado del Québec una delegazione di indigeni presenti nella regione, ringraziando dell’accoglienza ed affermando che ha ricevuto un grande ‘arricchimento’ dagli incontri, che prelude ad un arrivederci:

89.31.72.207