blog

I paradossi del cattolicesimo borghese (1): evviva l’etica… ma non troppo!

In queste brevi riflessioni voglio evidenziare alcune storture dell’attuale modo di essere cattolici. Queste storture vengono qui chiamati paradossi, benché il senso etimologico della parola lo sconsiglierebbe, e sono tipiche di un cattolicesimo borghese, cioè di quel cattolicesimo praticato e vissuto nei Paesi che economicamente sono più avvantaggiati.

Il mistero dell’Ascensione

«Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose (Ef 4,10)».

Il gioco in teologia.

La ricerca prende le mosse, dal punto di vista metodologico, dall’idea elaborata da Paul Ricoeur a riguardo di un pensiero a partire dai simboli, e tenta di applicare questo metodo al tema del gioco per farne una ‘categoria’ utilizzabile in ambito teologico. 

Il tutto nel frammento

Forse ti starai chiedendo: ma c’è proprio necessità di un blog sulla teologia? A ben vedere diversi sono i blog sulla teologia e alcuni di questi sono anche molto validi. Persone competenti parlano e trattano di teologia. Tuttavia vorrei dare vita ad un’avventura un po’ diversa per tre motivi.

www.twitter.com/RobertaLeone

w

proprietà

ma cosa se ne fanno i Benedettini di Praglia di tutte queste proprietà oltre l’Adriatico?

Attraverso la preghiera si trova l’amore tra le braccia di DIO.

Ognuno di noi e’ un po’ come il bambino ,che nella preghiera, in quei momenti di tenerezza e di devozione , si getta fra le braccia di DIO, si riceve cosi una chiara risposta, un sublime dono,il cuore trabocca di amore ,diventa una guida per camminare seconda la Divina volonta’, e tutto cio’ che ci circonda ci appare in una luce diversa,sembra tutto Divina volonta’ , percio’ la si ama, anche in un contesto terreno a dir poco avverso si ha cosi’ la certezza di una presenza dentro il proprio essere che mai ci abbandona,ci rivitalizza nell’essere sua presenza e immagine in questo mondo, proiettandoci in una strada che sconfina la vita terrena , arrivando alla vita spirituale che gia’ fa parte delle nostre certezze, spesso nell’umanita’ che ci circonda si ignora quella voce che grida nel profondo del nostro cuore, si cerca quella giustificazione che mette in risalto il nostro limite come scusa per non fare,il frutto delle nostre preghiere rimane cosi dentro di noi ,quando andrebbe esternato e realizzato nell’altro,la logica del mondo che ben conosciamo e che ci permette di garantire il nostro io piega anche una chiara volonta’ interiore che vive nel nostro cuore,cedendo all’egoismo e all’apparente bene della vita propria,mettendo in secondo piano il costruire il bene dell’altro, ocultando e rendendo vano quel dono che DIO manifesta nei nostri cuori , ce’ la necessita’ di essere concretamente Chiesa, strumento funzionante nella Chiesa,lanterna accesa per il mondo,ognuno con il proprio essere puo’ essere strumento di DIO,da cristiani,da Angelo,da suora,da sacerdote,da frate, DIO ci ha creati liberi e grandi se’ la fede in lui e’ grande,la fede non e’ una valigia che possiamo mostrare all’altro,ma possiamo mostrarla con le nostre opere nel cammino terreno che DIO ci propone, in quella liberta’ che DIO ci ha donato e che a volte diciamo impropriemente di possedere , perche’ barattata con valori terreni non conformi alla volonta’ di DIO, a volte ci si rende conto che siamo illusi di possederla ,nella vita si presentano occasioni che ci dimostrano che la liberta’,la piu’ importante ,che e’ quella di amare liberamente, non la si possiede piu’, la si perde quando siamo costretti a non seguire la volonta’ di DIO,disubbidendo al vangelo, piegandoci alla volonta’ dell’uomo, seguendo quella che lui stesso ci propone , seppur La libertà che DIo ci concede non può essere assoluta, perchè l’Uomo non è Dio, ma immagine di Dio, sua creatura, dovrebbe essere assoluta tra tutti gli esseri umani per seguire la volonta’ di Amore di Gesu’ ,ogni essere umano e’ stato creato e arricchito di questa guida da DIO, Per l’essere umano, il cammino da seguire non può essere l’arbitrio, secondo le sue convinzioni e volonta’,ma guidato dalla volonta’ di DIO, con regole chiare,che garantiscono dignita’ e liberta’ di Amore nella struttura umana di uomo e donna ,ma ugualmente chiamati a condividere valori e sviluppare l’umanita’ secondo la volonta’ DIvina nell’uguaglianza, il desiderio piu’ profondo di ogni essere umano a cui dovrebbe aspirare consiste nel corrispondere alla struttura voluta dal Creatore,senza mai intaccare i valori indicati ,che Gesu’ con i suoi insegnamenti ha mostrato nella sua forma perfetta ,la parola riportata nei Vangeli di Gesu’ Grida accoglienza,fraternita’,uguaglianza,dono,comunione, umilta’, tutto cio’ che porta all’amore per DIO e tutto il suo creato, sono semplici concetti che personalmente mi sono state indicati un po’ da tutti ,e che oggi ribadisco .

Pace e Amore

Il fondamento della pace.

L’amore è la maggiore caratteristica della fede . Questo e’ anche il fondamento della pace, sappiamo che una pace duratura può essere costruita soltanto sull’amore e sulla fede in DIO, sul rispetto vicendevole, sulla comprensione delle tradizioni e dei desideri del nostro prossimo, creato nell’uguaglianza, nel dono di DIO ,il creato e’ una creazione che ha nell’amore l’equilibrio di mantenimento,la perdita di tale volonta’ da parte dell’essere umano chiamato a custodire cio’ che DIO gli ha affidato porta al degrado e alla distruzione del pianeta e delle creature che lo popolano,primi tra tutti gli esseri umani chiamati a migliorare e non a distruggere cio’ che DIO gli ha affidato, evolvendo e perfezionando sempre di piu’ la logica dell’amore per tutto il creato . Gesu’ e’ sempre stato assolutamente fermo nel suo rifiuto assoluto della violenza come mezzo per raggiungere scopi ultimi a beneficio dell’umanita’ , Il rispetto della creazione,del cielo ,della terra e di tutte le sue risorse da cui l’uomo trae beneficio per un buon vivere ,sono priorita’ indiscutibili su cui l’uomo non deve mai prescindere, nel rispetto di chi li ha create e donate queste cose, la violenza chiama altra violenza e non la pace,l’amore, la fraternita’,ancora piu’ concreta se vista e vissuta nella diversita’ di colore della pelle e di sapienze nella propria fede, cio’ rende fratelli agli occhi del nostro Divino creatore, queste sono le certezza che portano l’essere umano alla sua maturazione ultima voluta da DIO,che costruisce la pace e il benessere nella sapienza Divina tra gli esseri umani , solo quando l’essere umano comprendera’ cio’ pienamente i frutti della pace dell’amore e dell’uguaglianza saranno visibili a tutti, e ne potranno cosi beneficiare coloro che nati nella poverta’ e debolezza non gli e’ oggi permesso vivere una vita terrena dignitosamente come altri ,minacciati gia’ dalla nascita dalla guerra e dalla fame garantita da un mondo di egoisti accecato dal potere. E’ una priorita’ assoluta dare a loro ancora bambini la possibilita’ di conoscere il mondo terreno , avendo la possibilita’ di poter coltivare la fede nell’arco della propria vita umana,volonta’ voluta da DIO e trasmessa dai suoi figli per un fine comune di amore e comunione Divina.

Pace e Amore.

89.31.72.207