Dopo un anno di occupazione azera, varie forme di molestie contro l’Artsakh e la sua gente continuano. Ieri un cittadino di Artsakh sconfinato in zona neutrale è stato ucciso dagli Azeri

Ieri, venerdì 3 dicembre 2021 verso le ore 13.00 le forze armate di occupazione dell’Azerbajgian sono entrate nella zona neutrale vicino al territorio amministrativo di Martuni della Repubblica di Artsakh, hanno aggredito e ucciso il 65enne Seyran Sargsyan, un allevatore di bestiame residente a Chartar in Artsakh, che aveva perso l’orientamento mentre pascolava i suoi animali ed era finito nella zona neutrale. Il suo assassino è stato identificato.

Con la morte del pastore armeno ieri in Artsakh sono già tre da settembre le vittime civili armene per attacchi azeri alla popolazione. Giovedì 2 dicembre 2021 l’Iniziativa italiana per l’Artsakh con un tweet aveva segnalato ancora provocazioni azere contro l’Artsakh: ripetuti colpi di arma da fuoco sono stati sparati contro il villaggio di Karmir Shuka nel distretto Martuni di Artsakh, a ridosso della linea di contatto con le forze armate di occupazione dell’Azerbajgian.

Il video degli spari azeri contro il villaggio di Karmir Shuka, 2 dicembre 2021.

Tutto questo denota l’evidente politica azera per impaurire la popolazione dell’Artsakh. Una chiara strategia del terrore del regime dittatoriale di Aliyev che sembra non conoscere ostacoli. Pace lontanissima…

Appreso la notizia del cittadino di Chartar che era disperso, il Servizio di sicurezza nazionale della Repubblica dell’Artsakh ha immediatamente adottato le misure per far restituire il cittadino di Artsakh che era sconfinato nella zona neutrale tra il territorio ancora libero di Artsakh e il territorio sotto il controllo delle forze armate di occupazione dell’Azerbajgian. L’incidente era stato immediatamente segnalato alle forze di pace russe, che avevano avviato le trattative per far rientrare del cittadino.

In una Nota di protesta per il criminale atto azero, il Ministero degli Esteri di Artsakh ha condannato fermamente la politica terroristica dell’Azerbajgian e invita la comunità internazionale a dare una valutazione adeguata alle azioni sfrenate dell’Azerbaigian. “Un tale atto terroristico e barbaro è una manifestazione della politica genocida e anti-armena a livello statale in Azerbajgian, che è stata condotta su istruzione delle più alte autorità dell’Azerbajgian. Una delle prove è la falsa dichiarazione diffusa dal Ministero della Difesa dell’Azerbajgian, che giustifica l’atto terroristico dell’esercito azero”, ha affermato il Ministero degli Esteri di Artsakh nella Nota. “Questo comportamento delle autorità di Baku è una grave violazione del diritto internazionale, del diritto umanitario internazionale, mancanza di rispetto per tutti gli accordi raggiunti e mira a intimidire il popolo di Artsakh e costringerlo a lasciare la propria patria”, ha affermato il Ministero degli Esteri di Artsakh, aggiungendo che “tale una politica è anche un duro colpo per la missione di pace della Russia e esortando la popolazione di Artsakh a non cedere alle provocazioni. Il Ministero degli Esteri dichiara ancora una volta che “Artsakh era, è e rimarrà armeno. Niente può minare la nostra volontà e determinazione di vivere nella nostra Patria”.

L’assassino del cittadino civile di Artsakh è stato identificato come Rahimzade David Gabil Oglu, soldato semplice delle forze armate azere, informa l’Ufficio del Procuratore generale di Artsakh. In base all’accordo raggiunto tra i Procuratori generali di Armenia, Russia e Azerbajgian, il Procuratore generale del contingente di mantenimento della pace russo ha visitato la scena, ha ascoltato i testimoni della parte azera, la persona che ha commesso l’omicidio, e ha indagato sulla presunta scena dell’omicidio. Con la mediazione del contingenti di pace russo, gli azeri hanno consegnato la salma di Seyran Sargsyan all’incrocio tra Karmir Shuka e Shekher nella regione di Martuni, al Servizio di emergenza del Ministero degli interni di Artsakh, guidato dal Direttore del Servizio, Mekhak Arzumanyan, che ha consegnato la salma ai suoi parenti.

Le autorità della Repubblica di Artsakh hanno prove convincenti e incontestabili, incluso un video completo, che dimostra che il cittadino di Artsakh è stato rapito con la forza da un’area chiamata Ghurusu, che è attualmente considerata una zona neutrale, ha detto l’Ufficio del Procuratore generale di Artsakh.

Dopo il brutale assassinio del cittadino dell’Artsakh, gli Azeri corrono ai ripari e con l’intermediazione del contingente di pace russo, oggi 4 dicembre 2021 hanno rilasciato 10 soldati armeni catturati il 16 novembre 2021 durante attacco delle forze armate dell’Azerbajgian all’Armenia, riferisce Armenpress.

L’incontro tra i Ministri degli Esteri dell’Armenia e dell’Azerbajgian, Ararat Mirzoyan e Jeyhun Bayramov a Stoccolma non ha avuto luogo, perché l’Azerbajgian si è rifiutato di partecipare perché i parlamentari armeni hanno visitato l’Artsakh.

I Co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (Andrew Schofer degli Stati Uniti d’America, Igor Khovaev della Federazione Russa e Brice Roquefeuil della Francia) hanno rilasciato oggi, 4 dicembre 2021 la seguente dichiarazione: «I Copresidenti hanno incontrato il Ministro degli Esteri armeno, Ararat Mirzoyan il 1° dicembre e con il Ministro degli Esteri azero, Jehun Bayramov il 2 dicembre a margine del Consiglio dei ministri dell’OSCE a Stoccolma. I Co-presidenti si rammaricano che non sia stato possibile tenere una riunione congiunta tra i Ministri degli Esteri dell’Armenia e dell’Azerbajgian sotto i loro auspici a Stoccolma. Esprimono la loro disponibilità ad ospitare tale incontro non appena le circostanze lo consentiranno di proseguire le discussioni avviate a New York in settembre e a Parigi in novembre».

Mercoledì 1° dicembre 2021, Kathimerini – uno dei più grandi giornali cartacei e online in Grecia – ha pubblicato un articolo dell’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica di Armenia presso la Repubblica di Grecia, S.E. Tigran Mkrtchyan: “Il conflitto del Nagorno-Karabakh riguarda ed è sempre stato il rifiuto da parte dell’Azerbajgian di accettare il diritto del popolo di Artsakh a vivere una vita sicura e dignitosa nella loro patria storica”. La traduzione inglese del testo è stata pubblicata il 2 dicembre 2021 sulla pagina Facebook dell’Ambasciata di Armenia in Grecia [QUI]. Di seguito riportiamo la nostra traduzione italiana.

L’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica di Armenia presso la Repubblica di Grecia, S.E. Tigran Mkrtchyan.

Un anno di occupazione e occasioni mancate
di Tigran Mkrtchyan

Kathimerini, 1° dicembre 2021

È passato un anno dall’ultima guerra di aggressione contro Artsakh (l’appellativo armeno del Nagorno-Karabakh) nel 2020 (27 settembre – 9 novembre). Questa è stata una guerra lanciata dall’Azerbajgian, fortemente sostenuta dalla Turchia, anche con il coinvolgimento di jihadisti dalla Siria e Libia, con massicci casi di crimini di guerra commessi durante e dopo le ostilità. Tuttavia, la narrativa è ancora dominata da panoramiche geopolitiche e aspetti del dilemma della sicurezza. Quello che manca è la preoccupazione per la vita delle persone sul campo e per il loro futuro. La guerra ha reso la regione del Caucaso meridionale e le sue popolazioni più o forse meno sicure a breve, medio o addirittura lungo termine? Una risposta breve all’ultima domanda è evidentemente negativa. E qui ci sono alcuni punti perché.

Il conflitto del Nagorno-Karabakh riguarda ed è sempre stato il rifiuto da parte dell’Azerbajgian di accettare il diritto del popolo di Artsakh a vivere una vita sicura e dignitosa nella loro patria storica. Per dirla più schiettamente, si tratta del più fondamentale di tutti i diritti delle persone: il diritto alla vita. E questo è ciò che è stato messo in discussione per decenni.

Già negli anni ’60 gli Armeni di Artsakh si appellarono al Governo sovietico per annullare la decisione illegale di Stalin del 1921 di includere l’area nell’Azerbajgian, un nuovo stato creato nel 1918 dal sostegno diretto dell’esercito islamico caucasico guidato dal generale turco pan-turanista Nuri Pascià. Nel 1988 il popolo di Artsakh si appellò nuovamente a Mosca con la richiesta di attuare il proprio diritto all’autodeterminazione. Come mai? Le autorità in Azerbajgian hanno sistematicamente e per decenni continuato una politica di pulizia etnica e genocidio culturale contro gli Armeni etnici di Artsakh. Varie forme di repressione e discriminazione degli Armeni nell’Azerbajgian sovietico furono la ragione per cui nel 1965, 1967, 1977 e 1988 furono raccolte decine di migliaia di firme sotto petizioni e lettere che chiedevano una giusta soluzione a questo problema, la scomparsa di Artsakh sotto il controllo dell’Armenia sovietica. È stato anche il desiderio di liberarsi dall’oppressione che ha portato gli Armeni di Artsakh a difendere la propria vita in Patria durante le guerre del 1991-94, 2016 e 2020.

Il genocidio culturale e varie forme di vessazione contro Artsakh e il suo popolo continuano ancora oggi, anche dopo la guerra dei 44 giorni del 2020. Subito dopo la firma della dichiarazione del 9 novembre, l’Azerbajgian ha iniziato a violarla in modo sistematico e ipocrita, accusando sempre gli Armeni. Tutto questo è condotto con il sostegno diretto della Turchia. Ogni singolo giorno, o meglio più volte al giorno, dopo la fine della guerra nel 2020, mostra che lo scopo finale di Aliyev è quello di sbarazzarsi degli Armeni e della loro eredità nell’Artsakh, per poi gradualmente spingere gli Armeni anche fuori dall’Armenia. I folli atti di violenza, profanazione e vandalismo contro siti culturali, chiese e cimiteri armeni sono condotti su ordini diretti da Baku [QUI], che non consente nemmeno all’UNESCO di visitare l’area [QUI]. L’inaugurazione di un orribile “Parco della Vittoria” a Baku [QUI] e l’incoraggiamento dei bambini a visitarlo e ridicolizza gli Armeni è già stata definita un “parco nazista”. Comune è anche un linguaggio razzista che mira chiaramente a disumanizzare gli Armeni: ad es. “tribù selvaggia”, “barbari”, “cani”, “nemico selvaggio”, “virus più pericoloso del coronavirus”, ecc. richiamano alla mente i peggiori criminali storici del mondo.

I processi farsa contro i prigionieri di guerra armeni sono l’ennesimo palese disprezzo nei confronti della comunità internazionale poiché questo è uno dei pochi punti che diversi Paesi e organizzazioni internazionali hanno sollevato come questione di urgente questione umanitaria. D’altra parte, non un singolo criminale di guerra azero è mai stato incriminato, figuriamoci condannato, anche se ci sono molte prove di tali crimini (i soldati dell’Azerbajgian stavano loro stessi registrando video mentre massacravano i prigionieri armeni, compresi civili e anziani). Le dichiarazioni che non esiste una regione chiamata Nagorno-Karabakh e che non c’è più conflitto nel Nagorno-Karabakh sono un’altra prova della continua negazione di tutto ciò che è Armeno. Bene, possiamo aspettarci tale giustizia in un Paese in cui l’eroe nazionale è qualcuno che ha ucciso con l’ascia un ufficiale armeno addormentato nel 2004? Chiaramente, il coinvolgimento della leadership militare turca in questa guerra, l’assistenza della Turchia con armi, intelligence e unità speciali, nonché il suo reclutamento e invio nella zona di guerra delle forze jihadiste dalla Siria per combattere per l’Azerbajgian, ha solo incoraggiato Aliyev, che ha fatto un punto di andare in giro per il suo Paese in uniforme militare e vantarsi del “potente esercito dell’Azerbajgian” [QUI].

Tuttavia, i Copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE (USA, Russia e Francia) – costituito con mandato internazionale per negoziare una soluzione pacifica del conflitto del Nagorno-Karabakh, affermano che una soluzione duratura deve ancora essere negoziata e lo status del Nagorno-Karabakh dovrà ancora essere determinato. A Ilham Aliyev non importa. In effetti, durante una “Parata della Vittoria” a Baku nell’immediato dopoguerra [QUI], Aliyev ha fatto riferimento alla capitale dell’Armenia Yerevan, al lago Sevan e alla regione Syunik dell’Armenia come “terre storiche dell’Azerbajgian”. Quindi, i soldati dell’Azerbajgian hanno l’audacia di provocare continuamente gli Armeni, penetrare e persino occupare alcune aree del territorio sovrano dell’Armenia. Le continue dichiarazioni di Aliyev sul “corridoio di Zangezur” (la regione di Syunik dell’Armenia confinante con l’Iran) [QUI] mirano, come ha confessato lo stesso Aliyev, a realizzare il sogno panturco di unificare tutti i popoli turchi. Gli attacchi del 14 e 16 novembre 2021 dell’Azerbajgian ai territori sudorientali dell’Armenia con l’uso di artiglieria e equipaggiamento pesante e la violazione dell’integrità territoriale dell’Armenia dovrebbero essere compresi da questo punto focale. La retorica e le azioni dell’Azerbajgian sono una minaccia esistenziale alla sovranità dell’Armenia e minaccia non meno, minaccia pan-turca, all’intera regione, dall’Europa alla Cina, dalla Russia all’Iran.

È chiaro che la ripresa dei negoziati è l’unica strada per trovare una soluzione duratura a questo conflitto di lunga durata. È anche chiaro che gli Armeni amanti della libertà di Artsakh non possono vivere sotto la sovranità dell’Azerbajgian autoritario. Il risultato sarebbe la morte o la completa de-armenizzazione di Artsakh, qualcosa a cui non possiamo pensare e che dovremmo fare tutto il possibile per evitare che accada finché non è troppo tardi. Se la responsabilità di proteggere ha un significato, allora ogni Paese individualmente e la comunità internazionale collettivamente dovrebbero alzarsi e mostrare chiaramente agli azeri che questo comportamento non sarà tollerato. Appelli mirati e azioni concrete sono oggi più che mai vitali. Agire in modo equivoco significherebbe accettare in silenzio la pulizia etnica di Artsakh da parte di Aliyev.

La Conferenza dei Comitati e Uffici Hay Dat (Causa Armena) dell’ARF-Dashnaktsutyun, che si è svolta nella Grande Sala dell’Assemblea Nazionale dell’Artsakh a Stepanakert, 4 dicembre 2021.

Il Ministro degli Esteri di Artsakh alla Conferenza dei Comitati e Uffici Hay Dat (Causa Armena) dell’ARF-Dashnaktsutyun a Stepanakert: “Qualsiasi status di Artsakh all’interno dell’Azerbajgian è inaccettabile”

Il Ministro degli Esteri della Repubblica di Artsakh, David Babayan ha partecipato alla Conferenza dei Comitati e Uffici Hay Dat (Causa Armena) dell’ARF-Dashnaktsutyun, che si è svolta nella Grande Sala dell’Assemblea Nazionale dell’Artsakh a Stepanakert, oggi 4 dicembre 2021 e ha pronunciato un discorso nel quale ha toccato le principali orientamenti della politica estera della Repubblica di Artsakh, gli sviluppi regionali e il processo di risoluzione del conflitto Azerbajgiano/Nagorno-Karabakh. Tra le priorità di politica estera, il Ministro Babayan ha sottolineato il riconoscimento internazionale della Repubblica, la liberazione dei territori della Repubblica di Artsakh, la soluzione completa e giusta del conflitto, nonché lo sviluppo e l’espansione delle relazioni con diversi Paesi e le loro enti. Il Ministro Babayan ha sottolineato che qualsiasi status all’interno dell’Azerbajgian è inaccettabile per il popolo e le autorità di Artsakh, perché significherebbe l’annientamento di Artsakh e dello Stato armeno. Per l’effettiva soluzione di tali problemi, il Ministro degli Esteri di Artsakh ha rilevato l’importanza dello status di Artsakh come attore geopolitico, dell’unità pan-armena e della percezione di Artsakh come valore nazionale supremo in Armenia e nella diaspora.

Il Ministro degli Esteri della Repubblica di Artsakh, David Babayan.

Babayan ha molto apprezzato i lavori svolti dagli Uffici Hay Dat e il loro contributo allo sviluppo e al rafforzamento di Artsakh. Il Ministro ha espresso gratitudine all’ARF Hay Dat per le sue attività patriottiche e ha espresso la speranza che la struttura continui il suo lavoro con lo stesso zelo e dedizione e che l’Artsakh-centrismo rimanga tra i pilastri della sua attività. Durante il convegno, il Ministro degli Esteri ha anche risposto alle domande dei partecipanti relative alle sfide in ambito di politica estera e ai lavori svolti per superarle.

La Armenian Revolutionary Federation-ARF (Federazione Rivoluzionaria Armena, in armeno: Hay Heghapokhakan Dashnaktsutyun-HHD), nota anche come Dashnaktsutyun o Dashnak, è un partito politico socialista e nazionalista armeno fondato nel 1890 a Tiflis, nell’Impero russo (oggi Tbilisi, Georgia). Oggi il partito opera in Armenia, Artsakh, Libano, Iran e nei Paesi dove è presente la diaspora armena. Sebbene sia stato a lungo il partito politico più influente nella diaspora armena, ha una presenza relativamente minore nell’Armenia moderna. A partire dall’ottobre 2021, il partito è rappresentato in tre parlamenti nazionali, con dieci seggi nell’Assemblea nazionale armeno, tre seggi nell’Assemblea nazionale di Artsakh e tre seggi nel parlamento libanese nell’ambito dell’Alleanza dell’8 marzo.

L’ARF ha tradizionalmente sostenuto il socialismo democratico ed è membro a pieno titolo dell’Internazionale Socialista dal 2003, a cui aveva aderito originariamente nel 1907. Ha la più grande adesione dei partiti politici presenti nella diaspora armena, avendo stabilito affiliati in più di 20 Paesi. Rispetto ad altri partiti armeni della diaspora, che tendono a concentrarsi principalmente su progetti educativi o umanitari, l’ARF è l’organizzazione più politicamente orientata e tradizionalmente è stata uno dei più strenui sostenitori del nazionalismo armeno. Il partito si batte per il riconoscimento del genocidio armeno e il diritto al risarcimento. Sostiene inoltre l’istituzione dell’Armenia unita, parzialmente basata sul Trattato di Sèvres del 1920 (il trattato di pace firmato tra le potenze alleate della prima guerra mondiale e l’Impero ottomano il 10 agosto 1920 nel Salone d’onore del Museo nazionale della ceramica presso la città francese di Sèvres, con la spartizione dell’Impero ottomano fra gli Alleati della Prima Guerra Mondiale).

L’apertura dell’Ufficio della rete mondiale Hay Dat (Causa Armena) a Stepanakert, 2 settmbre 2021.

Tenendo conto delle sfide umanitarie, morale-psicologiche e di sicurezza sorte ad Artsakh dopo la guerra dei 44 giorni, tra mesi fa l’Ufficio Centrale dell’ARF-Dashnaktsutyun, ha deciso di aprire un ufficio della rete mondiale Hay Dat (Causa Armena) nella capitale della Repubblica di Artsakh. La fondazione di questp Ufficio Hay Dat a Stepanakert fu deciso per mandare un chiaro segnale politico, che la protezione dei diritti del popolo di Artsakh, il riconoscimento internazionale della Repubblica di Artsakh, l’eliminazione delle conseguenze della guerra e il ripristino di Artsakh rimarranno la chiave questioni e priorità politiche della Rete Mondiale Hay Dat. Il 2 settembre 2021, in occasione dell’istituzione dell’Ufficio Hay Dat in Artsakh e del Giorno dell’Indipendenza della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, l’Ufficio centrale dell’ARF-Dashnaktsutyun ha tenuto un ricevimento ufficiale a Stepanakert, durante il quale sono state discusse le attuali priorità politiche della rete mondiale ARF-Dashnaktsutyun in Artsakh e sono state ripresentate le principali direzioni di attività.

Durante l’evento, il Capo dei programmi speciali dell’Ufficio Centrale dell’ARF-Dashnaktsutyun, Gevorg Ghukasyan; il Capo dell’Ufficio Centrale dell’ARF Hay Dat, Kiro Manoyan; il Rappresentante del Comitato Centrale dell’ARF Artsakh, Arthur Mosiyan; e il Ministro degli Esteri della Repubblica di Artsakh, David Babayan hanno pronunciato discorsi.

Arthur Mosiyan, congratulandosi in occasione della Festa della Repubblica di Artsakh, ha ritenuto significativa l’apertura dell’Ufficio ARF Hay Dat a Stepanakert. ”Dopo la guerra dei 44 giorni, stiamo affrontando molte sfide che sono molto difficili da risolvere. Possiamo individuare tre sfide principali per il nostro Paese e il nostro popolo: la questione della sicurezza, lo status della Repubblica di Artsakh e il superamento dello stato morale e psicologico”, ha affermato.

Accogliendo favorevolmente l’apertura dell’Ufficio Hay Dat a Stepanakert, il Ministro Babayan ha molto apprezzato l’attività pluriennale dell’Hay Dat finalizzata alla tutela degli interessi della Repubblica di Artsakh, al riconoscimento del genocidio armeno e alla risoluzione di varie questioni di rilevanza pan-armena. Poi, Babayan ha toccato le questioni di politica estera e gli attuali sviluppi geopolitici, rilevando in questo contesto l’importanza di preservare lo status di Artsakh come soggetto geopolitico e il processo del suo riconoscimento internazionale. Tra le precondizioni fondamentali per il successo, il ministro ha notato il lavoro adeguato e coordinato, il consolidamento delle relazioni tra Patria e Diaspora e la conservazione dell’Artsakh come uno dei valori supremi pan-armeno.

Foto di copertina: Siamo le nostre montagne (in armeno, Menq enq mer sarerè), il grande monumento a Stepanakert, la capitale della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, un piccolo fazzoletto di terra incastrato nelle montagne del Caucaso meridionale. Karabakh è una parola di origine turca e persiana che significa «giardino nero». Nagorno è una parola russa che significa «montagna». La popolazione di origine armena della Montagna del Giardino Nero preferisce chiamare la regione Artsakh, il nome antico armeno. Il monumento, completato nel 1967 da Sarghis Baghdasaryan, è significativamente considerato come il simbolo principale del Artsakh. Costruito in tufo, raffigura un uomo anziano ed una donna che emergono dalla roccia, a rappresentare la gente delle montagne del Nagorno-Karabakh Una delle caratteristiche principali è la poca definitezza della scultura. È conosciuta anche come Tatik yev Papik in lingua armena orientale e Mamig yev Babig in lingua armena occidentale, traducibile come Nonna e Nonno. Il monumento appare anche nello stemma della Repubblica di Artsakh.

89.31.72.207