In evidenza

Dalla Germania la via della pace è la preghiera

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Con l’accensione dei candelabri e la firma dell’appello della Comunità di Sant’Egidio, seguito da uno scambio di pace, si è concluso nella piazza di Osnabruck l’Incontro internazionale ‘strade di pace: religioni e culture in dialogo’, che ha riunito uomini e donne di religioni e culture diverse per tre giorni di dialogo e preghiera gli uni accanto agli altri. Nell’appello finale leader religiosi e politici hanno ribadito la necessità di trovare nuove strade di pace per ‘vincere la paura e i pregiudizi che portano a allontanare l’altro, solo perché diverso o perché non lo si conosce, spesso senza capirne le ragioni’:

Da Astana un documento interreligioso sulla tutela delle risorse energetiche

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nello scorso fine settimana la Santa Sede ad Astana in Kazakhistan, nell’ambito dell’Expo 2017 ‘Future Energy’, ha firmato una dichiarazione di intenti in cui si è sottolineato che l’energia è un diritto di tutti e garanzia dell’accesso a essa dei più poveri e isolati; opposizione a qualsiasi progetto energetico su larga scala che non abbia valutato l’impatto ambientale e sociale; transizione a fonti di energia non inquinanti e diminuzione della dipendenza da combustibili fossili; astensione dalla massiccia produzione di prodotti a breve durata che incentivano una cultura dello spreco; messa al bando della produzione e dell’uso delle armi nucleari.

Papa Francesco di nuovo a Roma

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

L’aereo di ritorno del Viaggio Apostolico in Colombia è atterrato all’aeroporto di Roma-Ciampino lunedì 11 settembre e subito dopo il papa si è recato alla Basilica di Santa Maria Maggiore per ringraziare la Madonna della Salus Populi Romani del felice esito del suo ventesimo viaggio apostolico. Durante il viaggio di ritorno papa Francesco ha inviato telegrammi ai Capi di Stato dei rispettivi Paesi sorvolati.

Il papa affida la Colombia a san Pietro Claver ed alla Madonna di Chiquinquirá

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

“La carità aiuta a comprendere la verità e la verità esige gesti di carità”: con questo tweet papa Francesco ha aperto l’ultima giornata della visita pastorale in Colombia, apertasi con la benedizione a Cartagena, dove ha benedetto la prima pietra della casa per i senza tetto dell’opera ‘Talitha Kum’, che è una Rete Internazionale della Vita Consacrata contro la tratta delle persone, nata nel 2009 da un progetto dell’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG).

Papa Francesco a Medellin: la Chiesa non chiuda la porta a chi cerca

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nella penultima giornata colombiana papa Francesco ha invitato i fedeli a prendersi cura di chi ha fame di Dio: “Oggi sono molti quelli che hanno fame di Dio, fame di dignità. E, come cristiani, dobbiamo aiutarli a saziarsi di Dio”. Il tweet è stato ripreso nel mattino a Medellin durante la celebrazione eucaristica in cui ha ricordato la memoria di san Pietro Clavier ha chiesto di essere una chiesa aperta ed accogliente, come racconta il vangelo di san Luca nella chiamata dei dodici apostoli:

Papa Francesco: la santità via di riconciliazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

La terza giornata di papa Francesco in terra colombiana è iniziata con il ringraziamento agli agenti di polizia ed ai cappellani: “Voglio ringraziarvi, ha detto, anche per tutto quello che avete fatto e continuerete a fare in questi giorni, durante la mia visita. Lavoro in più … Però, soprattutto vorrei ringraziarvi per quello che avete fatto e quello che fate per la pace, mettendo a rischio la vostra vita”. Poi ha ricordato che questo è quello che ha fatto Gesù: ‘ci ha riappacificato con il Padre’, dando la propria vita. “Questo, ha aggiunto, vi rende ancora più fratelli di Gesù: rischiare la propria vita per ottenere la pace. Vi auguro di poter vedere consolidata la pace in questo Paese, che se la merita”.

Papa Francesco: la riconciliazione è futuro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

“La riconciliazione si consolida con il contributo di tutti, permette di costruire il futuro e fa crescere la speranza”: con questo tweet papa Francesco ha invitato i colombiani alla pace, concludendo la giornata con un ‘grande’ incontro di preghiera per la riconciliazione nazionale davanti ad una folla desiderosa di mettere alle spalle, senza dimenticare, un tratto di storia pieno di violenza.

Papa Francesco ha invitato i colombiani a gettare le reti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Nel primo giorno della visita colombiana papa Francesco in un tweet ha chiesto passione e riconciliazione: “Vi incoraggio a confidare nel Signore, l’unico che ci sostiene e ci incoraggia per contribuire alla riconciliazione e alla pace”, come ha scritto nel Libro d’oro, dopo la preghiera all’immagine di Nostra Signora di Chiquinquirá: “Da questa Cattedrale chiedo all’Immacolata Vergine Maria di non smettere di guidare e di prendersi cura dei propri figli colombiani e di guardare sempre con i loro occhi misericordiosi”.

Francesco in Colombia, il primo giorno per la riconciliazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Un paese che sia patria per tutti. Papa Francesco nel primo discorso ufficiale in Colombia davanti alle autorità civili della nazione e al Presidente ribadisce il senso del suo viaggio sulla orme di Paolo VI e Giovanni Paolo II, e dice che solo “con fede e speranza, si possono superare le numerose difficoltà del cammino e costruire un Paese che sia Patria e casa per tutti i colombiani”.

Papa Francesco in Colombia: facciamo il primo passo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Secondo i dati del trasponder dell’Az4000 (A330) il velivolo in cui viaggiava Papa Francesco, dopo 12 ore e 30 minuti di volo, è atterrato nell’aerostazione internazionale di Bogotá ‘El Dorado’.

89.31.72.207