Tag Archives: Civiltà

Concetto Vecchio e Iole Mancini: un amore partigiano

Partigiana a 20 anni e per sempre, Iole Mancini, ultima sopravvissuta alla prigione di via Tasso (simbolo dell’occupazione nazista a Roma, dove operava le sue torture Erich Priebke) si racconta a 102 anni a Concetto Vecchio in ‘Un amore partigiano’.

Ricordare perché dimentichiamo spesso

Oggi si ricorda la liberazione di Auschwitz da parte della 60° Armata dell’Esercito sovietico e ritorna alla mente quello che ha scritto Primo Levi ne ‘La tregua’: “La prima pattuglia russa giunse in vista del campo verso il mezzogiorno del 27 gennaio 1945. Fummo Charles e io i primi a scorgerla (…. ) Erano quattro giovani soldati a cavallo, che procedevano guardinghi, coi mitragliatori imbracciati, lungo la strada che limitava il campo. Quando giunsero ai reticolati, sostarono a guardare, scambiandosi parole brevi e timide”.

#LanterneVerdi riaccendano l’accoglienza

Con un video della ‘Piccola fiammiferaia’ Save the Children, organizzazione che da più di 100 anni è impegnata a garantire i diritti ai bambini, rilancia la drammatica situazione dei minori profughi in Europa, appoggiando l’iniziativa #LanterneVerdi per chiedere agli Stati di dare protezione e rifugio ai migranti al freddo che chiedono aiuto all’Europa. Per rilanciare questo appello, Save the Children ha rieditato la fiaba de ‘La piccola fiammiferaia’, un racconto familiare dal finale amaro già scritto, trasformandolo in un appello urgente a tutti per cambiarne insieme l’epilogo:

Da Lesbo papa Francesco esorta all’ospitalità

A distanza di cinque anni papa Francesco è ritornato  sull’isola di Lesbo per incontrare nuovamente i rifugiati di Mytilene, dove vivono ancora 2200 persone, di cui il 72% proviene dall’Afghanistan ed un terzo sono minori, come ha sottolineato mons. Joseph Printezis, vescovo di Naxos-Tinos, accogliendolo:

Il Papa: il Libano è un progetto di pace

Il Libano torni a essere ‘un messaggio universale di pace e di fratellanza’, una terra di tolleranza e di pluralismo, ‘un’oasi di fraternità dove religioni e confessioni differenti si incontrano, dove comunità diverse convivono anteponendo il bene comune ai vantaggi particolari’: con questo auspicio papa Francesco ha concluso ieri la Giornata di preghiera per il Libano, celebrata nella basilica di san Pietro insieme ai capi delle comunità cristiane del Paese: cattolici, ortodossi, caldei, armeni, evangelici.

Concludendo la preghiera ecumenica papa Francesco ha chiesto una preghiera insistente per la pace in Libano, allo stesso modo della donna di Tiro nei confronti di Gesù, come raccontato nel vangelo di san Matteo: “Questo grido è diventato oggi quello di un intero popolo, il popolo libanese deluso e spossato, bisognoso di certezze, di speranza, di pace. Con la nostra preghiera abbiamo voluto accompagnare questo grido.

Non desistiamo, non stanchiamoci di implorare dal Cielo quella pace che gli uomini faticano a costruire in terra. Chiediamola insistentemente per il Medio Oriente e per il Libano. Questo caro Paese, tesoro di civiltà e di spiritualità, che ha irradiato nei secoli saggezza e cultura, che testimonia un’esperienza unica di pacifica convivenza, non può essere lasciato in balia della sorte o di chi persegue senza scrupoli i propri interessi. Perché il Libano è un piccolo-grande Paese, ma è di più: è un messaggio universale di pace e di fratellanza che si leva dal Medio Oriente”.

Nel discorso conclusivo il papa ha esortato i presenti a ‘studiare’ progetti di pace: “In questi tempi di sventura vogliamo affermare con tutte le forze che il Libano è, e deve restare, un progetto di pace. La sua vocazione è quella di essere una terra di tolleranza e di pluralismo, un’oasi di fraternità dove religioni e confessioni differenti si incontrano, dove comunità diverse convivono anteponendo il bene comune ai vantaggi particolari”.

Un grido per chiedere di rendere la libertà ai libanesi dai profitti: “Basta usare il Libano e il Medio Oriente per interessi e profitti estranei! Occorre dare ai Libanesi la possibilità di essere protagonisti di un futuro migliore, nella loro terra e senza indebite interferenze”.

Progetti di pace e non di sventura, perché non ci salva da soli: “Radicatevi nei sogni di pace dei vostri anziani. Mai, come in questi mesi, abbiamo compreso che da soli non possiamo salvarci e che i problemi degli uni non possono essere estranei agli altri. Perciò, facciamo appello a tutti voi. A voi, cittadini: non vi scoraggiate, non perdetevi d’animo, ritrovate nelle radici della vostra storia la speranza di germogliare nuovamente.

A voi, dirigenti politici: perché, secondo le vostre responsabilità, troviate soluzioni urgenti e stabili alla crisi economica, sociale e politica attuale, ricordando che non c’è pace senza giustizia. A voi, cari Libanesi della diaspora: perché mettiate a servizio della vostra patria le energie e le risorse migliori di cui disponete. A voi, membri della Comunità internazionale: con uno sforzo congiunto, siano poste le condizioni affinché il Paese non sprofondi, ma avvii un cammino di ripresa. Sarà un bene per tutti”.

Il papa ha rivolto un invito particolare ai cristiani per realizzare i progetti di pace: “Noi cristiani siamo chiamati a essere seminatori di pace e artigiani di fraternità, a non vivere di rancori e rimorsi passati, a non fuggire le responsabilità del presente, a coltivare uno sguardo di speranza sul futuro.

Crediamo che Dio indichi una sola via al nostro cammino: quella della pace. Assicuriamo perciò ai fratelli e alle sorelle musulmani e di altre religioni apertura e disponibilità a collaborare per edificare la fraternità e promuovere la pace… In tal senso, auspico che a questa giornata seguano iniziative concrete nel segno del dialogo, dell’impegno educativo e della solidarietà”.

Citando il poeta Gibran ha invitato a scorgere ‘un’alba che ci aspetta’: “Alcuni giovani ci hanno appena consegnato delle lampade accese. Proprio loro, i giovani, sono lampade che ardono in quest’ora buia. Sui loro volti brilla la speranza dell’avvenire. Ricevano ascolto e attenzione, perché da loro passa la rinascita del Paese. E tutti noi, prima di intraprendere decisioni importanti, guardiamo alle speranze e ai sogni dei giovani. E guardiamo ai bambini: i loro occhi luminosi, ma rigati da troppe lacrime, scuotano le coscienze e indirizzino le scelte”.

Ed anche alle donne ha chiesto di non perdere la speranza: “Altre luci risplendono sull’orizzonte del Libano: sono le donne. Viene alla mente la Madre di tutti, che, dalla collina di Harissa, abbraccia con lo sguardo quanti dal Mediterraneo raggiungono il Paese. Le sue mani aperte sono rivolte verso il mare e verso la capitale Beirut, ad accogliere le speranze di tutti.

Le donne sono generatrici di vita, generatrici di speranza per tutti; siano rispettate, valorizzate e coinvolte nei processi decisionali del Libano. E anche i vecchi, che sono le radici, i nostri anziani: guardiamoli, ascoltiamoli. Che ci diano la mistica della storia, che ci diano le fondamenta del Paese per portare avanti. Loro hanno voglia di tornare a sognare: ascoltiamoli, perché in noi quei sogni si trasformino in profezia”.

Ma per scorgere l’alba occorre l’unità, come insegna san Gregorio di Narek: “E nella notte della crisi occorre restare uniti. Insieme, attraverso l’onestà del dialogo e la sincerità delle intenzioni, si può portare luce nelle zone buie… Fratelli e sorelle, si dilegui la notte dei conflitti e risorga un’alba di speranza. Cessino le animosità, tramontino i dissidi, e il Libano torni a irradiare la luce della pace”.

La Giornata si era aperta con la preghiera del papa in arabo, a cui sono seguite le sessioni di lavoro, precedute da un momento di preghiera davanti alla tomba dell’apostolo Pietro per invocare la pace in Libano ed accendendo una candela, segno della speranza per il popolo libanese che da lungo tempo soffre l’instabilità.

Intanto da un report dell’Unicef i bambini in Libano stanno sopportando il peso di uno dei peggiori collassi economici del mondo negli ultimi tempi: più del 30% dei bambini sono andati a letto affamati e hanno saltato i pasti nell’ultimo mese. Il 77% delle famiglie non ha abbastanza cibo o abbastanza denaro per comprare il cibo. Nelle famiglie di rifugiati siriani, questa cifra raggiunge il 99%; il 60% delle famiglie deve comprare cibo a credito o prendere in prestito denaro.

Per quanto riguarda la sanità il 30% dei bambini non sta ricevendo l’assistenza sanitaria di base di cui ha bisogno, mentre il 76% delle famiglie ha dichiarato di essere stato colpito dal massiccio aumento dei prezzi dei farmaci.

L’indagine denuncia anche come un bambino su 10 è stato mandato a lavorare; mentre il 40% dei bambini proviene da famiglie in cui nessuno ha un lavoro e il 77% da famiglie che non ricevono alcuna assistenza sociale. Infine, una delle conseguenze della crisi ha portato il 15% delle famiglie a interrompere l’istruzione dei propri figli.

(Foto: Santa Sede)

I migranti italiani sono giovani e con figli al seguito

“Invio il mio cordiale saluto a quanti prendono oggi parte alla presentazione del ‘Rapporto italiani nel Mondo’, e le mie felicitazioni alla Fondazione Migrantes per il raggiungimento dell’importante traguardo della XV edizione di questo studio. La pubblicazione offre chiavi di lettura sulle dinamiche di mobilità che riguardano il nostro Paese, ponendo al centro dell’analisi l’umanità della persona e le complesse ragioni che spingono i singoli a spostarsi”.

Don Buonaiuto contro il disprezzo della vita

Davanti agli ultimi avvenimenti dei giorni scorsi in cui i bambini sono state vittime innocenti don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII e fondatore e direttore del quotidiano online Interris.it, ha posto un serio interrogativo concludendo l’editoriale:

Marina Casini: la maternità surrogata è schiavitù

L’Ucraina, una delle nazioni più povere d’Europa, sta diventando rapidamente il luogo dove sempre più coppie, italiane ed europee, si recano per una maternità surrogata. Si stima che nel Paese avvengano circa 500 maternità surrogate ogni anno, ma mancano i dati disponibili. La surrogazione, o gravidanza surrogata, si ha quando una donna si presta a portare a termine un’intera gravidanza, fino al parto, su commissione di single o coppie incapaci di generare o concepire un bambino.

115 anni fa papa Pio X benedisse l’Azione Cattolica

“La civiltà del mondo è civiltà cristiana; tanto è più vera, più durevole, più feconda di frutti preziosi, quanto è più nettamente cristiana; tanto declina, con immenso danno del bene sociale, quanto all’idea cristiana si sottrae. Onde, per la forza intrinseca delle cose, la Chiesa divenne anche di fatto custode e vindice della civiltà cristiana. E tale fatto in altri secoli della storia fu riconosciuto e ammesso; formò anzi il fondamento inconcusso delle legislazioni civili”: queste parole furono scritte da papa Pio X nell’Enciclica ‘Il fermo proposito’, pubblicata l’11 giugno 1905 ai vescovi italiani per l’istituzione e lo sviluppo dell’Azione Cattolica.

89.31.72.207