In evidenza

Dopo Panama, Lisbona ? La GMG torna in Europa

La Giornata Mondiale della Gioventù del 2022, la quattordicesima a livello internazionale, si svolgerà a Lisbona, in Portogallo. L’annuncio ufficiale sarà fatto a Panamá, al termine della Messa conclusiva della GMG del prossimo 27 gennaio, e in cui il cardinale patriarca Manuel Clemente, insieme a diversi vescovi portoghesi, sarà presente per ricevere idealmente il testimone dalle mani del Papa. L’indiscrezione, confermata da varie fonti ecclesiastiche, è stata lanciata dal blog “Religionline” e ripresa da numerosi siti e quotidiani portoghesi. Nella capitale del piccolo stato centroamericano è prevista la presenza anche del presidente della Repubblica Marcelo Rebelo de Sousa.

Fontolan: ‘Il rischio educativo’ e la passione di don Giussani per i giovani

Opera fondamentale e tra le più originali della produzione di Luigi Giussani, ‘Il rischio educativo’ esprime la preoccupazione che è al centro dell’intera sua proposta: “Il tema principale, per noi, in tutti i nostri discorsi, è l’educazione”. Tre i fattori costitutivi della proposta dell’autore: la comunicazione di una tradizione, dentro una esperienza presente, per liberare i giovani e metterli nelle condizioni migliori per valutare criticamente ogni aspetto della realtà.

Papa Francesco all’associazione Rondine: i diritti ed i doveri accrescono la coscienza

In occasione del ventennale della fondazione dell’associazione ‘Rondine-Cittadella della Pace’ papa Francesco ha salutato i presenti all’udienza: “Saluto il Presidente, Signor Franco Vaccari, e lo ringrazio per la sua introduzione. Saluto il card. Gualtiero Bassetti, che fin dagli inizi ha sostenuto questa realtà sentendo in essa il ‘profumo’ del venerabile Giorgio La Pira, e l’arcivescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Riccardo Fontana.

Mattarella al Sermig: Bambini, i pregiudizi per la diversità non hanno motivo

Lunedì 26 novembre il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, ha visitato per la terza volta il Sermig, luogo simbolo della città proprio nell’anno in cui ricorre il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Un incontro non solo con le istituzioni, ma anche con ragazzi e giovani che sono l’anima di questi luoghi i cui muri hanno ospitato armi e munizioni, ma che dal 1983 racconta un’altra storia, fatta di solidarietà e di pace, di testimonianza di fede e di servizio agli altri a chi ha più bisogno.

Sardegna Solidale in udienza dal Papa

Venerdì 30 novembre a mezzogiorno 700 volontari sardi saranno ricevuti nell’Aula Paolo VI in Vaticano da Papa Francesco. Il Pontefice ha accolto la richiesta del Centro di servizio per il volontariato “Sardegna Solidale” in occasione dei primi vent’anni di attività, che sarà presentata all’inizio dell’udienza speciale dal cardinale sardo Angelo Becciu, prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, insieme agli arcivescovi mons. Arrigo Miglio di Cagliari e mons. Ignazio Sanna di Oristano, e a mons. Mauro Morfino vescovo di Alghero-Bosa.

Il papa alle corali: il canto è strumento di evangelizzazione

Nello scorso fine settimana in Vaticano si è svolto l’incontro internazionali delle corali, organizzato dal Pontificio consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione in collaborazione con la Nova Opera Onlus, ricevuti in udienza da papa Francesco: “La vostra presenza in questa Aula ha permesso di far risuonare musiche e canti che in qualche modo sono andati al di là delle mura: avete risvegliato il Vaticano! E’ bello ascoltare le vostre melodie e percepire la gioia e la serietà con cui date voce tutti insieme alla bellezza della nostra preghiera”.

Venezia: il patriarca Moraglia invita a sconfiggere l’indifferenza

Il 21 novembre di ogni anno, da quasi quattro secoli, si celebra a Venezia la festa della Madonna della Salute. Essa condivide le stesse radici della festa del Redentore; infatti nasce da un’epidemia di peste del 1630-1631. Disperati, il doge Nicolò Contarini e il patriarca Giovanni Tiepolo, organizzarono una processione di preghiera che raccolse tutti i cittadini superstiti e ebbe la durata di tre giorni e tre notti.

Padre Nostro e Gloria, la traduzione secondo Benedetto XVI

Nel prevedibile dibattito sorto dall’approvazione della Conferenza Episcopale italiana della nuova versione del Padre nostro (“non abbandonarci alla tentazione”) e del Gloria (“pace in terra agli uomini, amati dal Signore”), contenute nel nuovo Messale in attesa d’approvazione da parte della Santa Sede, sono state citate da più parti le parole di Benedetto XVI contenute nella trilogia “Gesù di Nazaret”.

Mons. Delpini: la resistenza semina speranza

Nella diocesi di Milano, secondo il calendario ambrosiano, domenica 18 novembre è iniziato il tempo di Avvento e mons. Delpini ha invitato a viverlo con la ‘resistenza’, che può vincere l’impazienza ed illuminare la storia: “Il tempo tribolato non passa mai, dura in modo esagerato. Chi non riesce a dormire nella notte, guarda l’orologio e sembra fermo tanto sono lenti i minuti. Chi aspetta un conforto o un sollievo, tiene d’occhio la porta: e non si apre mai”.

Papa Francesco alla fondazione Ratzinger: arte e teologia per nutrire il mondo di speranza

Sabato 17 novembre nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico Vaticano, papa Francesco ha ricevuto in udienza i membri della Fondazione Vaticana ‘Joseph Ratzinger – Benedetto XVI’, per il conferimento del Premio Ratzinger 2018, giunto alla sua ottava edizione a conclusione del VIII Simposio internazionale, nel quale ha incoraggiato “a continuare a studiare i suoi scritti, ma anche ad affrontare i nuovi temi su cui la fede viene sollecitata al dialogo, come quelli che sono stati da voi evocati e che considero attualissimi, della cura del creato come casa comune e della difesa della dignità della persona umana”.

89.31.72.207