Il tempo è galantuomo, restituisce tutto a tutti. E il meglio dello sconquasso deve ancora avvenire

La risposta alla domanda posta da Aldo Maria Valli (“Ma perché in Vaticano aprono ai peggiori?”) la troviamo con l’ausilio di Sherlock Holmes (“Elementary, my dear Watson”): aprono ai peggiori. perché chi gli apre vuole che sia il peggio ad entrare per creare il caos.

Mi dicono, che…

Quando il Cardinale George Pell è tornato, sicuramente ha detto molte cose all’Uomo che Veste di Bianco. Monsignor Alberto Perlasca è rientrato nella Città del Vaticano, sicuramente qualcosina avrà detto, sia agli inquirenti giudiziari vaticani, sia all’Uomo che Veste di Bianco. Certamente ci saranno personaggi ancora in giro nello Stato della Città del Vaticano che hanno dovuto rispondere, stanno rispondendo e dovranno rispondere a più di qualche “mi dicono”… Senza contare poi che si sta ancora cercando di capire chi ha fatto i bonifici diretti in Australia… Prima ancora che Pell rientrasse è caduto Becciu; Perlasca era già caduto; a seguire è caduto Loreti… A pensar male si fa peccato ma qualche volta ci s’azzecca. E andare a rileggere ogni tanto qualche articolo di alcuni anni fa, di qualche vaticanista con la doppia spunta blu, oggi ha tutt’altro rilievo… e diventano chiare molte cose interessanti. Mettiamo davanti agli occhi la clessidra… Il tempo è galantuomo, restituisce tutto a tutti. E il meglio deve ancora avvenire.

Bussate e vi sarà aperto! Ma perché in Vaticano aprono ai peggiori?
di Aldo Maria Valli
Duc in altum, 25 ottobre 2020

A margine di due vicende vaticane che di recente hanno sollevato grandi polveroni, ovvero le parole di Francesco sulle unioni omosessuali e il caso Becciu, c’è da riflettere sul modo in cui nei sacri palazzi, a partire da Santa Marta, si applica l’esortazione evangelica “Bussate e vi sarà aperto”.
Partiamo dalla storia delle parole papali sulle unioni gay, contenute nel docufilm Francesco, polpettone celebrativo in stile realismo sovietico.
È ormai assodato che il regista del film, il signor Evgeny Afineevsky, ha manipolato le affermazioni di Bergoglio, mediante un “taglia e cuci” che ha fatto dire al papa qualcosa di diverso da ciò che ha detto. Una cosa gravissima.
Eppure, il signor Evgeny Afineevsky non solo è stato ricevuto in Vaticano con la massima disponibilità, ma poi, a cose fatte, è stato accolto dal papa e da lui festeggiato con una bella torta ornata da un candelotto acceso.
È a questo punto che nasce la domanda: com’è possibile che un personaggio del genere, di una tale spregiudicatezza, abbia avuto tutte le porte spalancate, sia arrivato fino al papa e sia stato pure ringraziato mediante torta? Il signor Evgeny Afineevsky avrà sicuramente bussato, ma perché gli è stato aperto?
Si sa che non a tutti quelli che bussano alle sacre porte vengono stesi tappeti rossi. In generale, anche solo per aprire un piccolo spiraglio, i vertici vaticani procedono con i piedi di piombo. E invece ecco che qui, nei confronti del regista furbacchione, abbiamo avuto prima l’apertura e poi pure l’esaltazione (con torta e candelotto).
Ora mi sposto su tutt’altro fronte, quello economico-finanziario, e anche in questo caso mi chiedo: com’è possibile che certi personaggi abbiano avuto le porte spalancate e siano arrivati a interagire con i vertici della Santa Sede?
Qualunque mortale che abbia o abbia avuto rapporti con la Santa Sede e lo Stato della Città del Vaticano sa quanto sia difficile comunicare con le alte sfere chiuse nei sacri palazzi. Occorre chiedere permessi, passare attraverso uscieri, impiegati d’anticamera e di corridoio, segretari e sottosegretari, monsignorini e monsignorotti, provare e riprovare, e il più delle volte tutto ciò che si ottiene è la solita risposta: “Riferirò a sua eminenza (o a sua eccellenza)”. E poi il silenzio o, ben che vada, una dichiarazione che equivale alla richiesta di non bussare più: “Sua eminenza (o sua eccellenza) è molto impegnato… sta per partire… non è in Italia…”.
Insomma, per parlare con chi sta in alto, in Vaticano, occorre passare attraverso cortesi ma resistenti forche caudine. E alla fine tutto ciò che si ottiene è un buco nell’acqua.
Ma evidentemente, alla luce delle recenti cronache, ci sono le eccezioni.
Se sei una gentile signora che si presenta come amica di faccendieri e massoni, porta aperta.
Se sei tu stesso un faccendiere, porta aperta.
Se sei un consulente finanziario dal profilo poco trasparente, porta aperta.
Se sei il gestore di un fondo noto per le speculazioni disinvolte, porta aperta.
Se sei a capo di una serie di società tipo scatole cinesi, e speculi in Borsa e hai conti in Svizzera, porta aperta.
Se sguazzi nel mondo finanziario e della comunicazione senza un ruolo ben preciso, ma spacciandoti come amico di amici che contano, porta aperta.
Se ti occupi di strane operazioni petrolifere in Angola, porta aperta.
Se hai sottomano un palazzo nel centro di Londra e lo vuoi vendere a prezzo maggiorato, porta aperta.
Se sei il titolare di una società lussemburghese con la propensione a fungere da soggetto intestatario fittizio, porta aperta.
C’è insomma il fondato sospetto che in Vaticano le parole di Nostro Signore (“Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto”) trovino un’applicazione, diciamo così, un tantino selettiva, ma anche sorprendente. Tutto dipende da chi bussa. Se sei animato dalle migliori intenzioni, è probabile che non ti sarà aperto. Se invece le tue intenzioni sono le peggiori, porte spalancate.
Di qui la domanda: in Vaticano c’è un’epidemia di autolesionismo oppure, per motivi tutti loro, lo fanno apposta?
Ah, saperlo!
A.M.V.

Alcuni articoli collegati… da una lunghissima serie

60SA. Emerge dalle tenebre un’altra “dama di Becciu”. Ma questa pregiudicata la conosciamo già, esperta di minacce e ricatti – 21 ottobre 2020
60SA. Lo scandalo finanziario della Segreteria di Stato di Sua Santità. Il meglio deve ancora avvenire… – 19 ottobre 2020
Mai e mai. Parola di Becciu, che torna a difendersi dalle accuse: “Estraneo a qualunque fatto illecito, sempre fedele al Papa”. Cecilia Marogna: “Non sono l’amante di Becciu” – 8 Ottobre 2020
Lo sconquassatore conquassando continua a sconquassare. Becciu CACCIATO, un cioccante clamoroso inaudito episodio di una lunga serie – 25 Settembre 2020
Scandalo 60SA. La lente degli inquirenti giudiziari vaticani sul palazzo di Sloane Avenue si allarga a sospetta truffa su altri 4 palazzi londinesi – 21 settembre 2020
Sodoma. Parla l’autore (regolarmente ospite di 3 prelati in Vaticano… con “i codici” per introdursi in quanto gay) | Parte 10 – 18 febbraio 2020
Il prelato della lobby gay. MONSIGNOR BATTISTA MARIO SALVATORE RICCA di Sandro Magister – Espresso.it, 18 luglio 2013

89.31.72.207