Tag Archives: diritti

Ledha: la comunità per non ‘discriminare’ i più deboli

Durante il periodo pandemico in Lombardia le persone anziane e con disabilità sono state lasciate morire senza una cura o quantomeno senza una cura adeguata, secondo quanto ha detto il presidente della Ledha (Lega per i diritti delle persone con disabilità), Giovanni Merlo: “Sono persone che dovevano essere curate e non sono state curate. Mentre ci scagliavamo contro le scelte che altri paesi dichiaravano, noi quelle scelte le abbiamo compiute. Le strutture residenziali per persone fragili sono state considerate alla stregua di un deposito di persone ‘a fine corsa’. Dobbiamo farci i conti, per il ‘dopo’. Non solo a livello di tribunali, ma come comunità”.

Mons. Suetta critica la legge sull’omofobia

Secondo il report annuale ‘Rainbow Map&Index’ di ILGA-Europe, l’International Lesbian & Gay Association, l’Italia garantisce alla comunità LGBTQ+ solo il 22% dei diritti di cui godono gli altri individui (dove per ‘altri individui’ si intendono evidentemente i maschi bianchi eterosessuali). Posizionato al 35^ posto su 49 Paesi, l’Italia ottiene bassi punteggi in quasi tutte le categorie oggetto dello studio, che evidenzia problematiche soprattutto in tema di famiglia, sicurezza e uguaglianza.

Giovanni Paolo II: famiglia bene della società

“Dio, dal quale proviene ogni paternità in cielo e in terra, Padre, che sei amore e vita, fa che ogni famiglia umana sulla terra diventi, mediante il tuo Figlio, Gesù Cristo, ‘nato da donna’, e mediante lo Spirito Santo, sorgente di divina carità, un vero santuario della vita e dell’amore per le generazioni che sempre si rinnovano. Fa’ che la tua grazia guidi i pensieri e le opere dei coniugi verso il bene delle loro famiglie e di tutte le famiglie del mondo. Fa’ che le giovani generazioni trovino nella famiglia un forte sostegno per la loro umanità e la loro crescita nella verità e nell’amore”.

Mons. Nosiglia chiede il bene dei bambini

“Con la nascita di ciascuno viene al mondo qualcosa di nuovo nella sua unicità, di totalmente nuovo, ed è sempre un nuovo inizio”: partiamo da questa frase di Hannah Arendt per cercare di capire cosa sta succedendo nella regione Piemonte con il disegno di legge regionale, intitolato ‘AllontanamentoZero’, dell’assessore regionale Chiara Caucino, avvocato esperta di minori, che vorrebbe ridurre del 60% gli allontanamenti di minori nella Regione, tramite un sostegno economico alle famiglie, suscitando una forte discussione.