Tag Archives: conversione

Papa Francesco al Colosseo: la preghiera supporta le famiglie

Stasera al Colosseo, affollato da circa 10.000 fedeli, papa Francesco ha presieduto, dopo due anni di ‘fermo’ a causa della pandemia da coronavirus, la Via Crucis con le meditazioni delle famiglie. I testi delle 14 stazioni sono stati scritti da una coppia di giovani sposi, una famiglia in missione, da sposi anziani senza figli, una famiglia numerosa, una famiglia con un figlio con disabilità, una famiglia che gestisce una casa famiglia, una famiglia con un genitore malato, una coppia di nonni, una famiglia adottiva, una vedova con figli, una famiglia con un figlio consacrato, una famiglia che ha perso una figlia, una famiglia ucraina e una famiglia russa ed infine una famiglia di migranti.

Papa Francesco: la guerra è pazzia

“La vera risposta dunque non sono altre armi, altre sanzioni. Io mi sono vergognato quando ho letto che non so, un gruppo di Stati si sono impegnati a spendere il due per cento, credo, o il due per mille del Pil nell’acquisto di armi, come risposta a questo che sta succedendo adesso. La pazzia! La vera risposta, come ho detto, non sono altre armi, altre sanzioni, altre alleanze politico-militari, ma un’altra impostazione, un modo diverso di governare il mondo ormai globalizzato, un modo diverso di impostare le relazioni internazionali. Il modello della cura è già in atto, grazie a Dio, ma purtroppo è ancora sottomesso a quello del potere economico-tecnocratico-militare”:

3^ domenica di Quaresima: solo i frutti evidenziano la conversione del cuore

L’itinerario quaresimale nel Vangelo ci presenta due fatti di cronaca sconvolgente, poi una parabola. Mentre alcuni ebrei offrivano sacrifici a Dio, Pilato li fece uccidere; crolla la torre di Siloe e muoiono 18 persone:  davanti a questi due fatti assai dolorosi, la gente si chiede perché tanto male? Di chi è la colpa? Perché Dio non interviene? Potremmo aggiungere: perché tante morti, tanto spargimento di sangue oggi in  Ucraina, perché Dio ci abbandona?

Le ceneri: inizio della Quaresima

Inizia oggi il tempo di ‘Quaresima’, un tempo liturgico che ci porta alla seconda festa dell’anno: la Pasqua di risurrezione. L’anno liturgico infatti è scandito da tre feste: Natale, Pasqua e Pentecoste; la Quaresima è la preparazione alla Pasqua di risurrezione; un periodo di 40 giorni per attuare il messaggio di Gesù: ‘Convertitevi e credete al Vangelo’.

Avvento: 3^ Domenica della gioia

‘Rallegrati, figlia di Sion…’: così si esprime il profeta Sofonia, mentre l’apostolo Paolo esorta: ‘Fratelli, siate sempre lieti nel Signore!’; questa è la terza domenica detta ‘Laetare!’, domenica della gioia. Siamo ormai vicini al Natale, quando ricorderemo la venuta storica di Gesù, vero Dio e vero uomo, la sua nascita a Betlemme di Giudea.

Papa Francesco: la redenzione inizia nel deserto

“Evcharistó! [Grazie!]. Dalla lingua greca è venuta per tutta la Chiesa questa parola che riassume il dono di Cristo: Eucaristia. E così per noi cristiani il ringraziamento è inscritto nel cuore della fede e della vita. Che lo Spirito Santo possa fare di tutto il nostro essere e agire un’Eucaristia, un rendimento di grazie a Dio e un dono d’amore ai fratelli… Domani lascerò la Grecia, ma non lascerò voi! Vi porterò con me, nella memoria e nella preghiera. E anche voi, per favore, continuate a pregare per me”.

Avvento: 2^ Domenica con primo protagonista Giovanni Battista

La seconda domenica di Avvento trova protagonista nella Liturgia la persona di Giovanni Battista, il battistrada del Messia, colui che è chiamato a preparare  “nel deserto la via del Signore; concepito sei mesi prima di Gesù, proveniente da una famiglia sacerdotale, fu santificato dallo Spirito Santo quando ancora era nel seno materno. Figura storica assai rilevante.

I poveri li avrete sempre con voi

Nel Messaggio per la V Giornata mondiale dei poveri papa Francesco si sofferma sul legame che c’è tra i poveri, Gesù e l’annuncio del Vangelo, prendendo le mosse dall’episodio del Vangelo di Marco in cui una donna cosparge il capo di Gesù con del profumo molto prezioso suscitando l’ira di Giuda:

Da Rimini la sinodalità è camminare insieme

Con la celebrazione del patrono di san Gaudenzo nella diocesi di Rimini si è aperto il cammino del Sinodo della Chiesa che si svolgerà fino a ottobre 2023 sul tema: ‘Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione’. Si tratta di un processo di ascolto, confronto, discernimento e deliberazione che attivi la vita delle Comunità parrocchiali, degli Istituti religiosi, delle aggregazioni laicali, uffici pastorali, per scoprire ciò che lo Spirito Santo dice alla Chiesa, al fine di essere in grado di annunciare il Vangelo in questo tempo.

Per i vescovi calabresi la ’ndrangheta è incompatibile con il Vangelo

“Allo scopo di promuovere e sostenere i tanti movimenti e gesti positivi delle nostre Comunità cristiane nel contrasto della prassi ’ndranghetista contraria al Vangelo e di indicare, con l’annuncio di liberazione da ogni forma di male, i principi etici per il superamento delle tendenze negative, come Vescovi di Calabria siamo già intervenuti in questi anni, a più riprese.

89.31.72.207