Centottesimo giorno del #ArtsakhBlockade. «Vostro silenzio (e non azione) ci uccide»

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 29.03.2023 – Vik van Brantegem] –Giorno 1️08 del sadico e illegale #ArtsakhBlockade da parte del regime autocratico genocida dell’Azerbajgian. Tutto quello che l’Occidente ha fatto finora ha avuto poco o nessun effetto sull’autocrate genocida dell’Azerbajgian. Va tutto bene sostenere il cessate il fuoco e tutto il resto, ma l’Occidente doveva tracciare linee rosse e doveva essere fermo con le conseguenze se voleva essere preso sul serio. L’appeasement è una politica estera disastrosa. È decisamente giunto il momento per l’Occidente di passare dalla “preoccupazione” all’azione contro l’Azerbajgian ora che quella autocrazia sta attaccando direttamente i diplomatici e leader occidentali che non si adeguano alla sua volontà.

Un membro dell’Assemblea nazionale dell’Azerbajgian, Fazil Mustafa, ha subito ieri un attentato vicino a casa sua, riferisce News.az, citando il Ministero degli Interni dell’Azerbajgian. Mustafa ha subito più ferite da colpi di kalashnikov. Attualmente lo stato del deputato è soddisfacente e non è in pericolo di vita. Sul luogo dell’attentato è stata inviata una task force. Sono state avviate misure di ricerca operativa per identificare la persona e le persone che hanno commesso l’attentato. Caliber.az ha enumerato alcuni fatti riguardanti l’incidente: oggi è la vacanza professionale del servizio di sicurezza statale e del servizio di intelligence straniero dell’Azerbajgian; il giorno precedente l’Azerbajgian ha condotto un’operazione contro spie iraniane; oggi, il Ministro degli Esteri dell’Azerbajgian apre l’Ambasciata dell’Azerbajgian in Israele; Fazil Mustafa è noto per la sua aspra retorica anti-iraniana.

Il sadico e illegale #ArtsakhBlockade è una masterclass del regime autocratico genocida della dinastia Aliyev sui crimini atroci, come definiti dal Quadro di analisi per i crimini di atrocità delle Nazioni Uniti, pubblicato nel 2014. Contiene 14 fattori di rischio, tra cui traduciamo dall’inglese i primi due fattori di rischio.

FATTORE DI RISCHIO 1 – Situazioni di conflitto armato o altre forme di instabilità – Situazioni che mettono uno Stato sotto stress e generano un ambiente favorevole all’atrocità di crimini.
Indicatori
1.1 Conflitto armato internazionale o non internazionale.
1.2 Crisi di sicurezza causata, tra gli altri fattori, dalla defezione dagli accordi di pace, dal conflitto armato in paesi limitrofi, minacce di interventi esterni o atti di terrorismo.
1.3 Crisi o emergenze umanitarie, comprese quelle causate da calamità naturali o epidemie.
1.4 Instabilità politica causata da cambi di regime improvvisi o irregolari o trasferimento di potere.
1.5 Instabilità politica causata da dispute di potere o crescente opposizione nazionalista, armata o movimenti radicali.
1.6 Tensioni politiche causate da regimi autocratici o da una dura repressione politica.
1.7 Instabilità economica causata dalla scarsità di risorse o controversie sul loro uso o sfruttamento.
1.8 Instabilità economica causata dalla grave crisi dell’economia nazionale.
1.9 Instabilità economica causata da povertà acuta, disoccupazione di massa o profonde disuguaglianze orizzontali.
1.10 Instabilità sociale causata dalla resistenza o dalle proteste di massa contro l’autorità o le politiche dello Stato.
1.11 Instabilità sociale causata da esclusione o tensioni basate su problemi di identità, la loro percezione o forme di estremismo.
Commento
I crimini atroci di solito hanno luogo sullo sfondo di un conflitto armato internazionale o non internazionale. I conflitti armati sono periodi caratterizzati da un’elevata incidenza di violenza, insicurezza e liceità degli atti che altrimenti non sarebbe accettabile. Inoltre, la capacità degli Stati di infliggere danni è solitamente al massimo durante i periodi di conflitto. Se il conflitto armato è un modo violento di affrontare i problemi, è chiaro che il rischio di atrocità crimini aumenta acutamente durante questi periodi. Tuttavia, altre situazioni che non sono tipiche dei conflitti armati possono farlo anche sottoponendo uno Stato a un tale livello di stress da renderlo più incline a gravi violazioni dei diritti umani e, infine, a crimini atroci. Infatti, genocidio e crimini contro l’umanità possono verificarsi anche in tempo di pace. Ciò è molto probabile quando ci sono gravi livelli di instabilità politica, minacce alla sicurezza del Paese o addirittura volatilità negli affari economici o sociali. Anche se situazioni di instabilità, o addirittura di conflitto armato, non necessariamente portano al verificarsi di crimini atroci, aumentano notevolmente la probabilità di tali crimini.
FATTORE DI RISCHIO 2 – Record di gravi violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario – Gravi violazioni passate o attuali dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario, in particolare se assumendo un modello di condotta precoce, e includendo quelli che equivalgono a crimini di atrocità, quello che non sono stati prevenuti, puniti o adeguatamente affrontati e, di conseguenza, creano un rischio di ulteriori violazioni.
Indicatori
2.1 Gravi restrizioni passate o presenti o violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario, in particolare se si assume uno schema di condotta precoce e se si prendono di mira gruppi, popolazioni o individui.
2.2 Atti passati di genocidio, crimini contro l’umanità, crimini di guerra o loro istigazione.
2.3 Politica o pratica di impunità o tolleranza per gravi violazioni dei diritti umani internazionali e diritto umanitario, di crimini atroci o del loro incitamento.
2.4 Inerzia, riluttanza o rifiuto di utilizzare tutti i mezzi possibili per interrompere pianificato, prevedibile o in corso di gravi violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario o probabili crimini di atrocità, o loro incitamento.
2.5 Prosecuzione del sostegno ai gruppi accusati di coinvolgimento in gravi violazioni del diritto internazionale umano, dei diritti umani e del diritto umanitario, compresi i crimini atroci, o la mancata condanna delle loro azioni.
2.6 Giustificazione, resoconti faziosi o negazione di gravi violazioni dei diritti umani internazionali e diritto umanitario o crimini atroci.
2.7 Politicizzazione o assenza di processi di riconciliazione o di giustizia transitoria a seguito di conflitto.
2.8 Diffusa sfiducia nelle istituzioni statali o tra diversi gruppi a causa dell’impunità.
Commento
Società che hanno una storia di violenza e gravi violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario o crimini di atrocità, o dove questi sono attualmente in corso, possono essere più inclini a ulteriori crimini di atrocità. Come la storia ha dimostrato, i crimini di atrocità in generale e il genocidio in particolare sono preceduti da meno diffusi o gravi violazioni sistematiche dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario. Si tratta in genere di violazioni di diritto civile e politici, ma possono includere anche severe restrizioni ai diritti economici, sociali e culturali, spesso collegati a modelli di discriminazione o esclusione di gruppi, popolazioni o individui protetti. Questo fattore di rischio è anche rilevante laddove le eredità di passate atrocità non siano state adeguatamente affrontate attraverso singoli processi criminali di responsabilità, riparazione, ricerca della verità e riconciliazione, nonché misure di riforma globali nel settore della sicurezza e giudiziario. È più probabile che una società in questa situazione ricorra nuovamente alla violenza come forma di violenza nell’affrontare il problema.

«I lavori di costruzione di 32,6 chilometri di strade, decine di chilometri di condotte idriche, sistemi di irrigazione per migliaia di ettari di terreno, 3.717 appartamenti e più di 40 infrastrutture sociali e industriali sono stati interrotti. Si stima che 9.800 persone (compresi i collocamenti temporanei sostenuti dallo Stato e oltre il 50% dei lavoratori del settore privato) abbiano perso il posto di lavoro e fonti di reddito a causa dell’impatto sull’economia del #ArtsakhBlockade e delle interruzioni delle infrastrutture vitali. L’economia della Repubblica di Artsakh ha subito una perdita di circa 200 milioni di dollari USA, portando a un calo dell’indice del PIL annuo previsto (903 milioni di dollari) di oltre il 22%» (Siranush Sargsyan, giornalista freelance a Stepanakert).

L’Assistente del Segretario di Stato degli Stati Uniti, Karen Donfried, ha parlato al telefono con il Ministro degli Esteri dell’Azerbaigian, Bayramov, per esprimere preoccupazione per i “movimenti militari” dell’Azerbajgian, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Vedant Patel, in una conferenza stampa quando gli è stato chiesto di fornire aggiornamenti sulla situazione sul campo per quanto riguarda l’Armenia-Azerbajgian: «Ha sottolineato l’impegno degli Stati Uniti nei negoziati di pace tra Armenia e Azerbajgian. Poiché anche il Segretario di Stato ne ha parlato più volte, il dialogo diretto è la chiave per risolvere questo problema e raggiungere una pace duratura. Non esiste una soluzione militare a questo conflitto. Continueremo a facilitare le discussioni tra l’Armenia e l’Azerbajgian sia a livello bilaterale che con i partner, e anche attraverso le organizzazioni multilaterali».

Ilham Aliyev riceve Massim Mammadov, 28 marzo 2023.

Il Presidente dell’Azerbajgian, Ilham Aliyev, ha ricevuto ieri 28 marzo 2023, Massim Mammadov in relazione alla sua nomina a rappresentante speciale del Presidente nella regione di Lachin. Le forze armate dell’Azerbajgian hanno preso il controllo della città chiave di Lachin (Berdzor), insieme ai villaggi di Zabux (Aghavno) e Sus, a poche chilometri dal confine con l’Armenia, il 26 agosto 2021, che era sotto il controllo delle forze di pace russe dal novembre 2020.

Le forze armate dell’Azerbajgian entrano nella città di Lachin, 26 agosto 2021.

Durante il suo discorso, Aliyev ha detto: «Nonostante il fatto che alla fine della seconda guerra del Karabakh questa regione [Lachin] sia passata sotto il nostro controllo, la città di Lachin è rimasta fuori dal nostro controllo. C’erano ragioni oggettive per questo. La strada dall’Armenia al Karabakh passava per il centro della città di Lachin. Il 9 novembre 2020, a seguito di molte ore di conversazioni telefoniche con il Presidente della Russia durante il giorno, siamo riusciti a restituire la città di Lachin all’Azerbajgian. Per questo, su mia insistenza, è stata inserita nel verbale finale la costruzione di una strada alternativa e ne è stata fissata la scadenza. Tuttavia, in termini alquanto vaghi, è stato indicato che la discussione su questo problema sarebbe stata condotta per tre anni. Ma non appena finì la seconda guerra del Karabakh, ordinai immediatamente di determinare il percorso e tutti i parametri tecnici della nuova strada. Abbiamo presto iniziato questo lavoro e l’abbiamo completato in un anno e mezzo. Cioè, una nuova strada è stata costruita intorno alla città di Lachin ed era pronta per l’esercizio all’inizio di agosto dello scorso anno, o meglio il 2 agosto. Abbiamo trasmesso un messaggio al comando delle forze di mantenimento della pace russe che avrebbero dovuto rimuovere i loro posti dal vecchio percorso e spostarsi sulla nuova strada, ed entro il 5 agosto saremmo entrati nella città di Lachin, nei villaggi di Zabukh e Sus. Gli Armeni del Karabakh, che in quel momento hanno contattato i nostri rappresentanti, hanno chiesto di dare loro tempo, dicendo “entro il 25 agosto risolveremo noi stessi questi problemi, sgombereremo gli armeni residenti illegalmente dalla città di Lachin, dai villaggi di Zabukh e Sus, e quindi la questione sarà chiusa”. Non ho obiettato, perché 20 giorni non fanno molta differenza. Così, a seguito dei lavori svolti, il 25 agosto, tutti gli armeni che vivevano illegalmente nella città di Lachin, i villaggi di Zabukh e Sus sono stati sfrattati da lì. Il 26 agosto abbiamo riacquistato i villaggi di Zabukh e Sus e la città di Lachin. Successivamente, ho visitato la città di Lachin, ho issato la bandiera dell’Azerbajgian nel centro della città e ho dichiarato che d’ora in poi vivremo per sempre in questa nostra terra natale».

Ilham Aliyev visita Lachin, 21 settembre 2021.

Nel suo discorso, Aliyev ha anche menzionato il ruolo dei mediatori internazionali nella risoluzione del problema del Karabakh, in particolare il Gruppo di Minsk dell’OSCE: «Devo notare in particolare che nel corso degli anni di negoziati, i mediatori hanno sempre mostrato una sorta di approccio speciale alla regione di Lachin, e l’Armenia nel suo insieme ha considerato inaccettabile il ritorno della regione di Lachin all’Azerbajgian. Anche se non avrebbero lasciato altre zone. Ora, due anni e mezzo dopo la guerra, questo è diventato più evidente a tutti. I mediatori internazionali, l’ex gruppo di Minsk dell’OSCE, durante i negoziati, hanno effettivamente cercato di consolidare questa occupazione. Ora tutto è diventato chiaro: questo atteggiamento ingiusto e negativo della Francia nei confronti dell’Azerbajgian non è casuale. Durante questi due anni e mezzo, il mondo intero ha visto tutto. Allo stesso tempo, le forze anti-azere hanno visto la nostra volontà inflessibile. Nessuno può influenzare la nostra volontà. Nessuno può parlarci nel linguaggio degli ultimatum. Lo abbiamo dimostrato all’Armenia nella seconda guerra del Karabakh, lo abbiamo dimostrato ai patroni dell’Armenia per due anni e mezzo dopo la guerra. Li abbiamo sconfitti e ancora una volta abbiamo mostrato al mondo intero che stiamo ottenendo e otterremo ciò che vogliamo».

Ilham Aliyev alza la bandiera dell’Azerbajgian a Lachin, 21 settembre 2021.

Semplicemente, è così che funzione la pulizia etnica dell’Azerbajgian nei confronti degli Armeni, dichiarando che “occupano illegalmente” le terre ancestrali armeni.

Melanie Joly, Ministro degli Esteri del Canada, in un discorso al Parlamento canadese ha chiesto all’Azerbajgian di riaprire il Corridoio di Berdzor (Lachin): «Condivido le preoccupazioni degli Armeni canadesi e Armeni nel Nagorno-Karabakh. Continuiamo a chiedere alle autorità azere di riaprire il Corridoio di Lachin. Dobbiamo prevenire l’aggravarsi della crisi umanitaria. Il Canada sostiene l’accordo di cessate il fuoco del 2020, compreso il ritorno dei prigionieri di guerra armeni. È importante che il cessate il fuoco, sostenuto dal gruppo di monitoraggio dell’Unione Europea, sia rispettato».

In un articolo sul sito della Deutsche Welle [QUI], pubblicato ieri 28 marzo 2023, vengono riferite le seguenti parole del Capo della missione di monitoraggio dell’Unione Europea in Armenia, Markus Ritter (nella nostra traduzione italiana dall’inglese): «Molti Armeni sono contenti della presenza dell’Unione Europea, dice Ritter. Ma è pronto a smorzare le aspettative: agli osservatori non è consentito l’accesso al territorio azero. Ritter ei suoi colleghi non sono quindi in grado di rilevare, ad esempio, movimenti di truppe in preparazione di un altro attacco. “Molti Armeni credono che ci sarà un’offensiva primaverile da parte dell’Azerbajgian. Se ciò non accade, la nostra missione è già un successo”, dice Ritter».
Questi riferimenti di Ritter hanno provocato la reazione del Portavoce del Ministero degli Esteri dell’Azerbajgian, Aykhan Hajizada: «Condanniamo fermamente il fatto che il Capo della missione dell’Unione Europea, sulla base delle affermazioni false e calunniose della parte armena, abbia espresso l’opinione che l’Azerbajgian si stia preparando a qualsiasi attacco e abbia presentato il compito principale della missione dell’Unione Europea come “proteggere l’Armenia dall’Azerbajgian”. Abbiamo ripetutamente sottolineato la necessità di impedire che questa missione venga utilizzata in modo improprio per minare il processo di normalizzazione tra l’Azerbajgian e l’Armenia. Occorre garantire che l’ubicazione della missione dell’Unione Europea in Armenia tenga conto dei legittimi interessi dell’Azerbajgian, nonché che le attività di tale missione siano svolte dall’Unione Europea in modo da non compromettere la fiducia reciproca. Non dovrebbe consentire alla parte armena di abusare della presenza della missione dell’Unione Europea per aggravare la situazione ed eludere i suoi obblighi. La Missione dell’Unione Europea non dovrebbe dare spazio ad affermazioni false e calunniose e dovrebbe agire secondo il suo mandato».

Nel mese di gennaio 2018 i principali assistenti dell’ex Presidente degli Stati Uniti, Barakh Obama, hanno affermato che la sua amministrazione ha fallito non dichiarando ufficialmente che il massacro di massa degli armeni avvenuto più di 100 anni fa costituiva un genocidio. “È stato un errore”, ha detto Ben Rhodes, che è stato Vice Consigliere per la Sicurezza Nazionale nel governo Obama. “Avremmo dovuto riconoscere il genocidio armeno”.. “Mi dispiace”, ha dichiarato Samantha Power, allora Ambasciatrice di Obama alle Nazioni Unite. “Mi dispiace che abbiamo deluso così tanti Armeni Americani”. Oggi, Samantha Power è l’amministratore di USAID (l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale, fondata nel 1961 su ordine esecutivo del Presidente degli USA, John Fitzgerald Kennedy, come agenzia governativa statunitense per la lotta alla povertà globale e al fine di consentire alle società democratiche di migliorare le proprie potenzialità). Da Power e da USAID abbiamo sentito ancora nessuna parola sul #ArtsakhBlockade e sulla conseguente crisi umanitaria in Artsakh. Significa che stanno aspettando di dover formulare un altro “scusa”?
Rhodes e Power avevano condiviso i loro rimpianti in risposta a una domanda del pubblico durante un episodio di Pod Save the World, un podcast ospitato da Tommy Vietor, un altro ex assistente di Obama. Le loro dichiarazioni sono state insolitamente franche data la delicatezza di una questione che ha tormentato i Presidenti degli Stati Uniti per anni.
Gli storici segnano il 1915 come l’inizio del massacro durato anni di circa 1,5 milioni di Armeni. Il genocidio ha avuto luogo durante la disgregazione dell’Impero Ottomano, principalmente in quella che è l’odierna Turchia, durante e dopo la Prima Guerra Mondiale.
I leader turchi detestano l’idea che i padri fondatori del loro Paese possano aver commesso un genocidio, sostenendo che non esisteva una campagna organizzata per uccidere gli Armeni. La maggior parte dei principali storici statunitensi ed europei non è d’accordo con questo. I leader turchi hanno avvertito per anni che il riconoscimento ufficiale da parte degli Stati di un genocidio armeno avrebbe inflitto gravi danni alle loro relazioni. Diversi Paesi europei hanno formalmente riconosciuto il massacro come un genocidio, di solito attirando ritorsioni diplomatiche dalla Turchia.
La Turchia è un membro della NATO e gli Stati Uniti fanno affidamento sulla sua cooperazione su diverse questioni mediorientali, inclusa la lotta contro il gruppo terroristico dello Stato islamico.
Come candidato presidenziale nel 2008, Obama aveva promesso che avrebbe riconosciuto formalmente il genocidio armeno come fatto storico. Ma come Presidente, ha perso molte possibilità per farlo, anche nel 2015, quando gli Armeni hanno celebrato il centenario delle atrocità. “Ogni anno c’era un motivo per non farlo”, ha spiegato Rhodes. “La Turchia è stata vitale per alcune questioni che stavamo affrontando, o c’è stato un dialogo tra la Turchia e il governo armeno sul passato”. “Francamente, questa è la lezione, penso, andando avanti: fallo il primo anno, sai, perché se non lo fai diventa più difficile ogni anno in un certo senso”, ha aggiunto Rhodes.
Power, che ha vinto un Premio Pulitzer nel 2003 per un libro che criticava la storica inazione dell’America nei confronti del genocidio e delle uccisioni di massa, ha suggerito che l’amministrazione è stata “preso in giro” dal leader turco Recep Tayyip Erdoğan e altri coinvolti nel ritardare una dichiarazione di genocidio.
Erdoğan era ben in sintonia con l’umore e il calendario politico degli Stati Uniti, e lui e altri avrebbero sostenuto la possibilità che pronunciando la parola “genocidio” Obama potesse far fallire i tentativi in corso di riavvicinamento tra Turchia e Armenia. Gli Armeni Americani sono rimasti amaramente delusi dal fallimento di Obama nel mantenere la sua promessa elettorale. I commenti di Rhodes e Power hanno fatto ben poco per placare i leader della comunità che ritenevano che fosse troppo poco, troppo tardi.
“Il momento per chiunque di risolvere questo problema è quando sono in carica”, ha affermato Aram Suren Hamparian, Direttore esecutivo del Comitato Nazionale Armeno d’America. “Penso che tutto ciò che riconoscono ora, l’hanno capito allora”. Hamparian ha aggiunto che c’è un’altra persona che la sua comunità vorrebbe sentire: “Il Presidente Obama dovrebbe spiegare perché non ha onorato il suo impegno. E penso che ci debba delle scuse, deve delle scuse al popolo americano.
Nella discussione sul podcast, Power ha insistito sul fatto che l’ex Presidente aveva buone intenzioni e considerava sempre il quadro più ampio. Obama è un “consequenzialista”, ha detto Power. “Ha sempre pensato: ‘OK, potrei sentirmi bene, potrei mantenere una promessa elettorale e mantenerla per gli Armeni Americani a cui ho fatto questa promessa. E poi cosa? E se ritardasse questa cosa [il dialogo diplomatico] che potrebbe essere molto più promettente?’ Penso che credesse davvero che potesse avere quell’effetto perverso, perché gli era stato detto da persone che studiavano la regione e conoscevano la regione.
Alla fine, i funzionari statunitensi non saranno in grado di mantenere la punta dei piedi sulla verità di ciò che è accaduto, ha aggiunto Power. “Dìre solo la verità. È più sicuro a lungo termine”, ha detto Power. Sono le sue parole pronunciato nel cinque anni fa. Dovrebbe ripeterle a se stesso oggi, che è in corso il proseguimento del genocidio armeno, iniziato più di un secolo fa.

Azxeber.com, un sito statale dell’Azerbajgian, acclamato amante della pace, ha pubblicato alcune interviste alla gente per strada sulla probabilità di una nuova guerra con l’Armenia: “Il motivo per cui gli Armeni stanno commettendo queste provocazioni è perché vogliono occupare nuovamente le nostre terre. Gli Armeni sono i nostri nemici, e fino a quando i nostri nemici non saranno sradicati, non avremo tranquillità”. “Quello che posso dire è che gli Armeni vedono gli Azeri, vedono le loro vite in televisione e ovunque. Vedono che l’Azerbaigian è un paradiso, e chi non vorrebbe vivere in paradiso? Ecco perché non riescono a tenere le mani a posto e vogliono occupare la terra azera”.
Se qualcuno di loro dicesse qualcos’altro, la polizia li arresterebbe e li metterebbe nelle prigioni di Aliyev. È come se devono mentire senza sosta per sopravvivere, come nell’Unione Sovietica ai tempi di Stalin.

Il Cremlino minaccia apertamente l’Armenia di non ratificare lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, ha detto una fonte del Ministero degli Esteri russo all’agenzia russo TASS․ “Mosca considera assolutamente inaccettabili i piani di Yerevan di aderire allo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale sullo sfondo degli ultimi ordini illegali della CPI contro la leadership russa”. La fonte ha anche detto a TASS che la parte armena è stata avvertita di “conseguenze estremamente negative per le relazioni bilaterali in caso di possibili mosse di Yerevan”. Questa è una minaccia estremamente grave per la Repubblica di Armenia, che è uno Stato sovrano e che non è obbligato a obbedire alla volontà del governo russo quando conduce la sua politica estera. L’Armenia non è una colonia russa, quei tempi sono passati. Questo si aggiunge alle conseguenze già estremamente negative per la Russia in Armenia. La questione è semplice: dopo aver ratificato lo Statuto di Roma, l’Armenia si appresta a intentare causa contro Aliyev al Tribunale Penale Internazionale. Putin non viene spesso a Yerevan. Anche con lo Statuto di Roma ratificato, sarà difficile usarlo contro di lui.

L’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO) [*] è pronta ad attuare i piani per il dispiegamento di una missione sul confine armeno-azerbajgiano basata sull’interesse di garantire la sicurezza dell’Armenia, ha detto il Viceministro degli Esteri della Federazione Russa, Mikhail Galuzin, in un’intervista a RTVI: «Da parte nostra, confermiamo la nostra disponibilità a dispiegare una missione CSTO sul confine armeno-azerbajgiano nell’interesse della sicurezza dell’Armenia, nonché altri programmi di supporto, che sono stipulati nel pertinente progetto di decisione del Consiglio di Sicurezza Collettiva della CSTO sulla fornitura di assistenza alla Repubblica di Armenia. Siamo pronti per questo lavoro nella stessa misura dell’Armenia stessa».
Mosca si aspetta che le discussioni dannose sulla natura dell’interazione di Yerevan con altri membri della CSTO cessino e che le questioni che sorgono al riguardo vengano risolte in modo costruttivo, ha detto Galuzin: «Ci aspettiamo che le discussioni dannose si interrompano e che tutte le questioni di interazione con Yerevan nell’ambito della CSTO, compreso il dispiegamento della missione di monitoraggio dell’organizzazione sul territorio dell’Armenia, saranno risolte in modo costruttivo e reciprocamente vantaggioso. Discutiamo apertamente di tutte le preoccupazioni della parte armena nel quadro dei formati di cooperazione esistenti nella CSTO, a partire dalle riunioni del Consiglio Permanente fino al Consiglio di Sicurezza Collettiva, che è il più alto organo dell’organizzazione».
Galuzin ha parlato anche delle “difficoltà” nell’ambito della CSTO, osservando che nessuna organizzazione internazionale che “fa un vero lavoro pratico basato sugli interessi di tutti i suoi membri” può funzionare senza di loro: «A partire da oggi, l’Organizzazione ha avviato un intenso processo di attuazione delle decisioni prese dai Capi degli Stati membri nelle riunioni tenutesi nel 2022. Soprattutto grazie alla Presidenza armena, molto è stato fatto per sviluppare le capacità della CSTO di contrastare le sfide e le minacce alla nostra sicurezza collettiva. Vorrei sottolineare che i risultati raggiunti non sarebbero stati possibili senza il lavoro coordinato, efficace e interessato di tutti gli Stati membri».
Il Vice Ministro degli Esteri della Federazione Russa ha aggiunto che sono in corso preparativi attivi per le riunioni periodiche dei Consigli dei Ministri degli Esteri e della Difesa e del Comitato dei Segretari dei Consigli di Sicurezza della CSTO previste per maggio-giugno: «L’ordine del giorno è molto ricco, il che indica l’elevata domanda dell’organizzazione in materia di garanzia di sicurezza e stabilità nell’area di responsabilità. Queste e altre questioni relative al rafforzamento della cooperazione nell’ambito della CSTO sono state oggetto di intense discussioni durante l’incontro dei Ministri Sergey Lavrov e Ararat Mirzoyan a Mosca il 20 marzo 2023, nonché durante la recente visita del Segretario Generale della CSTO, Imanghali Tasmagambetov, a Yerevan».

[*] La Russia contribuisce più del 50 per cento del budget della CSTO. La dimensione dell’esercito della CSTO è di poco maggiore al milione di soldati, di cui l’80 per cento sono Russi. Membri attuali: Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan. Osservatori: Serbia, Unione Russia-Bielorussia. Possibili candidati: Iran. Membri passati: Azerbajgian, Georgia, Uzbekistan.

Indice – #ArtsakhBlockade [QUI]

151.11.48.50