Tag Archives: fraternità

Torino ha ricordato mons. Operti, fautore del Progetto Policoro

Lunedì 21 giugno nel Santuario della Consolata a Torino, mons. Cesare Nosiglia ha presieduto la messa in suffragio di mons. Mario Operti, nella ricorrenza del 20° anniversario della morte (18 giugno 2001). Impegnato a lungo nella pastorale sociale e del lavoro anche a livello nazionale, nel 2000 mons. Operti era stato nominato Provicario per la pastorale dall’allora arcivescovo di Torino, mons. Severino Poletto.

Il Papa: il Libano è un progetto di pace

Il Libano torni a essere ‘un messaggio universale di pace e di fratellanza’, una terra di tolleranza e di pluralismo, ‘un’oasi di fraternità dove religioni e confessioni differenti si incontrano, dove comunità diverse convivono anteponendo il bene comune ai vantaggi particolari’: con questo auspicio papa Francesco ha concluso ieri la Giornata di preghiera per il Libano, celebrata nella basilica di san Pietro insieme ai capi delle comunità cristiane del Paese: cattolici, ortodossi, caldei, armeni, evangelici.

Concludendo la preghiera ecumenica papa Francesco ha chiesto una preghiera insistente per la pace in Libano, allo stesso modo della donna di Tiro nei confronti di Gesù, come raccontato nel vangelo di san Matteo: “Questo grido è diventato oggi quello di un intero popolo, il popolo libanese deluso e spossato, bisognoso di certezze, di speranza, di pace. Con la nostra preghiera abbiamo voluto accompagnare questo grido.

Non desistiamo, non stanchiamoci di implorare dal Cielo quella pace che gli uomini faticano a costruire in terra. Chiediamola insistentemente per il Medio Oriente e per il Libano. Questo caro Paese, tesoro di civiltà e di spiritualità, che ha irradiato nei secoli saggezza e cultura, che testimonia un’esperienza unica di pacifica convivenza, non può essere lasciato in balia della sorte o di chi persegue senza scrupoli i propri interessi. Perché il Libano è un piccolo-grande Paese, ma è di più: è un messaggio universale di pace e di fratellanza che si leva dal Medio Oriente”.

Nel discorso conclusivo il papa ha esortato i presenti a ‘studiare’ progetti di pace: “In questi tempi di sventura vogliamo affermare con tutte le forze che il Libano è, e deve restare, un progetto di pace. La sua vocazione è quella di essere una terra di tolleranza e di pluralismo, un’oasi di fraternità dove religioni e confessioni differenti si incontrano, dove comunità diverse convivono anteponendo il bene comune ai vantaggi particolari”.

Un grido per chiedere di rendere la libertà ai libanesi dai profitti: “Basta usare il Libano e il Medio Oriente per interessi e profitti estranei! Occorre dare ai Libanesi la possibilità di essere protagonisti di un futuro migliore, nella loro terra e senza indebite interferenze”.

Progetti di pace e non di sventura, perché non ci salva da soli: “Radicatevi nei sogni di pace dei vostri anziani. Mai, come in questi mesi, abbiamo compreso che da soli non possiamo salvarci e che i problemi degli uni non possono essere estranei agli altri. Perciò, facciamo appello a tutti voi. A voi, cittadini: non vi scoraggiate, non perdetevi d’animo, ritrovate nelle radici della vostra storia la speranza di germogliare nuovamente.

A voi, dirigenti politici: perché, secondo le vostre responsabilità, troviate soluzioni urgenti e stabili alla crisi economica, sociale e politica attuale, ricordando che non c’è pace senza giustizia. A voi, cari Libanesi della diaspora: perché mettiate a servizio della vostra patria le energie e le risorse migliori di cui disponete. A voi, membri della Comunità internazionale: con uno sforzo congiunto, siano poste le condizioni affinché il Paese non sprofondi, ma avvii un cammino di ripresa. Sarà un bene per tutti”.

Il papa ha rivolto un invito particolare ai cristiani per realizzare i progetti di pace: “Noi cristiani siamo chiamati a essere seminatori di pace e artigiani di fraternità, a non vivere di rancori e rimorsi passati, a non fuggire le responsabilità del presente, a coltivare uno sguardo di speranza sul futuro.

Crediamo che Dio indichi una sola via al nostro cammino: quella della pace. Assicuriamo perciò ai fratelli e alle sorelle musulmani e di altre religioni apertura e disponibilità a collaborare per edificare la fraternità e promuovere la pace… In tal senso, auspico che a questa giornata seguano iniziative concrete nel segno del dialogo, dell’impegno educativo e della solidarietà”.

Citando il poeta Gibran ha invitato a scorgere ‘un’alba che ci aspetta’: “Alcuni giovani ci hanno appena consegnato delle lampade accese. Proprio loro, i giovani, sono lampade che ardono in quest’ora buia. Sui loro volti brilla la speranza dell’avvenire. Ricevano ascolto e attenzione, perché da loro passa la rinascita del Paese. E tutti noi, prima di intraprendere decisioni importanti, guardiamo alle speranze e ai sogni dei giovani. E guardiamo ai bambini: i loro occhi luminosi, ma rigati da troppe lacrime, scuotano le coscienze e indirizzino le scelte”.

Ed anche alle donne ha chiesto di non perdere la speranza: “Altre luci risplendono sull’orizzonte del Libano: sono le donne. Viene alla mente la Madre di tutti, che, dalla collina di Harissa, abbraccia con lo sguardo quanti dal Mediterraneo raggiungono il Paese. Le sue mani aperte sono rivolte verso il mare e verso la capitale Beirut, ad accogliere le speranze di tutti.

Le donne sono generatrici di vita, generatrici di speranza per tutti; siano rispettate, valorizzate e coinvolte nei processi decisionali del Libano. E anche i vecchi, che sono le radici, i nostri anziani: guardiamoli, ascoltiamoli. Che ci diano la mistica della storia, che ci diano le fondamenta del Paese per portare avanti. Loro hanno voglia di tornare a sognare: ascoltiamoli, perché in noi quei sogni si trasformino in profezia”.

Ma per scorgere l’alba occorre l’unità, come insegna san Gregorio di Narek: “E nella notte della crisi occorre restare uniti. Insieme, attraverso l’onestà del dialogo e la sincerità delle intenzioni, si può portare luce nelle zone buie… Fratelli e sorelle, si dilegui la notte dei conflitti e risorga un’alba di speranza. Cessino le animosità, tramontino i dissidi, e il Libano torni a irradiare la luce della pace”.

La Giornata si era aperta con la preghiera del papa in arabo, a cui sono seguite le sessioni di lavoro, precedute da un momento di preghiera davanti alla tomba dell’apostolo Pietro per invocare la pace in Libano ed accendendo una candela, segno della speranza per il popolo libanese che da lungo tempo soffre l’instabilità.

Intanto da un report dell’Unicef i bambini in Libano stanno sopportando il peso di uno dei peggiori collassi economici del mondo negli ultimi tempi: più del 30% dei bambini sono andati a letto affamati e hanno saltato i pasti nell’ultimo mese. Il 77% delle famiglie non ha abbastanza cibo o abbastanza denaro per comprare il cibo. Nelle famiglie di rifugiati siriani, questa cifra raggiunge il 99%; il 60% delle famiglie deve comprare cibo a credito o prendere in prestito denaro.

Per quanto riguarda la sanità il 30% dei bambini non sta ricevendo l’assistenza sanitaria di base di cui ha bisogno, mentre il 76% delle famiglie ha dichiarato di essere stato colpito dal massiccio aumento dei prezzi dei farmaci.

L’indagine denuncia anche come un bambino su 10 è stato mandato a lavorare; mentre il 40% dei bambini proviene da famiglie in cui nessuno ha un lavoro e il 77% da famiglie che non ricevono alcuna assistenza sociale. Infine, una delle conseguenze della crisi ha portato il 15% delle famiglie a interrompere l’istruzione dei propri figli.

(Foto: Santa Sede)

Una giornata di preghiera per il Libano

E’ frutto di un percorso lungo circa 30 anni, la Giornata di preghiera e riflessione per il Libano del 1° luglio, indetta da papa Francesco nell’auspicio di aprire spiragli di pace nel Paese oppresso da una poliedrica crisi politica, economica e sociale, scenario nell’agosto scorso della violenta esplosione al porto di Beirut. Il titolo scelto è ‘Insieme per il Libano’, preceduto da una citazione del profeta Geremia ‘Il Signore Dio ha progetti di pace’.

Mons. Nosiglia prega Maria Consolata per infondere speranza

“Ogni anno ci ritroviamo qui, a cercare consolazione. E veniamo sicuri di trovarla. Come tutti, ciascuno di noi si porta dietro le sue gioie e i suoi dolori. È il fatto di essere insieme davanti alla Vergine Maria che rende questo giorno, questa notte, diversa da ogni altro. Perché siamo qui tutti insieme? Perché insieme siamo città; abbiamo gioie e dolori, preoccupazioni e speranze che condividiamo tutti. E ‘consolare’, prima di tutto, significa questo: sapere di non essere soli”.

P. Svanera: s. Francesco e sant’Antonio in un incontro fraterno da 800 anni

Secondo ‘Giugno Antoniano’ in tempo di pandemia, questo del 2021, che segna e invoca una rinascita non soltanto sanitaria, ma anche sociale, spirituale, culturale ed economica, perché è indubbio che un altro anno di coronavirus si è fatto sentire pesantemente in particolare per famiglie (soprattutto anziani, donne e giovani), lavoratori e imprenditori.

Vescovi europei ed africani per la promozione della dignità umana

20 vescovi, rappresentanti delle Conferenze Episcopali continentali dell’Africa e dell’Europa, nei primi due giorni di giugno si sono ritrovati in rete per il seminario organizzato dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (CCEE) e dal Simposio delle Conferenze Episcopali d’Africa e Madagascar (SECAM) con il titolo: ‘La solidarietà nella promozione della dignità umana alla luce di Fratelli tutti’, confrontandosi sui capitoli 3 e 8 dell’enciclica di papa Francesco sulla fraternità umana e l’amicizia sociale, aiutati nella riflessione dai contributi di mons. Sithembele A. Sipuka, primo Vice-Presidente del SECAM, di mons. Benjamin Marc Balthason Ramaroson, arcivescovo di Antsiranana, Madagascar, per il SECAM, e di mons. Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento, Italia, di mons. Virgil Bercea, vescovo di Oradea Mare, Romania, per il CCEE.

CL ed ACI: prove di sinodalità

Ha suscitato una gran voglia di ripartenza la presentazione del 42^ Meeting di Rimini per un ritorno in grande stile nella Nuova Fiera che per 20 anni (con la sola eccezione dello scorso anno) ha sempre ospitato la kermesse, che promette molte presenze, pur nel rispetto delle norme, dal 20 al 25 agosto, con un titolo significativo, ‘Il coraggio di dire io’, che è tratto da una frase diario del filosofo danese Søren Kierkegaard, per poi riscoprirsi, alla luce dell’esperienza cristiana, ‘parte di una sinfonia’, come ha detto il presidente della fraternità di Cl, don Julian Carron, nel colloquio con il presidente dell’Azione Cattolica Italiana, Matteo Truffelli.

A Tolentino accesa la fiaccola di santa Rita

Per il 63° anno, dopo la pausa dello scorso anni dovuto alla pandemia, la fiaccola di Santa Rita da Cascia è stata accesa a Tolentino, nei giorni scorsi. Infatti le due Comunità hanno rinnovato i loro vincoli di amicizia e fraternità nel nome di san Nicola e di santa Rita, unendo, ancora una volta Tolentino e Cascia.

L’Azione Cattolica pensa all’Italia

Domenica scorsa si è conclusa la XVII assemblea nazionale dell’Azione Cattolica, che ha eletto il nuovo Consiglio nazionale, così composto: per il Settore Adulti: Massimiliano Bossio, Francesco Carrozzo, Nicola De Santis, Paola Fratini, Renato Meli, Paola Panzani, Angela Paparella; per il Settore Giovani: Matteo Benedetto, Alice Bianchi, Maria Chiara Carrozza, Emanuela Gitto, Tommaso Sereni, Giuditta Torrini, Lorenzo Zardi; per l’Azione cattolica ragazzi: Claudia D’Angelo, Claudia D’Antoni, Emanuele Lovato, Alberto Macchiavello, Giuseppe Telesca, Maurizio Tibaldi, Marta Zambon.

89.31.72.207