Le opinioni

Il papa ai Gesuiti irlandesi contro gli abusi

‘L’abuso sessuale non è il primo. Il primo è l’abuso di potere e di coscienza’, così aveva detto papa Francesco incontrando sabato 25 agosto un gruppo di gesuiti irlandesi prima di recarsi alla veglia dell’incontro mondiale delle famiglie, nel resoconto del dialogo, pubblicato dalla Civiltà Cattolica.

A Bose l’arte del discernimento

Al monastero di Bose si è conclusa la XXVI edizione del Convegno Ecumenico Internazionale di Spiritualità Ortodossa sul tema del discernimento e vita cristiana, in collaborazione con le Chiese ortodosse. Nel saluto finale ai partecipanti il fondatore del monastero, fratel Enzo Bianchi, ha sottolineato che il discernimento è un ‘elemento proprio’ della vita della Chiesa:

Noi Popoli… cercando insieme soluzioni globali a problemi globali

‘We the Peoples…’ è stato il tema della 67a conferenza delle Nazioni Unite DPI/ONG (Dipartimento delle Nazioni Unite di informazione pubblica e Comitato esecutivo delle ONG/DPI) organizzata presso la sede delle Nazioni Unite di New York dal 22 al 23 agosto 2018. E’ l’evento primario nel calendario delle ONG presso le Nazioni Unite.

Papa Francesco segue il Magistero della Chiesa contro la pena di morte

Al n^ 2267 il Catechismo della Chiesa cattolica così si esprimeva nella sezione dedicata ai ‘Comandamenti’, ricorrendo anche all’enciclica di papa Giovanni Paolo II, ‘Evangelium Vitae’ (n^ 56): “L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani.

Ad Assisi le Chiese sfidano l’economia

Sabato 4 agosto a Santa Maria degli Angeli si è conclusa la 55ª Sessione di formazione ecumenica del Segretariato Attività Ecumeniche (SAE) sul tema ‘Le Chiese di fronte alla ricchezza, alla povertà e ai beni della terra. Una ricerca ecumenica’, con conclusioni del presidente Piero Stefani che ha ripreso temi trattati durante i lavori: il meccanismo del finanziamento delle chiese, le affermazioni fondamentali delle Scritture sulle ricchezze, gli slogan dell’ ‘economia civile’, l’eterogenesi dei fini nel rapporto tra religioni ed economia. Terminando con la convinzione che rispetto ai nodi umani ‘tutto è possibile a Dio e alla sua misericordia’.

Papa Pio XI contro le leggi razziali

80 anni fa, il 5 agosto 1938 sulla rivista ‘La difesa della razza’ è pubblicato un manifesto in 10 punti, firmato da 10 scienziati italiani, in cui si afferma che le razze umane esistono: “L’esistenza delle razze umane non è già una astrazione del nostro spirito, ma corrisponde a una realtà fenomenica, materiale, percepibile con i nostri sensi. Questa realtà è rappresentata da masse, quasi sempre imponenti di milioni di uomini simili per caratteri fisici e psicologici che furono ereditati e che continuano a ereditarsi. Dire che esistono le razze umane non vuol dire a priori che esistono razze umane superiori o inferiori, ma soltanto che esistono razze umane differenti”.

In Italia aumentano i piccoli ‘schiavi’

“La tratta di minori rappresenta uno dei grandi drammi del nostro tempo; è diffusa in tutto il mondo e l’Italia, come il resto dell’Europa, non ne è immune. A subire le violazioni più devastanti sono, in particolare, bambini, bambine e adolescenti in fuga da Paesi gravati da povertà, guerre, discriminazione, disuguaglianza di genere e mancato accesso all’istruzione.

Istat: 5.000.000 anziani da assistere nel 2030

Cresce la domanda di assistenza sanitaria e sociale in Italia con un balzo del 16% delle cooperative del settore negli ultimi 5 anni: il dato è emerso da un’analisi dell’Unione europea delle cooperative Uecoop su dati della Camera di Commercio di Milano sui nuovi bisogni delle famiglie italiane. Quindi è una crescita record con oltre 101.000 posti di lavoro in più nelle cooperative sociali e di assistenza in Italia dal 2011.

Missionari in digiuno per denunciare le politiche sulla pelle dei migranti

Alcuni missionari e religiosi che lavorano al fianco dei più poveri hanno organizzato una manifestazione permanente davanti alla Camera per denunciare le politiche contro chi è costretto a migrare: “Proponiamo un piccolo segno visibile, pubblico: un digiuno a staffetta con un presidio davanti al Parlamento italiano per dire che non possiamo accettare questa politica delle porte chiuse che provoca la morte nel deserto e nel Mediterraneo di migliaia di migranti”, hanno spiegato padre Alex Zanotelli, il vescovo emerito di Caserta, mons. Raffaele Nogaro, suor Rita Giaretta di ‘Casa Ruth’ e padre Giorgio Ghezzi, religioso sacramentino.

Gariwo alla plenaria IHRA: raccontare i Giusti

Nel mese di maggio anche Gariwo ha partecipato alla plenaria dell’International Holocaust Remembrance Alliance, organizzata a Roma nel mese di maggio dalla delegazione italiana IHRA. In particolare, Gariwo ha presentato la propria attività davanti ai delegati dei 31 Paesi IHRA e delle associazioni che si occupano di memoria, all’interno del Comitato su Olocausto, genocidi e crimini contro l’umanità presieduto da Klaus Mueller, rappresentante per l’Europa del Museo dell’Olocausto di Washington.

89.31.72.207