Blog dell’Editore

Per un’informazione coraggiosa. Un vero giornalista non può essere indifferente di fronte ai fatti

“La squadra di Report raccoglie con entusiasmo l’invito del Santo Padre al coraggio dell’informazione. Abbiamo già dedicato una puntata in passato al problema di rendere accessibile i vaccini e le cure ai poveri del mondo. Chiuderemo la serie autunnale di Report proprio parlando dei vaccini e con una riflessione sull’indifferenza”. Così il conduttore di Report, Sigfrido Ranucci, commenta le parole di Papa Francesco sui giornalisti.

Numeri ufficiali Covid-19 del 23 gennaio 2021. Operazione “Basso profilo”: arrestato Errigo, della squadra del Commissario straordinario Arcuri

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 ufficiali del Ministero della salute di oggi sabato 23 gennaio 2021

Ricoverati con sintomi: 21.403 (-288) (-1,33%)
In terapia intensiva: 2.386 (-4) (-0,17%) [con 174 nuovi ingressi del giorno] [*]
Deceduti: 85.162 (+488) (+0,58%)
[*] Dato molto importante, perché permette di verificare al di là del saldo quante persone sono effettivamente entrate in terapia intensiva nelle ultime 24 ore oggetto della comunicazione.

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 252 (+1)

“Si può cancellare la vita umana affittando un sicario, per risolvere il problema?” (Papa Francesco)

Un Comunicato della White House per il 48° anniversario di Roe v. Wade che ha legalizzato l’aborto fa sapere che Biden, ha intenzione di codificare una legge federale sull’aborto. Cosa ne pensa suo amico Francesco che ha ripetuto in diverse occasioni: “Si può cancellare la vita umana affittando un sicario, per risolvere il problema?”.

Calabria. “Tanto si ammazzano tra di loro”. Convivere o denunciare, il punto del non ritorno

“Penso spesso cosa sarebbe stato di me se fossimo rimasti in Calabria. La risposta è semplice: sarei divento una persona onesta come Gratteri e la maggior parte dei calabresi, oppure una delle persone che il magistrato mette in galera. Questa, grosso modo, è la linea di demarcazione nuda e cruda in Calabria. Era così nel 1958. Purtroppo in molti posti è ancora così” (Phil Pullella).

Con la Calabria e per la Calabria in zona rossa per il Covid-19. Il trentesimo instant book della collana Volti di Speranza della Fondazione Santina Onlus ha per titolo NICOLA (Edizioni Messaggero Padova, 140 pagine). Gli autori Enzo Romeo e Mons. Luigi Ginami presentano il magistrato anti ‘Ndrangheta Nicola Gratteri e accanto a lui anche molti altri protagonisti: Franco Romeo, cardiologo di fama internazionale; Celeste Lo Giacco, segretaria comprensoriale della Cgil della piana di Gioia Tauro; Filippo Cogliàndro, chef rivoluzionario; Gloria Tenuta, imprenditrice nel business delle verdure “Frozen”; e altri meno conosciuti ma altrettanto tenaci. I testimoni della Calabria, tutti rigorosamente calabresi, con la proverbiale tenacia degli abitanti della Calabria. Si sono intestarditi a estirpare la malapianta dell’illegalità e a piantare semi di bene e di speranza in una terra che ha tante ragioni di sofferenza e che oggi soffre ancora di più a causa della pandemia.

Il Presidente Pro-vita dei vescovi statunitensi risponde alla dichiarazione del Presidente e Vicepresidente degli Stati Uniti in occasione dell’anniversario di Roe v. Wade

In una dichiarazione ieri 22 gennaio 2021, il Presidente Biden e il Vicepresidente Harris hanno celebrato l’anniversario di Roe v. Wade, che ha ribaltato tutte le restrizioni limitanti all’aborto in tutta la nazione, definendo la decisione un progresso dei diritti e della salute delle donne. L’Arcivescovo Joseph F. Naumann di Kansas City nel Kansas e Presidente del Comitato per le attività per la vita della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, ha risposto (segue la nostra traduzione italiana di lavoro e il testo originale in inglese).

Cosa Nostra, ‘Ndrangheta, Massoneria, Servizi Segreti e Politica. Un connubio devastante raccontato in una sentenza storica

La Corte d’Assise di Reggio Calabria alza il tiro e punta ai mandanti occulti delle stragi: nelle motivazioni della sentenza il sistema perverso di potere fatto di ‘Ndrangheta, Cosa Nostra, massoneria deviata, politica e servizi segreti. Dalle alleanze criminali alla nascita di Forza Italia.

Ecco la musica dei giovanissimi ragazzini, non solo di quelli che si picchiano in piazza… ma anche dei nostri figli

Il testo che di seguito condivido – uno studio-editoriale del 14 gennaio 2021 di Marco Brusati nella sezione Media Education del suo Blog Dire Oltre [QUI] – “non va letto né per scandalizzarsi, né per condannare i suoi autori e fruitori, di cui, semmai, va sentito il grido d’aiuto che deve trovare risposta”. “Le maxi-risse tra giovanissimi ragazzini sono un fenomeno pericolosamente in crescita”, non vanno viste “come mera ed immediata conseguenza o del lockdown o della chiusura delle scuole o dell’uso distorto dei Social”, che ne hanno accelerato la manifestazione, ma non lo hanno generato, sottolinea Brusati, analizzando il ruolo della musica, con la donna come oggetto sessuale della gang, la droga, le armi, le attività illegali e la vita da “gangster”, gli insulti alle Forze dell’Ordine, le minacce. Con Brusati entriamo nel mondo degli “adolescenti, preadolescenti e persino bambini – del quale è un profondo conoscitore -, i quali, senza questi progetti nello smartphone, non lo avrebbero incontrato, accettato e normalizzato nella solitudine delle loro camerette. Esiste una relazione circolare elastica tra parola, iconografia e pensiero; così come tra pensiero, immaginario condiviso, percezione di sé, considerazione dell’altro-da-sé e azioni che si ritengono lecite o non lecite. Che tipo di parola e di iconografia si stia diffondendo, ora potrebbe risultare un po’ più chiaro. E senza interventi educativi strutturati a livello di istruzione scolastica e formazione cristiana, non aspettiamoci risoluzioni spontanee”.

La Cruz del Llanito de las Descalzas di Aguilar de la Frontera è stata demolita, buttata nella discarica di Moriles e poi sparita

Il Sindaco comunista e filoislamista di Aguilar de la Frontera, comune dell’Andalusia in Spagna, Carmen Flores di Izquierda Unida, in odio anti-cristiano ha fatto demolire arbitrariamente la Cruz del Llanito de las Descalzas situata nel complesso storico-artistico del Monastero di San José e San Roque, dichiarato Bene di Interesse Culturale nel 1983. Nonostante l’opposizione dei cittadini e il fatto che la Croce non violava la Legge della Memoria Storica, visto che non recava alcuna iscrizione, il Sindaco comunista ha provveduto a farla demolire, anche senza l’approvazione del Consiglio Comunale o di aver ottenuto il permesso di modificare il patrimonio protetto dell’ambiente dove si trovava.

Numeri ufficiali Covid-19 del 22 gennaio 2021. Si è dimesso il sindaco di Wuhan, ultimo in una serie di politici locali rimossi. Il nostri restano bullonati alla poltrona…

Alla vigilia del primo anniversario del lockdown dei suoi 11 milioni di cittadini, il sindaco di Wuhan, Zhou Xianwang (foto di copertina) ha rassegnato le proprie dimissioni. Un anno fa rimase al suo posto, mentre i vertici provinciali del Partito Comunista Cinese furono rimossi. Anche la rivolta social dei cittadini di Wuhan non è bastata a convincere il Politburo di Pechino, che storicamente decide senza ascoltare più di tanto le voci popolari. In seguito alle critiche post Capodanno cinese, Zhou aveva ammesso alla Tv di stato che le misure prese per contenere l’epidemia del nuovo coronavirus cinese di Wuhan non erano state sufficienti e fece una rivelazione pesante: oltre 5 milioni di residenti di Wuhan erano partiti per le vacanze in patria e all’estero per il Capodanno lunare. La sua mossa portò diversi Paesi a decidere lo stop ai voli dalla Cina.
Per le persone morte in Italia nessuno si prende la responsabilità o viene chiamato a rispondere in sede giudiziaria. Un #brancodibalordi che appartengono alla sesta categoria, quello che ho aggiunto alle cinque in cui Sciascia ha diviso l’umanità: ‘A schifezza ra schifezza ra schiefezza ra schifezza ‘e l’uommene.

Arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco risponde a Nancy Pelosi: “Nessun cattolico in buona coscienza può favorire l’aborto”, che è un “spregevole male”

L’Arcivescovo di San Francisco, Mons. Salvatore J. Cordileone con una dichiarazione ha risposto al Presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi (Partito Democratico, California), che ha definito gli elettori pro-vita di Trump dei venduti. In un podcast del 18 gennaio 2021 con l’ex Senatore e Candidato alla Presidenza Hillary Clinton, il Presidente della Camera ha affermato che il sostegno degli elettori pro-vita per l’ex Presidente Donald Trump era una questione che le causa “grande dolore come cattolica”. “Penso che Donald Trump sia stato Presidente a causa della questione del diritto di scelta di una donna”, ha detto dell’aborto, implicando che gli elettori pro-vita hanno portato Trump alla vittoria nel 2016. Ha aggiunto che questi elettori “erano disposti a tradire l’intera democrazia per quell’unica questione”. L’Arcivescovo della Pelosi ha replicato ai suoi commenti sull’aborto e sul voto.

89.31.72.207