Tag Archives: fraternità

Da Londra fratel Biagio Conte riprende il cammino da pellegrino

“Sento nel cuore di continuare il Santo Viaggio: il Buon Dio mi invita a portare nell’Europa e nel mondo il prezioso messaggio di pace e di speranza, affinché questa società malata possa essere liberata e risanata dai tanti mali e dalle cosiddette dipendenze negative (dell’alcool, delle droghe, delle sigarette, del gioco e delle scommesse e da quelle mode che offendono il corpo).

Perché la fraternità?

Fraternità perché? E quale fraternità? Queste le domande che Edgar Morin, intellettuale francese tra i maggiori del nostro tempo, che oggi compie 99 anni, pone in un appassionato pamphlet, tradotto per la prima volta in italiano dall’editrice Ave con il titolo ‘La fraternità perché? Resistere alla crudeltà del mondo’. Domande rese urgenti dalla drammatica crisi di civiltà, insieme ecologica, sociale, politica e spirituale nella quale siamo immersi su scala locale e planetaria.

San Giovanni Battista: testimone del Vangelo

“Oggi è la festa della Natività di san Giovanni Battista. Impariamo da Colui che fu il precursore di Gesù la capacità di testimoniare con coraggio il Vangelo, al di là delle proprie differenze, conservando la concordia e l’amicizia che fondano la credibilità di qualsiasi annuncio di fede”: così al termine dell’udienza generale papa Francesco ha ricordato la festa di san Giovanni Battista, patrono di tre città (Torino, Genova e Firenze) i cui vescovi, in un comunicato congiunto, avevano sottolineato il suo stile di vita come ispiratore dell’azione dei cristiani.

Papa Francesco: la preghiera è vita

Nei saluti conclusivi dell’udienza generale, trasmessa sempre dalla biblioteca del Palazzo Apostolico, papa Francesco ha esortato tutti ad essere docili allo Spirito Santo: “Nel clima di preparazione alla Solennità di Pentecoste ormai prossima, vi esorto ad essere sempre docili all’azione dello Spirito Santo, affinché la vostra vita sia sempre riscaldata ed illuminata dall’amore che lo Spirito di Dio riversa nei cuori”.

Don Tonino Bello: profeta di fraternità

“Davanti a chi soffre come voi, l’atteggiamento più giusto sembrerebbe quello del silenzio. Però, anche il silenzio può essere frainteso o come segno di imbarazzo, o come tentativo di rimozione del problema. E allora, tanto vale parlarne. Semmai, con pudore. Chiedendovi scusa per ogni parola di troppo. Come, per esempio, una parola di troppo potrà sembrare il segreto che vi confido sulla mia consuetudine con questa preghiera che recito ogni mattina”.

Il documento della fratellanza: un cammino secondo il Concilio Vaticano II

“Saluto tutti voi presenti e saluto in particolar modo tutte le persone che nell’umanità aiutano i loro fratelli poveri, ammalati, perseguitati e deboli senza badare alla religione, al colore, alla razza a cui appartengono. Un anno fa, mio fratello, il Grande Imam il dr. Aḥmad al-Tayyib, imam di Al-Azhar, e io abbiamo firmato un documento sulla fratellanza umana nella capitale degli Emirati Arabi Uniti, Abu Dhabi. Oggi celebriamo il primo anniversario di questo grande evento umanitario, sperando in un futuro migliore per l’umanità, un futuro libero dall’odio, dal rancore, dall’estremismo e dal terrorismo, in cui prevalgano i valori della pace, dell’amore e della fratellanza”.

Presidente della Repubblica: la fraternità di Chiara Lubich è categoria politica

Il presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, al Centro Mariapoli ‘Chiara Lubich’ di Cadine (TN), ha partecipato al ricordo della fondatrice dei Focolari nel centenario dalla nascita, accolto da Maria Voce, presidente del Movimento, e dalle autorità locali, insieme alla cittadinanza: oltre 400 erano le persone presenti in sala, circa 500 nelle altre sale collegate a Cadine e a Trento, e oltre 20.000 le visualizzazioni dello streaming.

A Breslavia l’accoglienza è fondamentale

“In settembre abbiamo vissuto una nuova tappa del nostro ‘cammino di fiducia sulla terra’ a Città del Capo. Il Sudafrica è un paese grande e bello; 25 anni fa ha mostrato al mondo la forza della protesta contro l’apartheid e di un percorso di transizione non violenta, anche se ancora oggi il paese è segnato da profonde divisioni fra i gruppi etnici”: così ha scritto frére Alois nella lettera d’invito ai giovani a Breslavia.

89.31.72.207