In evidenza

Giornata dei poveri: il papa invita ad amarli con i fatti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Papa Francesco nel messaggio di presentazione della prima Giornata mondiale dei poveri, da lui istituita al termine del Giubileo della Misericordia e che si celebra domenica 19 novembre in tutte le diocesi ha proposto il tema ‘Non amiamo a parole ma con i fatti’. Il titolo riprende un passo della Prima Lettera di Giovanni con il richiamo alla concretezza: ‘Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità’ che riecheggia quanto papa Francesco disse a Firenze ai vescovi e alla Chiesa italiana: ‘Non mettere in pratica, non condurre la Parola alla realtà, significa costruire sulla sabbia, rimanere nella pura idea e degenerare in intimismi che non danno frutto, che rendono sterile il suo dinamismo’.

Milano: mons. Delpini propone ai nonni un’alleanza contro lo ‘spavento’

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nella diocesi di Milano, come di consuetudine del calendario ambrosiano, domenica scorsa è iniziato il tempo di Avvento, con un dialogo informale con i nonni seduti nei primi banchi del duomo. Il card Delpini ha risposto alle loro domande: “Siamo qui insieme per celebrare l’inizio dell’Avvento e il patrimonio che siete voi nonni. Anzitutto voglio dirvi che la Chiesa è vostra alleata…

Papa Francesco contro il nucleare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Al termine del summit nell’Aula Paolo VI in Vaticano sulle ‘Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale’, organizzato dal Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale è stato lanciato un appello affinché le relazioni internazionali non siano dominate ‘dalla forza militare e dalle intimidazioni reciproche’ e la bussola da seguire, secondo i premi Nobel per la pace e i leader mondiali della società civile, è quella di papa Francesco: ecologia integrale, globalizzazione della solidarietà, disarmo, come ha sottolineato l’egiziano Mohamed el-Baradei, direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiae):

Giornata del Ringraziamento: alleanza tra uomo e ambiente

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

La terra è ‘una realtà da custodire’; e la Chiesa si attiva richiamando il “forte richiamo dell’enciclica Laudato sì alla cura della casa comune, la sua percezione di un’interdipendenza globale che ‘ci obbliga a pensare a un solo mondo, ad un progetto comune’, il suo richiamo a ‘programmare un’agricoltura sostenibile e diversificata’”: è un passaggio del messaggio che la Commissione episcopale Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, la custodia del creato, ha elaborato in occasione della 67ª Giornata nazionale del ringraziamento che si celebra domenica 12 novembre.

Mons. Delpini: san Carlo Borromeo faro della Chiesa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nella Solennità in cui si ricorda il copatrono della Diocesi, san Carlo Borromeo, l’arcivescovo riformatore della Chiesa ambrosiana, mons. Delpini ha presieduto il Pontificale e conferito l’ordinazione ai cinque candidati al Diaconato Permanente, concelebrante il card. Scola. Cinque uomini, tutti sposati e padri di famiglia, che, nella Cattedrale gremita, sono accompagnati da mogli e figli.

La Chiesa fa proposte concrete per il lavoro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Da Cagliari le Settimane Sociali dei cattolici si chiudono con sette importanti proposte all’Italia ed all’Europa per creare lavoro e sviluppo nella prospettiva di un patto tra le generazioni volte ad assicurare ai giovani un’occupazione ‘degna’ e di ‘qualità’. La Chiesa ha proposto all’Europa tre interventi specifici.

Da Norcia il card. Parolin lancia un appello per la ricostruzione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Norcia ha ‘ricordato’ il terremoto di un anno fa con il segretario di Stato vaticano, card. Pietro Parolin, che nell’omelia della celebrazione eucaristica in piazza san Benedetto, ha affermato: “Il terremoto tra il 26 e il 30 ottobre 2016 sconvolse il normale ritmo della vita di queste terre, ricche d’arte, di bellezze paesaggistiche e di tradizioni culturali, che hanno trovato la loro più solida ispirazione nella fede cristiana.

Papa Francesco: la misericordia è mezzo di evangelizzazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

“Anno Santo. Non possiamo permetterci che tanto entusiasmo venga diluito o dimenticato. Il Popolo di Dio ha sentito fortemente il dono della misericordia e ha vissuto il Giubileo riscoprendo in particolare il Sacramento della Riconciliazione, come luogo privilegiato per fare esperienza della bontà, della tenerezza di Dio e del suo perdono che non conosce limiti. La Chiesa, ha la grande responsabilità di continuare senza sosta ad essere strumento di misericordia”:

Papa Francesco: il disabile è persona

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nell’udienza concessa ai partecipanti al convegno ‘Catechesi e persone con disabilità’, promosso dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, in occasione del 25° anniversario di promulgazione del Catechismo della Chiesa cattolica, papa Francesco ha sottolineato l’importanza della catechesi per le persone con disabilità. Infatti al n^ 2258 la Chiesa ha sottolineato la dignità delle persone disabili:

Il papa alla Fao: garantire la sicurezza alimentare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Al termine del discorso alla Fao papa Francesco ha scritto questo messaggio nel libro d’onore: “Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare’. Su ciò saremo giudicati. Ringrazio la FAO per i grandi sforzi che porta avanti”.

89.31.72.207