Centosettesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La situazione per gli Armeni è sempre più cupa con il rischio fin troppo grande di un’altra guerra e la “soluzione finale”

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 28.03.2023 – Vik van Brantegem] – «”Never again” (Mai più). Lo diciamo dal 1965, cinquantesimo anniversario del genocidio, che segnò la nascita del moderno attivismo politico armeno. Diciamo “Mai più” con passione, eppure, eccoci di nuovo con apparentemente poca capacità di difenderci se l’Azerbajgian e la Turchia decidessero di prendersi l’ultimo della nostra patria. Abbiamo avuto 30 anni per prepararci a questo. Invece, abbiamo avuto una massiccia fuga di cervelli e un esodo della popolazione insieme a oligarchi e leader corrotti che si riempivano le tasche. Non abbiamo nemmeno riconosciuto l’Artsakh, come ha sottolineato Putin» (Marc Gavoor).

Continuo a scrivere ogni giorno del blocco del Corridoio di Berdzor (Lachin), anche se – come ha osservato Marc Gavoor sul Armenian Weekly (nel suo articolo Cinque parole N, che riporto in chiusura nella nostra traduzione italiana dall’inglese) – da un po’ non c’era molto altro che avessi da dire, che non ripetere ogni giorno di nuovo le stesse paure e le stesse indignazioni per quanto sta succedendo nel Caucaso meridionale, che non interessa a nessuno. Ma le notizie degli ultimi tempi sono state più preoccupanti e quindi, anche se ero tentato di smettere, ho continuato a raccontare questa “causa persa”. Perché vorrei continuare a guardarmi nello specchio e dirmi: ho fatto quello che potevo, con il mestiere che faccio, da comunicatore.

E poi, arriva la spinta di segnalazioni quotidiane di storie vere, che mostrano la volontà e la determinazione degli Armeni dell’Artsakh/Nagorno-Karabakh di continuare a vivere in un Artsakh libero, nonostante le implacabili minacce di pulizia etnica da parte del regime autocratico genocida azero. Come questo articolo di Lucia De La Torre per Open Democracy di ieri 27 marzo 2023, che riporto di seguito nella nostra traduzione italiana dall’inglese, sul film The Dream of Karabakh (Il sogno di Karabakh), che si concentra sull’amore, non sulla guerra, nel Nagorno-Karabakh. Il film racconta l’attaccamento di una donna al suo villaggio, radicato in ricordi personali che non possono essere spostati, a differenza dei confini.

I tentativi dell’Azerbajgian di “soffocare” completamente l’Artsakh sono accompagnati dalla completa inerzia della comunità internazionale, ha affermato David Babayan, Consigliere del Presidente della Repubblica di Artsakh, commentando i tentativi azeri di avanzare nella sezione Stepanakert-Lisagor dell’Artsakh: «L’Azerbajgian sta facendo nuovi tentativi per terrorizzare ancora una volta la popolazione dell’Artsakh, creando condizioni di vita insopportabili. Ciò che l’Azerbajgian sta facendo è una grave violazione della dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, un duro colpo per l’Artsakh, e un altro colpo al contingente di mantenimento della pace russo in Artsakh. Credo che sia giunto il momento per la Russia e la comunità internazionale di prendere le misure adeguate, almeno politicamente. Le azioni dell’Azerbajgian sono una chiara violazione di tutte le possibili norme di legge».

Babayan ha sottolineato che in mezzo a tutto questo si sta svolgendo un’altra “luna di miele” tra alcuni Paesi europei e l’Azerbajgian: “Questo sta succedendo mentre in Artsakh viene compiuto [dall’Azerbajgian] un vero e proprio genocidio armeno. Quei Paesi europei hanno trasformato i valori morali in un prezzo; questo è il problema più grande del mondo civilizzato al momento. È sempre esistito, ma ora ha raggiunto un livello estremo».

Ieri 27 marzo, il Presidente della Repubblica di Artsakh, Arayik Harutyunyan, ha convocato una sessione straordinaria estesa del Consiglio di Sicurezza con la partecipazione di rappresentanti delle forze politiche dell’Assemblea nazionale. Parlando del fatto che dal 2020 la parte azera viola continuamente le disposizioni della Dichiarazione tripartita e dal 12 dicembre 2022, nelle condizioni del blocco in corso, aumenta costantemente la pressione umanitaria, socio-economica, militare e politica sull’Artsakh, Harutyunyan ha osservato che, nonostante le numerose dichiarazioni ed esortazioni, gli attori internazionali continuano a limitarsi a dichiarazioni, essendo incoerenti nell’attuazione di decisioni pesanti. «Pertanto, il nostro compito è valutare con sobrietà il grado di complessità e responsabilità della situazione creata, rivalutare tutte le risorse e i meccanismi disponibili per prevenire nuove possibili minacce, nonché trarre le conclusioni necessarie ed eseguire azioni. Sono fiducioso che, grazie ai nostri passi ragionevoli, sia possibile superare anche questo periodo difficile, preservando e proteggendo gli interessi vitali della Repubblica di Artsakh», ha sottolineato il Presidente Arayik Harutyunyan.

«Per darvi una prospettiva di ciò che sta accadendo in Nagorno-Karabakh, solo nel marzo di quest’anno, su un totale di 26 segnalazioni di violazione del cessate il fuoco da parte del contingente di mantenimento della pace della Russia dal cessate il fuoco del novembre 2020, 11 sono state segnalate questo mese, 3 a febbraio.
Ciò non significa necessariamente il pieno sostegno all’Armenia, il cui attuale governo ha apparentemente ratificato l’accordo della Corte Penale Internazionale subito dopo la recente richiesta dell’organizzazione di estradare il Presidente russo Putin, se visiterà il Paese…
La situazione geopolitica e militare dentro e intorno al Nagorno-Karabakh è molto imprevedibile in questo momento, non tutto è nero su bianco, troppi fattori entrano in gioco (tensioni Iran-Israele con l’Azerbajgian che viene aiutato da Israele, tensione in Nagorno-Karabakh, sviluppi in Ucraina, ecc.)» (Nagorno Karabakh Observer, 27 marzo 2023 ore 22.00).

Da tener presente che gli spin doctor e troll propagandisti del regime autocrate e genocida dell’Azerbajgian usano sempre la stessa strategia: negare e attaccare. Il lavaggio del cervello produce discorsi xenofobi di odio anti-armeno. Anche nel 107° giorno del blocco azero del Nagorno-Karabakh, intrappolando 120.000 Armeni, l’Azerbajgian continua a negare di aver bloccato il Corridoio Lachin, mostrando che gli unici veicoli in grado di passare sono del Comitato Internazionale della Croce Rossa e del Contingente di mantenimento della pace russo che attraversano il blocco. Niente di nuovo, ma per qualche ragione misteriosa, è ancora un evento degno di nota per i media statali dell’Azerbajgian ogni volta che ne passa uno. Poi le forze armate azere avanzano in territorio dell’Artsakh non ancora sotto loro controllo per bloccare strade sterrate secondarie di montagna, che collegano con Stepanakert comunità isolate a causa del blocco, con false accuse di trasporto di munizioni e truppe dall’Armenia.

Un nuovo film segue Shushan mentre fa il viaggio per tornare a casa nel Nagorno-Karabakh, il cui destino è sempre più in bilico.

Il sogno di Karabakh
di Lucia Della Torre
Open Democracy, 27 marzo 2023

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

Ho incontrato Shushan per la prima volta nel febbraio 2021. La madre di cinque figli viveva nel villaggio di Landjazat, vicino al confine di filo spinato dell’Armenia con la Turchia. La casa, che apparteneva ad alcuni conoscenti di Shushan che lavoravano in Russia, era diventata la casa temporanea della sua famiglia dopo che erano stati costretti a fuggire dal Nagorno-Karabakh mentre infuriava la seconda guerra del Karabakh.

La mattina del 27 settembre 2020, Shushan e la sua famiglia si sono svegliati al suono delle esplosioni. Nei giorni seguenti, almeno 3.700 soldati dell’Armenia e del Karabakh, e quasi 200 civili sono stati uccisi in un’offensiva delle truppe azere per riconquistare il territorio del Nagorno-Karabakh.

I combattimenti sono cessati il 10 novembre 2020, quando è stato firmato un accordo dal Primo Ministro armeno, Nikol Pashinyan, dal Presidente azero, Ilham Aliyev e dal Presidente russo, Vladimir Putin. Di conseguenza, il Nagorno-Karabakh ha perso il 70% del territorio che la sua amministrazione de facto aveva controllato dal 1994, sfollando quasi 70.000 Armeni.

Si tratta del secondo spostamento di massa nel territorio in poco più di due decenni. Conteso tra Armenia e Azerbajgian, ha vissuto anni di guerra. Nel 1994, le forze armene avevano preso il pieno controllo del Nagorno-Karabakh e il controllo totale o parziale di altre sette regioni azere confinanti con il territorio. Sebbene tutte queste aree fossero ancora riconosciute a livello internazionale come parte dell’Azerbajgian, più di mezzo milione di civili azerbajgiani sono stati sfollati con la forza dalle loro case.

Sono entrato in contatto con Shushan dopo aver iniziato a fare ricerche sulla storia del suo villaggio. Prima della guerra del 2020, il villaggio di Charektar contava 48 famiglie o circa 270 residenti. Charektar de jure si trova nella provincia di Shahumyan della Repubblica separatista dell’Artsakh o Repubblica del Nagorno-Karabakh, ma de facto si trova nel distretto di Kalbajar in Azerbaigian. Mi sono interessato alla storia di Charektar perché era stata praticamente rasa al suolo anche se durante la guerra del 2020 non si sono svolti combattimenti lì.

Quando il 10 novembre il Primo Ministro armeno Pashinyan ha annunciato il cessate il fuoco mediato da Mosca e la gente ha preso d’assalto il Parlamento per protesta, ai residenti di Charektar è stato detto che il loro villaggio faceva parte dei territori da trasferire all’Azerbajgian. Molte persone erano già fuggite dalla regione per l’Armenia e, secondo quanto riferito, la notizia dell’imminente trasferimento ha indotto coloro che erano rimasti a Charektar e nei villaggi vicini a dare fuoco alle loro case, cosa che è stata ampiamente coperta da molti media occidentali.

Ma poi, pochi giorni dopo, agli abitanti di Charektar è stato detto che il loro villaggio sarebbe rimasto sotto il controllo armeno, a poche centinaia di metri dai posti di blocco militari e dal nuovo confine con l’Azerbaigian. La mancanza di informazioni affidabili e di messaggi chiari da parte delle autorità significava che i residenti di Charektar avevano tragicamente appiccato il fuoco al proprio villaggio.

Charektar, Nagorno-Karabakh (Foto di Greta Harutunyan).

Quando ho incontrato Shushan, mi aspettavo che soffrisse per la perdita della sua casa. Ma è diventato subito chiaro che non era tutto e lei stava soffrendo per una doppia perdita. Shushan aveva perso il marito in un incidente d’auto sei mesi prima del conflitto dell’autunno 2020.

Shushan aveva incontrato il suo defunto marito a metà degli anni 2000 a Dadivank, un villaggio ai piedi di un monastero medievale nel Nagorno-Karabakh. Si sono innamorati, hanno deciso rapidamente di sposarsi e quando i genitori di Shushan si sono opposti alla relazione, sono fuggiti. Alla fine, la coppia si è trasferita a Charektar, dove hanno lentamente costruito una casa con le proprie mani. La loro nuova casa aveva una vista panoramica sulla valle, un cortile dove Shushan beveva il caffè con i suoi vicini e un gazebo ricoperto di edera dove la coppia si rilassava dopo il lavoro.

Gli occhi di Shushan si illuminarono mentre mi raccontava della vita che aveva condiviso con suo marito, una vita profondamente legata alla loro casa e al villaggio. È stato allora che ho capito che la sua storia non riguardava la guerra ma l’amore. Per lei, la guerra è stata tragica soprattutto perché ha portato via il luogo in cui risiedevano i ricordi di suo marito: la casa che avevano costruito insieme e condiviso.

È così che si è materializzato il mio film, The Dream of Karabakh. Ho seguito Shushan nel corso di tre mesi, mentre cercava di adattarsi alla sua nuova vita da rifugiata in Armenia. Quattro dei suoi figli vivevano con lei, mentre il maggiore è rimasto a Stepanakert, capitale del Nagorno-Karabakh, a studiare per diventare medico.

The Dream of Karabakh | openDemocracy.

Nei mesi trascorsi insieme, Shushan ha ricordato molto, mentre affrontava il suo dolore e la vita in un luogo straniero. Nel film la vediamo commossa e quasi in lacrime mentre prepara per la prima volta da quando è scomparso il piatto preferito del marito. Si lamenta anche delle erbe necessarie per preparare il piatto. Nativi del Nagorno-Karabakh, erano molto meglio a casa che in Armenia.

I parenti e i vicini di Shushan, anch’essi fuggiti da Charektar e ora sparsi per l’Armenia, condividono la sensazione di essere stati sradicati. Come spiega eloquentemente la sorella minore nel film: “Questo posto va bene, ma non è casa nostra”.

Ma quando Shushan lancia l’idea di tornare a Charektar, gli altri la fermano rapidamente. “Quando apri la porta, gli Azeri saranno a 300 metri di distanza”, dice sua sorella. “Come farai a vivere così?” Shushan non dice nulla in risposta.

Poi arriva una svolta con Shushan, che rivela che suo marito appare spesso nei suoi sogni e le chiede di tornare a casa, nella casa che hanno costruito insieme. Le promette che lì sarebbero stati al sicuro, li avrebbe protetti. Alla fine, i sogni spingono Shushan a prendere la decisione di tornare.

Nell’aprile 2021, Shushan ha fatto il pericoloso viaggio di ritorno a Charektar. Quello che normalmente avrebbe richiesto alcune ore lungo la strada settentrionale che collegava la regione armena di Gegharkunik e il distretto di Kalbajar, si è trasformato in quasi un’intera giornata di viaggio. Dall’Armenia meridionale è riuscita a raggiungere il Nagorno-Karabakh attraverso il Corridoio di Lachin, l’unica strada che collega la Repubblica di Armenia e il Nagorno-Karabakh. Alla fine, Shushan è tornato a casa.

Io, invece, non sono riuscito a raggiungere Charektar. All’inizio del 2021, ai titolari di passaporti stranieri è stato negato l’accesso al Nagorno-Karabakh dall’Armenia. Per due volte sono stato respinto dalle forze di mantenimento della pace russe nel Corridoio di Lachin, nonostante avessi un pass per la stampa e un visto. Ciò significava che non potevo tornare con Shushan al suo villaggio. Tuttavia, ho lavorato con la regista armena Greta Harutunyan per filmare il ritorno di Shushan.

Nel suo filmato, vediamo Shushan tornare a casa da un Charektar stranamente silenzioso, fatta eccezione per l’occasionale colonna delle forze di mantenimento della pace russe che si dirige verso il checkpoint di confine improvvisato, presidiato da soldati armeni e azeri. La scuola frequentata dai figli di Shushan è stata bruciata. La maggior parte delle case è stata bruciata e saccheggiata, inclusa quella di Shushan.

Non dimenticherò mai la scena in cui Shushan si trova nel suo giardino guardando giù dalla collina la distruzione. Dice: “Sarà molto difficile vivere qui senza di lui. Ma questo è il villaggio che amava.

È stato il coraggio di Shushan e la sua decisione, mossa dall’amore, di sfidare la sua famiglia e tornare al villaggio che ha ispirato questo film.

Spesso mi sono ritrovato a chiedermi se stessi semplificando la situazione o addirittura banalizzandola inquadrando Il sogno del Karabakh come una storia d’amore. Ma in realtà, la mia supposizione iniziale che la guerra fosse il centro della storia di Shushan era una semplificazione eccessiva. La storia di Shushan sfida le narrazioni di appartenenza semplicemente radicate nel nazionalismo. Il suo attaccamento a Charektar è radicato in ricordi personali che non possono essere spostati, a differenza dei confini.

Purtroppo, da aprile 2021, quando Shushan e i suoi figli sono tornati in Nagorno-Karabakh, la situazione è progressivamente peggiorata. I combattimenti spesso scoppiano lungo il confine. Nel marzo 2022, durante un periodo molto freddo di fine inverno, i residenti del Karabakh sono rimasti senza gas naturale, acqua calda o cibo. Il prezzo dei beni di uso quotidiano nei supermercati è più alto e c’è carenza di pane e zucchero. L’elettricità viene interrotta frequentemente.

Mi sono messa in contatto con Shushan nella primavera del 2022 e mi ha detto che non aveva elettricità da giorni, l’inflazione era alta e la vita era diventata molto difficile.

La situazione è solo peggiorata verso la fine del 2022. Il Corridoio di Lachin è stato bloccato da metà dicembre da eco-attivisti azeri apparentemente sostenuti dal loro governo. Il 25 marzo, le forze azere hanno bloccato l’accesso a una strada sterrata che era stata utilizzata per aggirare il blocco, sostenendo che fosse stata utilizzata per contrabbandare armi, un’affermazione che le autorità del Nagorno-Karabakh hanno negato.

Sono passati ormai più di 100 giorni da quando i residenti del Nagorno-Karabakh, inclusa Shushan e la sua famiglia, vivono sotto un blocco. Ci sono carenze di cibo, carburante e medicine. Amnesty International ha affermato che il blocco sta colpendo in modo sproporzionato donne e bambini. Ci sono voci secondo cui il conflitto scoppierà presto di nuovo. E nel frattempo, Shushan e la sua famiglia, così come centinaia di altri Armeni del Nagorno-Karabakh, sono privati dei loro diritti, nel mezzo di una crisi umanitaria che si aggrava da cui non possono uscire. Il sogno di Shushan del Karabakh sembra più irraggiungibile che mai.

Anche così, è il coraggio e la resilienza di Shushan nel tornare in Nagorno-Karabakh che questo film cerca di onorare. The Dream of Karabakh è una storia sull’amore e l’appartenenza, forze potenti che guidano gli Armeni nel Nagorno-Karabakh ma che spesso sono messe a tacere dalle narrazioni di guerra.

I nomi completi dei partecipanti al film non sono stati inclusi per proteggere la loro identità.

Cinque parole N
di Marc Gavoor
Armenian Weekly, 23 marzo 2023

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

Non scrivo del blocco da un po’. Non c’era molto altro che avessi da dire e non volevo ripetere di nuovo le stesse paure e indignazioni. Le notizie degli ultimi tempi sono state più preoccupanti. All’inizio di questo mese, Aliyev ha definito Yerevan parte dell'”Azerbaijan occidentale”. Ha provocato una forte risposta da parte del Ministero degli Esteri armeno, ma stranamente nessuna protesta da parte di altri governi.

Questo tipo di discorso di Aliyev sarebbe stato moderatamente fastidioso, al limite del comico, circa 10 anni fa. Ora, dopo la disastrosa guerra del 2020, è decisamente spaventoso con il blocco di oltre 100 giorni del Corridoio di Lachin, le truppe azere che uccidono gli Armeni nell’Artsakh, sparano contro l’Armenia vera e propria e un sacco di voci su movimenti delle truppe come ipotizzato dall’Iran che l’Azerbajgian potrebbe invadere e prendere presto il “Corridoio di Zangezur”. Si ipotizza che potrebbero muoversi anche contro l’Artsakh.

Se l’Azerbajgian fa una di queste cose, ci sono poche possibilità che gli Armeni possano fermarli. Ci sono ancora meno possibilità che qualcun altro venga in aiuto dell’Armenia. Certo, ci saranno proteste dalla Francia e forse dagli Stati Uniti, ma non ci sarà alcuna minaccia di forza dietro le parole. La Russia è preoccupata per la loro guerra in Ucraina e non ha fatto nulla per rompere il blocco del Corridoio di Lachin. Iran? Se gli Azeri prendono Zangezur, il confine armeno-iraniano scomparirà. L’Iran probabilmente protesterà, ma non mi aspetto molto di più.

L’8 febbraio, il Comitato armeno della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha presentato H.Res.108 – Condanna del blocco degli armeni del Nagorno-Karabakh (Artsakh) e delle continue violazioni dei diritti umani da parte dell’Azerbajgian. La delibera è stata deferita alla Commissione Affari Esteri della Camera. Sei settimane dopo, è chiaro che questa non è una priorità assoluta per i nostri legislatori statunitensi. Il 20 marzo, il Segretario di Stato americano Anthony Blinken ha avuto una telefonata con Pashinyan dove ha offerto il sostegno degli Stati Uniti nel facilitare le discussioni di pace bilaterali con l’Azerbajgian. Nessuna parola seria o avvertimento è stato dato all’Azerbajgian.

Il 19 gennaio il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione che chiede l’apertura del Corridoio di Lachin per motivi umanitari. La parte armena ha preso atto e ha esortato l’Unione Europea a sanzionare l’Azerbajgian, cosa che non ha fatto. Il Parlamento azero ha approvato una risoluzione che condanna la risoluzione dell’Unione Europea. L’Azerbajgian ha aumentato le proprie esportazioni di gas verso l’Europa per compensare i tagli al gas russo, anche se il gas azero copre solo il 2,8% del fabbisogno di gas dell’Europa.

Sembra che questo tipo di risoluzioni, parole diplomatiche e offerte siano il limite di ciò che gli Stati Uniti e l’Europa sono disposti a fare per fermare le mosse azere in Artsakh e Zangezur. Mi chiedo quali azioni, se del caso, potrebbero intraprendere se l’Azerbajgian cercasse di annettere la stessa Armenia?

Tutto questo mi fa pensare a cinque parole N: Nakhichevan, Nagorno-Karabakh, Nzhdeh, “Never again” (Mai più) e Nemesi.

Nakhichevan e Nagorno-Karabakh dovevano far parte della Repubblica armena e della Repubblica Socialista Sovietica di Armenia. Ma i sovietici rinnegarono e li diedero alla Repubblica Socialista Sovietica di Azerbajgian. Gli Azeri hanno ripulito etnicamente Nakhichevan e da allora hanno cancellato le prove di qualsiasi presenza armena lì. Stanno facendo lo stesso nei territori che hanno preso nella guerra del 2020. Non c’è motivo di pensare che farebbero diversamente con le terre che potrebbero prendere in futuro.

Ovviamente la terza parola si riferisce a Garegin Nzhdeh, patriota e capo militare armeno. Nzhdeh è nato a Nakhichevan. Fu un eroe della battaglia di Karakillise, mantenendo Zangezur parte dell’Armenia e reprimendo i massacri di Shushi da parte degli Azeri. Nella Prima Repubblica di Armenia fu nominato governatore del Nakhichevan. La sua vita è stata dedicata all’indipendenza e all’auto-determinazione armena. Ha compreso e abbracciato l’assoluta necessità di un forte esercito per difendere l’Armenia e gli Armeni.

Nzhdeh ha capito e incarnato la frase che tutti usiamo: “Never again (Mai più). Lo diciamo dal 1965, cinquantesimo anniversario del genocidio, che segnò la nascita del moderno attivismo politico armeno. Diciamo “Mai più” con passione, eppure, eccoci di nuovo con apparentemente poca capacità di difenderci se l’Azerbajgian e la Turchia decidessero di prendersi l’ultimo della nostra patria. Abbiamo avuto 30 anni per prepararci a questo. Invece, abbiamo avuto una massiccia fuga di cervelli e un esodo della popolazione insieme a oligarchi e leader corrotti che si riempivano le tasche. Non abbiamo nemmeno riconosciuto l’Artsakh, come ha sottolineato Putin.

Avremmo sicuramente potuto usare alcuni Nzhdeh nei primi giorni dell’attuale Repubblica. Potremmo usarne alcuni oggi.

Infine, c’è la parola “nemesi”. È la parola più interessante del lotto con due significati sovrapposti. Merriam-Webster lo definisce come “un formidabile e solitamente vittorioso rivale o avversario”. Per gli Armeni, la Turchia è decisamente una nemesi, così come l’Azerbajgian. La seconda definizione è “uno che infligge punizione o vendetta”. Sembra che le vittime del primo tipo di nemesi potrebbero essere motivate a diventare loro stesse nemesi, del secondo tipo. Spero che questa non diventi mai la nostra unica linea d’azione rimasta.

Indice – #ArtsakhBlockade [QUI]

89.31.72.207