Associated Press: i vescovi statunitensi potrebbero far pressioni sul Presidente Biden a scegliere tra ricevere la Comunione o sostenere l’accesso all’aborto

L’agenzia statutinense AP ha riferito, che la Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) si prepara a votare un documento durante la riunione annuale di giugno, che chiarirebbe che il Presidente Joe Biden – e altri funzionari pubblici cattolici – devono scegliere tra ricevere la Comunione e sostenere pubblicamente l’accesso all’aborto. “Poiché il Presidente Biden è cattolico, presenta un problema unico per noi”, ha detto l’Arcivescovo metropolita di Kansas City, Mons. Joseph Naumann, Presidente del Comitato per le attività pro vita dell’USCCB. “Potrebbe creare confusione… Come può dire di essere un cattolico devoto e mentre sta facendo queste cose in contrasto con l’insegnamento della Chiesa?”.

“Catholic bishops threatening to deny Joe Biden Eucharistic communion are unconsciously inviting Catholics to deny the bishops ecclesial communion with their people” (Massimo Faggioli @MassimoFaggioli – Twitter, 29 aprile 2021) [I vescovi cattolici che minacciano di negare la Comunione eucaristica a Joe Biden invitano inconsciamente i cattolici a negare ai vescovi la comunione ecclesiale con il loro popolo]. E pensare che colui che è stato capace di scrivere questa riga sconcertante sia un teologo, “cattolico” peraltro. Questi sono già molto in avanti sulla via dello scisma (non dichiarato).

La Comunione al Signor Biden e la questione dello scandalo. “I vescovi danno scandalo se non parlano pubblicamente della questione” – 4 dicembre 2020

Arcivescovo Naumann: Presidente Biden sta “usurpando il ruolo dei vescovi e confondendo le persone”. “Dovrebbe smetterla di definirsi un cattolico devoto” – 17 febbraio 2021

Dichiarazione del Cardinale Burke sul ricevimento della Santa Comunione da parte di coloro che persistono in un peccato grave in pubblico – 8 aprile 2021

I vescovi cattolici statunitensi potrebbero fare pressioni su Biden a non ricevere più la Comunione
di David Crary, con Nicole Winfield a Roma
Associated Press, 28 aprile 2021


Quando i vescovi cattolici statunitensi terranno il loro prossimo incontro nazionale a giugno, decideranno se inviare un messaggio più duro che mai al Presidente Joe Biden e ad altri politici cattolici: non ricevere la comunione se persistino nella difesa pubblica del diritto all’aborto. Si tratta di un documento che sarà preparato per la Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti dal suo Comitato per la dottrina, con l’obiettivo di chiarire la posizione della Chiesa su una questione che ha ripetutamente irritato i vescovi negli ultimi decenni.

Sta assumendo una nuova urgenza ora, agli occhi di molti vescovi, perché Biden – solo il secondo presidente cattolico – è il primo a ricoprire tale carica sposando un chiaro sostegno al diritto all’aborto. Una tale posizione, da parte di un personaggio pubblico, è “un grave male morale”, secondo l’Arcivescovo metropolita di Kansas City, Mons. Joseph Naumann, che presiede il Comitato per le attività pro vita dell’USCCB. Rritiene che sia necessario rimproverare pubblicamente Biden sulla questione. “Poiché il Presidente Biden è cattolico, presenta un problema unico per noi”, ha detto l’Arcivescovo metropolita di Kansas City, Mons. Joseph Naumann, Presidente del Comitato per le attività pro vita dell’USCCB. “Potrebbe creare confusione… Come può dire di essere un cattolico devoto e mentre sta facendo queste cose in contrasto con l’insegnamento della Chiesa?”. “Il documento, se approvato, chiarirebbe l’opinione dell’USCCB secondo cui Biden e altri personaggi pubblici cattolici con punti di vista simili non dovrebbero presentarsi per la Comunione”, ha detto Naumann.

In conformità con la politica esistente dell’USCCB, il documento lascerebbe comunque le decisioni sulla sospensione della Comunione ai singoli vescovi. Nel caso di Biden, i massimi prelati delle giurisdizioni in cui frequentemente va a Messa – il Vescovo di Wilmington, Mons. W. Francis Malooly e l’Arcivescovo metropolita di Washington, il Cardinale Wilton Gregory – hanno chiarito che Biden è il benvenuto a ricevere la Comunione nelle chiese che sovrintendono.

Il documento che è in lavorazione è il risultato di una decisione a novembre del Presidente dell’USCCB, Mons. José Gomez, Arcivescovo metropolita di Los Angeles, di costituire un gruppo di lavoro per affrontare la “situazione complessa e difficile” posta dalle posizioni di Biden sull’aborto e altre questioni, che si discostano dall’insegnamento ufficiale della Chiesa. Prima di sciogliersi, il gruppo ha proposto la stesura di un nuovo documento, che affronta la questione della Comunione, a cura del Comitato per la dottrina. Il Comitato non ha rilasciato dettagli sul suo lavoro. Naumann ha detto che la questione sarà discussa alla riunione dell’USCCB a giugno e i vescovi voteranno se il Comitato dovrà continuare a lavorare sul documento in modo che possa essere reso pubblico successivamente.

Sarebbe necessaria una maggioranza di due terzi per procedere con il lavoro, ha specificato Naumann. Ma anche i critici dell’iniziativa, come il Vescovo di Lexington, Mons. John Stowe, prevedono che il progetto otterrà una schiacciante approvazione. Stowe fa parte di un gruppo relativamente piccolo di vescovi statunitensi che temono che l’enfasi dell’USCCB sull’aborto stia minando le esortazioni di Papa Francesco alla Chiesa a sottolineare questioni come il cambiamento climatico, l’immigrazione e la disuguaglianza. Stowe teme anche che i vescovi statunitensi stiano perdendo un’occasione per trovare un terreno comune con Biden su tali questioni. “Se un politico viene preso di mira dalla sua stessa Chiesa come esempio negativo, si crea un triste contesto in cui la Chiesa può trattare con questo presidente cattolico”, ha detto Stowe. “Contribuisce alla polarizzazione della Chiesa e della società”.

Il Vescovo di San Diego, Mons. Robert McElroy ha espresso preoccupazioni simili. “Non vedo come privare il presidente o altri leader politici dell’Eucaristia in base alla loro posizione di politica pubblica possa essere interpretato nella nostra società come qualcosa di diverso da un’arma dell’Eucaristia… per prenderli a pugni fino alla sottomissione”, ha detto McElroy a febbraio durante un forum online.

Tuttavia, i vescovi che vogliono indirizzare un messaggio duro a Biden sono determinati ad andare avanti. “C’è un crescente senso di urgenza”, ha detto l’Arcivescovo metropolita di San Francisco, Mons. Salvatore Cordileone. “L’aborto non è solo una delle tante questioni importanti… È un attacco diretto alla vita umana”. Cordileone prevede una dichiarazione dell’USCCB a Biden e ad altri “che li scuoterebbe nella loro coscienza”. “Hanno bisogno di capire lo scandalo che viene causato quando dicono di essere cattolici fedeli e tuttavia si oppongono alla Chiesa su un concetto così basilare”, ha detto.

Il Cardinale americano Raymond Burke ha accennato alla possibilità della sanzione definitiva del cattolicesimo. Dice che i politici che “pubblicamente e ostinatamente” sostengono l’aborto sono “apostati” a cui non solo dovrebbe essere impedito di ricevere la Comunione, ma che meritano la scomunica.

I vescovi già turbati dalla posizione di Biden sull’aborto sono diventati più costernati da tre misure prese dal suo governo a metà aprile: ha revocato le restrizioni sui finanziamenti federali per la ricerca che coinvolge il tessuto fetale umano; ha annullato una politica dell’amministrazione Trump che escludeva organizzazioni come Planned Parenthood a ricevere sovvenzioni federali per la pianificazione familiare se indirizza anche le donne ad abortire; ha detto che le donne che cercano la pillola abortiva non saranno tenute a visitare uno studio medico o una clinica durante la pandemia COVID-19, consentendo alle donne di ottenere una prescrizione tramite telemedicina e a ricevere la pillola per posta.

Mons. Naumann, che ha rilasciato denunce con espressioni forti dopo ogni azione, ha detto ad AP che era frustrato dal fatto che Biden potesse autorizzare quelle azioni mentre si identifica come un cattolico devoto. “Non ha l’autorità per insegnare cosa significa essere cattolico. Questa è la nostra responsabilità come vescovi”, ha detto Naumann. “Intenzionale o meno, sta cercando di usurpare la nostra autorità”.

Il Vaticano non si è pronunciato sulla questione specifica della Comunione e dei politici che sostengono l’aborto in un importante documento, anche se il diritto canonico interno della Chiesa afferma che le persone in una situazione di peccato persistente non dovrebbero essere autorizzate a ricevere la Comunione. Ha anche emanato linee guida per il comportamento dei cattolici nella vita politica esortandoli a sostenere principi coerenti con la dottrina della Chiesa. L’allora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il Cardinale Joseph Ratzinger, futuro Papa Benedetto XVI, disse ai vescovi statunitensi nel 2004 che i sacerdoti “devono” negare il sacramento se un politico va a ricevere la Comunione nonostante esiste una “ostinata persistenza in un grave peccato manifesto”, compreso il peccato di condurre costantemente campagne per leggi permissive sull’aborto. Ratzinger scrisse una lettera riservata che delinea i principi ai vescovi statunitensi in risposta alla loro domanda se negare la Comunione a John Kerry, che era il candidato democratico alla presidenza. Alla fine i vescovi hanno ignorato il consiglio di Ratzinger e hanno invece votato a favore della politica attualmente in atto che consente ai vescovi di decidere autonomamente se rifiutarlo.

Il documento in fase di stesura dal Comitato per la dottrina può contenere alcune linee guida per i vescovi, ha detto Mons, Cordileone, ma non cercherà di privarne l’autorità decisionale. “Questo metterà l’onere della responsabilità sui cattolici che hanno ruoli importanti nella vita pubblica”, ha detto.

L’Arcivescovo metropolita di Denver, Mons. Samuel Aquila, che ha criticato aspramente la posizione di Biden sull’aborto, ha detto all’AP che è a favore della formulazione di una politica nazionale sulla Comunione, in contrasto con l’attuale “approccio mosaico”. Ha detto che i vescovi dovrebbero prima avere una conversazione privata con delle persone ritenute in stato di peccato e negare la Comunione se persistono.

Edward Peters, che insegna diritto canonico al Sacred Heart Major Seminary di Detroit, ha detto che l’USCCB avrebbe la possibilità di chiedere l’approvazione della Santa Sede per una politica unificata sulla questione della Comunione che si applica a tutti i vescovi. Ma dubitava che una simile richiesta sarebbe stata inoltrata. “La Conferenza Episcopale ha un’ampia responsabilità nel parlare di questioni che incidono sull’efficacia e la chiarezza della missione della Chiesa”, ha detto Peters via e-mail. “Il cattivo esempio dato da alcuni cattolici di alto profilo che costantemente non riescono a proteggere la vita umana innocente è sicuramente una di quelle questioni”.

Alcuni accademici cattolici sono a disagio per il documento in preparazione. “Negherai davvero la Comunione al Presidente degli Stati Uniti?”, ha chiesto Margaret McGuinness, un professore di religione all’Università La Salle di Filadelfia. “Non credo che questo scuoterà la sua fede… Non vedo che ne venga fuori nulla di costruttivo. “Ha notato che la maggioranza dei cattolici statunitensi, secondo i sondaggi, afferma che l’aborto dovrebbe essere legale almeno in alcuni casi.

Steven Millies, professore di teologia pubblica presso la Catholic Theological Union di Chicago, ha affermato che la Chiesa Cattolica Romana ha ricevuto negli ultimi anni un sostegno finanziario significativo da filantropi conservatori, che sono scettici nei confronti di Francesco e hanno favorito Donald Trump su Biden nelle elezioni del 2020. “Quello che stiamo vedendo ora è uno sforzo per accontentare i donatori che vogliono una Chiesa che intraprenda una guerra culturale”, ha detto Millies.