Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo: la Fondazione Santa Rita illumina la basilica

La Fondazione Santa Rita da Cascia aderisce alla Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo del 2 aprile, al fianco di ANGSA Umbria, Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici. Per manifestare il proprio coinvolgimento nel favorire massima attenzione sui diritti delle persone autistiche, da oggi a venerdì 9 aprile la facciata della Basilica di Santa Rita a Cascia si illuminerà di blu, il colore che l’ONU ha scelto per connotare lo spettro autistico.

Un nastro blu sarà inoltre presente nelle pagine social e nel sito di Fondazione e Monastero Santa Rita da Cascia, che non sono nuovi alla causa. Nata nel 2012, per volontà del monastero ritiano, la Fondazione Santa Rita da Cascia, attraverso attività di fundraising e comunicazione, realizza progetti che esprimono la carità della santa degli impossibili nella società di oggi.

L’attenzione ai bisogni dei più fragili, il sostegno allo sviluppo umano e sociale e la presenza sul territorio dell’organizzazione, si ritrovano in un impegno attivo che, lo scorso anno, proprio guardando al mondo dell’autismo si è tradotto in un progetto rivolto al Centro diurno ‘La Semente’ di Spello (PG).Il Centro, attivo dal 2011, è gestito da ANGSA Umbria con l’Assessorato alla Sanità della Regione Umbria.

Si tratta di una struttura all’avanguardia per giovani adulti autistici, che qui hanno risposte concrete per continuare il percorso riabilitativo, avere una qualità di vita alta e la possibilità d’inserimento nel mondo del lavoro.

All’arrivo della pandemia, la Fondazione Santa Rita da Cascia si è attivata per consentire che il Covid-19 non arrestasse questo prezioso lavoro. Lo ha fatto lanciando un appello ai devoti ritieni, che si sono mobilitati in massa per sostenere il centro. Così, le famiglie e i ragazzi affetti da autismo hanno potuto ritrovare serenità, sostegno e speranza per il futuro.

P. Luciano De Michieli, rettore della Basilica e membro del CdA della Fondazione Santa Rita da Cascia, ha sottolineato l’impegno profuso dal monastero verso gli ‘ultimi’: “Con il suo esempio Santa Rita ci dimostra che ognuno di noi può agire nella carità e nell’amore verso il prossimo e fare la differenza nella sua vita, anche con un solo gesto.

Ecco perché nella Giornata Mondiale per l’Autismo, invito la nostra famiglia di devoti ritiani a crescere in sensibilità e impegno, perché abbiamo già visto che insieme possiamo fare tanto. Per questa occasione, oltre a vestire di luce blu la nostra Basilica, indosso il nastro blu a simbolo dell’immenso valore che ogni vita ha e con lei l’opera umana e sociale di chi si adopera per tutelarla, sostenerla e valorizzarla”.

La giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, anche semplicemente giornata mondiale per l’autismo, è fissata al 2 aprile di ogni anno ed è un giorno riconosciuto a livello internazionale per incoraggiare gli Stati membri delle Nazioni Unite a prendere misure per sensibilizzare riguardo alle persone con autismo in tutto il mondo.

Si calcola che negli Stati Uniti un bambino su 54 è autistico, secondo il Center for Disease Control. In Europa, studi epidemiologici internazionali hanno riportato negli ultimi anni un incremento generalizzato della prevalenza di ASD (Autism Spectrum Disorders), dato che va collocato in un contesto di mutamento con una sempre maggiore consapevolezza dei disturbi, la maggiore formazione dei medici e le modifiche dei criteri diagnostici. In Danimarca e Svezia 1 bambino su 160 in è autistico, 1 su 86 in Gran Bretagna.

In Italia, si stima che 1 bambino su 77 (età 7-9 anni) presenti un disturbo dello spettro autistico con una prevalenza maggiore nei maschi: i maschi sono 4,4 volte in più rispetto alle femmine.

Questa stima nazionale è stata effettuata nell’ambito del ‘Progetto Osservatorio per il monitoraggio dei disturbi dello spettro autistico’, istituito nel 2016, co-coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute.

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da ‘Con i Bambini’ e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ha in questi giorni rilasciato dei dati, che dicono che sono quasi 300.000, ovvero il 3,5% del totale della popolazione scolastica gli alunni con disabilità in Italia e di questi, il 26,4% ha un disturbo generalizzato dello sviluppo (autismo, Asperger…).

(Foto: Fondazione Santa Rita)

89.31.72.207