La macchina del tempo. Il ritorno al 2014

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 26.09.2022 – Vik van Brantegem] – Ritorno al 2014, quando il presente ebbe inizio. «8 anni fa, prima che venisse evirato e trasformato in uno strumento della propaganda liberal e atlantista, The Guardian pubblicava un articolo dell’ottimo John Pilger dal titolo “In Ucraina gli USA ci stanno trascinando verso una guerra con la Russia”. Se si prova a condividere questa immagine [che segue] su Twitter, essa viene oscurata con l’avvertenza che contiene “materiale sensibile”. Per vederla bisogna cliccare sul link. Ecco lo stato dell’informazione oggi. Quello che si poteva liberamente pubblicare e condividere un tempo, ora nella migliore delle ipotesi viene ritenuto pericoloso e controverso, nella peggiore viene censurato e gli autori silenziati» (Laura Ru – Telegram, 25 settembre 2022).

The Guardian, nato come settimanale dal titolo The Manchester Guardian a Manchester nel 1821 e quotidiano dal 1855, dal 1960 ha sede a Londra e viene stampato in entrambe le città. Esce sei giorni a settimana dal lunedì al sabato, mentre la domenica esce in sua vece, per lo stesso gruppo editoriale, The Observer. Benché politicamente orientato su posizioni di centro-sinistra (da un sondaggio del 2000 emerse che all’epoca il lettorato del quotidiano era all’80% laburista, mentre nel 2005 era al 48% laburista e al 34% liberal-democratico. Il termine “lettore del Guardian” è comunemente usato nel Regno Unito per identificare un esponente politicamente corretto del ceto medio che si riconosce in posizioni politiche socio-liberal o di sinistra.
The Guardian fa parte del gruppo di quotidiani in lingua inglese considerati stampa di riferimento per accuratezza e imparzialità di esposizione. Si autodefinisce “l’unico quotidiano britannico a diffusione nazionale privo di un proprietario e indipendente rispetto ai partiti politici” e “principale voce liberal del mondo” e ha come motto: “Comment is free, but facts are sacred” (“Il commento è libero, ma i fatti sono sacri”). È l’adagio che C.P. (Charles Prestwich) Scott – il Direttore del giornale per un tempo record di 57 anni (1872-1929) – scrisse nell’articolo A Hundred Years del 1921 per festeggiare il centenario del giornale e il suo cinquantesimo anniversario come Direttore. La famosa 6frase ha resistito come la definizione ultima dei valori di una libera stampa e il vero giornalismo.

«Al Guardian dicono di credere in un lavoro di qualità, alleato della verità, disponibile a chi lo voglia seguire almeno nella versione on line, anche se non ne ha i mezzi economici, o addirittura la preparazione (un concetto questo favorevole a un giornalismo semplice, accessibile a tutte le menti, non solo agli eletti, perché ci si può sempre informare, si può riflettere, si può approfondire, farsi un’opinione, e arrivare a migliorare – quest’ultimo punto non è necessario e non è un giudizio di valore). Ma per ottenere un’informazione così bisogna impiegare molto tempo, bisogna investire soldi, bisogna lavorare sodo: “But producing it takes a lot of time, money and hard work”. Riassume bene la condizione attuale di questa nostra professione il lettore australiano Jordan S.: “Il giornalismo di alta qualità ha bisogno di protezione, ora più che mai”» (Costanza Troini – Senzabavaglio.info, 24 agosto 2017).

L’informazione di qualità, alleata della verità, come afferma The Guardian, «chiede tanto tempo, soldi e lavoro sodo» e il vero giornalismo è quello che si pratica consumando la suola delle scarpe, come amava dire Egisto Corradi, l’inviato del Corriere della Sera, acuto osservatore della realtà del suo tempo e cui prosa ha costituito materiale di studio per numerosi giornalisti.

In questo senso, come materiale di studio, e non solo dei giornalisti, offriamo l’articolo che segue, pubblicato da The Guardian più di otto anni fa, nella nostra traduzione italiana dall’inglese.

«Non è questione di ciò che è vero che conta,
ma di ciò che viene percepito come vero»
(Henry Kissinger)

In Ucraina gli USA ci stanno trascinando verso una guerra con la Russia
Il ruolo di Washington in Ucraina, e il suo sostegno ai neonazisti del regime, ha enormi implicazioni per il resto del mondo
di John Pilger
The Guardian, 13 maggio 2014


Perché tolleriamo la minaccia di un’altra guerra mondiale in nostro nome? Perché permettiamo bugie che giustificano questo rischio? La portata del nostro indottrinamento, scrisse Harold Pinter, è un “atto di ipnosi brillante, persino spiritoso, di grande successo”, come se la verità “non fosse mai accaduta anche mentre stava accadendo”.

Ogni anno lo storico americano William Blum pubblica il suo “riassunto aggiornato del record della politica estera statunitense” che mostra che, dal 1945, gli Stati Uniti hanno cercato di rovesciare più di 50 Governi, molti dei quali eletti democraticamente; gravemente interferito nelle elezioni in 30 Paesi; ha bombardato le popolazioni civili di 30 Paesi; ha usato armi chimiche e biologiche; e ha tentato di assassinare leader stranieri.

In molti casi la Gran Bretagna è stata una collaboratrice. Il grado di sofferenza umana, per non parlare della criminalità, è poco riconosciuto in Occidente, nonostante la presenza delle comunicazioni più avanzate del mondo e del giornalismo nominalmente più libero. Che le vittime più numerose del terrorismo – il “nostro” terrorismo – siano i musulmani, è indicibile. Quel jihadismo estremo, che ha portato all’11 settembre, è stato alimentato come un’arma della politica anglo-americana (Operazione Cyclone in Afghanistan) viene represso. Ad aprile il Dipartimento di Stato statunitense ha osservato che, in seguito alla campagna della NATO nel 2011, “la Libia è diventata un rifugio sicuro per i terroristi”.

Il nome del “nostro” nemico è cambiato nel corso degli anni, da comunismo a islamismo, ma generalmente si tratta di qualsiasi società indipendente dal potere occidentale e che occupa un territorio strategicamente utile o ricco di risorse, o semplicemente offre un’alternativa al dominio degli Stati Uniti. I leader di queste nazioni ostruttive vengono solitamente messi da parte con la violenza, come i democratici Muhammad Mossedeq in Iran, Arbenz in Guatemala e Salvador Allende in Cile, o vengono assassinati come Patrice Lumumba nella Repubblica Democratica del Congo. Tutti sono oggetto di una campagna di diffamazione da parte dei media occidentali – pensate a Fidel Castro, Hugo Chávez, ora Vladimir Putin.

Il ruolo di Washington in Ucraina è diverso solo nelle sue implicazioni per il resto di noi. Per la prima volta dagli anni di Reagan, gli Stati Uniti minacciano di portare il mondo in guerra. Con l’Europa orientale e i Balcani ora avamposti militari della NATO, l’ultimo “stato cuscinetto” al confine con la Russia – l’Ucraina – viene fatto a pezzi dalle forze fasciste scatenate dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea. Noi in Occidente stiamo ora appoggiando i neonazisti in un Paese in cui i nazisti ucraini sostenevano Hitler.

Avendo ideato il colpo di stato di febbraio [2014] contro il governo democraticamente eletto a Kiev, il pianificato sequestro di Washington della storica e legittima base navale russa in Crimea in acque calde è fallito. I Russi si sono difesi, come hanno fatto per quasi un secolo contro ogni minaccia e invasione dall’Occidente.

Ma l’accerchiamento militare della NATO è accelerato, insieme agli attacchi orchestrati dagli Stati Uniti contro i cittadini di etnia russa in Ucraina. Se Putin potesse essere indotto a venire in loro aiuto, il suo ruolo di “paria” preordinato giustificherebbe una guerriglia guidata dalla NATO che probabilmente si riverserà nella stessa Russia.

Invece, Putin ha confuso il partito di guerra cercando un accordo con Washington e l’Unione Europea, ritirando le truppe russe dal confine ucraino e esortando i russi etnici nell’Ucraina orientale ad abbandonare il provocatorio referendum del fine settimana. Queste persone di lingua russa e bilingue – un terzo della popolazione ucraina – cercano da tempo una federazione democratica che rifletta la diversità etnica del Paese, sia autonoma da Kiev che indipendente da Mosca. La maggior parte non sono né “separatisti” né “ribelli”, come li chiamano i media occidentali, ma cittadini che vogliono vivere al sicuro nella loro Patria.

Come le rovine dell’Iraq e dell’Afghanistan, l’Ucraina è stata trasformata in un parco a tema della CIA, gestito personalmente dal Direttore della CIA a Kiev, John Brennan, con dozzine di “unità speciali” della CIA e dell’FBI che hanno creato una “struttura di sicurezza”, che sovrintende ai selvaggi attacchi contro coloro che si sono opposti al colpo di stato di febbraio [2014]. Guarda i video, leggi i resoconti dei testimoni oculari del massacro di Odessa questo mese. Delinquenti fascisti portati con gli autobus hanno bruciato la sede del sindacato, uccidendo 41 persone intrappolate all’interno. Con la polizia rimasta a guardare [Decine di morti nell’incendio di un edificio a Odessa, afferma il Ministero – The Guardian, 2 maggio 2014].

Un medico ha descritto il tentativo di salvare le persone, “ma sono stato fermato da radicali nazisti filo-ucraini. Uno di loro mi ha respinto bruscamente, promettendo che presto io e altri ebrei di Odessa incontreremo la stessa sorte. Quello che è successo ieri non ha avuto luogo nemmeno durante l’occupazione fascista nella mia città durante la Seconda Guerra Mondiale. Mi chiedo, perché l’intero mondo rimane in silenzio” [vedi nota a piè di pagina].

Gli Ucraini di lingua russa stanno lottando per la sopravvivenza. Quando Putin ha annunciato il ritiro delle truppe russe dal confine, il Segretario alla Difesa della giunta di Kiev, Andriy Parubiy – membro fondatore del partito fascista Svoboda – si è vantato che gli attacchi ai “ribelli” sarebbero continuati. In stile orwelliano, la propaganda in Occidente ha invertito questo contro Mosca, che sta “cercando di orchestrare conflitti e provocazioni”, secondo William Hague. Il suo cinismo è accompagnato dalle grottesche congratulazioni di Obama alla giunta golpista per la sua “notevole moderazione” dopo il massacro di Odessa. La giunta, dice Obama, è “debitamente eletta”. Come disse una volta Henry Kissinger: “Non è questione di ciò che è vero che conta, ma di ciò che viene percepito come vero”.

Nei media statunitensi l’atrocità di Odessa è stata sminuita come “oscura” e una “tragedia” in cui i “nazionalisti” (neo-nazi) hanno attaccato i “separatisti” (persone che raccolgono firme per un referendum su un’Ucraina federale). The Wall Street Journal di Rupert Murdoch ha condannato le vittime: “Il fuoco mortale in Ucraina è probabile che sia stato acceso dai ribelli, afferma il governo”. La propaganda in Germania è stata pura guerra fredda, con la Frankfurter Allgemeine Zeitung, che ha avvertito i suoi lettori della “guerra non dichiarata” della Russia. Per i Tedeschi, è una toccante ironia che Putin sia l’unico leader a condannare l’ascesa del fascismo nell’Europa del XXI secolo.

Una verità popolare è che “il mondo è cambiato” dopo l’11 settembre. Ma cosa è cambiata? Secondo il grande informatore Daniel Ellsberg, a Washington è avvenuto un colpo di stato silenzioso e ora regna il militarismo dilagante. Il Pentagono attualmente gestisce “operazioni speciali” – guerre segrete – in 124 Paesi. In Patria, l’aumento della povertà e la perdita della libertà sono il corollario storico di uno stato di guerra perpetua. Aggiungiamo il rischio di una guerra nucleare e la domanda è: perché lo tolleriamo?

La seguente nota è stata allegata il 16 maggio 2014: la citazione di un medico che afferma di essere stato “fermato da radicali nazisti filo-ucraini” proveniva da un account su una pagina Facebook che è stata successivamente rimossa.

Postscriptum (tornando nel 2022)

1. Russia vs Ucraina. Meloni è pronta a una eventuale guerra nucleare?
di Alessandro Orsini
Il Fatto Quotidiano/Nuovo atlanta, 27 settembre 2022


La strategia del dissanguamento della Russia si basa su quattro fasi fondamentali.

Nella prima, la Casa Bianca provoca la potenza nemica minacciando la sua sicurezza nazionale: è il caso della penetrazione della Nato in Ucraina.

Nella seconda, la potenza incalzata, o “target”, accetta la sfida e procede alla guerra.

Nella terza, la Casa Bianca isola il “target” internazionalmente e opera per prolungare la guerra, trasformando le buone ragioni per fermare il conflitto in buone ragioni per proseguirlo. E, così, la possibilità che la Russia ricorra alle armi nucleari viene utilizzata non per trovare una soluzione pacifica, ma per alimentare la guerra al grido di: “La Nato deve diventare più aggressiva perché non possiamo farci spaventare da Putin”.

Questa fase, che chiameremo del “sanguinamento copioso”, è la più complessa e posa su tre condizioni di base. In primo luogo, è necessario che Biden possa contare su una serie di Mario Draghi disposti a sacrificare l’interesse di milioni di europei per difendere il piano del presidente americano, che consiste nel provocare il crollo della Russia scaricando i costi sugli europei. In secondo luogo, è necessario che gli elettori europei abbiano una visione distorta di ciò che accade in Ucraina e delle cause della guerra. Per raggiungere l’obiettivo autoritario della “messa in ignoranza” del pubblico democratico, i governi europei privano i giornalisti russi della libertà di espressione per facilitare il controllo dell’informazione e fornire una rappresentazione dei fatti funzionale al proseguimento della guerra. Viene così elaborato un progetto anti-illuministico in cui il tribunale della ragione viene spogliato delle sue facoltà critiche e delle sue prerogative logiche.

Contro ogni evidenza storica e ricerca scientifica, la Nato viene antropomorfizzata e rappresentata come un essere anaggressivo senza colpe. Di contro, il “target” è l’unica causa di tutti i mali, l’unico ad avere sbagliato e a dover chiedere perdono per le proprie malefatte. In terzo luogo, è necessario che l’Università, vero baluardo della ragione illuministica, accetti di assoggettare la logica dell’indagine scientifico-sociale alla logica del potere politico: i professori universitari, che rappresentano la vetta del sapere e posseggono gli strumenti per svelare le forze profonde che spingono il mondo verso esiti auto-distruttivi, ripetono ciò che i ministri reputano opportuno.

Queste condizioni sono presenti in Italia? Lasciamo che siano i lettori a rispondere e passiamo alla quarta fase che coincide con l’obiettivo ultimo del dissanguamento: il rovesciamento del regime nemico con le rivolte interne e la sua sostituzione non con la democrazia, bensì con un governo amico. Non occorre Voltaire per vedere che l’UE combatte soltanto contro le dittature nemiche (Siria) mentre sostiene convintamente le dittature amiche (Egitto), incluse quelle che massacrano i cittadini italiani dopo averli torturati fino alla morte. Oggi la Russia è attraversata da una serie di rivolte interne contro l’arruolamento. Per fronteggiare la NATO in Ucraina, Putin deve ricorrere alla mobilitazione parziale. Dissanguata dai costi della guerra, la Russia va incontro alle turbolenze intestine. Nel frattempo, la possibilità di una guerra nucleare viene discussa persino all’Assemblea Generale dell’ONU.

Non ci sono dubbi: la strategia di Biden del dissanguamento della Russia sta funzionando e il nascituro governo di centrodestra dovrà rispondere alla seguente domanda: l’Italia, intesa come sistema-Paese, è pronta a una guerra nucleare in Ucraina?

Giorgia Meloni ha compreso il senso di marcia?

2. «Non me ne importa nulla (e con questo spero per un po’ di non dover più parlare di politica, che va presa sempre a piccole dosi altrimenti distorce la visione del mondo vero!) dell’orgoglio, del riscatto, delle lacrime, degli abbracci, dei sogni, dei ricordi e degli altri retorici richiami di Giorgia Meloni. Non me ne importa nulla della calligrafia maiuscola e dei cuoricini di sua figlia, della pinguedine e della vita triste di sua madre e/o di tutte le altre melensaggini di cui il potere si riveste per apparire più empatico e mascherare la propria autoreferenzialità. Faccio gli auguri di buon lavoro a chi è stato eletto e gli chiedo di essere efficiente ed onesto, poco o nulla mi importa che sia anche simpatico» (Mauro Visigalli).

89.31.72.207