Il papa: senza la carità non c’è giustificazione

Prima udienza della stagione in Aula Paolo VI e prima udienza a riscaldamento solare per il papa. Da oggi infatti è in funzione l’ impianto fotovoltaico donato al Vaticano dalla Solar. Ma questa mattina la grande novità è stata la presenza del catholicos di Cilicia Aram I all’ udienza. Per Benedetto XVI e’ una ”occasione significativa per rafforzare il legame tra noi”, in un cammino verso la ”piena comunione” che e’ l”obiettivo per tutti i cristiani ed e’ dono del Signore”.

Il Papa lo ha detto nel saluto in inglese ad Aram I, dopo che i due leader religiosi sono entrati insieme nell’aula Paolo VI in Vaticano per l’udienza generale del mercoledi’. Papa Ratzinger ha anche apprezzato la presenza di ”pellegrini da vari paesi” giunti in delegazione con il leader ortodosso e di Aram ha sottolineato ”il suo personale impegno nell’ecumenismo e in particolare nella commissione teologica bilaterale” cattolico ortodossa. Per questo il Papa ha espresso la propria ”gratitudine”’. Nella Catechesi Benedetto XVI ha ripreso il tema della giustificazione è ha detto che sono disastrose le conseguenze di una fede che non si incarna nell’amore, perche’ si riduce all’arbitrio e al soggettivismo piu’ nocivo per noi e per i fratelli.

Benedetto XVI, in particolare, ha messo in guardia da alcuni ”fraintendimenti” sulla teoria della giustificazione, che gia’ nell’antichita’ avevano fatto credere che ”ci e’ lecito creare divisioni nella Chiesa, celebrare l’Eucaristia senza farci carico dei fratelli piu’ bisognosi, aspirare ai carismi migliori senza renderci conto che siamo membra gli uni degli altri”. ”A che cosa si ridurrebbe una liturgia rivolta al Signore – si e’ chiesto papa Ratzinger – senza diventare, nello stesso tempo, servizio per i fratelli, una fede che non si esprimesse nella carita’?”. Al termine dell’ udienza il papa ha salutato il vicario patriarcale di Baghdad, mons. Shlemon Warduni. ”L’Iraq e’ nel nostro cuore. Ricordiamo sempre i cristiani, preghiamo per loro e per la pace nel Paese” ha detto. L’incontro e’ durato pochissimi minuti nei quali, ha rivelato Warduni, ”ho avuto la certezza che il Pontefice segue e conosce da vicino quanto accade in Iraq”. ”Le parole di Benedetto XVI – ha concluso il presule – ci aprono alla speranza in vista del Natale prossimo”. In dono al papa anche un libro fotografico su Giovanni Paolo II, con gli scatti di Pier Paolo Cito della Associated Press e il commento di Luigi Accattoli del Corriere della Sera.”I giorni in cui il mondo si e’ fermato-Omaggio a Papa Giovanni Paolo II”, sara’ nelle librerie a partire da domani.

Il nuovo generatore ecologico della potenza di 221 KW e’ stato realizzato sulla copertura dell’Aula. I 2.400 moduli fotovoltaici installati sono rivolti esattamente a sud e sono stati installati in sostituzione dei pannelli in calcestruzzo, ormai degradati. La potenza media dei moduli e’ pari a 90 wattciascuno e la producibilita’ e’ incrementata di circa il 5 percento dai 2.400 pannelli rivolti verso nord, in alluminio parzialmente riflettente, che sono gli unici visibili dalla cupola di San Pietro, I 300 megawattora (MWh) annui di energia elettrica pulita, prodotti dal generatore solare, verranno immessi nella rete elettrica vaticana a parziale copertura dei consumi della stessa Aula e dei palazzi limitrofi ed ogni anno consentiranno di evitare le emissioni in ambiente di 225.000 chilogrammi di anidride carbonica, risparmiando circa 80 tonnellate equivalenti di petrolio.

89.31.72.207