In evidenza

Papa Francesco chiede tutela per opere cattoliche in Eritrea ed Etiopia

Mentre Etiopia ed Eritrea ‘hanno vissuto purtroppo anni di guerra, le Chiese di queste nazioni pur nella loro distinzione di giurisdizione hanno mantenuto una profonda unità’: lo ha ricordato il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, nel saluto rivolto all’inizio dell’udienza a papa Francesco, al quale ha chiesto ‘di benedire il cammino di pace e di riconciliazione tra i popoli’.

Finalmente! Adesso sappiamo cosa ha detto la donna asiatica a Papa Francesco prima che la schiaffeggiasse [ENGLISH, ITALIANO, ESPAÑOL]

Un amico – che con me segue la questione dal primo istante – mi ha inviato l’articolo in inglese di Eric Mader, un docente a Taipei (Taiwan) di madrelingua inglese parlando mandarino, pubblicato sul suo blog “Clay Testament” (testamento di argilla), dal titolo “‘Perché distruggere la loro fede?’: Cosa ha detto la donna asiatica a Papa Francesco prima che la schiaffeggiasse”, che riporto nella versione originale in inglese, seguito dalla traduzione in italiana (di lavoro).

Con questa sua analisi, Eric Mader ha risolto definitivamente l’enigma, di cui ci siamo occupato dalla sera di San Silvestro, alla presenza di un’indifferenza più o meno totale di ciò che stava dicendo questa donna, non solo da parte della grande stampa, ma della stampa cattolica occidentale in particolare, e soprattutto dei giornalisti i cui mestiere sarebbe di almeno aver provato a venirne a capo, i cosiddetti “vaticanisti.

Invece, c’è chi – nascondendosi dietro l’anonimato – ha perso tempo con il rimaneggiamento in seconda battuta di un articolo sul sito del Messaggero pubblicato alle ore 10:00 del 4 gennaio 2020 , in cui fu ripreso mio testo del 1° gennaio 2020 su Korazym.org, definendolo “la ricostruzione più interessante”, osservando, tra altro: “Nel testo viene intanto fatta notare una circostanza molto importante non evidenziata nella maggioranza dei video diffusi in questi giorni che non comprendono gli istanti prima della strattonata”.
Quel rimaneggiamento denigratorio a partire delle ore 15:00 del 4 gennaio 2020 è stato effettuato per diffamarmi in due modi: prima inserendomi in un contesto anti papale, che non è una critica legittima ad un articolo, ma per chi ha servito il Papa venendone onorato con un alto riconoscimento: è offesa personale incisiva sulla mia identità morale e un danno oggettivo visto il mio attuale incarico nell’Ordine Costantiniano; in secondo luogo e soprattutto la diffamazione è stata aggravata dall’attribuzione di fatti determinati che sono raccolta di putridume di sacrestia (brutalità, minacce e richiami dai superiori), contravvenendo diverse norme deontologiche dell’Ordine dei Giornalisti. Ritorneremo sulla questione, nelle sedi, nei modi e nei tempi opportuni.

Ma adesso ci occupiamo dell’enigma della sera di San Silvestro in Piazza San Pietro, con l’ausilio dell’accurata analisi professionale di Eric Mader, che conclude il suo testo con un’appello diretto a chi si professa cattolico: “È un momento profondamente preoccupante per la Chiesa. Se sei cattolico, ti chiedo di pregare per i cattolici cinesi, che stanno affrontando alcuni dei peggiori”.

“Why destroy their faith?”: What the Asian woman said to Pope Francis before he slapped her
di Eric Mader [*]
Clay Testament, 9 gennaio 2020

[Segue la traduzione italiana (di lavoro)]

Everyone has seen the video. On January 1st an Asian Catholic woman got hold of Pope Francis’ hand and made a desperate plea. The Holy Father did not appreciate his hand being yanked, and began slapping her hand to free himself.
The Catholic world immediately fell into a tussle adjudicating this event. Who was in the wrong—the Holy Father (who has since apologized for his impatience) or the zealous woman who wanted so desperately to communicate with him?
My own take is that both were in the wrong. And that the pope’s security detail was remiss. But this is not what concerns me here. Because for me, an American Catholic living in Asia, something has been glaringly missing from this story from the start. Namely: What was the woman’s plea?
Indeed, why has the Western Catholic press shown itself more or less indifferent to what this woman was saying? If the same thing happened with a Western man speaking unclearly, and the pope ended by slapping him, I believe a key part of the story would be finding out what the man’s message was. There would have been serious attempts from the start to interpret the man’s words. But with this Asian Catholic woman, hardly anyone is interested.
And let’s face it. The question is answerable. The audio recording is not that bad. To go by the woman’s demeanor, tone and body language, it is clear she is distraught. She is making a plea, and knows her behavior is confrontational. With so much Catholic academic expertise spread across the globe, we should be able to interpret her words, no?
I’ve spent some time on this, and may have partly solved the mystery. Some background: I’m a Mandarin speaker, with long experience listening to Chinese speakers’ communication in both English and Chinese. So I recognized right away that the woman is not speaking Chinese. She’s also not speaking Cantonese, the main language of Hong Kong. I’ve also verified with a Japanese linguist that it’s not Japanese, and (more or less) verified that it’s not Korean either.
In the end I concluded, and most others agree, that the woman is speaking heavily accented English. As is typical for many whose native language is Chinese, she’s not very clear on the consonants. Which presents the main challenge. But after listening repeatedly to various versions of the audio, some slowed down, I think I may have the basics.
And so: The woman crosses herself in preparation. Then she sees that the pope is turning away and will not in fact greet her. She seizes his hand and says:

Why destroy their faith? Why destroy the Chinese? [Look for] the Chinese [feelings]. [Talk] to me!

I’ve put the words I’m least confident of in brackets. And yes, it is very hard to follow her.
Why does this plea make sense? There are two levels. First, the dire situation of the Chinese Church.
Many Chinese Catholics, who have long remained faithful to our popes in defiance of communist authorities, have been thrown into despair over the Vatican’s recent “secret deal” with Beijing. They feel they’ve been thrown under the bus so that the Vatican can make diplomatic headway with Beijing, and they see this new Vatican diplomacy as part of a misguided and un-Catholic attempt to make the Church into something like a semi-religious United Nations. Perhaps the most serious spokesperson for China’s Catholics, Hong Kong’s Cardinal Joseph Zen, fully agrees with this Catholic critique. Deeply hurt by Pope Francis’ policy toward China and by the personal rebuffs he has received, Cardinal Zen has just recently reached out to other cardinals.
Myself, as a China watcher and Catholic, I also have been horrified by the details of the Vatican’s pandering to China’s communists. Consider the seriously under-reported story of Francis’ envoy kowtowing to the human rights atrocity that is China’s organ harvesting business.
So the woman’s plea makes sense in this context of Vatican relations with China’s Catholics.
But what about linguistically? This is the second element that needs explaining.
Of course it is very common for those who haven’t mastered a second language to use phraseology typical of their native language. In this case, the English words spoken by the woman would seem strange to English speakers, but would reflect usages in Chinese. It’s what we call “Chinglish”.
Does my interpretation of her English speech match up with what a Chinese speaker might think/say in Chinese? I believe it does, more or less.
Here, again, is my transcription:

Why destroy their faith? Why destroy the Chinese? Look for the Chinese feelings. Talk to me!

And here is the Chinese that this English might represent:

為何打擊他們的信仰?為何摧毀中國信徒?傾聽中國信徒的感受!請說明!

I will go through the elements, sparing you as much as possible the actual Chinese.
1) “Why destroy their faith?” This seems self-evident. Yes, a betrayal from the pope himself—namely the very authority in whom generations of Chinese Catholics put their faith—becomes a serious reason for despair in the Church itself. Many Chinese Catholics now feel: “The pope is now perversely siding with the communist authorities we have resisted for decades in the pope’s name!”
2) And of course “Why destroy the Chinese?” would imply: “Why allow the Chinese Church to be destroyed by the communist goons? Why not show as much love for faithful Chinese Catholics as you show for faithful Western, Latin American, European Catholics?”
3) “Look for … feelings.”: There are many expressions in Chinese which use a verbal formula similar to look for as roughly equivalent to search out or go and research. As regards “feelings” in this usage, a Chinese speaker would understand it as equivalent to what people really think. A common verbal formula in Chinese 覺得 means equally feel and think. Finally, in an authoritarian culture like that of China, there is a a lot of distance between What one says in public and What one feels/thinks. So the woman would mean something like: “Go and study Chinese Catholics’ deep thinking/feelings about what you have done!”
(But wait? Did I say authoritarian? Under Xi, China is quickly approaching totalitarian.)
3) “Talk to me!” At this point, the pope was already walking away. So it could of course be a call for him to return and engage in the conversation. But one meaning of the literal expression “Talk to me!” in Chinese is something like “Explain yourself!” Which is why in my tentative Chinese I’ve translated her words in that direction. Yes, there’s an extra syllable in her English phrase, which may make some think she is not saying “Talk to me!” but “Talk-a to me!” or “Talking to me!” On this question, note that’s a characteristic of Chinese speakers with rough English to add a vocalic sound to ending consonants. This is because Chinese words never end on hard consonants. (As an example, many Chinese speakers will pronounce my name “Eric” as something closer to “Erica”.)
That’s my best shot at making sense of this desperate woman’s words if indeed she is speaking English. I do think she is, and I do think I’m pretty clear on at least parts of her message. Yes, I may be proven wrong, but so far nobody has identified another language, and no other feasible English transcription has appeared.
As a Catholic living in Taiwan, a free and democratic nation of 23.5 million people repeatedly threatened by Beijing, I am especially troubled over the fate now faced by fellow Catholics in China. And I remain worried about Taiwan’s security and depressed by the prospect that the this pope may ultimately cut diplomatic ties with our flourishing Taiwanese democracy in order to pay respects to the brutal dictators in Beijing.
It is a deeply troubling time for the Church. If you are Catholic, I ask you to pray for China’s Catholics, who are facing some of the worst of it.

[*] Teacher in Taipei (Taiwan).

Fonte

“Perché distruggere la loro fede?”: Cosa ha detto la donna asiatica a Papa Francesco prima che la schiaffeggiasse
di Eric Mader [*]
Clay Testament, 9 gennaio 2020

Tutti hanno visto il video. Il 1 ° gennaio una donna cattolica asiatica ha preso la mano di papa Francesco e ha fatto una richiesta disperata. Il Santo Padre non apprezzò che la sua mano gli fosse stata strattonata e iniziò a schiaffeggiarla per liberarsi.
Il mondo cattolico cadde immediatamente in una rissa giudicando questo evento. Chi aveva torto: il Santo Padre (che da allora si è scusato per la sua insofferenza) o la donna zelante che voleva così disperatamente comunicare con lui?
La mia opinione è che entrambi avevano torto. E che la squadra di sicurezza del papa era negligente. Ma questo non è ciò che mi preoccupa qui. Perché per me, un cattolico americano che vive in Asia, qualcosa è apparentemente mancante da questa storia sin dall’inizio. Vale a dire: qual era il motivo della donna?
In effetti, perché la stampa cattolica occidentale si è mostrata più o meno indifferente a ciò che stava dicendo questa donna? Se la stessa cosa accadesse con un uomo occidentale che parla in modo poco chiaro, e il papa finisce schiaffeggiandolo, credo che una parte fondamentale della storia sarebbe scoprire quale fosse il messaggio dell’uomo. Ci sarebbero stati seri tentativi fin dall’inizio di interpretare le parole dell’uomo. Ma con questa donna cattolica asiatica, quasi nessuno si è interessato.
E ammettiamolo. La domanda può trovare risposta. La qualità della registrazione audio non è poi così male. Seguendo il comportamento, il tono e il linguaggio corporale della donna, è chiaro che è sconvolta. Sta facendo una richiesta e sa che il suo comportamento è conflittuale. Con così tanta competenza accademica cattolica diffusa in tutto il mondo, dovremmo essere in grado di interpretare le sue parole, no?
Ho trascorso del tempo su questo, e forse ho parzialmente risolto il mistero. Un po’ di storia: parlo il mandarino, con una lunga esperienza nell’ascolto dei madrelingua cinesi che comunicano in inglese e cinese. Quindi ho riconosciuto subito che la donna non parla cinese. Inoltre non parla il cantonese, la lingua principale di Hong Kong. Ho anche verificato con un linguista giapponese che non è giapponese e (più o meno) verificato che non è neanche coreano.
Alla fine ho concluso, e molti altri concordano, che la donna parla un inglese fortemente accentuato. Come è tipico per molti la cui lingua madre è il cinese, non è molto chiara sulle consonanti. Questo presenta la sfida principale. Ma dopo aver ascoltato ripetutamente varie versioni dell’audio, alcune rallentate, penso di poter avere le basi.
E così: la donna si fa il segno della croce in preparazione. Poi vede che il papa si sta allontanando e di fatto non la saluterà. Lei gli afferra la mano e dice:

Perché distruggere la loro fede? Perché distruggere i cinesi? [Cerca] i cinesi [sentimenti]. [Parla] con me!

Ho messo le parole di cui sono meno fiducioso tra parentesi. E sì, è molto difficile seguirla.
Perché questo appello fa senso? Ci sono due livelli. Innanzitutto, la terribile situazione della Chiesa cinese.
Molti cattolici cinesi, che sono rimasti a lungo fedeli ai nostri papi a dispetto delle autorità comuniste, sono stati gettati nella disperazione per il recente “accordo segreto” del Vaticano con Pechino. Sentono di essere stati buttati sotto un’autobus in modo che il Vaticano possa fare progressi diplomatici con Pechino, e vedono questa nuova diplomazia vaticana come parte di un tentativo fuorviante e non cattolico di trasformare la Chiesa in qualcosa di simile a un semi-religioso Nazioni Uniti. Forse il portavoce più serio dei cattolici cinesi, il cardinale Joseph Zen di Hong Kong, è pienamente d’accordo con questa critica cattolica. Profondamente ferito dalla politica di papa Francesco nei confronti della Cina e dai rifiuti personali che ha ricevuto, il cardinale Zen ha recentemente raggiunto altri cardinali.
Io stesso, come osservatore della Cina e cattolico, sono stato anche inorridito dai dettagli del assecondare del Vaticano ai comunisti cinesi. Considera la storia seriamente sottostimata dell’inviato di Francesco che parla dell’atrocità dei diritti umani che il business della raccolta di organi in Cina.
Quindi l’appello della donna ha senso in questo contesto di relazioni vaticane con i cattolici cinesi.
Ma che dire linguisticamente? Questo è il secondo elemento che deve essere spiegato.
Naturalmente è molto comune per coloro che non hanno imparato una seconda lingua usare la fraseologia tipica della loro lingua madre. In questo caso, le parole inglesi pronunciate dalla donna sembrerebbero strane ai madrelingua inglesi, ma rispecchierebbero gli usi in cinese. È ciò che chiamiamo “Chinglish”.
La mia interpretazione del suo discorso in inglese coincide con ciò che un oratore cinese potrebbe pensare/dire in cinese? Credo di si, più o meno.
Ecco, di nuovo, la mia trascrizione:

Perché distruggere la loro fede? Perché distruggere i cinesi? Cerca i sentimenti cinesi. Parla con me!

Ed ecco il cinese che questo inglese potrebbe rappresentare:

為何 打擊 他們 的 信仰? 為何 摧毀 中國 信徒? 傾聽 中國 信徒 的 感受! 請 說明!

Esaminerò gli elementi, risparmiando il più possibile il cinese attuale.
1) “Perché distruggere la loro fede?” Questo sembra evidente. Sì, un tradimento da parte del papa stesso – semplicemente l’autorità in cui generazioni di cattolici cinesi ripongono la loro fede – diventa una seria ragione di disperazione nella Chiesa stessa . Molti cattolici cinesi ora sentono: “Il papa ora sta schierandosi perversamente con le autorità comuniste a cui abbiamo resistito per decenni in nome del papa!”.
2) E naturalmente “Perché distruggere i cinesi?” implicherebbe: “Perché permettere alla Chiesa cinese di essere distrutto dai criminali comunisti? Perché non mostrare lo stesso amore per i fedeli cattolici cinesi come dimostrate per i fedeli cattolici occidentali, latinoamericani, europei?”.
3) “Cerca … sentimenti” Ci sono molte espressioni in cinese che usano una formula verbale simile a guardare per come approssimativamente equivalente a andare a cercare o di andare e investigare. Per quanto riguarda i “sentimenti” in questo uso, un oratore cinese lo comprenderebbe come equivalente a ciò che la gente pensa davvero. Una formula verbale comune in cinese 覺得 significa ugualmente sentire e pensare. Infine, in una cultura autoritaria come quella cinese, c’è molta distanza tra ciò che si dice in pubblico e ciò che si sente/pensa. Quindi la donna vorrebbe dire qualcosa del tipo: “Vai e studia i pensieri/sentimenti profondi dei cattolici cinesi su ciò che hai fatto!”.
(Ma aspetta? Ho detto autoritario? Sotto Xi, la Cina si sta rapidamente avvicinando al totalitario.)
3) “Parla con me!” A questo punto, il papa stava già andando via. Quindi potrebbe ovviamente essere una chiamata per farlo tornare e impegnarsi nella conversazione. Ma un significato dell’espressione letterale “Parla con me!” In cinese è qualcosa come “Spiega te stesso”. Ecco perché nel mio cinese provvisorio ho tradotto le sue parole in quella direzione. Sì, c’è una sillaba in più nella sua frase inglese, che potrebbe far pensare che non stia dicendo “Parla con me!” ma “Parla-a con me” o “Parlando con me!”. In riferimento a questo, osservo che è una caratteristica di madrelingua cinesi con un inglese approssimativo per aggiungere un suono vocale alle consonanti finali. Questo perché le parole cinesi non finiscono mai con consonanti difficili. (Ad esempio, molti oratori cinesi pronunceranno il mio nome “Eric” come qualcosa di più vicino a “Erica”.)
Questo è la mia supposizione migliore per dare un senso alle parole di questa donna disperata se davvero parla inglese. Penso che lo sia, e penso di essere abbastanza chiaro su almeno alcune parti del suo messaggio. Sì, posso essere smentito, ma finora nessuno ha identificato un’altra lingua e non è apparsa alcuna altra trascrizione inglese fattibile.
Come cattolico che vive a Taiwan, una nazione libera e democratica di 23,5 milioni di persone ripetutamente minacciata da Pechino, sono particolarmente preoccupata per il destino che ora devono affrontare i compagni cattolici in Cina. E rimango preoccupato per la sicurezza di Taiwan e depresso dalla prospettiva che questo papa possa in definitiva tagliare i legami diplomatici con la nostra fiorente democrazia taiwanese al fine di rendere omaggio ai brutali dittatori di Pechino.
È un momento profondamente preoccupante per la Chiesa. Se sei cattolico, ti chiedo di pregare per i cattolici cinesi, che stanno affrontando alcuni dei peggiori.

[*] Docente a Taipei (Taiwan).

Clic aquí para la versión en español.

Papa Francesco agli Ambasciatori ha spiegato le priorità della Chiesa

“Quando noi parliamo di pace, subito pensiamo alle guerre, che nel mondo non ci siano le guerre, che ci sia la pace sicura, è l’immagine che ci viene sempre, pace e non guerre, ma sempre fuori: in quel Paese, in quella situazione. Anche in questi giorni che ci sono stati tanti fuochi di guerra accesi, la mente va subito lì quando parliamo di pace: dobbiamo pregare per la pace del mondo, dobbiamo sempre avere davanti questo dono di Dio che è la pace e chiederlo per tutti”: lo ha detto stamattina papa Francesco nell’omelia della messa celebrata a Santa Marta, quasi a preludio dell’incontro successivo con i diplomatici accreditati presso la Santa Sede.

Il Cardinale Joseph Zen ha scritto ai cardinali: “In Cina si uccide la Chiesa”. La pubblicazione su Stilum Curiae e Infovaticana

“One wonders: from which planet did our leaders in Rome descend? – Ci si chiede da quale pianeta siano discesi i nostri leader a Roma” (Cardinale Joseph Zen, 5 marzo 2019).

Questa mattina, Stilum Curiae in italiano (Joseph Zen scrive ai cardinali: in Cina si uccide la Chiesa) e Infovaticana in spagnolo (El cardenal Zen escribe a todos los cardenales del mundo alertando del “asesinato de la Iglesia en China”) hanno pubblicato questa mattina il testo della lettera che il Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, Vescovo emerito di Hong Kong ha inviato il 27 settembre 2019 a tutti i i cardinali e che adesso ha deciso di rendere pubblica, insieme a due allegati, per denunciare la drammatica situazione della Chiesa nella Cina continentale, il silenzio di Papa Francesco (gli aveva promesso di interessarsi del problema e di rispondere ai suoi dubbi sull’accordo segreto, ma da allora non si è più fatto vivo) e di quello che chiama il Cardinale Zen la manipolazione delle parole di Papa Benedetto XVI sulla Cina da parte dei vertici della Santa Sede in particolare del Segretario di Stato di Sua Santità, il Cardinale Pietro Parolin.
Osserva Marco Tosatti su Stilum Curiae, sottolineando l’ovvia importanza del documento: “La lettera è stata resa nota proprio mentre in Cina sta per entrare in vigore (dal 1° febbraio) un regolamento che obbliga tutte le associazioni religiose a diffondere e propagandare i valori del comunismo cinese”.

Scrive Marco Tosatti, nel riportare su Stilum Curiae il testo della lettera e gli allegati: “Inutile dire che le ultime notizie che giungono dalla Cina continentale non possono fare altro che confermare e aumentare le preoccupazioni espresse da tempo da molte persone riguardo all’accordo provvisorio firmato da rappresentanti della Santa Sede e dal governo di Pechino. Buona lettura”.

La Redazione de “Il sismografo” riporta a sua volta la lettera e gli allegati, accompagnata da una nota sopra le righe, che denota in quale stato di coma si trova il giornalismo religiose, la narrazione vaticanista e para-vaticana, insieme ai livelli pietosi su cui si è abbassata “la buona educazione, la correttezza e la professionalità” (ammettendo se c’è ancora), che “le sue caratteristiche umane, morali e professionali”: “Diversi siti e vettori dei social media, quasi sempre in posizioni critiche nei confronti di Papa Francesco o semplicemente contrari al pontificato, pubblicano in queste ore il testo integrale in italiano (e in altri lingue) di ciò che presentano come la lettera del cardinale cinese Joseph Zen al Collegio cardinalizio lo scorso 27 settembre 2019. Vengono pubblicati insieme con la lettera due Allegati firmati dallo stesso cardinale Zen”.
Commenta Marco Tosatti puntualmente su Stilum Curiae: “IL SISMOGRAFO HA PAURA DI CITARE STILUM CURIAE SU ZEN. MISERIE… La lettera è ovviamente interessante. E infatti Il Sismografo, il sito paravaticano gestito dall’allendista Luis Badilla, l’ha ripresa e pubblicata integralmente. In questi casi la buona educazione, la correttezza e la professionalità – quando c’è – impongono che insieme al testo, preso da una fonte non proprio, si pubblichi anche il link del sito da cui lo si è copiato, e naturalmente gli si dia il credito dovuto alle fonti. Pura buona educazione, come lavarsi i denti dopo aver mangiato. Ma forse non usa, dalle parti del Sismografo. Ma forse quelli de Il Sismografo temono di citare siti come Infovaticana e Stilum Curiae, e si sono tranquillamente appropriati del testo nascondendosi dietro questa foglia di fico. (segue la citazione da Il Sismografo riportato sopra). Forse Badilla temeva di essere sgridato dai suoi committenti se avesse citato fonti ‘eterodosse’. Un comportamento del genere qualifica ampiamente una persona. E le sue caratteristiche umane, morali e professionali”.

Card Joseph Zen Ze-kiun consegna una lettera a Papa Francesco (Foto di Alberto Pizzoli/AFP).

Già in novembre 2018 il Cardinale Joseph Zen consegnò di persona una lettera di sette pagine a Papa Francesco, invitandolo a prestare attenzione alla crisi della chiesa sotterranea nella Repubblica popolare cinese, in cui descrivò in dettaglio la difficile situazione dei cattolici sotterranei i in Cina ed il loro grido di dolore. L’8 novembre 2019 ha detto a Uca News che i sacerdoti gli hanno lanciato un grido di dolore dopo l’accordo tra la Santa Sede e il regime comunista della Cina continentale sulla nomina dei vescovi: “(I sacerdoti) hanno detto che i funzionari li hanno costretti ad aprirsi, ad aderire all’Associazione patriottica cattolica cinese e ad ottenere un certificato di sacerdote con il motivo che il papa ha firmato l’accordo provvisorio sino-vaticano”.
Il Cardinale Zen ha sottolineato che l’accordo provvisorio segreto non è stato reso pubblico, il che significa che i fratelli e le sorelle della chiesa sotterranea non sanno cosa fare: “Alcuni sacerdoti sono fuggiti, altri sono scomparsi perché non sanno cosa fare e sono arrabbiati. L’accordo non è rivelato, e non sanno se ciò che i funzionari dicono sia vero o no”.
Il Cardinale Zen ha detto che la Chiesa nella Cina continentale sta affrontando nuove persecuzioni e che la Santa Sede sta aiutando il Partito comunista cinese a sopprimere la comunità sotterranea. Nella sua lettera ha descritto come la chiesa clandestina abbia visto confiscati soldi, con il clero che ha avuto parenti turbati dalle autorità, che vanno in carcere o addirittura perdono la vita per la fede. “Ma la Santa Sede non li sostiene e li considera come problemi, riferendosi a loro come coloro che causano guai e non sostengono l’unità. È questo che causa loro più dolorose”, ha detto il Cardinale Zen.
Nella lettera il Cardinale Zen affermò anche, che la Chiesa cinese non ha la libertà di eleggere i vescovi. “Il Papa ha detto che i membri della Chiesa cinese dovrebbero essere i profeti e talvolta criticare il governo. Sono molto sorpreso che non capisca la situazione della Chiesa cinese”, ha detto il Cardinale Zen.
Il 26 settembre, quattro giorni dopo la firma dell’accordo provvisorio segreto, il Papa ha scritto un messaggio ai cattolici cinesi e alla Chiesa universale spiegando le ragioni della firma dell’accordo: promuovere l’annuncio del Vangelo e stabilire l’unità della comunità cattolica in Cina. Inoltre, dopo la sua visita pastorale in Lituania, Lettonia ed Estonia dal 22 al 25 settembre, il Papa ha detto ai media sul suo volo di ritorno a casa che la gente dovrebbe “rendere omaggio a coloro che hanno sofferto per la fede”, specialmente in quei tre Paesi brutalmente calpestati dai nazisti e dal Partito comunista.
Il Cardinale Zen ha detto che le parole del Papa gli hanno fatto sentire che “non sembra sapere che la loro storia è anche la storia della Chiesa cinese e della situazione attuale”. Sospetta che il Papa sia stato ingannato da persone intorno a lui che non gli hanno raccontato la reale situazione della Chiesa nella Cina continentale.
Il Cardinale Zen ha criticato il Segretario di Stato Cardinale Pietro Parolin, che ha negoziato con il governo della Repubblica popolare cinese. “È molto esperto. Vede anche la brutta faccia della Cina e sa che non sono ragionevoli. Infatti, non si fida della parte cinese. Li usa solo per raggiungere lo scopo di stabilire relazioni diplomatiche”, ha detto.
Il Cardinale Zen ha ribadito che le lettere scritte alla Chiesa nella Cina continentale durante il Pontificato di Papa Benedetto XVI sono state tolte dal loro contesto, soprattutto per quanto riguarda l’esistenza della chiesa sotterranea. Ha detto: “Papa Benedetto XVI non parlava dell’anomalia della chiesa sotterranea stessa, ma la situazione in Cina non è normale. L’intervento del governo significa che la chiesa non può essere pura e porta all’anomalia, così i vescovi, i sacerdoti e i fedeli entrano nella clandestinità”.
Poiché il governo della Cina continentale interferisce ancora con la Chiesa, e i membri della Chiesa vogliono mantenere pura la loro fede, è impossibile chiedere che le chiese ufficiali e sotterranee si uniscano, ha detto il Cardinale Zen. “La nostra linea di fondo è il Papa. Non possiamo attaccarlo. Se questa volta il Papa si sbaglia, spero che ammetta l’errore; se non lo ammetterà, spero che il futuro papa indichi l’errore. Ma in fin dei conti, è ancora la decisione finale del Papa. Se non lo si segue, allora non c’è una regola, quindi i fratelli della terraferma non devono ribellarsi”, ha detto.
Il Cardinale Zen aveva fatto un precedente viaggio a Roma in gennaio 2018, durante il quale ha anche consegnato una lettera al Papa, questa volta per le preoccupazioni verso la Santa Sede che chiedeva a due vescovi riconosciuti (dalla Santa Sede) in Cina di farsi da parte e lasciare il posto ai vescovi illecitamente (ordinati dal Governo delle Cina continentale) (Fonte: UCA News).

“Affidate a lui tutte le vostre preoccupazioni e ansietà, perché egli ha cura di voi” (1 Pt 5:7)

Testo della lettera del Cardinale Zen e e due allegati, a tutti i membri del Collegio cardinalizio

Omnem sollicitudinem vestram proicientes in Eum, quoniam Ipsi cura est de vobis. 1 P. 5:7

27 settembre 2019

Cara Eminenza,
Mi scusi del disturbo che questa mia Le causerà. È che, in coscienza, credo il problema Che presento non riguarda solo la Chiesa in Cina, ma tutta la Chiesa, e noi cardinali abbiamo la grave responsabilità di aiutare il Santo Padre nel guidare la Chiesa.
Ora, dalla mia analisi del Documento della Santa Sede (28/6/19) “Orientamenti pastorali Circa la registrazione civile del Clero in Cina” risulta abbastanza chiaro che esso incoraggia i fedeli in Cina a entrare in una Chiesa scismatica (indipendente dal Papa ed agli ordini del Partito comunista).
Il 10 Luglio presentai al Papa i miei “dubia”. Sua Santità, il 3 Luglio, mi promise di interessarsene, ma fino ad oggi non ho sentito niente ancora.
Il Card. Parolin dice che quando oggi si parla della Chiesa indipendente non si deve più intendere questa indipendenza come assoluta, perché nell’accordo si riconosce il ruolo del papa nella Chiesa Cattolica.
Anzitutto non riesco a credere che ci sia tale affermazione nell’accordo e non la vedo (tra l’altro, perché tale accordo deve essere segreto e non è dato neanche a me, un Cardinale cinese, di averne visione?), ma, ancora più chiaramente, tutta la realtà dopo la firma dell’accordo dimostra che niente è stato cambiato, anzi, Il Card. Parolin cita dalla lettera di Papa Benedetto una frase completamente fuori del contesto, anzi, diametralmente in opposizione a tutto il paragrafo.
Questa manipolazione del pensiero del Papa emerito è grave mancanza di rispetto, anzi, deplorevole insulto alla persona del mitissimo Papa ancora vivente.
Mi fa ribrezzo anche che sovente dichiarano che ciò che stanno facendo è in continuità con il pensiero del papa precedente, mentre l’opposto è vero. Ho fondamento per credere (e spero un giorno di poter dimostrare con documenti di archivio) che l’accordo firmato è lo stesso che Papa Benedetto aveva, a suo tempo, rifiutato di firmare.
Cara Eminenza, possiamo assistere passivamente a questa uccisione della Chiesa in Cina da parte di chi dovrebbe proteggerla e difenderla dai nemici? Supplicando in ginocchio, vostro fratello
Card. Joseph ZEN, S.D.B.

“Dubia” del card. sugli Orientamenti pastorali della Sede circa la registrazione civile del Clero in Cina. (aggiornato 8 Luglio 2019)

Anzitutto sembra strano che un documento assai importante venga emanato dalla “Santa Sede”, senza specificazione di quale dicastero e con nessuna firma dell’autorità responsabile.
Nei paragrafi 1 e 2 il documento espone il problema e la linea generale di soluzione.
1) Il problema è che il governo rinnega le sue promesse di rispettare la dottrina cattolica e nella registrazione civile del clero richiede quasi sempre di accettare il principio di indipendenza, autonomia, autoamministrazione della Chiesa in Cina (si dovrebbe completare con quello che la lettera di papa Benedetto XVI dice al punto 7,8: assumere atteggiamenti, a porre gesti e a prendere impegni che sono contrari ai dettami della loro coscienza di cattolici”).
2) Di fronte alla situazione complessa e che non è sempre la stessa dappertutto, la Santa Sede dà una linea generale di come comportarsi:
da una parte non intende forzare le coscienze, e perciò chiede (omettendo di dire esplicitamente “al governo”) che si rispetti la coscienza cattolica;
dall’altra pone come principio generale che ‘”a clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa” (lettera papa Bendetto 8.10), cioè è normale che ne esca.
Riguardo alla citazione della Lettera di papa Benedetto XVI al punto 8,10, mi permetto di trascrivere quasi l’intero paragrafo:
(a) “Alcuni di essi (vescovi) non volendo sottostare a un indebito controllo, esercitato sulla vita della Chiesa, e desiderosi di mantenere una piena fedeltà al Successore di Pietro e alla dottrina cattolica, si sono visti costretti a farsi consacrare clandestinamente.”
(b) “La clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa,”
(c) “e la storia mostra che Pastori e fedeli vi fanno ricorso soltanto nel sofferto desiderio di mantenere integra la propria fede,”
(d) “e di non accettare ingerenze di organismi statali in ciò che tocca l’intimo della vita della Chiesa.”
P. Jeroom Heyndrickx e il card. Parolin amano citare solo la parte (b); papa Francesco (nel suo messaggio 26 Sett. 2018) aggiunge anche la parte (c); ma a me sembra che siano importanti anche la parte (a) e (d).
Il paragrafo mostra con chiarezza che la non normalità non è una scelta dei clandestini, la scelta è inevitabile. È la situazione che è anormale! È forse cambiata oggi questa situazione?
3) Il lungo paragrafo 3 cerca di provare che è giustificato ciò che si suggerirà nel par. 5.
Prima prova: la Costituzione garantisce la libertà religiosa.
Domando: Ma che cosa ci dice la lunga storia di persecuzione, nonostante la Costituzione?
Seconda prova: Dopo l’Accordo, “logicamente”, l’indipendenza non deve essere più intesa come indipendenza assoluta, ma solo relativa alla sfera politica.
Anzitutto dico: se non vedo il testo dell’Accordo, mi è difficile credere che abbiano veramente riconosciuto il “ruolo peculiare del successore di Pietro”.
Domando poi: C’è qualcosa di logico nei sistemi totalitari? Unica logica è che, al dire di Deng Xiaoping, “un gatto bianco è uguale a un gatto nero”, purché serva agli scopi del Partito.
Nell’immediato dopo-Accordo niente è stato cambiato nella politica religiosa del partito, tutto è stato ufficialmente riaffermato e i fatti lo comprovano.
Terza prova: Il contesto del dialogo “consolidato” Domando: Ma il documento non riconosce che il governo ha rinnegato le sue promesse, come affermato sia nel primo paragrafo, sia nel paragrafo 9 di questo documento?
Quarta prova: Tutti i vescovi sono legittimati.
Questo prova solo l’infinita generosità del papa o forse l’onnipotente pressione del governo, ma nei perdonati e “premiati” non vediamo alcun cambiamento, nessun segno di ravvedimento, ma chiari atti di baldanzoso trionfo, ridendo degli altri che hanno puntato sul cavallo sbagliato.
4) Il paragrafo 4 dice che le ragioni qui sopra giustificano un atteggiamento nuovo. Qui almeno c’è l’onestà di dire che ciò che si propone è una novità, e che perciò non è in continuazione con il passato, ma negando il passato come già passato, cioè come non più valido.
Si dice anche che la Santa Sede sta cercando di concordare col governo su una formula (che salvi capra e cavoli).
Ma ci domandiamo: “Una formula”? Quel che il governo chiede non è una dichiarazione di una teoria: è tutto un sistema, in cui non ci sarà più la libertà pastorale, ma in tutto si seguiranno gli ordini del Partito, fra cui la proibizione ai minori di 18 anni di partecipare a qualunque attività religiosa.
5) Nel par. 5 ci sono i veri orientamenti pastorali. In breve: si firmi pure tutto quello che richiede il governo, possibilmente con una precisazione scritta che nega poi quello che si firma. Se la precisazione scritta non è possibile, la si faccia verbalmente, con un testimone o senza. Basta che ci sia l’intenzione di non aver accettato in coscienza ciò che di fatto si ha firmato.
Si firma un testo contro la fede e si dichiara che l’intenzione è di favorire il bene della comunità, un’evangelizzazione più adeguata, la gestione responsabile dei beni della Chiesa.
Questa norma generale è ovviamente contro ogni principio di moralità. Se accettata giustificherebbe l’apostasia.
6) Nel par. 6 si dice che la Santa Sede comprende e rispetta chi in coscienza non accetta la regola sopra esposta. Ovviamente questa è compassione verso una minoranza “cocciuta” che non riesce ancora a capire la regola nuova. La laro attitudine è sbagliata, ma la Santa Sede “provvisoriamente” li tollera.
7) Il par.7 parla di certi doveri dei vescovi, citando un documento che non ha niente a che fare con la nostra questione.
8) Nel par. 8 si dice che i fedeli accolgano la decisione dei loro pastori. Cosa vuol dire? Che non hanno la libertà individuale di scegliere? E la loro coscienza non deve essere rispettata?
Ai fratelli che mi domandano sul da farsi, ho sempre dato la risposta: di rispettare le scelte degli altri e di rimanere fermi nella convinzione della propria coscienza. Questo perché non ho nessuna autorità di imporre agli altri i miei giudizi su ciò che è giusto o sbagliato.
Ma la Santa Sede non ha l’autorità e perciò il dovere di chiarire ai membri della Chiesa che cosa è giusto e che cosa è sbagliato? Lo ha fatto con questi “Orientamenti”? Lasciare la clandestinità è da incoraggiare, rimanere nella clandestinità è da tollerare? I Vescovi e sacerdoti hanno la scelta ed i fedeli no?
9) Al par. 9 si dice che la Santa Sede nel frattempo chiede (e di nuovo omette la parola “al governo”) che non si pongano in atto pressioni intimidatorie nei confronti delle comunità cattoliche non ufficiali, come è già avvenuto. (Questo di non nominare la parola “governo” è quasi come la tradizionale riverenza nel non menzionare il nome dell’imperatore.) Infine, si raccomanda a tutti di discernere la volontà di Dio con “pazienza e umiltà”. Ma io mi domando: è andata a farsi benedire la fermezza nella fede?
Poi dice che “il cammino presente è segnato pure da tante speranze, nonostante le difficoltà”. A me pare, invece, che i fatti distruggano ogni fondamento di speranza umana. In quanto a speranza in Dio, essa non può mai essere disgiunta dalla sincera volontà di voler anche soffrire secondo la Sua volontà.
Conclusione
Questo documento ha rovesciato in modo radicale ciò Che è normale e ciò che è anormale, ciò che è doveroso e ciò che è da tollerare.
La speranza dei suoi redattori forse è che la minoranza compatita morirà di morte naturale. Con questa minoranza intendo non solo i sacerdoti clandestini (ai quali da tempo non si danno dei Vescovi quando quegli anziani muoiano, ma neppure più Delegati, perché il vescovo ufficiale della diocesi è già legittimo), ma anche molti fratelli nella comunità ufficiale che con grande tenacia hanno lavorato per un cambiamento, sperando di essere sostenuti dalla Santa Sede, ma vengono invece incoraggiati ad accettare la sottomissione al governo, derisi dagli opportunisti vincitori.
Che il Signore non permetta il compimento di questi desideri, di chi vuole la morte della vera fede nella mia cara patria. Signore, pietà!

Orientamenti pastorali della Santa Sede circa la registrazione civile del Clero in Cina, 28.06.2019

Da tempo giungono alla Santa Sede, da parte di Vescovi della Cina Continentale, richieste di una concreta indicazione circa l’atteggiamento da assumere di fronte all’obbligo di presentare domanda di registrazione civile. Al riguardo, com’è noto, molti Pastori rimangono profondamente perplessi perché la modalità di tale registrazione — obbligatoria secondo i nuovi regolamenti sulle attività religiose, pena l’impossibilità di agire pastoralmente — comporta, quasi sempre, la firma di un documento in cui, nonostante l’impegno assunto dalle Autorità cinesi di rispettare anche la dottrina cattolica, si deve dichiarare di accettare, fra l’altro, il principio di indipendenza, autonomia e auto-amministrazione della Chiesa in Cina.
La complessità della realtà cinese e il fatto che nel Paese pare non esistere un’unica prassi applicativa dei regolamenti per gli affari religiosi, rendono particolarmente difficile pronunciarsi in materia. La Santa Sede, da una parte, non intende forzare la coscienza di alcuno. Dall’altra, considera che l’esperienza della clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa, e che la storia ha mostrato che Pastori e fedeli vi fanno ricorso soltanto nel sofferto desiderio di mantenere integra la propria fede (cfr. n. 8 della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi del 27 maggio 2007). Perciò, la Santa Sede continua a chiedere che la registrazione civile del Clero avvenga con la garanzia di rispettare la coscienza e le profonde convinzioni cattoliche delle persone coinvolte. Solo cosi, infatti, si possono favorire sia l’unità della Chiesasia il contributo dei cattolici al bene della società cinese.
Per quanto, poi, Concerne la valutazione dell’eventuale dichiarazione che si deve firmare all’atto della registrazione, in primo luogo è doveroso tenere presente che la Costituzione della Repubblica Popolare Cinese dichiara formalmente di tutelare la libertà religiosa (art. 36). In secondo luogo, l’Accordo Provvisorio del 22 settembre 2018, riconoscendo il ruolo peculiare del Successore di Pietro, porta logicamente la Santa Sede a intendere e interpretare l’«indipendenza» della Chiesa cattolica in Cina non in senso assoluto, cioè come separazione dal Papa e dalla Chiesa universale, ma relativo alla sfera politica, secondo quanto avviene in ogni parte del mondo nelle relazioni tra il Papa e una Chiesa particolare o tra Chiese particolari. Del resto, affermare che nell’identità cattolica non vi può essere separazione dal Successore di Pietro, non significa voler fare di una Chiesa particolare un corpo estraneo alla società e alla cultura del Paese in cui essa vive ed opera. In terzo luogo, il contesto attuale dei rapporti fra la Cina e la Santa Sede, caratterizzato da un consolidato dialogo fra le due Parti, è diverso da quello che ha visto nascere gli organismi patriottici negli anni cinquanta del secolo scorso. In quarto luogo, si aggiunga il fatto di grande rilievo che, nel corso degli anni, molti Vescovi ordinati senza il mandato apostolico hanno chiesto e ottenuto la riconciliazione con il Successore di Pietro, cosi che tutti i Vescovi cinesi sono oggi in comunione con la Sede Apostolica e desiderano una sempre maggiore integrazione con i Vescovi cattolici del mondo intero.
Di fronte a questi fatti, è legittimo aspettarsi un atteggiamento nuovo da >arte di tutti’ anche nell’affrontare le questioni pratiche riguardanti la Vita della Chiesa. Da parte sua, la Santa Sede continua a dialogare con le Autorità cinesi: sulla registrazione civile dei Vescovi e dei sacerdoti per trovare una formula che, nell’atto della registrazione, rispetti non solo le leggi cinesi ma anche la dottrina. cattolica.
Nel frattempo, alla luce di quanto sopra, se un Vescovo o un sacerdote decide di registrarsi civilmente ma il testo della dichiarazione per la registrazione non appare rispettoso della fede cattolica, egli preciserà per iscritto all’atto della firma che 10 fa senza venir meno alla dovuta fedeltà ai principi della dottrina cattolica. Se non è possibile mettere questa precisazione per iscritto, il richiedente la farà anche solo verbalmente e se possibile alla presenza di un testimone. In ogni caso, è opportuno che il richiedente certifichi poi al proprio Ordinario l’intenzione con la quale ha fatto la registrazione. Questa, infatti, è sempre da intendersi all’unico fine di favorire il bene della comunità diocesana e la sua crescita nello spirito di unità, come anche un’evangelizzazione adeguata alle nuove esigenze della società cinese e la gestione responsabile dei beni della Chiesa.
In pari tempo, la Santa Sede comprende e rispetta la scelta di chi, in coscienza, decide di non potersi registrare alle presenti condizioni. Essa rimane loro vicina e chiede al Signore di aiutarli a custodire la comunione con i propri fratelli nella fede, anche di fronte alle prove che ciascuno si troverà ad affrontare. Il Vescovo, da parte sua, “nutra e manifesti pubblicamente la propria stima per i presbiteri, dimostrando fiducia e lodandoli se lo meritano; rispetti e faccia rispettare i loro diritti e li difenda da critiche infondate; dirima prontamente le controversie, per evitare che inquietudini prolungate possano offuscare la fraterna carità e danneggiare il ministero pastorale” (Aposto/orum Successores, Direttorio per il ministero pastorale dei Vescovi, 22 febbraio 2004, n. 77).
È importante, poi, che anche i fedeli laici non solo comprendano la sopra descritta complessità della situazione, ma anche accolgano con cuore grande la sofferta decisione presa dai loro Pastori, qualunque essa Sia. La comunità cattolica locale li accompagni con spirito di fede, con la preghiera e con l’affetto, astenendosi dal giudicare le scelte degli altri, custodendo il vincolo dell’unità e usando misericordia verso tutti.
In ogni caso, nell’attesa di poter giungere attraverso un franco e costruttivo dialogo tra le due Parti, come accordato, ad una modalità di registrazione civile del Clero più rispettosa della dottrina cattolica, e quindi della coscienza delle persone coinvolte, la Santa Sede chiede che non si pongano in atto pressioni intimidatorie nei delle comunità cattoliche «non ufficiali», come purtroppo è già avvenuto.
Infine, la Santa Sede ha fiducia che tutti possano accogliere queste indicazioni pastorali come uno strumento per aiutare coloro che si trovano a dover fare scelte non facili, a compierle con spirito di fede e di unità. Tutti — Santa Sede, vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e fedeli laici — sono chiamati a discernere la volontà di Dio con pazienza e umiltà in questo tratto del cammino della Chiesa in Cina, segnato da tante speranze ma anche da perduranti difficoltà.
Dal Vaticano, 28 giugno 2019, Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù.
Santa Sede

Papa all’Udienza generale: nella ‘prova’ essere custodi della vita

Al termine della prima udienza generale dell’anno nell’Aula Paolo VI, papa Francesco Il Papa ha espresso la sua vicinanza al popolo australiano che ha visto le sue terre devastate da incendi.

8 gennaio, natività di San Massimiliano Kolbe, frate minore conventuale e martire. La vittoria del bene con la fede sul male nel mondo

Oggi, 8 gennaio 2020 ricordiamo la nascita di San Maksymilian Maria (Rajmund) Kolbe, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali e martire, fondatore della Milizia di Maria Immacolata. Nato l’8 gennaio 1894 a Zduńska-Wola, nella Polonia centrale sotto il controllo della Russia, in una famiglia dalle condizioni economiche modeste. Il padre Julius Kolbe, tedesco, era tessitore e la madre Maria Dąbrowska, polacca, faceva la levatrice. I suo genitori erano ferventi cristiani. Il padre, inoltre, era un patriota che mal sopportava la divisione della Polonia di allora in tre parti, dominate da Russia, Germania e Austria.

Il 4 settembre 1910 Rajmund entra nelll’Ordine dei Frati Minori Conventuali. Dopo il noviziato fu inviato a Roma, per proseguire la sua formazione: dal 1912 dimorò quindi presso il Collegio Serafico Internazionale. In occasione della professione solenne, il 1° novembre 1914, aggiunse al nome Massimiliano che già portava da frate quello di Maria. Nel 1915 si laureò in filosofia all’Università Gregoriana. Il 28 aprile 1918 fra Massimiliano Maria venne ordinato sacerdote nella chiesa di Sant’Andrea della Valle e celebrò la Prima Messa il giorno successivo, a Sant’Andrea delle Fratte: avvenne proprio all’altare presso il quale, nel 1842, Alphonse Ratisbonne aveva avuto l’apparizione della Vergine Maria che segnò l’inizio della sua conversione. Nel 1919, laureandosi in teologia, concluse il suo periodo romano.
Nel 1927 diede inizio alla costruzione di un nuovo convento nei pressi di Varsavia, grazie alla donazione di un terreno da parte del conte Lubecki: gli diede il nome di Niepokalanów (“Città dell’Immacolata”). Quello che avvenne negli anni successivi ha del miracoloso: dalle prime capanne si passò ad edifici in mattoni; dalla vecchia stampatrice si passò alle moderne tecniche di stampa e composizione; dai pochi operai ai 762 religiosi di dieci anni dopo. Dà vita al periodico “Cavaliere dell’Immacolata”, cui si aggiunsero altri sette periodici, raggiunse la tiratura di milioni di copie. L’8 dicembre 1939 diede vita a una nuova modalità di diffusione del suo messaggio, inaugurando la stazione radio SP3RN (Stazione Polacca 3 Radio Niepokalanów), della quale aprì personalmente le trasmissioni.
Mentre l’Europa si avvia a un secondo conflitto mondiale, svolge un intenso apostolato missionario in Europa e in Asia. Tornato a Niepokalanów per curarsi dalla tubercolosi, dopo l’invasione del 1° settembre 1939 della Polonia, i tedeschi ordinarono lo scioglimento di Niepokalanów. A tutti i religiosi che partivano, spargendosi per il mondo, egli raccomandava: “Non dimenticate l’amore”. Rimasero circa 40 frati, che trasformarono la città in un luogo di accoglienza per feriti, ammalati e profughi. Il 19 settembre 1939 i tedeschi deportarono il piccolo gruppo rimasto nel campo di concentramento di Amtitz in Germania. Furono inaspettatamente liberati l’8 dicembre, dopo aver cercato di cogliere la prigionia come occasione di testimonianza. Ritornati a Niepokalanów,ripresero la loro attività di assistenza per circa 3500 rifugiati, di cui 1500 ebrei. Durò solo qualche mese: i rifugiati furono dispersi o catturati. Lo stesso padre Kolbe, dopo aver rifiutato di prendere la cittadinanza tedesca per salvarsi, venne rinchiuso il 17 febbraio 1941 nella prigione Pawiak a Varsavia, insieme a quattro confratelli.
Il 28 maggio 1941 fu trasferito al campo di sterminio di Auschwitz (Oświęcim), dove ricevette il numero di matricola 16670. Condivise la sorte e le sofferenze di molti altri prigionieri e, come essi, fu addetto ai lavori più umilianti, come il trasporto dei cadaveri al crematorio.La sua dignità di sacerdote e uomo retto, che sopportava, consolava e perdonava, fece commentare un testimone così: “Kolbe era un principe in mezzo a noi”. Si consegnò ai carnefici al posto di un compagno di prigionia,un padre di famiglia, offrendo il suo ministero come olocausto di carità e modello di fedeltà a Dio e agli uomini. Il 14 agosto 1941 muore nel bunker della fame, pronunciando «Ave Maria». Sono le sue ultime parole.
Fu beatificato nel 1971 da Papa Paolo VI, che lo chiamò “martire dell’amore” e proclamato santo nel 1982 da Papa Giovanni Paolo II, che lo ha chiamò “patrono del nostro difficile secolo”.
La sua figura si pone al crocevia dei problemi emergenti del nostro tempo: la fame, la pace tra i popoli, la riconciliazione, il bisogno di dare senso alla vita e alla morte.
L’insegnamento di San Massimiliano Maria Kolbe è stato recepito e continuato nella Chiesa anzitutto dalla “Milizia dell’Immacolata”, che nell’80° anniversario di fondazione, il 16 ottobre 1997, è stata riconosciuta associazione pubblica internazionale di fedeli. Oggi, a cent’anni dai suoi inizi, è presente nei cinque continenti, in 46 paesi, con 27 Centri Nazionali e numerose Sedi. Il totale dei membri iscritti si aggira sui quattro milioni. Anche il “Cavaliere dell’immacolata” è diffuso in più lingue e in tutto il mondo. Anche le due Città dell’Immacolata in Polonia e in Giappone sono ancora operative.
I suoi resti mortali sono stati ridotti in cenere e dispersi, ma la sua cella nel campo di Auschwitz è diventata meta di pellegrinaggio. Ci sono stato 5 volte, anche con San Giovanni Paolo II e con Papa emerito Benedetto XVI.

Vescovo di Trieste: “Blasfemo chi dipinge Gesù come gay, pedofilo o sardina”

Il Vescovo di Trieste, Mons. Giampaolo Crepaldi, nell’omelia durante la Santa Messa della Solennità dell’Epifania, il 6 gennaio 2020 nella Parrocchia di San Giacomo, ha condannato senza mezzi termini coloro che hanno dipinto Gesù come “gay, pedofilo o sardina”. Ci sono ancora vescovi pastori, grazie al Signore.

Omelie di Mons. Giampaolo Crepaldi, Vescovo di Trieste
Parrocchia di San Giacomo, 6 gennaio 2020

1. Carissimi fratelli e sorelle in Cristo!Con la solennità dell’Epifania – la parola Epifania significa manifestazione – Cristo, luce del mondo, si rivela come il Salvatore di tutti i popoli. Questa dimensione universale della salvezza la troviamo espressa nel presepe, dove sono presenti il bue e l’asino. Essi sono portatori di un’illuminante richiamo simbolico: il bue rappresenta i Giudei e l’asino rappresenta i pagani, due provenienze etniche differenti che adesso sono unite e rese una da Gesù Bambino. Il Verbo fatto carne nell’evento di Betlemme, la Parola che era preesistente accanto al Padre e allo Spirito Santo e per mezzo della Quale era stato creato il mondo, il Verbo della vita ora si rende manifesto per dare salvezza al mondo intero. Tale manifestazione attira e unifica tutti i popoli, creando unità e comunione e mostrando a ciascuno di essi, come pure ad ogni singolo soggetto umano, che Dio è Padre che genera figli per Sé che si riconoscono come fratelli e sorelle tra di loro. Tutto ha origine nella casa di Betlemme che, dopo i pastori, viene raggiunta dai Magi i quali, con atti di prostrazione, adorazione e donazione, professano la loro fede in Gesù, il Dio-Bambino, Signore, Re e Salvatore di tutti e di tutto.

2. Carissimi fratelli e sorelle, questa esemplare professione di fede dei Magi in Gesù Signore, Re e Salvatore universale, durante le feste natalizie è stata oggetto di un attacco senza precedenti che è andato dispiegandosi in varie forme: dalla volgare e blasfema identificazione della sua persona con l’essere gay, pedofilo e “sardina”, fino a più sofisticate interpretazioni dei testi scritturistici che lo hanno privato della natura divina. Queste ultime, sono state proposte, in genere, da intellettuali liberal che, convinti di essere i depositari di non si sa quale arcana verità, pretendono di esercitare autorevolmente la missione di liquidare la regula fidei su Cristo alla quale ci riferiamo noi cristiani con la recita del Credo, naturalmente in nome del progresso umano di cui solo loro possiedono le chiavi di accesso. Sempre loro e sempre quelli, ogni anno a sparala più grossa, spacciando patacche cristologiche in nome del progresso. Noi cristiani, invece, continueremo ad essere fedeli a quella regula fidei su Cristo che una luminosa e santa tradizione ecclesiale custodisce e tramanda, imitando i Magi che adorarono il Dio vivente in quel Bambino, povero, umile, che giaceva in una mangiatoia e meritava tutta la loro adorazione, la loro fede e la loro preghiera, convinti che la vera signoria – quella che libera, promuove e salva – stava proprio lì e solo lì, in quell’umile Bambino, il Verbo fatto carne.

3. Carissimi fratelli e sorelle, nella luminosissima giornata odierna, resa tale dall’Epifania del Signore Gesù, sono lieto di conferire i ministeri del lettorato e dell’accolitato a Simone Bigi e Marco Eugenio Brusutti. Sono due ministeri – come tutta la ministerialità nella Chiesa – che trovano la loro ragione a partire da Cristo, che vanno esercitati in Cristo e che contribuiscono a far crescere il suo corpo ecclesiale nella santità. Il lettore legge, medita e proclama le Sante Scritture affinché diventino Parola di vita e di salvezza; l’accolito serve con amore e rispetto all’altare dove si rinnova sacramentalmente il sacrificio pasquale del Signore Gesù e, distribuendo la Santa Eucaristia, alimenta nella Chiesa il mistero della comunione con Lui. A questi nostri fratelli rivolgo l’invito a rendere fecondo il loro servizio nella Chiesa e per la Chiesa a partire da una fede profonda in Cristo Signore, che va amato sopra ogni cosa e al quale va riferita ogni speranza. A questi due fratelli nella fede, in questo giorno così speciale della loro vita, auguriamo che provino quello che provarono i Magi al vedere la stella: una gioia grandissima per aver trovato Gesù. Solo Lui può rendere felici. Inoltre, i Magi trovarono Gesù con Maria sua madre: sia così anche per loro e per tutti noi, perché chi trova Maria, trova Gesù.

Qualcuno ha trovato un “Rosario” nel testo dettato ieri del Papa?

Il titolo di un articolo (e parte del suo contenuto) comparso ieri sulla pagina web del “Messaggero” di Roma risulta sproporzionato rispetto alle parole realmente pronunciate da Papa Francesco durante l’omelia in occasione della celebrazione dell’Epifania. Il “Messaggero” titola infatti: «Il Papa ai credenti: non basta avere un rosario in mano, bisogna imparare ad adorare Dio e non il proprio Io».

Papa Francesco: adorare è cambiare vita

‘Il #Vangelodioggi ci insegna che l’uomo, quando non adora Dio, è portato ad adorare il suo io. E’ un rischio serio: servirci di Dio anziché servire Dio’: il tweet di papa Francesco ha scandito la giornata odierna della manifestazione di Dio.

Oggi, 6 gennaio Solennità dell’Epifania del Signore

“Tribus miraculis ornatum, diem sanctum colimus: Hodie stella magos duxit ad praesepium: Hodie vinum ex aqua factum est ad nuptias: Hodie in Jordane a Joanne Christus baptizari voluit, ut salvaret nos, alleluia – Celebriamo il giorno santo, impreziosito da tre meraviglie: oggi la stella ha condotto i magi al presepio, oggi l’acqua è divenuta vino alle nozze, oggi Cristo volle essere battezzato da Giovanni nel Giordano, per salvarci. Alleluia” (Antifona dei Secondo Vespri della Solennità dell’Epifania del Signore).

Epifania vuole dire “manifestazione” e oggi la Chiesa commemora la triplice manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo: come Dio, facendosi adorare in Gesù bambino dai magi a Betlemme di Giudea; come uomo, ricevendo il battesimo da Giovanni nel Giordano, fu unto dallo Spirito Santo e chiamato Figlio da Dio Padre; come operatore di miracoli, alla festa di nozze a Cana di Galilea, mutando l’acqua in vino nuovo, manifestando la sua gloria.

La prima manifestazione viene ricordato nella liturgia in modo particolare oggi.
I Magi, che erano principi gentili, cioè non ebrei, studiosi di astrologia, appena la videro, si ricordarono delle profezie di Isaia e dissero: questo è il segno del Re dei Giudei, del Messia, del Salvatore del mondo, andiamo ad adorarlo.
Partirono senza spaventarsi né della lunghezza del cammino. né delle difficoltà del viaggio, né dei pericoli. Dio premiò tanto loro coraggio e generosità, facendo si che la stella che essi avevano visto in Oriente, li precedesse nel cammino.
Giunti però a Gerusalemme, la stella scomparve. Ma essi domandarono: dov’è il Re dei Giudei che è nato? Vedemmo la sua stella in Oriente e siamo venuti per adorarlo. Udito questo, Erode si turbò e con lui tutta Gerusalemme. E radunati i Sacerdoti e gli Scribi, domandò loro dove avesse a nascere il Cristo. Ed essi risposero : a Betlemme di Giudea.
Erode, informati i Magi, si raccomandò loro affinché, adoratolo, ripassassero da lui, dicendo di volere egli pure recarsi ad adorarlo.
I tre Magi si mettessero di nuovo in cammino: la stella, che era scomparsa al loro arrivo in Gerusalemme, riapparve con sommo loro gaudio, e li guidò fino al luogo ov’era il fanciullo Gesù.
Entrati nella casa, trovarono il Bambino con Maria sua madre, e prostrati lo adorarono; poi, aperti i loro tesori, gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.
Avvertiti in sogno di non ripassare da Erode – perché macchinava iniqui disegni – tornarono al loro paese per altra via.
Oggi, la Chiesa venera questi tre Magi come santi. Essi sono in modo specialissimo i nostri protettori, essendo le primizie dei gentili nel regno glorioso di Cristo.

Foto: il reliquiario nella Cattedrale di Colonia, che venne costruita per ospitare le reliquie dei Re Magi (la cui cassa reliquiaria è uno dei più begli esempi di Arte mosana), portate da Milano dall’imperatore Federico Barbarossa e consegnate all’Arcivescovo di Colonia Rainald von Dassel nel 1164.

89.31.72.207