Tag Archives: accoglienza

Mons. Cevolotto: da Piacenza per una Chiesa che prenda il largo

Domenica scorsa mons. Adriano Cevolotto ha preso possesso della Cattedra della diocesi di Piacenza Bobbio sotto la pioggia, affidando il suo ingresso a san Giovanni XXII attraverso il motto scelto, ‘Prendi il largo’. Prima di celebrare l’Eucarestia in cattedrale ha visitato la chiesa di san Lazzaro e san Vincenzo de’ Paoli, il quartiere del seminario al Collegio Alberoni e dell’Università Cattolica: “Due realtà che rimandano, pur con modalità diverse, al compito a cui la Chiesa è chiamata: la cura delle nuove generazioni”.

Rapporto Migrantes: politiche per ridurre l’irregoralità migratoria

Nei giorni scorsi la Fondazione Migrantes e Caritas hanno presentato il Rapporto Immigrazione, ‘Conoscere per comprendere’, una delle sei coppie di verbi proposte da papa Francesco nel messaggio per la 106^ Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato e nel saluto iniziale il segretario generale della Cei, mons. Stefano Russo, ha sottolineato l’importanza della pubblicazione alla luce dell’enciclica ‘Fratres omnes’:

Da Torino mons. Nosiglia lancia un appello per lavoro ed accoglienza

“Quest’anno ho voluto dedicare il mio messaggio agli sfollati interni, i quali sono costretti a fuggire, come capitò anche a Gesù e alla sua famiglia. ‘Come Gesù costretti a fuggire’, così gli sfollati, i migranti. A loro, in modo particolare, e a chi li assiste va il nostro ricordo e la nostra preghiera”: così papa Francesco nel saluto dopo la recita dell’Angelus.

Di fronte alla pandemia un gesto di carità del Papa

La complessa crisi provocata dalla pandemia da COVID-19 non ha impedito lo svolgimento della riunione annuale del Consiglio di Amministrazione della Fondazione ‘Populorum Progressio’, tenutasi a fine luglio in modalità telematica, durante la quale, oltre ad analizzare le conseguenze provocate dalla pandemia da coronavirus nella regione latinoamericana e nei Caraibi, tra i molti progetti di sviluppo sociale presentati ne ha selezionati 138, concentrandosi principalmente su quelli che hanno come obiettivo quello di contribuire a mitigarne gli effetti a breve e a medio termine, elaborati da comunità e regioni in stato di maggior bisogno.

Torino: la carità non ha confini

“Proprio il forte tessuto della solidarietà va annoverato tra le riscoperte positive nella stagione del contagio. Penso all’impegno e al sacrificio di quanti (medici, infermieri, personale delle forze dell’ordine, dei trasporti e della logistica) in questi mesi hanno raddoppiato il proprio lavoro per rimanere a servizio di tutti. Così come abbiamo visto tutta la ‘forza’ del volontariato solidale. In questo tempo del coronavirus la disponibilità offerta da tante persone in tutti gli ambiti dell’esistenza è esplosa in forme impensabili e diffuse in ogni parte del territorio… Questa solidarietà è una delle risorse emerse che non va perduta anche un domani, sia nella coscienza di ognuno di noi e sia nella impostazione globale della vita sociale”.

Gesù invita alla missione

Anche in questa XIII domenica del Tempo Ordinario siamo al capitolo X del Vangelo di Matteo, capitolo in cui l’evangelista riporta il ‘discorso missionario’ di Gesù, il discorso in cui Egli dà ai suoi discepoli le linee guida della missione.

A Genova il nuovo vescovo è padre Marco Tasca

Dopo 14 anni alla guida pastorale dell’arcidiocesi di Genova, in seguito alla nomina di papa Benedetto XVI, il card. Angelo Bagnasco ha presentato la rinuncia formale, accettata dal papa, che ha nominato p. Marco Tasca, già Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali.

Emmaus: la familiarità di Gesù

Quando Cristo morì, i suoi discepoli lasciarono cadere dal loro animo questa speranza, questo dono, questa promessa, questa grazia così segnalata, e vedendolo morto persero ogni speranza. Osservate! Si riferisce loro che è risorto e le parole di chi reca tale annunzio vengono prese per allucinazioni di menti folli. La verità era diventata quasi una follia. […] Ecco la situazione in cui si trovavano i discepoli dopo la morte di Cristo: ciò che a noi incute orrore, questo erano diventati loro.  […]

Il papa affida il popolo alla protezione di san Giuseppe

‘Cari fratelli e sorelle, stasera alle ore 21.00, uniamoci spiritualmente nella preghiera del Santo Rosario per tutta l’Italia. Maria, salute degli infermi, e San Giuseppe, uomo di fede, intercedano per noi!’: a questo tweet mattutino di papa Francesco la popolazione italiana ha risposto illuminando con lumini i propri balconi e finestre, addobbate con un drappo bianco per mettersi sotto la protezione della Santa Famiglia: uno ‘spettacolo’ a colpo d’occhio nelle città stranamente silenziose e svuotate dal dolore dei propri familiari deceduti, che è ‘indicazione di cammino’.

Viaggio Apostolico, mons. Scicluna: ‘Lo aspettiamo, troverà comunità pronta all’accoglienza’

“Il Papa viene a Malta per incontrare una comunità cattolica antichissima, caratterizzata da una tradizione secolare di accoglienza che trova le sue radici nella bellezza dell’accoglienza narrata nel capitolo 28 degli Atti degli Apostoli. Ma viene anche per chiedere di continuare con l’accoglienza, in nome di quella filantropia mostrata allora per 276 persone, tra cui gli apostoli Paolo e Luca”.

89.31.72.207