Il Maestro Aurelio Porfiri nella lista dei Top Ten 2021 di Inside the Vatican

Sono passati due anni da quando il Coronavirus cinese di Wuhan, che ci ha portato la malattia Covid-19, ha catturato per la prima volta l’attenzione internazionale. Da allora innumerevoli aspetti della nostra vita non sono più stati gli stessi. Tuttavia, una cosa che è rimasta costante è la determinazione di persone a seguire la chiamata dello Spirito per uscire dalla propria zona di conforto, dei propri desideri, dei propri interessi e di affrontare con coraggio le difficoltà a volte gravi nel servizio ai propri fratelli e sorelle nella famiglia umana.

È la chiamata a cui fa eco Papa Francesco, quando dice: «Il dono dello Spirito Santo è stato elargito in abbondanza alla Chiesa e a ciascuno di noi, perché possiamo vivere con fede genuina e carità operosa» (Omelia della Santa Messa di Pentecoste, 24 maggio 2015). L’amore di Dio ci chiama ad andare oltre la paura, di uscire nel mondo e diventare Parola nel corpo oltre che nello spirito.

Perciò, come ogni anno, Inside the Vatican ha messo in evidenza 10 persone – certamente, sono solo pochissime tra le molte anime fedeli e altruiste in tutto il mondo – per sottolineare non solo la necessità e la sfida di seguire il comando evangelico di “amare il prossimo”, ma anche per sostenerli come un faro di incoraggiamento. Tutti siamo chiamati a vivere una vita di servizio e tutti lo troviamo a volte scoraggiante; ma il Signore ci sostiene e ci dona speranza. Questi sono uomini e donne che ci portano un po’ di quella speranza. Il mondo può essere un luogo oscuro, ma queste sono persone che si rifiutano di far prevalere l’oscurità.

Accanto a personalità come:
– il Presidente della Repubblica di Polonia, Andrzej Duda [QUI];
– il Patriarca della Chiesa siro maronita di Antiochia, il Cardinale libanese Béchara Boutros Raï;
nella lista dei Top Ten 2021 della prestigiosa rivista americana Inside the Vatican troviamo persone come:
Pamela Acker, una ricercatrice medica con un master in biologia, ex ricercatrice di vaccini, insegnante di scienze e una cattolica devota che guarda alla salute dal punto di vista dell’uomo come essere creato;
Pierre-André Udressy, Guardia svizzera che ha lasciato il Corpo, piuttosto che accettare la vaccinazione forzata (“Per me è fondamentale difendere la Libertà con convinzione”);
Monica Smit, una donna australiana che ha fondato il gruppo di difesa anti-lockdown Reignite Democracy Australia nel 2020, è stata accusata l’anno scorso dalle autorità australiane di molteplici conteggi di “istigazione” – e non incitamento ad altri a commettere un crimine o addirittura a disobbedire alle restrizioni Covid, ma semplicemente incitamento all’“opposizione” a tali restrizioni; troviamo in Monica un vero rappresentante degli aspetti migliori dello spirito umano e australiano, aspetti che i funzionari del governo australiano sembrano tragicamente aver perso di vista;
– il Maestro Aurelio Porfiri, di cui questo Blog dell’Editore condivide tra altro le previsioni e anticipazione dei suoi programmi in diretta streaming “Ritorno a Itaca”.

Il Maestro Aurelio Porfiri dirige a Macau la Messa che ha composto in onore di Matteo Ricci, missionario gesuita in Cina nel XVI secolo.

Aurelio Porfiri è compositore, direttore di coro, organista, formatore, autore ed editore.

Fellow del Trinity College di Londra in composizione musicale. Già Organista Sostituto nella Basilica di San Pietro, oltre a molte chiese notevoli a Roma. Ha insegnato e diretto musica sacra a Macao e Shanghai in Cina. Riconosciuto da The Cambridge Companion to Choral Music come uno dei tre compositori religiosi italiani del XX e XXI secolo “la cui musica corale mostra chiaramente l’influenza delle tradizioni nazionali”.
Ha pubblicato oltre 30 libri e 600 articoli, registrato oltre 10 CD e ha oltre 100 composizioni musicali stampate da editori in Cina, Francia, Germania, Italia e USA. Ha ricoperto il ruolo di direttore artistico e membro di giuria per concorsi corali in Cina, Italia, Thailandia e USA. Ha diretto cori in Italia e in Cina (a Macao e a Shanghai).

Fondatore e Direttore artistico di Choralife (editore di spartiti e CD) e di Chorabooks (editore di libri ed ebook). Creatore e Capo redattore di Altare Dei, rivista dedicata alla Liturgia, alla Musica Sacra e alla Cultura Cattolica.

Il giorno di Natale, 25 dicembre 2021 ha iniziato Traditio, il luogo dove trovare articoli e podcast sulla tradizione; non soltanto la tradizione e il tradizionalismo convenzionale, ma tutto quello che si muove «dentro e fuori l’orizzonte visibile della Chiesa» (Jean Madiran).
Prosegue le sue ricerche nella composizione musicale, soprattutto nel mondo delle scale modali e nella tradizione romana della musica sacra, di cui è erede e seguace.

Newsletter sulla tradizione (Traditio) in italiano
Newsletter sulla musica sacra (Cantus) in inglese
Newsletter di Ritorno a Itaca (Ritorno a Itaca) in inglese
Blog in italiano.
Sito ufficiale.
Youtube RITORNO A ITACA
Account Twitter
Facebook fanpage

Il mondo può essere un luogo oscuro,
ma queste sono persone
che si rifiutano
di far prevalere l’oscurità.

“Non volevo continuare a cantare sciocchezze” (Aurelio Porfiri).
Un musicista riscopre il patrimonio della Chiesa — e ne soffre
Top Ten 2021
Aurelio Porfiri
Inside the Vatican, 24 gennaio 2021

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

All’inizio della sua carriera, l’italiano Aurelio Porfiri, 53 anni, non avrebbe mai immaginato che il suo lavoro come Direttore di coro, musicista e compositore gli avrebbe portato ostracismo e disprezzo. Dopotutto, stava semplicemente cercando di migliorare l’esperienza liturgica dei cattolici con la musica, per avvicinarli a Dio. Poi, da solo, ha gradualmente riscoperto il patrimonio musicale secolare della Chiesa Cattolica. Ma, dice in un libro di dialoghi con il giornalista Aldo Maria Valli sullo stato della Chiesa Sradicati. Dialoghi sulla Chiesa liquida, «dopo questa scoperta sono stato scoraggiato da sacerdoti che erano contrari al fatto che avessi ritrovato le mie radici liturgiche e musicali e non desideravo continuare a cantare le canzoni sciocche che ci hanno lanciato in chiesa”.

Più di 200 composizioni musicali di Aurelio Porfiri sono pubblicate in Italia, Cina, USA, Germania e Francia. Ha pubblicato più di 60 libri, è collaboratore di diversi importanti blog e riviste cattoliche, ed è il fondatore della casa editrice Chorabooks. E affinché nessuno lo accusi di avere una sensibilità culturale puramente “europea”, faccia notare che ha vissuto e lavorato per sette anni a Macao, in Cina.

«Ricordo sempre», racconta, «come (in un coro della mia parrocchia) cantai un brano in armonia a quattro voci; mi sono sentito sollevato da terra e mi sono chiesto: “Ma perché questa musica ci è stata vietata a favore delle imitazioni a buon mercato?”. Credevo (e credo tuttora) che è sbagliato che il Popolo di Dio venga privato dei tesori della Chiesa a favore di brani musicali di secondo ordine. E poiché ho detto questo, sono stata trattata come una vittima della peste, condannata all’isolamento e di conseguenza alla morte sociale». Alla fine, prosegue Porfiri, la sua consapevolezza di un problema più profondo ha cominciato a crescere: «Ho capito – non so se avete la stessa impressione – che il Cattolicesimo in cui sono cresciuto era già inquinato, malato e indebolito dal onde d’urto che aveva subito in quegli anni, grazie ai buchi che il Vaticano II aveva aperto nella Chiesa».

La tradizione della Chiesa che si è continuamente arricchita nel corso dei secoli ha sempre interessato il Maestro Porfiri, ma, dice, «ho pensato che fosse possibile riformare il Novus Ordo in modo più tradizionale, e per questo ho lavorato. Ultimamente ho potuto constatare che questo sforzo è quasi inutile perché mi sembra, e spero di sbagliarmi, che non lo siano coloro che dovrebbero preoccuparsi di più della dignità della liturgia. Non prevedo che ci sarà un movimento di massa verso la Messa tradizionale, ma quello che osservo è che c’è un movimento di massa che si allontana dalla nuova Messa».

I Covid lockdown del 2020 a Roma, dove il Maestro Porfiri vive e lavora, lo ha ispirato a creare un forum online per la discussione della Chiesa e di altri argomenti correlati che ha trovato avvincenti. «Ho avuto l’idea di utilizzare la tecnologia moderna e il potere dei social media durante il nostro blockdown… Ho pensato che potesse essere divertente avere una piattaforma in cui parlare di cose che mi interessano e ora sto praticamente trasmettendo in streaming tre programmi a settimana, di solito due in italiano e uno in inglese». Sono disponibili sul suo canale YouTube “Ritorno a Itaca” oltre che sulla sua pagina Facebook e sul suo account Twitter.

Alcuni degli argomenti trattati dal Maestro Porfiri e dai suoi ospiti, a volte in forma di intervista individuale e a volte come tavola rotonda, sono diversi come la geopolitica, il Rosario, la libertà religiosa, l’identità cattolica, i santi, la bellezza e verità e persino gli UFO. Tra i suoi ospiti si annoverano rinomati autori, scienziati, artisti e religiosi.

Ma non si discosta mai del tutto dal suo primo amore, dalla bellezza della liturgia e dalla musica che la esalta: «Sono strettamente legati», dice, «e condividono lo stesso fine: la gloria di Dio e la santificazione dei fedeli».

Un assaggio delle composizioni del Maestro Aurelio Porfiri: “Offertorio per coro a quattro voci”, composto e registrato nel 1996 per i programmi liturgici della Radio Vaticana.

Levabo oculos meos,
et considerabo mirabilia tua, Domine,
ut doceas me iustitiam tuam:
da mihi intellectum,
ut discam mandata tua.

Ich werde meine Augen erheben
und deine wunderbaren taten betrachten, Herr,
damit du mich deine Gerechtigkeit lehren kannst.
Gib mir Einsicht,
damit ich deine Gebote lernen kann.

Je lèverai les yeux,
et je considérerai vos merveilles, Seigneur,
donnez-moi l’intelligence,
que vous m’enseigniez votre justice :
et j’apprendrai vos commandements.

Alzerò gli occhi,
e considererò le tue meraviglie, o Signore,
affinché tu possa insegnarmi la tua giustizia.
Dammi l’intelligenza,
affinché io impari i tuoi comandamenti.



Il Maestro Aurelio Porfiri tra le persone più influenti nel 2021
di Marco Carvalho
O Clarim, 28 gennaio 2022

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

La rivista americana Inside the Vatican ha inserito il direttore di coro, compositore e scrittore italiano Aurelio Porfiri nella sua lista delle dieci persone più influenti al mondo nel 2021, insieme a scienziati, attivisti per i diritti umani e leader religiosi e politici. Collaboratore di O Clarim [il settimanale cattolico di Macau], il Maestro Porfiri ha vissuto e lavorato a Macao tra il 2008 e il 2015.

Il musicologo, direttore di coro e compositore italiano Aurelio Porfiri, che ha vissuto sette anni a Macao, è stato scelto dalla prestigiosa rivista americana Inside the Vatican come una delle dieci persone più influenti al mondo nel 2021, insieme a personalità del calibro di Presidente della Repubblica di Polonia, Andrzej Duda, o il Patriarca della Chiesa siro maronita di Antiochia, il Cardinale libanese Béchara Boutros Raï.

La rivista afferma che Aurelio Porfiri ha “lavorato intensamente per difendere la tradizione della fede in questi tempi” e sostiene che il compositore e direttore di coro italiano “è diventato un punto di riferimento per i cattolici in Italia e nel mondo”. La rivista ha anche affermato che la Chiesa Cattolica ha un debito di gratitudine nei confronti di Aurelio Porfiri “per l’attento lavoro che sta facendo con grande pazienza e con grande attenzione ai dettagli” in ambiti come la difesa del patrimonio musicale della Chiesa.

Collaboratore abituale di O Clarim, Aurelio Porfiri esprime sorpresa per essere stato inserito in un elenco che comprende leader politici e religiosi, scienziati, medici e attivisti per i diritti umani. Il compositore, che a Macao era responsabile sia dei cori di voci bianche della scuola di Santa Rosa di Lima che del coro della scuola di Nostra Signora di Fatima, afferma che non mancano le persone che sviluppano un’opera molto più influente.

Ritiene, tuttavia, che la distinzione costituisca un riconoscimento del lavoro che ha svolto: “Sono rimasto molto, molto sorpreso quando me lo hanno detto. Penso che ci siano persone molto migliori di me da considerare in quella lista”, ha sottolineato Aurelio Porfiri. “Onestamente, non credo di poter essere influente come loro [alcune delle altre personalità]. Penso sia il riconoscimento di uno sforzo continuo che sto facendo per lottare per certe idee”, ha aggiunto.

Compositore prolifico, Aurelio Porfiri ha pubblicato oltre 200 composizioni musicali in luoghi come Macao, Italia, Stati Uniti d’America, Germania e Francia. Il musicista italiano di 53 anni è anche autore di più di sei dozzine di libri e collabora regolarmente con diversi giornali, riviste e pubblicazioni digitali.

Una presenza più forte negli ultimi anni sui social media potrebbe essere stata, ha affermato Porfiri, ciò che ha attirato l’attenzione della rivista americana: “Ora sono al mio settimo anno da quando ho lasciato Macao. Quindi, ho fatto molte cose e ne sto facendo molte di più. Mi concentro sulla scrittura e sulla composizione. Sviluppo la mia presenza sui social media e, probabilmente, questo è ciò che ha attirato l’attenzione della rivista”, ha riconosciuto Aurelio Porfiri.

La pandemia di Covid-19 e i draconiani piani di emergenza adottati in Italia nella prima metà del 2020 hanno portato il compositore a un impegno più profondo verso piattaforme digitali come Facebook, YouTube o Twitter. La reclusione di centinaia di migliaia di persone a Roma, la città in cui Porfiri vive e lavora, lo ha ispirato a creare un forum digitale. La piattaforma è diventata rapidamente una piattaforma di discussione popolare, in cui vengono affrontate non solo le principali preoccupazioni della Chiesa, ma anche argomenti diversi come la geopolitica, le anteprime di film o persino gli UFO: “La pandemia mi ha colpito personalmente a un livello molto profondo. Come sapete, in Italia ne siamo stati fortemente colpiti e lo siamo tuttora. La pandemia ha cambiato la mia prospettiva su diverse questioni”, ha detto a O Clarim.

“Durante la reclusione a cui siamo stati sottoposti, mi è venuta l’idea di utilizzare le moderne tecnologie e il potere dei social media. Ho creato una serie di trasmissioni su YouTube, Facebook, LinkedIn e Twitter. Discuto, di solito con gli ospiti, di molti argomenti, non sempre direttamente legati alla religione, ma il più delle volte sì. Discutiamo principalmente di questioni relative alla Chiesa Cattolica, ma abbiamo anche discusso di serie Netflix, UFO o geopolitica. Quindi si possono trovare molte cose in discussione con ospiti di tutto il mondo”, ha sottolineato Aurelio Porfiri.

L’iniziativa è stata accolta così bene che il compositore e musicista attualmente promuove tre dibattiti settimanali, due in italiano e uno in inglese. Autori, scienziati, artisti e membri di diverse congregazioni religiose si sono uniti a Porfiri per dibattere vecchie e nuove questioni, come la dignità della liturgia cattolica o l’impatto della pandemia di Covid-19 sul future della Chiesa: «La pandemia ha ingigantito problemi che già si sviluppavano da anni. In Italia le persone che hanno perso la frequenza in chiesa sono piuttosto impressionanti. Forse è un cambio di paradigma”, ha sottolineato il compositore.

L’importanza che Porfiri ha raggiunto sui social in questi due anni non lo ha distratto dal suo più grande interesse: la musica liturgica e la tradizione musicale della Chiesa. Il maestro italiano continua a scrivere e comporre in maniera quasi compulsiva. Il suo ultimo libro è stato recentemente pubblicato negli Stati Uniti d’America: “Ci sono tanti progetti, ma mi limiterò a citare il libro di cui sono coautore con il Vescovo Athanasius Schneider sulla Messa cattolica e che è appena uscito negli Stati Uniti d’America”, ha aggiunto Aurelio Porfiri.

89.31.72.207