Numeri ufficiali Covid-19 del 4 febbraio 2021. Pronti 152 drive through dell’Esercito italiano per campagna vaccinazione di massa

Condividi su...

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 ufficiali del Ministero della salute di oggi giovedì 4 febbraio 2021

Ricoverati con sintomi: 19.743 (-328) (-1,63%)
In terapia intensiva: 2.151 (+6) (+0,28%) [con 147 nuovi ingressi del giorno] [*]
Deceduti: 90.241 (+422) (+0,47%)
Vaccinati [**] e percentuale sulla popolazione (aggiornato al 4 febbraio 2021 Ore 18:30): 942.551 (1,56%)
[*]
Dato molto importante, perché permette di verificare al di là del saldo quante persone sono effettivamente entrate in terapia intensiva nelle ultime 24 ore oggetto della comunicazione.
[**]
Persone che hanno completato la vaccinazione (prima e seconda dose). Vaccinazione in tempo reale: QUI.

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 258 (+1)

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi [A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]: QUI.

Scuola, in Puglia Dad su richiesta: presenza non si può imporre

Didattica digitale integrata per tutti gli studenti pugliesi che ne facciano richiesta e impossibilità di imporre la didattica in presenza: la nuova ordinanza del Governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, proroga fino al 20 febbraio le disposizioni già in atto. Per le scuole dell’infanzia, primarie e Cpia è prevista la possibilità di frequentare in aula o di fare lezione da casa, scegliendo quale didattica si preferisce per una sola volta. Le scuole superiori, invece, devono organizzarsi in modo da svolgere l’attività in presenza al massimo con il 50% della popolazione scolastica ma comunque non possono imporla ai propri studenti (Fonte SkyTG24).

Dalla pagina Facebook di Guido Bertolaso, da due giorni Coordinatore della campagna vaccinale anti-Covid-19 in Lombardia.

Vaccini: Lombardia, pronta la squadra
L’abbiamo chiamata ‘Unità di crisi’, in onore e coerenza con il metodo che useremo per quella che sarà la più grande operazione di Protezione Civile che si sia mai vista in Italia. Abbiamo iniziato a lavorare sulle piante organiche dei team che saranno impiegati nelle vaccinazioni e sulle location dove questi opereranno. L’organizzazione sarà diversificata per territori e per questo puntiamo sul coinvolgimento dei sindaci e degli attori locali, sia per i luoghi da utilizzare, che per le equipe da mettere in campo.
Sabato e domenica in un padiglione della Fiera di Milano, verrà effettuata la seconda fase della sperimentazione avviata dall’Agenzia Regionale dell’Emergenza Urgenza qualche settimana fa, attraverso la vaccinazione di circa 2.500 volontari, che riceveranno la seconda dose. In pratica, verranno cronometrati i tempi della singola somministrazione per capire il totale del numero di vaccini che si riescono ad effettuare nelle 24 ore” (Guido Bertolaso).

Grande voglia di fascismo sanitario, con le liste di proscrizione che non sono “un fattore discriminante”. E questo si chiama “incentivare la popolazione a vaccinarsi”. Ma dai! Proprio il topo da uno che ha “fiducia che gli italiani abbiano capito l’importanza del vaccino”. Hanno proprio una palla nella testa.

“Vietare cinema, aereo e ristorante a chi non si vaccina”. Così il Direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito

“Ho fiducia che gli italiani abbiano capito l’importanza del vaccino. L’adesione al distanziamento, che da noi è elevata, dimostra che se le cose sono spiegate chiaramente, vengono capite”. È quanto ha detto il Direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito, in un’intervista al quotidiano la Repubblica. Sulla possibilità di introdurre una patente di immunità, per incentivare la popolazione a vaccinarsi, Ippolito ha commentato: “Molte attività dovranno essere precluse a chi non è vaccinato: ristorante, cinema, stadio, aereo. Le misure potranno essere adottate quando il vaccino sarà disponibile per tutti, altrimenti sarebbero un fattore discriminante” (Fonte Askanews).

Senza le forze armate andiamo da nessuna parte. Terminiamola con le mimose del Genio Alculi.

Vaccini: Difesa, pronti 152 drive through per campagna vaccinazione di massa

Sono 152 i drive through della Difesa già schierati per essere utilizzati per le somministrazioni in occasione della fase della vaccinazione di massa, qualora richiesto dalle Asl o dal Ministero della Salute. Di questi, 27 sono in Lombardia, 20 nel Lazio e 16 in Campania, altrettanti nel Veneto e 15 in Emilia Romagna. La Difesa aveva messo a disposizione fino a 200 drive through. A Milano, la struttura più ampia, che esegue il numero maggiore di operazioni con otto linee al lavoro.

Invece di sentire la promessa, vorrei vedere l’annuncio della vaccinazione avvenuta. Di promesse alla Giuseppy ne abbiamo le tasche piene

Covid, Locatelli a Sky TG24: “Entro giugno 40 milioni di vaccini”

Lo ha dichiarato, in un’intervista a “Buongiorno” su SkyTG24, Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, commentando l’andamento della campagna vaccinale nazionale anti-Covid-19.

151.11.48.50