Dio ha una volontà particolare su ognuno di noi?

Spesso guardo al mio passato come un succedersi di eventi, più o meno belli e significativi; ma se rileggo la mia vita sotto lo sguardo di Dio, il passato mi fa apparire delle nuove possibilità e mi fa diventare più sensibile agli appelli che Egli mi rivolge, che mi rivelano il Suo desiderio, la Sua attesa e la Sua speranza: vedermi portare frutto (Gv. 15,16). Affidandomi allo Spirito, riesco a vedere la grazia negli eventi più disparati e a glorificare Dio nella prova come nel successo.

Penso che ciò che Dio si attende da me non è che io scelga nella mia vita una via anziché un’altra, ma che ne faccia un buon uso; che io scelga in seguito ad una riflessione profonda, leale, senza paure, chiamandomi in tutte le cose alla perfezione della carità e a riflettere nella mia vita la santità del Padre. Penso che il disegno di Dio su ognuno di noi sia la volontà d’alleanza, il desiderio di comunione, progetto che può rivolgersi solo a persone libere, perché così Dio ci ha creati, lasciandoci liberi di scegliere.

Sento che la mia scelta di vita, dedicata ai poveri, mi rende libera e in comunione col Signore. E a chi mi dice: ‘ma chi te l’ha fatto fare’ rispondo: ‘chiedimi semmai perché non l’ho fatto prima’. Ma cosa è stato il mio ‘prima’. Al primo anno di università alla Facoltà di Architettura di Palermo, nel 1989, sentì forte il desiderio di mettere a disposizione le competenze che man mano stavo acquisendo, a favore dei bambini poveri dell’Africa che vedevo in TV.

Avrei voluto costruire scuole per loro da architetto. Seguì così, su suggerimento dei Salesiani, un corso di operatori missionari a Pedara (piccolissimo paese in provincia di Catania); dovevo prima prepararmi a cosa avrei trovato lì. Dopo un anno abbandonai il corso, presa da mille pensieri, lo studio, dopo il lavoro. Senza accorgermene, risucchiata dai ritmi della società, trascorsero più di vent’anni.

Un giorno, mentre ero a Palermo (dove poi scelsi di vivere; io sono originaria di Ragusa), morì il mio carissimo amico ragusano Toti. Toti era una persona speciale amata da tanti ma con una profonda inquietudine dentro che lo portava a mangiare tanto; l’obesità fu una delle maggiori cause della sua morte. Toti morì solo e questo mi toccò profondamente; pensai che nessuno meritava di rimanere da solo e di non essere aiutato.

E quando poco tempo dopo vidi in TV un’intervista di fratel Biagio (che non conoscevo) rimasi stupita: fratel Biagio aveva una somiglianza fisica sconvolgente con Toti, stesso sorriso, stessa espressione degli occhi e quell’uomo vestito di verde invitava tutti ad aiutare i più bisognosi e ad aprire il proprio cuore.

Quel volto e quelle parole risvegliarono in me il desiderio sopito ormai da più di vent’anni di dedicarmi agli altri e così andai a conoscere il missionario e tutta la comunità; da quel giorno rimasi piacevolmente imbrigliata in quella rete d’amore. Toti era nato il 12 Febbraio e in suo ricordo decidemmo di sposarci in quel giorno.

Dopo qualche anno di volontariato in missione, ho conosciuto Riccardo in un periodo molto travagliato per me: il lavoro non andava più bene, non venivo retribuita puntualmente e questo mi causava molte difficoltà; vivevo da sola, avevo un affitto da pagare, spesso saltavo i pasti, percorrevo 15 km a piedi ogni giorno per andare al lavoro, non potevo acquistare l’abbonamento del bus, lavoravo 10/12 ore al giorno.

Ero fisicamente distrutta, mi sembrava di essere caduta in quel circolo vizioso in cui si vive per lavorare per mantenersi cose che reputavo allora necessarie e cosa più grave, così vivendo, non avevo più tanto tempo per gli altri. Mi stavo isolando, stavo vivendo per me stessa.

Di giorno vendevo il lusso contribuendo alla progettazione e all’arredamento di interni di bellissime case, la sera con la missione andavo in giro per la città di Palermo ad incontrare i senza fissa dimora: un contrasto troppo forte che mi fece però capire che il Signore mi chiamava ad una scelta d’amore più radicale.

Quando ho conosciuto Riccardo ho capito, a 44 anni, che lui era l’uomo che avrei voluto sposare. Ero titubante però perché per sposare Riccardo e il suo progetto di vita, che sentivo sempre più mio, avrei dovuto lasciare tutto e occuparmi solo dei poveri e vivere di provvidenza; ma la preghiera di Riccardo e di tante persone e il sentirmi amata e utile per i poveri mi hanno spinta a fare questo salto nelle braccia dei Signore e in quelle di Riccardo. Lasciai Palermo e la mia vita lavorativa.

Il giorno del nostro matrimonio, il 12 Febbraio 2016, il nostro desiderio era quello di unirci a Dio nel sacramento del matrimonio, mettere Dio al centro, consacrarci a Lui davanti all’altare, consapevoli che solo così avremmo trovato la forza di affrontare la nuova vita insieme e al servizio degli altri. Mi ritrovai di nuovo a Pedara, perché proprio lì, viveva Riccardo in casa-famiglia, nello stesso paese dove 25 anni prima avevo frequentato il corso di operatore missionario. Dio-incidenza.

Vi sono molte dimore del Padre: Dio attende che là noi edifichiamo la nostra. Lui lavora assieme a noi. Ci siamo sposati non avendo nulla e tutto ci è stato donato; la meraviglia del nostro matrimonio la racconteremo nel prossimo articolo.

(Tratto dal sito matrimonio cristiano.org)

89.31.72.207