Basta con le discriminazioni del PD!

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 07.12.2022 – Vik van Brantegem] – Il PD non ha capito che la campagna elettorale è finita, dimentica che ha perso le elezioni e sta ancora dietro ai radical chic, che le ha fatto perdere; quelli che hanno annunciati che sarebbero andati via dall’Italia se l’avrebbero perso. Ma che stanno ancora qui, purtroppo, per partecipare alla centrifuga della ricerca ossessiva di una nuova identità, basata sulle devianze.

«Basta con le discriminazioni del PD!
“Amore e protezione”… nei confronti di chi?
Delle donne costrette per bisogno a vendere i propri ovociti?
Delle donne costrette per bisogno ad affittare il proprio utero?
Delle giovani ragazze costrette a subire stimolazioni ormonali rovinandosi la salute fino a produrre 50-60 ovociti messi in vendita per bisogno?
Delle donne sottomesse a contratti capestro e segregate per nove mesi per assicurare un “prodotto” all’altezza delle aspettative dell’acquirente?
Della maternità negata e del corpo femminile spezzettato?
Delle donne sfruttate e della genitorialità umiliata?
Dei bambini considerati come un oggetto da ordinare sul mercato?
Se questo è “amore e protezione”…» (Eugenia Roccella).

«Dei bambini consapevolmente privati di una delle due figure genitoriali?
Dei bambini ridotto a merce?
Dei bambini che si possono anche rifiutare di accogliere se il “prodotto” non è consono alle aspettative?
Basta con ste minchiate ideologiche!
Dagli dritto, Eugenia Roccella» (Daniela Scavolini).

«Assolutamente d’accordo. I loro sono solo slogan semplicistici e utilizzo dei bambini come scudo umano per rivendicare diritti che non sono tali. La genitorialità a tutti i costi è regresso, non progresso» (Umberto La Morgia).

«Ogni bambino proviene da un essere umano di sesso maschile e da un essere umano di sesso femminile che l’hanno generato… Papà e mamma è un concetto un po’ più ampio: anche due genitori adottivi sono papà e mamma. Detto questo sono d’accordo con il ministro: pensare solo alle coppie omogenitoriali è una discriminazione; ci sono anche gli altri aspetti da considerare ma nessuno ne parla» (Serena Ciarapica).

«Sono genitori un uomo e una donna o naturali o adottivi. Due uomini o due donne non possono usurpare il termine genitori, perché non possono generare a meno che usano sistemi artefatti e disumani» (Michele Donadio).

«Eugenia Roccella oggi ha detto che “ogni bambino ha una mamma e un papà per forza di cose”. Cioè ha detto una ovvietà. Il PD la attacca accusandola di discriminazioni. L’ha pure accusata di dire “banalità elettorali”. Cioè, spiego (in modo che capiscano persino quelli del PD): la Roccella non ha parlato di famiglia, ma del fatto che ogni bambino nasce da un padre e da una madre. (Per esempio: non da un gatto e un termosifone, forse così può essere più chiaro). Faccio sommessamente notare che non si tratta di un parlamentare qualsiasi del PD, ma proprio del PD, della sua voce ufficiale. L’ultimo sondaggio ha dato il PD al 15%. Coraggio: continuando così, con questa chiarezza di idee, arriverete sicuramente al 2 %» (Assuntina Morresi).

Corollario

1. «La psicologa: “Aumentati del 315% i casi di bambini e adolescenti che non si riconoscono nel proprio sesso biologico”» (la Repubblica, 5 dicembre 2022).

«Se attraverso la propaganda e la manipolazione è possibile indurre bambini e adolescenti (e non solo) a dubitare della propria identità sessuale, figuriamoci su tutto il resto.
Purtroppo sono ancora in pochissimi ad aver pienamente compreso la potenza della macchina infernale che produce questi effetti.
La pervasività dei mezzi e la loro diffusione (smartphone e dispositivi vari), unite alla ripetizione ossessiva 24/7 dei messaggi, hanno il potere di riprogrammare le personalità degli individui, soprattutto quelle dei soggetti più fragili.
Il tutto in maniera assolutamente (questa sì) scientifica.
La nostra vita si sta inesorabilmente dirigendo nel Metaverso, ovvero verso un ambiente pervasivo completamente inquinato dalla propaganda» (Giorgio Bianchi).

2. Dai media è scomparso il pensiero critico. Con i loro padroni ci chiedono di smettere di pensare e di accettare illogicità, contraddizioni e perfino menzogne. Poi ci impongono di accettare che i diritti e le libertà personali, per cui l’umanità ha lottato millenni, non sono più primordiali. #RestiamoLiberi

3. «Adesso butto una bomba atomica: da anni le scelte del PD sono determinate dai Presidenti della Repubblica: sono i veri leader del partito. Anche la linea Draghi è stata di combinazione tra lui e Mattarella con il Pd all’ombra di scelte che non ha fatto. (…) Ma come fa a paragonare il PD al PCI di Berlinguer? Quello era un grande partito popolare, non una congrega di famiglie come il PD. Se il nostro Paese partecipa alla guerra e non c’è stata una riunione nelle sezioni ma che partito è?» (Michele Santoro a DiMartedi su La7).

89.31.72.207