La soluzione pacifica del conflitto tra Armenia e Azerbajgian necessità il riconoscimento dell’autodeterminazione dell’Artsakh/Nagorno-Karabakh #StopArtsakhBlockade

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 10.03.2023 – Vik van Brantegem] – La minaccia dell’Azerbajgian di aggressione militare e pulizia etnica della popolazione armena indigena del Nagorno-Karabakh rimane estremamente critica. Se non impedita, costituirà un altro duro colpo per l’ordine internazionale, scrive Sossi Tatikyan oggi su EVN Report. Inoltre, riassume gli argomenti di cui abbiamo trattato nei giorni scorso nella cronaca quotidiano sul #ArtsakhBlockade, che stiamo curando dall’inizio, il 12 dicembre 2022 [QUI].

Al riguardo, Louis Bono, il co-Presidente statunitense del gruppo di Minsk dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Collaborazione in Europa, Consigliere senior per i negoziati sul Caucaso del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha detto in un intervista dell’8 marzo 2023 con Karlen Aslanyan per Azatutyun, il servizio armeno di Radio Liberty [QUI], che la questione del Nagorno-Karabakh farà parte del processo di pace tra Armenia e Azerbajgian: «Per avere un accordo di pace sostenibile, duraturo ed equilibrato, deve includere il Nagorno-Karabakh, e ci impegniamo a portarlo a termine. Riconosciamo la sua importanza. Prima di tutto, il Nagorno-Karabakh farà parte del processo di pace. Penso entrambe le parti lo hanno accettato. Ma, come ho già detto, non siamo qui per imporre condizioni su alcun accordo. È importante che le parti stesse raggiungano un accordo. Siamo ottimisti di poter lavorare con le parti, ma non sarà facile. Richiederà molto duro lavoro e impegno da tutte le parti».

L’imperativo delle garanzie internazionali per la sicurezza e i diritti in Nagorno-Karabakh
di Sossi Tatikyan [*]
EVN Report, 9 marzo 2023

(Nostra traduzione italiana dall’inglese – I link nel testo originale)

L’imboscata dell’Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh (Artsakh) il 5 marzo 2023, che ha provocato l’uccisione di tre poliziotti del Nagorno-Karabakh e seguita dall’uccisione di due militari delle forze armate azere, indica la maggiore volatilità della situazione della sicurezza nel Nagorno-Karabakh che si aggiunge al deterioramento della sua situazione umanitaria dopo quasi tre mesi di blocco.

Questa è l’ennesima violazione da parte dell’Azerbajgian della dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco del 9 novembre 2020. Dalla fine della guerra del 2020, le principali violazioni in Nagorno-Karabakh includono l’occupazione nel dicembre 2020 degli ultimi due villaggi, un antico monastero e una montagna strategica nella regione di Hadrut; l’occupazione di un villaggio e di un’altra collina strategica nella provincia di Askeran nel marzo 2022; un’offensiva militare che ha provocato vittime vicino al percorso originale del Corridoio di Lachin nell’agosto 2022, costringendo la parte armena a cambiare prematuramente il percorso verso un percorso alternativo meno sicuro; e il blocco in corso del Corridoio di Lachin dal 12 dicembre 2022. Oltre a questo, ci sono stati episodi di omicidi, il rapimento e l’intimidazione di civili mentre svolgevano attività lavorative o di sostentamento, e il sistematico blocco della fornitura di gas ed elettricità dall’Armenia, con conseguenti livelli allarmanti di uso eccessivo dell’energia idroelettrica del bacino idrico di Sarsang.

Il Nagorno-Karabakh ha visto due guerre su larga scala – nel 1988-1994 e nel 2020 – e la più piccola guerra dei quattro giorni di aprile nel 2016, per imporre una soluzione militare al conflitto. La minaccia di oppressione e pulizia etnica della sua popolazione indigena armena è alta e la comunità internazionale ha la responsabilità di prevenirla. Le autorità dell’Armenia hanno ribadito la necessità di una missione conoscitiva internazionale nel Corridoio di Lachin e nel Nagorno-Karabakh e garanzie internazionali per la sicurezza e i diritti degli Armeni del Nagorno-Karabakh.

Campagna di disinformazione come strumento di guerra ibrida

Quest’ultimo incidente è stato accompagnato da un’aggressiva campagna di disinformazione da parte del corpo diplomatico azero, esperti e altri utenti dei social media, e minacce esplicite da parte delle autorità azere per ulteriori provocazioni da seguire. Senza alcuna prova, gli organismi ufficiali dell’Azerbajgian di solito diffondono disinformazione sul trasferimento di armi e munizioni dall’Armenia al Nagorno-Karabakh prima di un’altra e più ampia provocazione. Tuttavia, video e foto dell’incidente e delle sue conseguenze dimostrano che il microbus preso di mira, che trasportava quattro poliziotti con documenti e una pistola di servizio nel veicolo, stava viaggiando all’interno del Nagorno-Karabakh per un turno di servizio. Anche la missione di mantenimento della pace russa ha pubblicato un comunicato e immagini che lo confermano.

Inoltre, due giorni prima dell’imboscata, le forze armate azere hanno violato il cessate il fuoco e sparato contro le telecamere di sorveglianza della forza di autodifesa del Nagorno-Karabakh nella stessa area, molto probabilmente con l’obiettivo di nascondere la vera natura dell’attacco pianificato. Funzionari azeri e utenti privati azeri affermano su Twitter che i poliziotti civili, Armeni locali del Nagorno-Karabakh sono “residui dell’esercito armeno” o “forze armate armene illegali”, e talvolta anche “terroristi”, in violazione della dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco e l’Azerbajgian ha il diritto di “eliminarli”. Pertanto, deliberatamente non riconoscono la distinzione tra le forze armate dell’Armenia e la forza di autodifesa locale del Nagorno-Karabakh, mentre l’Armenia non ha più forze armate nel territorio e la forza di difesa del Nagorno-Karabakh non è vietata in linea con la dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco. Non riconoscono nemmeno la distinzione tra la forza di autodifesa locale e la polizia civile. Pertanto, loro stessi violano la dichiarazione trilaterale di cessate il fuoco, attraversando la linea di contatto e uccidendo il personale della polizia civile armena del Nagorno-Karabakh.

In generale, agitazione guerrafondaia, disinformazione e false narrazioni contro l’Armenia e gli Armeni nel Nagorno-Karabakh sono articolate nelle comunicazioni della leadership politica e del corpo diplomatico, nonché di personaggi pubblici, esperti e utenti abituali dei social media azeri. Twitter è diventato uno strumento per la guerra ibrida per l’Azerbajgian, utilizzato per diffondere infinite false narrazioni vecchie e nuove sull’Armenia e il Nagorno-Karabakh. L’Azerbajgian ha anche iniziato a organizzare viaggi sponsorizzati di giornalisti e influencer stranieri in Azerbajgian, scegliendo quelli che non hanno conoscenza delle complesse dinamiche della regione e del conflitto, presentando loro la propaganda azera durante i tour. Le destinazioni hanno incluso il Corridoio di Lachin, dove dal febbraio 2021 è stato impedito l’ingresso nel territorio a giornalisti e ONG internazionali e anche ai giornalisti armeni non è stato consentito l’accesso al Corridoio di Lachin dall’inizio del blocco.

In una sessione plenaria “Muovere Montagne? Costruire la sicurezza nel Caucaso meridionale” organizzata alla Conferenza sulla sicurezza di München il 18 febbraio, il Presidente dell’Azerbajgian Ilham Aliyev ha pronunciato un discorso contenente le solite narrazioni aggressive dell’Azerbajgian contro l’Armenia e il Nagorno-Karabakh, simile a propaganda di guerra, mentre il discorso del Primo Ministro armeno Nikol Pashinyan è stato costruttivo, riconciliante e orientato alla pace.

Motivazioni della provocazione

  • L’agenda dell’Azerbajgian è continuare a capitalizzare le sue vittorie militari contro gli Armeni, vale a dire sia il Nagorno-Karabakh che la Repubblica di Armenia nel 2020-2022. Tuttavia, attualmente si sente limitato a lanciare nuove offensive militari o l’annessione strisciante della Repubblica di Armenia dall’ottobre 2022 a causa del dispiegamento di missioni conoscitive dell’Unione Europea a breve e lungo termine in Armenia nell’ambito della politica di sicurezza e di difesa comune schierate dopo l’annessione dall’Azerbajgian di almeno 150 kmq di territorio dell’Armenia vera e propria. Anche se l’Azerbajgian e la Russia mettono in discussione la legittimità della missione dell’Unione Europea in Armenia, essa è stata istituita nel territorio della Repubblica di Armenia su richiesta del governo armeno, con la decisione del Consiglio dell’Unione Europea sulla base del consenso di tutti gli Stati membri dell’Unione Europea. Pertanto ha una leva politica e funge da deterrente morbido.
  • Di conseguenza, l’Azerbajgian ha reindirizzato le sue azioni militari contro il Nagorno-Karabakh, che è più vulnerabile in quanto entità statale de facto non riconosciuta che rivendica l’autodeterminazione, sotto la protezione di un contingente di mantenimento della pace russo unilaterale basato sulla dichiarazione trilaterale tra Azerbajgian, Armenia e Russia, senza un mandato internazionale dell’ONU o dell’OSCE.
  • L’Azerbajgian mira a raggiungere una serie di obiettivi a breve, medio e lungo termine dal 12 dicembre 2022, quando ha bloccato il Corridoio di Lachin. Quasi nessuno crede alla favola delle motivazioni ambientaliste delle proteste degli pseudo-attivisti. Aliyev sembra ormai aver capito che Baku non potrà strappare all’Armenia un corridoio extraterritoriale in cambio dell’apertura del Corridoio di Lachin, che era un obiettivo strategico di questa performance. Molto probabilmente per salvare la faccia, nel suo discorso alla Conferenza sulla sicurezza di München, ha escluso i negoziati con il Ministro di Stato del Nagorno-Karabakh, Ruben Vardanyan, che è stato licenziato poco dopo. Tuttavia, come hanno sottolineato le autorità dell’Artsakh e la comunità di esperti liberi dell’Armenia, il licenziamento probabilmente derivava da ragioni politiche interne e non era correlato alla richiesta di Aliyev.

L’Azerbajgian sta ancora cercando di raggiungere i suoi altri obiettivi:

  • Installare un checkpoint nel Corridoio di Lachin, in aggiunta ai posti di blocco già esistenti del contingente russo di mantenimento della pace, che non risolverebbe la questione della libertà di movimento tra Nagorno-Karabakh e Armenia ma la aggraverebbe ulteriormente, in quanto potrebbe portare ad un accresciuto senso di insicurezza. Come documentato da osservatori internazionali, le autorità azere sono così repressive da praticare persino la repressione transnazionale verso gli attivisti azeri critici nei confronti del governo azero. In tal caso, non è difficile immaginare come i servizi di sicurezza azerbajgiani che controllano qualsiasi checkpoint tratterebbero gli Armeni del Nagorno-Karabakh. Molto probabilmente porterà ad arresti arbitrari di funzionari armeni del Nagorno-Karabakh di organi di autogoverno locale e uomini in età di mobilitazione militare, e molestie nei confronti di donne e bambini come manifestato nell’incidente di intimidazione di minori che tornarono dall’Armenia al Nagorno- Karabakh il 17 gennaio. Allo stesso tempo, le autorità dell’Artsakh hanno discusso con i rappresentanti dell’Azerbajgian la possibilità di screening a raggi X all’ingresso del corridoio, che è anche in linea “con lo spirito di trasparenza su ciò che viene trasportato sulla strada di Lachin”.
  • Alla fine, spopolare gli Armeni dell’Artsakh dalla loro terra ancestrale, un’intenzione manifestata nella dichiarazione del Presidente azero Aliyev del 10 gennaio secondo cui “chi non vuole diventare nostro cittadino, la strada non è chiusa, è aperta”, implicando che solo l’ingresso al territorio è chiuso e si incoraggiano gli Armeni ad andarsene. Le autorità azere possono anche sperare che una volta aperto il corridoio, una parte significativa della popolazione armena se ne vada volontariamente. La scelta tra vivere nella propria patria indigena e vivere una vita normale dipenderà dal livello di resilienza degli Armeni nel Nagorno-Karabakh, che l’Azerbajgian sta cercando di sfondare attraverso il blocco.
  • È probabile anche la possibilità di uno scenario peggiore di pulizia etnica attraverso l’aggressione militare e i massacri, soprattutto sulla base della storia dei massacri degli Armeni a Shushi nel 1920; Sumgait e Kirovabad (ora Ganja) nel 1988 e Baku nel 1990; Operazione “Koltso” (Anello) che ha effettuato la pulizia etnica di Shahumyan, Getashen e Martunashen nel 1991; il massacro di Maragha nel 1992; e crimini di guerra commessi durante la guerra del 2020, come la tortura e l’uccisione di civili che erano rimasti ad Hadrut.

Nonostante le critiche significative contro l’Azerbajgian, la sessione di emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sul blocco del Corridoio di Lachin, convocata il 23 dicembre 2022, non ha portato all’adozione di una dichiarazione. Secondo fonti armene e azere, Russia, Albania ed Emirati Arabi Uniti hanno bloccato l’adozione della bozza di dichiarazione proposta dalla Francia. Baku ha anche citato il Regno Unito tra i paesi contrari, nonostante la dichiarazione critica del rappresentante del Regno Unito presso le Nazioni Unite sollecitando l’apertura del corridoio. Mentre il fallimento del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nel raggiungere un consenso non è una grande sorpresa nell’attuale situazione globale e regionale polarizzata, l’Azerbajgian ha presentato il fallimento di una dichiarazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite come la sua vittoria diplomatica su Armenia e Francia… Tuttavia, dichiarazioni, appelli e le mozioni dei principali attori della comunità internazionale, tra cui Nazioni Unite, Unione Europea, Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, Stati Uniti, Francia, Parlamento Europeo, Consiglio d’Europa e altri, che condannano il blocco e sollecitano l’Azerbajgian a revocarlo, sono continuate per tutto gennaio e febbraio.

Il 23 febbraio, l’Azerbajgian ha subito una doppia sconfitta legale presso la Corte Internazionale di Giustizia. La richiesta dell’Armenia di misure provvisorie è stata parzialmente soddisfatta, cosa più importante, il tribunale ha ordinato all’Azerbajgian di “prendere urgentemente tutte le misure a sua disposizione per garantire il movimento senza ostacoli di persone, veicoli e merci lungo il Corridoio Lachin in entrambe le direzioni”. La Corte ha respinto all’unanimità anche la contro-richiesta dell’Azerbajgian per misure provvisorie basata sull’affermazione che “l’Armenia stava sponsorizzando o sostenendo l’installazione di mine antiuomo e trappole esplosive in Azerbajgian”. Questa è la seconda volta che la Corte soddisfa le richieste dell’Armenia di misure provvisorie in un caso ai sensi della Convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, che indica che l’affermazione armena sull’odio etnico e la discriminazione sponsorizzati dallo Stato in Azerbajgian nei confronti degli Armeni è parzialmente dimostrato.

Reagendo agli ordini della Corte Internazionale Giustizia, il corpo diplomatico dell’Azerbajgian ha prima cercato di dimostrare che l’Azerbajgian non era stato sconfitto. Ha anche fallito poiché le Nazioni Unite, l’Unione Europea, gli Stati Uniti, la Francia e altri Paesi membri dell’Unione Europea hanno rilasciato dichiarazioni sottolineando la natura giuridicamente vincolante delle decisioni della Corte Internazionale di Giustizia e sollecitando Baku a rispettarle. Dopo alcuni giorni, l’Azerbajgian ha iniziato a ripetere la sua affermazione secondo cui l’Armenia sta trasportando armi nel Nagorno-Karabakh, insistendo allo stesso tempo sul fatto che non esiste alcun meccanismo di applicazione per l’esecuzione degli ordini della Corte Internazionale di Giustizia. Sembra che l’Azerbajgian stesse cercando di delegittimare la decisione della Corte Internazionale di Giustizia attraverso questa provocazione per giustificarne la mancata attuazione.

La questione dell’autodeterminazione, garanzie di sicurezza e diritti

L’Azerbajgian afferma che il sostegno armeno al Nagorno-Karabakh è una rivendicazione territoriale dell’Armenia contro l’Azerbajgian, tuttavia, è una questione di autodeterminazione degli Armeni nel Nagorno-Karabakh. L’Armenia non può abbandonare 120.000 Armeni nel Nagorno-Karabakh e ha la responsabilità morale di ottenere garanzie per la loro sicurezza e diritti umani.

L’Unione Europea, gli USA e la Russia hanno cercato, ciascuno a suo modo, di facilitare i negoziati tra Armenia e Azerbajgian per un accordo di pace. Secondo il Ministro degli Esteri dell’Armenia, Ararat Mirzoyan, la parte armena ha suggerito alcune proposte fondamentali, come la precisazione dei parametri di delimitazione del confine internazionale, il distanziamento delle forze dal confine di Stato, la creazione di una zona smilitarizzata, e la creazione dell’Istituto dei Garanti dell’accordo di pace, tuttavia, tutte queste proposte sono state respinta dall’Azerbajgian. L’Armenia ha anche sollevato la questione delle garanzie dei diritti e delle sicurezze degli Armeni nel Nagorno-Karabakh. Considerando il suggerimento dell’Azerbajgian di discutere la questione separatamente dall’accordo di pace, la parte armena ha proposto di creare un meccanismo internazionale per il dialogo tra Stepanakert e Baku.

Ci sono stati alcuni incontri tra funzionari dell’Azerbajgian e del Nagorno-Karabakh facilitati dalle forze di mantenimento della pace russe nelle ultime settimane. L’Azerbajgian ha nominato un parlamentare per i colloqui, mantenendone apparentemente basso il livello, delegandolo alla legislatura, presentandoli come una vetrina per gli attori internazionali e promuovendo la sua agenda di “integrazione ”. Stepanakert ha nominato il Segretario del suo Consiglio di Sicurezza per guidare quei colloqui, che ha affermato essere finalizzati a risolvere urgenti questioni umanitarie e relative alle infrastrutture, come lo sblocco del Corridoio di Lachin, il ripristino della fornitura di elettricità dalla Repubblica di Armenia all’Artsakh, la fornitura ininterrotta di gas naturale e la riapertura della miniera di Kashen, eventualmente accompagnata da un monitoraggio ambientale. I primi colloqui nel 2022 erano stati sull’uso dell’acqua dal bacino di Sarsang. Dopo l’incontro del 1° marzo con i rappresentanti dell’Azerbajgian e della Russia, il Ministero degli Esteri di Nagorno-Karabakh ha ribadito che le discussioni volte a risolvere questioni urgenti “non possono sostituire i negoziati a pieno titolo” e che “procedono dalla necessità di ripristinare il formato della mediazione internazionale come importante garanzia del irreversibilità del processo di pace”. Il 6 marzo, il Presidente del Nagorno-Karabakh, Arayik Harutyunyan, ha dichiarato in una riunione estesa del Consiglio di Sicurezza che l’Azerbajgian ha chiesto alle autorità dell’Artsakh di accettare la politica di integrazione, minacciando altrimenti passi più duri e più decisi. Ha sottolineato che “la stragrande maggioranza del nostro popolo concorda sul fatto che non ci discosteremo dal nostro diritto all’autodeterminazione e all’indipendenza”.

Alcuni leader e funzionari occidentali recentemente hanno sottolineato il diritto degli Armeni del Nagorno-Karabakh all’autodeterminazione. Durante una conferenza stampa congiunta con il Primo Ministro armeno Nikol Pashinyan il 3 marzo, il Cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che è necessario raggiungere una soluzione pacifica dal punto di vista dell’integrità territoriale dell’Armenia e dell’Azerbajgian, nonché dell’autodeterminazione dei cittadini del Nagorno-Karabakh e che tutti questi principi sono uguali. Anche se l’autodeterminazione non significa necessariamente indipendenza o secessione, implicherebbe almeno un’autodeterminazione interna, il che significa un alto status di autonomia.

Tuttavia, l’Azerbajgian, ampiamente riconosciuto come uno dei Paesi più autocratici dell’Eurasia con un pessimo record di diritti umani, continua a negare qualsiasi status agli Armeni del Nagorno-Karabakh, anche un basso livello di autonomia, chiedendo che si integrino in Azerbajgian. Promuove una falsa narrativa secondo cui gli Armeni non sono indigeni che vivono nella loro terra indigena, ma sono solo una minoranza etnica che ha occupato la terra azera. Pur continuando la politica decennale di odio etnico nei confronti degli Armeni, Baku afferma anche che l’Azerbajgian autoritario è un cosmopolita multietnico Paese facendolo sembrare una democrazia occidentale che garantisce livelli elevati e uguali di diritti umani a tutti i suoi cittadini. Nel frattempo, non ha offerto alcun modello di governance e garanzie per i diritti politici e le libertà civili al Nagorno-Karabakh, riconosciuto come più democratico dell’Azerbajgian (37/100 contro 9/100 in Freedom in the World 2023 Report) anche alla luce del suo accresciuto isolamento dopo la guerra del 2020. A giudicare dalla retorica azerbajgiana, Baku non intende riconoscere gli organi di autogoverno locale del Nagorno-Karabakh, il suo diritto ad avere forze di autodifesa o di sicurezza e, come dimostra l’imboscata, anche di polizia civile. Allo stesso tempo, l’Azerbajgian ribadisce la temporanea natura della missione di mantenimento della pace russa, rifiutando al contempo qualsiasi presenza internazionale militare o civile di mantenimento della pace per sostenere e contribuire al processo di coesistenza e riconciliazione. Ciò significa rifiuto del diritto alla sicurezza per gli Armeni in Nagorno-Karabakh.

Come evidenziato con il blocco, l’Azerbajgian sta anche privando gli Armeni del Nagorno-Karabakh dei loro diritti sociali ed economici. Offrono la concessione di diritti sociali ed economici solo dopo aver accettato l’integrazione, altrimenti usano quei diritti come strumento di coercizione. Inoltre, l’interruzione del legame tra il Nagorno-Karabakh e l’Armenia equivale a chiedere agli Armeni del Nagorno-Karabakh di rinunciare alla loro identità etnica. L’unica vaga promessa agli Armeni del Nagorno-Karabakh, comunicata attraverso i canali della diplomazia pubblica, è stata il diritto di imparare l’armeno con i libri di testo preparati a Baku. Con la politica a lungo termine di distruzione e appropriazione del patrimonio culturale armeno, l’irredentismo e il revisionismo della storia, formalizzati come strategia ufficiale di Aliyev nel dicembre 2022, significherebbe anche dover imparare la versione azera della storia che afferma che gli Armeni non sono originari né del Nagorno-Karabakh né dell’Armenia, contraddicendo fonti universalmente accettate e storia riconosciuta.

Anche se accettiamo che il Nagorno-Karabakh sia considerato parte dell’Azerbajgian dalla maggior parte della comunità internazionale, ogni Stato ha la responsabilità di proteggere la propria popolazione civile e di garantirne i diritti, comprese le minoranze, e di non condurre pulizie etniche attraverso massacri, operazioni militari o espulsione o privandoli dei diritti umani fondamentali. La nozione di integrità territoriale non ha dato il via libera a nessuno Stato per opprimere un gruppo etnico sotto la sua giurisdizione. In accordo con la Risoluzione 2625 (XXV) dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottata nel 1970, “ogni Stato ha il dovere di astenersi da qualsiasi azione forzata che privi i popoli […] del loro diritto all’autodeterminazione e alla libertà e indipendenza […] L’uso della forza per privare i popoli della loro identità nazionale costituisce una violazione dei loro diritti inalienabili e del principio di non intervento”. Le azioni dell’Azerbajgian contraddicono anche la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni (UNDRIP), adottata dall’Assemblea Generale nel 2007, non sorprendentemente astenuta dall’Azerbajgian.

Il mantenimento della pace russo nel Nagorno-Karabakh e le relazioni dell’Azerbajgian con la Russia

Uno dei principali discorsi pubblici in Armenia e Nagorno-Karabakh è se il contingente per il mantenimento della pace russo sia o meno autorizzato, incapace o non disposto a prevenire le violazioni del cessate il fuoco da parte dell’Azerbajgian, ulteriori perdite territoriali e umane dopo la dichiarazione di cessate il fuoco e lo sblocco il Corridoio di Lachin. Lo hanno suggerito circoli filo-russi in Armenia e Nagorno-Karabakh e persino alcuni esperti occidentali che l’Azerbajgian sta cercando di minare la credibilità delle forze di mantenimento della pace russe per ottenere il loro ritiro e la Russia non è in grado di prendere misure contro l’Azerbajgian senza un mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e alla luce della sua posizione indebolita a causa della guerra in Ucraina. Tuttavia, un numero crescente di funzionari armeni, società civile ed esperti dell’Armenia, e recentemente anche personaggi pubblici del Nagorno-Karabakh, hanno criticato la mancanza di azione e i fallimenti delle forze di mantenimento della pace russe. Politici, analisti e società civile filo-occidentali in Armenia suggeriscono che l’Azerbajgian ha ricevuto il via libera dalla Russia e sta coordinando le sue azioni, e sollecitano la sua sostituzione con forze di pace internazionali. Alcuni Paesi occidentali e organizzazioni per i diritti umani hanno esortato non solo l’Azerbajgian ma anche le forze di mantenimento della pace russe a prendere misure per revocare il blocco. In ogni caso, la credibilità delle forze di mantenimento della pace russe è andata diminuendo prima in Armenia e recentemente anche in Nagorno-Karabakh. Ci sono state diverse proteste in Artsakh davanti al quartier generale delle forze di mantenimento della pace russe e richieste per il dispiegamento di forze di pace internazionali, l’ultima organizzata il 7 marzo 2023. Allo stesso tempo, finora non ci sono altri deterrenti che impediscano ulteriori conflitti armati su vasta scala e una dura pulizia etnica in assenza di una forza internazionale di mantenimento della pace.

Le azioni del contingente di mantenimento della pace russo nel Nagorno-Karabakh non possono essere analizzate separatamente dalle relazioni dell’Azerbajgian con Mosca. L’Azerbajgian continua ad aumentare il proprio profilo geopolitico manovrando tra Russia e Occidente, svolgendo il ruolo di “partner affidabile” dell’Unione Europea e impegnandosi a fornire gas all’Europa come fonte alternativa alla Russia. Nel frattempo, alcuni analisti hanno suggerito che l’Azerbajgian non ha le forniture di gas che ha impegnato o non ha la capacità di consegnarle all’Europa. Gli esperti hanno anche sottolineato che l’infrastruttura critica necessario all’Azerbaigian per estrarre e trasportare il gas dal Mar Caspio all’Europa è di proprietà di Lukoil, una compagnia petrolifera e del gas russa, che ha firmato un accordo sul gas con la russa Gazprom nel novembre 2022 per importare gas russo al fine di adempiere ai propri obblighi in Europa, il che potrebbe indicare che sta parzialmente “riciclando” il gas russo verso l’Europa. Per anni l’Azerbajgian ha cercato di stigmatizzare l’Armenia come delegata russa; tuttavia, il 22 febbraio 2022 ha firmato una Dichiarazione congiunta sull’interazione degli alleati con la Russia. Come sottolineato dal Ministro degli Esteri azero Bayramov durante la recente visita di Sergey Lavrov a Baku, “la cooperazione tra l’Azerbajgian e la Russia negli ultimi 30 anni può essere caratterizzata come il progressivo sviluppo di relazioni amichevoli e di buon vicinato, che hanno raggiunto il livello di partenariato strategico”. Lavrov ha anche descritto l’Azerbajgian e la Russia come partner strategici. In quella conferenza stampa hanno anche criticato congiuntamente la scelta dell’Armenia della missione di monitoraggio dell’Unione Europea e il dispiegamento di tale missione da parte dell’Unione Europea in Armenia.

La sicurezza dei civili del Nagorno-Karabakh dipende esclusivamente dalla Russia, dai suoi mutevoli interessi geopolitici, dalla sua reputazione internazionale e dalle sue capacità. L’assenza di mandato internazionale delle forze di mantenimento della pace russe, di trasparenza delle loro regole di ingaggio, di sua natura unilaterale e puramente militare, di mancanza di meccanismi internazionali di monitoraggio e segnalazione su di esso, sono altre sfide per l’adempimento della loro missione. Se la Russia, per qualsiasi motivo, si ritirasse dal Nagorno-Karabakh senza il dovuto preavviso, o senza un accordo alternativo che sostituisca la sua presenza di mantenimento della pace, la pulizia etnica degli Armeni del Nagorno-Karabakh da parte dell’Azerbaigian diventerebbe imminente. Se la Russia rimane l’unico garante della sicurezza ma non impedisce ulteriori escalation dell’Azerbajgian o interruzioni della vita normale nel Nagorno-Karabakh, potrebbe portare al graduale spopolamento degli Armeni da lì.

La questione della presenza internazionale

La nozione di responsabilità di proteggere è stata approvata come impegno politico globale dagli Stati membri delle Nazioni Unite al vertice mondiale del 2005 al fine di affrontare le sue quattro preoccupazioni principali per prevenire il genocidio, i crimini di guerra, la pulizia etnica e i crimini contro l’umanità. Un’ulteriore dimostrazione di questa determinazione si è riflessa nella risoluzione 1894 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 2009 sulla protezione dei civili nei conflitti armati.

Anche prima dell’adozione di tale nozione, nessun conflitto interetnico contemporaneo ad alta intensità, scontri armati, minaccia di pulizia etnica e aggressione militare è stato ridimensionato o risolto senza garanzie internazionali per la sicurezza e i diritti umani. Le missioni internazionali di mantenimento della pace sono servite come strumento per l’intervento umanitario per proteggere i civili nelle zone di conflitto e aiutare le parti in conflitto a compiere la difficile transizione dal conflitto alla pace. Operano da decenni e sono tuttora mantenute in varie zone di conflitto interetnico, e da lì vengono ritirate solo quando sono assicurate garanzie di sicurezza e diritti umani fondamentali per la parte più vulnerabile.

Le missioni multinazionali di mantenimento della pace sono preferibili alle missioni unilaterali per una serie di motivi: la loro legittimità, concetto e regole di ingaggio sono generati da un mandato e procedure operative standard di un’organizzazione internazionale; non dipendono dagli interessi nazionali e dalle circostanze di una nazione; possono includere componenti militari, di polizia e civili, di sicurezza, diritti umani, umanitarie e di sviluppo; riferiscono a un’organizzazione internazionale; non sono statici e la loro configurazione può evolvere a seconda della situazione e delle esigenze. L’imposizione della pace è un sottoinsieme delle operazioni di pace, in cui la forza militare viene utilizzata come strumento di diplomazia coercitiva per porre fine a un conflitto in corso, attuare un cessate il fuoco o creare un ambiente sicuro. Creano le condizioni per le classiche operazioni di mantenimento della pace che assistono alla stabilizzazione e alla transizione verso la pace. Infine, le missioni di mantenimento della pace sono sostituite da missioni politiche che continuano ad aiutare il dialogo politico e la costruzione della pace.

Il mantenimento della pace internazionale è impegnativo ed è stato anche criticato per i suoi fallimenti. Non ha impedito il genocidio in Rwanda e il massacro di Srebrenica a causa della mancanza di istruzioni da parte del quartier generale delle Nazioni Unite sull’uso della forza per proteggere i civili. Per evitare il ripetersi di tali fallimenti, le Nazioni Unite hanno modificato le proprie regole di ingaggio autorizzando l’uso della forza non solo per l’autodifesa delle forze di pace, ma anche per difendere il mandato della missione e, in primo luogo, proteggere i civili.

Gli ostacoli alla presenza di una missione dell’ONU, dell’OSCE o dell’UE in Nagorno-Karabakh sono il rifiuto ostinato da parte dell’Azerbajgian di qualsiasi presenza militare o civile internazionale in Nagorno-Karabakh, la presunta mancanza di consenso nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU per adottare un risoluzione sul dispiegamento di una missione di mantenimento della pace, e la presenza militare russa e le relazioni polarizzate tra Russia e Occidente rendono impossibile dividere i ruoli dei fornitori di sicurezza hard e soft nel Nagorno-Karabakh nell’attuale situazione geopolitica.

Inoltre, l’Azerbajgian non consente l’assistenza al Nagorno-Karabakh da parte della comunità internazionale in violazione del principio delle Nazioni Unite “Non lasciare nessuno indietro”, mentre una presenza civile internazionale aiuterebbe con il dialogo politico e la costruzione della pace, il ritorno dei rifugiati e degli sfollati interni da entrambe le parti, risolverà le questioni umanitarie e assisterà con lo sviluppo e il rafforzamento delle istituzioni. A differenza di altre aree di conflitto nel mondo, non c’è mai stata alcuna organizzazione internazionale o ONG per contribuire al mantenimento della pace, alla risoluzione politica, al rafforzamento delle istituzioni o allo sviluppo del Nagorno-Karabakh durante più di tre decenni di conflitto. Il Nagorno-Karabakh ha condotto le elezioni e costruito le sue istituzioni senza l’assistenza internazionale. Ha ricevuto solo un’assistenza umanitaria limitata dal Comitato Internazionale della Croce Rossa e da HALO Trust.

Conclusioni

L’Azerbajgian suggerisce le seguenti opzioni agli Armeni nel Nagorno-Karabakh:

  • Presentazione sotto il nome di integrazione: Integrarsi in Azerbajgian sacrificando l’autogoverno e l’identità senza garanzie di sicurezza e diritti umani;
  • Pulizia etnica morbida: lasciare la patria indigena senza diritto di ritorno;
  • Segregazione: vivere senza libertà di movimento e in condizioni insopportabili come ostaggi o prigionieri a cielo aperto;
  • Inoltre, persiste la possibilità di una dura pulizia etnica attraverso un’azione militare su larga scala accompagnata da massacri.

La negazione da parte dell’Azerbajgian delle garanzie di sicurezza e dei diritti umani agli Armeni nel Nagorno-Karabakh, compreso qualsiasi status in linea con il diritto all’autodeterminazione, non può essere accettata e normalizzata dalla comunità internazionale. Nonostante i loro interessi geopolitici ed energetici, i principali attori internazionali, in particolare quelli che affermano di operare nella fede della democrazia e dei diritti umani, dovrebbero definire le loro linee rosse e segnalare la loro insoddisfazione per la retorica e le azioni di Aliyev. La politica di parità nelle dichiarazioni che ancora persiste nelle posizioni di alcuni attori internazionali sta autorizzando l’Azerbaigian a ricattare e intimidire 120.000 persone e contestare il loro diritto a vivere nella loro terra indigena.

Qualsiasi ulteriore aggressione militare da parte dell’Azerbajgian contro gli Armeni nel Nagorno-Karabakh dovrebbe essere prevenuta e il blocco del territorio dovrebbe essere revocato senza ulteriori precondizioni. Se l’Azerbajgian effettua un’ulteriore pulizia etnica nel Nagorno-Karabakh, con metodi più morbidi o più duri, la comunità internazionale subirà un’enorme perdita di reputazione, costituendo un altro duro colpo all’ordine internazionale sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e dovendo scusarsi retrospettivamente per il suo mancato rispetto di impedirlo.

Un accordo di pace tra Armenia e Azerbajgian dovrebbe contenere disposizioni anche sul Nagorno-Karabakh. I negoziati tra l’Azerbajgian e il Nagorno-Karabakh dovrebbero svolgersi sotto un ombrello internazionale al fine di escludere la coercizione in condizioni di enorme squilibrio di potere. L’invio di una missione conoscitiva internazionale nel Nagorno-Karabakh, come richiesto dal Primo Ministro armeno Pashinyan, è diventato una questione urgente. Previa verifica dei fatti, dovrebbe programmare una presenza internazionale in Nagorno-Karabakh. L’attuale architettura di mantenimento della pace nel Nagorno-Karabakh dovrebbe evolversi, sulla base delle norme internazionali di mantenimento della pace. Anche se sembra impegnativo nell’attuale contesto geopolitico, le opzioni per un’operazione multinazionale di mantenimento della pace su mandato di un’organizzazione internazionale dovrebbe essere istituita al fine di prevenire una ricaduta in un conflitto armato e fornire garanzie di sicurezza e diritti umani agli Armeni che vi si trovano. Dovrebbe essere una missione civile-militare per fornire sicurezza e protezione in linea con il principio della “Responsabilità di proteggere”, per affrontare le questioni politiche, di governance e dei diritti umani verso una pace sostenibile, e le questioni umanitarie e di sviluppo in linea con il principio “Non lasciare nessuno indietro”.

[*] Sossi Tatikyan ha conseguito un diploma presso l’Università Statale di Yerevan, un Master in Pubblica Amministrazione presso la Harvard Kennedy School of Government e un Executive Master in Business Administration presso la ESCP Europe Business School. Attualmente è iscritta al programma di dottorato della School of International Studies di Brussel. Ha lavorato nel Ministero degli Esteri armeno per oltre un decennio, occupandosi principalmente delle relazioni dell’Armenia con la NATO, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, gli organismi internazionali per i diritti umani e l’Iran. Ha lavorato con le Missioni OSCE, ONU e UE in Europa, Asia e Africa, fornendo analisi e consulenza politica strategica nell’area del buon governo e delle politiche di sicurezza, e progettando e gestendo programmi e progetti di assistenza tecnica nella riforma della sicurezza e delle istituzioni dello Stato di diritto. Dal 2019 fornisce servizi di consulenza a organizzazioni intergovernative, pubbliche, senza scopo di lucro e private, come UNDP, UE, Freedom House, DCAF, sia in Armenia che a livello globale. Ha pubblicato sull’integrazione euro-atlantica e le questioni di sicurezza energetica pubblicate dal NATO Defense College.

Indice – #ArtsakhBlockade [QUI] https://www.korazym.org/83192/indice-artsakhblockade-in-aggiornamento/

151.11.48.50