La Chiesa è ancora contro l’aborto?

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 22.10.2022 – Vik van Brantegem] – Video-editoriale di Stefano Fontana, Direttore dell’Osservatorio Internazionale Cardinale Van Thuan sulla Dottrina Sociale della Chiesa [QUI], sul tema della linea di comportamento sul tema aborto tenuto dalla Santa Sede.

La Chiesa Cattolica insegna che la vita inizia al momento del concepimento, per questo “Chiedo: è legittimo, è giusto eliminare una vita umana per risolvere un problema?”, si è domanda retoricamente Papa Francesco nell’intervista con la Reuters del 4 luglio 2022, con cui è tornato a condannare l’aborto. Non può conciliarsi l’inconciliabile.

Ciononostante, la domanda di Stefano Fontana, che pare provocatoria e polemica, invece è più che legittima, dato che le notizie che giungono dalla Santa Sede e dalle Conferenze Episcopali sono alquanto allarmanti. Fatto è che non vengono da ambienti come l’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, che dell’aborto fanno una questione religiosa e da cui non si aspetta altro, visto la religiofobia di cui soffrono questi combattenti razionalisti contro qualcosa di cui negano l’esistenza: Dio. L’UAAR va sulle barricate contro «il pericoloso estremismo cattolico anti-abortista», argomentando l’«inconsistenza logica delle tesi cattoliche» e osservando, in riferimento all’uccisione di un essere umano non ancora nato, che «l’aborto è un fenomeno sociale fin dalla notte dei tempi; anche nell’antichità le maternità indesiderate erano spesso oggetto di decisioni “estreme”». Come per dire che visto dai tempi di Caino e Abele le fraternità indesiderate erano spesso oggetto di decisioni “estreme”, cioè facendo ricorso al l’omicidio, è normale che si continua ad uccidere, nonostante il quinto comandamento, e ad inventarsi un fantomatico «pericoloso estremismo ateo anti-omicida».

Per restare in casa propria, oggi, il Santo Padre ha ricevuto in udienza l’Arcivescovo Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la Vita. Chissà di cosa hanno parlato, anche se non occorre molta immaginazione per avere qualche un’idea, anche leggendo nostro articolo La CEDU punta l’arma della “libertà di espressione” contro il Cristianesimo e la PAV manifesta l’ennesima contradizione del pontificato del 19 ottobre: le nuove nomine alla Pontificia Accademia per la Vita-PAV – vedi l’ingresso dell’economista Marianna Mazzucato – confermano la “linea Paglia” di apertura a esperti in settori importanti ma di principio favorevoli all’aborto; poi vengono epurate le voci maggiormente fedeli all’identità originaria della PAV e perciò critiche con l’attuale indirizzo della “linea Paglia”, la palinodia del principio per cui l’organismo fu fondata da San Giovanni Paolo II: difendere la vita.

Stefano Fontana è giornalista, filosofo e saggista. Il suo ultimo libro s’intitola Ateismo cattolico? Quando le idee sono fuorvianti per la fede (Fede e Cultura 2022, 176 pagine [QUI]), che può essere ordinato anche via Email [QUI].

89.31.72.207