Il Presidente Pro-vita dei vescovi statunitensi risponde alla dichiarazione del Presidente e Vicepresidente degli Stati Uniti in occasione dell’anniversario di Roe v. Wade

In una dichiarazione ieri 22 gennaio 2021, il Presidente Biden e il Vicepresidente Harris hanno celebrato l’anniversario di Roe v. Wade, che ha ribaltato tutte le restrizioni limitanti all’aborto in tutta la nazione, definendo la decisione un progresso dei diritti e della salute delle donne. L’Arcivescovo Joseph F. Naumann di Kansas City nel Kansas e Presidente del Comitato per le attività per la vita della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, ha risposto (segue la nostra traduzione italiana di lavoro e il testo originale in inglese).

L’Arcivescovo Joseph F. Naumann è da sempre un grande sostenitore delle iniziative a favore della vita, come pellegrinaggi e marcia per la vita, a cui vi ha anche partecipato.

«È profondamente inquietante e tragico che qualsiasi Presidente elogi e si impegni a codificare una sentenza della Corte Suprema che nega ai bambini non nati il loro diritto umano e civile più fondamentale, il diritto alla vita, sotto la maschera eufemistica di un servizio sanitario. Colgo l’occasione per ricordare a tutti i Cattolici che il Catechismo afferma: “Dal primo secolo la Chiesa ha affermato il male morale di ogni aborto procurato. Questo insegnamento non è cambiato e rimane immutabile”. I funzionari pubblici sono responsabili non solo delle loro convinzioni personali, ma anche degli effetti delle loro azioni pubbliche. L’elevazione dell’aborto da parte di Roe allo status di diritto protetto e la sua eliminazione delle restrizioni statali hanno spianato la strada alla morte violenta di oltre 62 milioni di bambini innocenti non nati e ad innumerevoli donne che sperimentano il dolore della perdita, dell’abbandono e della violenza.
Chiediamo vivamente al Presidente di rifiutare l’aborto e di promuovere aiuti alle donne e alle comunità bisognose che affermano la vita».

U.S. Bishops’ Pro-Life Chairman Responds to USA President and Vice President’s Statement on Anniversary of Roe v. Wade

In a statement today [22 January 2021], President Biden and Vice President Harris marked the anniversary of Roe v. Wade, which overturned all limiting restrictions on abortion across the nation, calling the decision an advancement of women’s rights and health. Archbishop Joseph F. Naumann of Kansas City in Kansas, and chairman of the U.S. Conference of Catholic Bishops’ Committee on Pro-Life Activities responded.

«It is deeply disturbing and tragic that any President would praise and commit to codifying a Supreme Court ruling that denies unborn children their most basic human and civil right, the right to life, under the euphemistic disguise of a health service. I take this opportunity to remind all Catholics that the Catechism states, ‘Since the first century the Church has affirmed the moral evil of every procured abortion. This teaching has not changed and remains unchangeable.’ Public officials are responsible for not only their personal beliefs, but also the effects of their public actions. Roe’s elevation of abortion to the status of a protected right and its elimination of state restrictions paved the way for the violent deaths of more than 62 million innocent unborn children and for countless women who experience the heartache of loss, abandonment, and violence.
We strongly urge the President to reject abortion and promote life-affirming aid to women and communities in need».