Tag Archives: Eucarestia

Mons. Lovignana dedica un biennio all’Eucaristia

‘Eucaristia, pane di vita’: è questo il titolo della Lettera pastorale del vescovo di Aosta, mons. Franco Lovignana, all’inizio dell’Anno pastorale 2020-2021, che annuncia un biennio dedicato al Sacramento dell’Eucaristia e alla riorganizzazione territoriale della diocesi.

CEI: essere nel tempo con cuore credente

Ieri a Roma si è concluso il Consiglio Permanente della CEI che si è concentrato sul tema principale della prossima Assemblea Generale che si svolgerà a Roma dal 16 al 19 novembre prossimo, ma che ha anche fatto il punto dell’azione della Caritas nell’emergenza sanitaria e sociale innescata dal Covid-19, come ha detto in conferenza stampa il Segretario Generale della Cei, mons. Stefano Russo, soprattutto a riguardo alle migrazioni:

Mons. Cantoni: don Malgesini martire della misericordia di Dio

Sabato scorso l’elemosiniere di papa Francesco, card. Konrad Krajewski, ha presieduto nella cattedrale di Como, la celebrazione della messa di suffragio per don Roberto Malgesini, concelebrando con il vescovo della diocesi, mons. Oscar Cantoni, ed al termine ha portato il saluto del papa:

Card. Sarah: torniamo con gioia all’Eucaristia

Pane e vino consacrati

“La pandemia dovuta al virus Covid 19 ha prodotto stravolgimenti non solo nelle dinamiche sociali, familiari, economiche, formative e lavorative, ma anche nella vita della comunità cristiana, compresa la dimensione liturgica. Per togliere spazio di replicazione al virus è stato necessario un rigido distanziamento sociale, che ha avuto ripercussione su un tratto fondamentale della vita cristiana”:

Da sant’Agostino un invito a mangiare l’Eucarestia

“In Agostino si rispecchia innanzitutto l’immagine della storia della Chiesa che San Paolo propone a Timoteo: parole che suonano come un testamento sulla bocca dell’apostolo, consapevole dell’imminenza della morte. In verità al discepolo fatto Pastore è affidato innanzitutto il compito dell’annuncio del Vangelo, cuore stesso del mistero cristiano nel suo contenuto e come rivelazione della vittoria della vita sulla morte. E questo in Gesù e per noi, e nel suo accadere come condizione per i fratelli del tesoro di verità che ci è stato donato. L’intera vita di Agostino si svolge attorno a questo dono: il dono del Vangelo, ricevuto e offerto. E’ la prospettiva ecclesiale, ribadita con insistenza da papa Francesco nel nostro tempo: la comunicazione della gioia del Vangelo”.

Mons. Tasca invita Genova ad essere testimone

Sabato 11 luglio, il card. Angelo Bagnasco ha conferito l’ordinazione episcopale a mons. Marco Tasca, come nuovo arcivescovo di Genova, ricevendo dal suo predecessore anche il pallio benedetto da papa Francesco nel giorno della solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo. Prima di entrare nella cattedrale genovese il neo arcivescovo ha salutato il popolo di Dio:

Ionnis Zizioulas e la teologia ortodossa

Tra i teologi ortodossi più letti ­ si vedano le diverse pubblicazioni in lingua italiana ­ oggi vi è Ionnis Zizioulas, nato nel 1931 e metropolita di Pergamo. Dopo aver studiato a Salonicco e ad Atene, perfeziona i suoi studi presso l’istituto ecumenico di Bossey, vicino a Ginevra, prima di recarsi ad Harvard, dove ha modo di familiarizzare con il pensiero di Florovsji e Paul Tillich.

Mons. Castellucci invita a mettere dentro il cuore

Nella solennità del Corpus Domini il vescovo di Modena-Nonantola, mons. Erio Castellucci, ha ricordato tutte le persone morte per Covid-19 senza poter essere accompagnati con le esequie e i riti di commiato, sottolineando il significato del ‘ricordo’: “Oggi vogliamo ricordare, cioè letteralmente ‘rimettere dentro il cuore’ gli avvenimenti vissuti in questi mesi”.

Papa Francesco: l’Eucarestia fa la Chiesa

Ai fedeli riuniti in piazza san Pietro papa Francesco ha ricordato la giornata mondiale dei donatori di sangue e la situazione libica, esortando le organizzazioni mondiali di adoperarsi per la pace:

Padre Scalella: Gesù non ci lascia soli

“Il più grande pericolo che possa temere l’umanità, oggi, non è una catastrofe esterna, una catastrofe cosmica, non è né la fame né la peste; al contrario è questa malattia spirituale –la più terribile perché la più direttamente umana fra tutte le calamità– che è la perdita del gusto di vivere”: questo pensiero di Theilard de Chardin apre un piccolo libriccino dell’agostiniano p. Giuseppe Scalella, ‘Colpiti, ma non uccisi’, scritto a forma di diario durante i giorni della pandemia, nato dalle riflessioni con i suoi amici di facebook e della parrocchia di santa Rita di Milano (disponibile in pdf, chiedendolo all’autore).

89.31.72.207