Carità

Vale correre: gara sportiva e impegno per il volontariato

Come tanti ricorderanno, la manifestazione è dedicata a Valentina Venanzi, la giovane volontaria della Croce Rossa e di altri progetti dedicati al sociale, che ha perso la vita il 2 agosto 2008 in un tragico incidente stradale sulla via Portuense – Roma. E’ nel ricordo di Valentina e del suo grande impegno sociale che amici e parenti hanno ideato “Vale Correre”, un evento che cerca di sensibilizzare giovani e adulti sui temi del volontariato, della sicurezza stradale e allo stesso tempo sostenere alcuni progetti di solidarietà ai quali Valentina era particolarmente legata avendone fatto uno scopo di vita. Anche quest’anno perciò, il ricavato di “Vale Correre” sarà destinato a progetti socio-sanitari in collaborazione con i giovani volontari della Croce Rossa di Roma. “Vale Correre” avrà la forma di una gara competitiva di 7,2 km e di una gara non-competitiva di 3.2 km.

A fine premiazioni, verso le ore 11.00, ci sarà uno spazio dedicato ai bambini fino ai 12 anni (con adesione gratuita), chiamati a cimentarsi in una “speciale mini-corsa” che si annuncia come uno dei momenti più divertenti della manifestazione. E’ attesa la partecipazione di oltre 700 atleti e non, di tutte le età. Ai partecipanti verrà offerta la possibilità di usufruire del servizio ludoteca, sottoporsi gratuitamente allo screening su ipertensione e glicemia e al Controllo indice massa corporea presso lo stand allestito dalla Croce Rossa.

 

info su: www.valentinavenanzi.it

L’Orchestra Sinfonica di Roma suona per i bambini del Policlinico Gemelli

Anche oggi 6 maggio l’Auditorium Conciliazione ospita un concerto di beneficienza dell’Orchestra Sinfonica di Roma a favore dell’Unità Operativa di Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli. Tutto il ricavato della vendita dei biglietti sarà devoluto alla Divisione Oncologica dei più piccoli e impiegato nelle attività assistenziali e di ricerca. L’Orchestra Sinfonica di Roma, diretta dal Maestro Francesco La Vecchia, suonerà musiche e brani per violino e orchestra: “La struggente Visione” di Luigi Cherubini e Malipiero nel primo tempo e gli Adagi e i Notturni per Orchestra di Martucci, Albinoni e Mahler nel secondo intervallo. “Ringrazio l’Orchestra Sinfonica di Roma – ha detto Riccardo Riccardi,  direttore dell’Unità Operativa di Oncologia Pediatrica dell’Università Cattolica Policlinico  Gemelli di Roma – per la sensibilità e la generosità dimostrata verso i nostri piccoli pazienti. Siamo contenti di vedere crescere le iniziative a sostegno del nostro Reparto”.

Aibi: aprirsi al sostegno senza distanza

Qualsiasi dono, per un bambino abbandonato è prezioso; lo ha raccontato Andrea Chiesa, il volontario espatriato di Ai.Bi. in Repubblica Democratica del Congo: “La settimana scorsa mi sono recato presso il Centro Mheed e, mentre mi avvicinavo all’ufficio del coordinatore per ricevere informazioni in merito ad alcuni bambini per i quali stiamo facendo le indagini sociali, ho incontrato Jean, un ragazzino di 13 anni circa, che è arrivato da pochi giorni presso l’istituto. L’ho trovato solo, rannicchiato all’angolo di un’abitazione, che piangeva. Vista la situazione, mi sono subito avvicinato al bambino per comprendere quale fosse il problema e in che modo potessi aiutarlo. Subito Jean mi ha spiegato che era arrivato al Centro solo qualche giorno prima e che non conosceva ancora nessuno, salvo due o tre coetanei che tuttavia non riusciva a trovare. Il centro Mheed, infatti, è molto grande (quasi 10 ettari di estensione) e le abitazioni sono sparse da una parte e dall’altra delle colline, separate da un piccolo fiumiciattolo che vi scorre nel mezzo.

In ricordo di Carlo Urbani a 10 anni dalla sua scomparsa

Carlo Urbani era il medico di Castelplanio (An) che scoprì per primo la SARS bloccando una sicura pandemia e rimanendone purtroppo vittima. Il 29 marzo sono trascorsi 10 anni dalla sua scomparsa. In questo Anno della Fede la sua figura è testimonianza viva, ma se la comunità scientifica internazionale lo sta ricordando è perché la sua azione contro la Sars è considerata la ‘prova generale’ per un prossimo futuro. Il riferimento principale di Carlo Urbani era la Provvidenza, alla quale lo scienziato faceva riferimento in ogni istante della sua vita. ‘Scappiamo in Italia’, gli aveva chiesto la moglie Giuliana Chiorrini all’insorgere dell’epidemia, preoccupata come madre di tre bambini. ‘Se di fronte alla malattia il medico scappa, chi resta?’, le rispose Urbani, che in tutti i 47 anni di vita, mosso da una fede certa e serena, si era ‘chinato’ su ogni persona ammalata con l’atteggiamento del samaritano. Per questo aveva accettato di lasciare l’ospedale di Macerata e le Marche per lavorare in Africa, nella Cambogia terrorizzata dai Khmer Rossi, e infine in Vietnam, inviato dall’Oms a coordinare le politiche sanitarie in tutto il Sud-est asiatico contro le malattie parassitarie. Due le sue forze: l’amore per una famiglia che lo seguiva ovunque e la preghiera: “Se c’è un mutilato gli occhi del chirurgo sono sulle ferite, ma quello sguardo poi va alzato”.

 

“Fortemente” felici

In primo piano anche la catena della felicità, collegata al concorso degli abbracci. Funziona così: a Rieti e dintorni sono stati distribuiti gratuitamente migliaia di tagliandi, con i quali è possibile donare un abbraccio a chi vuoi tu. Il tagliando va poi donato alla persona abbracciata, che a sua volta abbraccerà qualcun altro. Si scatta una foto dell’abbraccio che va pubblicata entro domenica 24 marzo sulla pagina Facebook della Onlus Fortemente. La foto che ottiene più “Mi piace” partecipa all’estrazione dei numerosi premi.

E il messaggio degli abbracci è stato recepito anche da diverse insegnanti che hanno fatto proprio il messaggio lanciato dalla Onlus Fortemente: i bambini della scuola dell’infanzia dell’istituto comprensivo di Passo Corese, per esempio, hanno distribuito abbracci a tutta la scuola, portando poi in famiglia questo messaggio di felicità.

Gli appuntamenti continuano anche nel fine settimana: sabato 23 marzo le studentesse dell’Istruzione Formativa tornano a disegnare “smile artistici” sulle mani di piccoli e grandi. L’appuntamento, dalle 17 alle 19, è presso la libreria Gulliver in via Roma e la libreria Moderna in via Garibaldi.

L’estrazione dei premi offerti dalle imprese di Rieti avverrà pubblicamente presso La Maison 57 in via Roma, domenica 24 marzo alle 20 in occasione di un evento di moda, la presentazione della collezione “Alexander McQueen di Fosso”. La comunicazione dei vincitori entro il 27 marzo sulla pagina Facebook della Onlus Fortemente.

“Lebbra: flagello o malattia?” Se ne parla in Laterano, sotto gli auspici del SMOM

Una delle prime richieste che le suore missionarie in Liberia hanno fatto al Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) è stata quella di un pick up. E non per portare le derrate alimentari o i medicinali. Il pick up serviva alle suore per recarsi ai bordi della foresta. Lì finiscono i malati di lebbra, che vengono espulsi dai villaggi per il timore del contagio. Sembra una scena di altri tempi. Invece succede, ancora oggi, in una Liberia ormai pacificata, ma allo stesso tempo distrutta da 15 anni di guerra civile. Si parlerà anche di questo all’incontro etico-scientifico “Lebbra: flagello o malattia? Profili medico-epidemiologici. Aspetti, sociali,  politici e umanitari”. L’incontro si terrà nella Sala Conciliazione del Palazzo Lateranense il prossimo 25 gennaio, a partire dalle 15,30.

Natale solidale con il presepe per il Perù

Un ponte di solidarietà che da Roma arriva fino all’estrema periferia di Lima, in Perù: dopo il successo dell’edizione dell’anno scorso che ha visto oltre 4.000 visitatori, torna il Presepe Vivente Missionario promosso dalla Comunità Missionaria di Villaregia, nella sua sede di Roma, in via Antonio Berlese 55, km 18,700 della Laurentina. La manifestazione – sabato 29 dicembre 2012 e sabato 5 gennaio 2013, a partire dalle ore 15.30 – vuole essere l’occasione per riscoprire il senso vero del Natale attraverso la tradizione del Presepe, senza dimenticare i poveri e gli ultimi. Quest’anno il ricavato dell’iniziativa – il cui ingresso è libero – andrà infatti a sostegno della missione di Lima, dove la Comunità di Villaregia opera dal 1986.

Le sentinelle del mattino: stanco del solito Natale? Più Natal

Nella Parrocchia di San Zeno Vescovo, adiacente al Centro Internazionale di Nuova Evangelizzazione a Verona, è tornata per il quarto anno “ Più Natal”, una serata di worship, preghiera, di adorazione, di canti e di ascolto della Parola di Dio, aperta a tutti. La serata  è stata organizzata e preparata dalle “Sentinelle del Mattino”, i giovani che dal 1988 stanno infiammando le diocesi alla nuova evangelizzazione, formando nuove sentinelle, nuovi leaders capaci di risvegliare parrocchie e singoli cristiani ad una fede viva ed ad una testimonianza efficace nel mondo. Con il loro stile “ di grande spiritualità, unita a modernità e innovazione, di accoglienza unico e attraente”.

Mons. Mogavero: migrazioni, occorre superare la logica dell’emergenza

Nel mese di novembre a Mazara del Vallo si sono svolti i lavori della Conferenza Episcopale Regionale del Nord Africa alla presenza dei Vescovi del Maghreb; aprendo i lavori il vescovo di Mazara del Vallo, mons. Domenico Mogavero, ha citato l’esortazione apostolica ‘Ecclesia in Medio Oriente’: “Occorre superare la logica dell’emergenza, soprattutto per quanto attiene alle migrazioni, e assumere delle strategie progettuali, in considerazione del fatto che esse impongono di gestire l’arrivo massiccio e la presenza nei paesi ad economia forte della regione di lavoratori di ogni sorta provenienti dall’Africa, dall’Estremo Oriente e dal sub-continente indiano… Non è pensabile una anacronistica sordità al grido dei poveri, resa manifesta dalla smania del superfluo, da un uso smodato del danaro, da una attenzione maggiore agli aspetti cultuali, anziché all’alleviamento della fame, al soccorso delle nudità, alla offerta di un lavoro dignitoso e remunerato secondo giustizia… L’attenzione al mondo giovanile è davvero una priorità urgente e drammatica insieme. I giovani, infatti, manifestano, pur con i loro costitutivi ondeggiamenti e turbamenti aspirazioni profonde di autenticità, di verità, di libertà, di generosità. Le Chiese dei Paesi del Maghreb queste sfide le conoscono e non si tirano indietro nell’indagare risposte adeguate alle attese”.

Angeli all’ Università

Gli “Angeli” sono giovani volontari e studenti dell’università, divisi in gruppi, che prendono in custodia alcuni bimbi, accompagnandoli ed assistendoli durante la giornata. Li portano in giro per la città, al luna park, al cinema, oppure a praticare sport. Molti di questi ragazzi non si limitano ad essere “Angeli per un giorno”, ma portano avanti il loro impegno in modo continuativo. Chi lo desidera, infatti, può prolungare la propria collaborazione con le case famiglia, scegliendo liberamente quanto tempo dedicare ai bambini. La prossima giornata di volontariato sarà domenica 16 dicembre 2012, con appuntamento alle 9,00 presso The Space Cinema. Seguirà un pranzo alle 13,00 all’Università Europea di Roma, in via degli Aldobrandeschi 190.

Inoltre domani venerdì 7 dicembre 2012, alle 20,30, l’Università Europea di Roma ospiterà una tombolata di Natale e una pesca di beneficenza. Sarà una serata di giochi e di divertimento per sostenere “Angeli per un giorno”. Queste iniziative di solidarietà, realizzate in collaborazione con la Cappellania dell’Università Europea di Roma, vogliono rappresentare un contributo alla formazione personale degli studenti, affinché sviluppino un autentico spirito di servizio per gli altri.

89.31.72.207