Prof. Suizzo: studiare Dante Alighieri con l’iPad

Condividi su...

All’Istituto Tecnico Gioacchino Russo di Paternò, in provincia di Catania, il docente di lettere, prof. Alessandro Suizzo (uno degli 80 ‘Apple Distinguished Educator’ d’Italia), è riuscito ad appassionare i suoi studenti alla Divina Commedia di Dante Alighieri, programmando un viaggio nel poema tramite iPad e robot e con un lavoro di gruppo, tutti insieme seduti fianco a fianco.

Il progetto di coding e letteratura è nato dalla necessità di accendere tale scintilla per lo studio della Divina Commedia, in ragazzi in genere annoiati e con scarsa motivazione per un’opera che non sentono vicina, non solo per il linguaggio ma anche per i contenuti e per il modo in cui i testi scolastici ne affrontano lo studio. A rendere prezioso il lavoro svolto dagli alunni, il coinvolgimento attivo di due studenti con disabilità.

Al professore chiediamo di spiegarci come è nato questo ‘esperimento’ sulla Divina Commedia: “Questa fusione tra tékne e poìesis, tra tecnologia e creatività, questo esperimento, come lo chiama lei, di coding, realtà aumentata e letteratura è nato dalla necessità di interessare allo studio della Divina Commedia i miei studenti.

In genere si dimostravano annoiati e con scarsa motivazione per un’opera che non sentivano vicina, non solo per il linguaggio ma anche per i contenuti e per il modo in cui i testi scolastici ne affrontano lo studio. 

Così, visto che utilizzavo già da anni l’iPad in classe per le videopoesie e altri laboratori e prendendo spunto dal programma ‘EveryoneCanCode’, che intende diffondere il pensiero computazionale in ambito educativo, ho proposto qualche anno fa agli alunni di una classe terza e l’anno scorso a quelli di una classe quarta del mio Istituto, di studiare la Divina Commedia attraverso la realtà aumentata, il coding e un robot, il droide BB-8, poi diventato DA-8”.

Perchè proprio attraverso il coding e la realtà aumentata?

“Attraverso queste due modalità i ragazzi hanno potuto ‘vivere’ in qualche modo quello che stavano studiando. Hanno toccato con mano Inferno e Purgatorio, se possiamo dire così. Le spiego meglio.

I ragazzi di terza hanno studiato struttura e caratteristiche dell’Inferno per poter riprodurre graficamente una mappa gigante all’interno della classe. Quindi siamo passati allo studio di alcuni canti del poema dantesco e del coding tramite l’iPad e l’app gratuita Swift Playggrounds. Infine ci si è concentrati sulla programmazione di DA-8, il droide BB-8 di Sphero, all’interno della mappa, utilizzando logica, nozioni di matematica e fisica e anche di lingua inglese.

I ragazzi di quarta hanno invece studiato struttura e caratteristiche del Purgatorio per poi ricostruirne una versione 3D. Dopo aver studiato alcuni canti e personaggi della cantica, con l’app gratuita Reality Composer hanno ripercorso il viaggio di Dante e Virgilio fino al Paradiso terrestre, creando sottofondi musicali originali, registrando i dialoghi del sommo poeta, delle sue guide e dei personaggi con cui interagisce durante l’ascesa”.

Attraverso questi strumenti in quale modo si possono coinvolgere gli studenti con handicap?

“L’iPad è un device già pronto per l’accessibilità e l’inclusione, ha già all’interno più di 100 funzioni che permettono a chiunque, con qualunque disabilità, dai DSA ai non vedenti, agli studenti con gravi disabilità motorie, di studiare, creare e collaborare. Così è stato per i progetti sulla Divina Commedia.

Gli alunni disabili delle due classi hanno partecipato attivamente ai due progetti. G., affetto dalla sindrome da X fragile e con un grave ritardo mentale, è entrato nel cerchio più importante, quello dei suoi compagni che lo hanno accettato e integrato nel gruppo come uno di loro. E ogni volta non vedeva l’ora di guidare Dante/robot. S., con diagnosi di sindrome di Asperger associata a ADHD, ha dimostrato le sue doti grafiche e di recitazione collaborando con i suoi compagni alla realizzazione del progetto”.

Come la tecnologia aiuta l’apprendimento?

“Questi nuovi strumenti tecnologici, aggiunti a quelli di una volta, libri, quaderni, penne, colori, modificano in modo automatico il processo di apprendimento. Ne modificano l’ambiente ad esempio: il setting di classe è completamento cambiato, niente più banchi e tutti seduti attorno alla mappa per programmare il droide.

Insomma è iniziata la magia di un’esperienza di apprendimento completamente nuova per gli studenti, che sono diventati protagonisti del processo e hanno acquisito le competenze di disciplina e soprattutto tante soft skills.

Ma anche per me e per i miei due colleghi di sostegno che hanno avuto un ruolo fondamentale di supporto per i due alunni con BES, il cambiamento ha significato entrare in nuovo ruolo, quello di guida, di tutor e non solo di mero trasmettitore di contenuti.

E a questo si sono aggiunte tante soddisfazioni, il premio Italian Teacher Award nel 2018, la possibilità di presentare il progetto in giro per il mondo e per l’Europa”.

Quale sarà il ruolo dell’insegnante?

“Non quale sarà, ma quale è già adesso. Credo che l’insegnante, ieri come oggi, debba suscitare curiosità nei propri studenti e guidarli in un processo di graduale autonomia.

La didattica, nella sua etimologia più antica, per me è la magia del mostrare, indicare agli studenti una via per capire il mondo che li circonda, per sapersi orientare in una società sempre più complessa e in un mondo che ha bisogno sempre di più di responsabilità e sostenibilità.

E solo noi docenti possiamo creare quella particolare magia nelle nostre classi, una speciale alchimia. Per creare tale alchimia, oggi, anche strumenti digitali come l’iPad danno un grande contributo e un supporto essenziale, anche per colmare in parte quel gap generazionale tra noi e i nostri studenti”.

(Tratto da Aci Stampa)

151.11.48.50