Ex Presidente della Corte Costituzionale Baldassarre: Dpcm feste private ridicolo. Governo è andato oltre sue competenze

Il Dpcm con le nuove misure anti Covid è stato pubblicato questa sera in Gazzetta Ufficiale. Le misure entreranno in vigore a mezzanotte.
Le raccomandazioni del nuovo Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte e dal Ministro della salute Roberto Speranza, in particolare quelle legate ai limiti sollecitati dal Governo rispetto al ricevere a casa “sono inutili, ridicole e manifestano una mentalità deviata che fa un uso politico della pandemia“. Lo dice all’Adnkronos il costituzionalista Antonio Baldassarre, ex Presidente della Corte Costituzionale, che rileva: “Come Salvini ha usato i migranti per impaurire l’opinione pubblica, ora l’attuale maggioranza usa il Covid-19 per terrorizzare i cittadini”.

È “fortemente raccomandato evitare feste e di ricevere persone non conviventi”, in numero “superiore a 6”, si legge tra l’altro nel Dpcm. Baldassarre commenta: “Se la raccomandazione è un consiglio non è incostituzionale, ma se ha una rilevanza giuridica, cioè può diventare un elemento di valutazione in una contestazione di fronte a un giudice, allora lo è, perché fa entrare in gioco il nucleo più intimo della sfera privata e tutti gli articoli che la proteggono: 13 , 14, 15 , 21…”.

L’ex Presidente della Consulta afferma: “Quando si vuole comandare troppo, dirigere troppo con precetti così specifici e dettagliati si rischia la comicità. E questo è evidente. Basti vedere l’incomprensibile distinzione nel Decreto tra chi corre e chi cammina per strada: io salgo a passo veloce e scendo di corsa. Quindi? Le chiusure dei locali poi sono prive di ratio, senso e fondamento giuridico. Se non c’è l’illecito dell’assembramento perché limitare?”.

E se le raccomandazioni incentiveranno comportamenti delatori? “Le forze dell’ordine chiamate in causa dovrebbero replicare: ‘fatti loro’ ed ignorare – risponde il costituzionalista – Ma se si ritiene possano intervenire la cosa cambia. Questo lo sapremo dall’attuazione pratica: cosa intende Conte con il termine ‘raccomandazione’ si evincerà chiaramente dall’atteggiamento delle forze dell’ordine. Io comunque immagino che siano consigli. Ma il Governo che dà indicazioni sul privato va oltre le sue competenze”

Fonte: Roberta Lanzara – ADNKRONOS, 13 ottobre 2020.

Articolo collegato

L’Italia con Leggi Speciali verso proibizione delle feste private in casa, affidandosi alla delazione delle “spie”. #restiamoliberi – 12 ottobre 2020

* * *

“Che questo è il Governo più odiato della storia Repubblicana, è stato già detto?” (Cit).

“Se vedete i ladri in casa dei vicini, chiamate le forze dell’ordine e dite che c’è una festa. Arriveranno subito” (Cit.).

Daniele Capezzone asfalta il Ministro della salute Roberto Speranza: “L’idea del cittadino spione è da Germania Est”.

“Non si mette il becco nelle case degli italiani, se no si arriva allo Stato di polizia. La delazione è la follia”. Lo ha detto il leader Iv, Matteo Renzi, a Fuori dal coro su Rete 4.

Fra tanti politici impettiti in doppio petto e tailleur, Vittorio Sgarbi senza cravatta e con le vene del collo che gli pulsano: “Andrete tutti all’inferno!” in nome del popolo italiano.


“L’idea del controllo statale sulla vita familiare non era accettabile e sono stato il primo a prender posizione contro. Ciò detto non mi piacciono e non sopporto gli insulti a Speranza. Lo conosco, è una persona per bene.Nessuno vorrebbe portare sulle spalle il peso che porta lui” ( Guido Crosetto”. “Non lo porti, ce ne faremo una ragione” (Marco Tosatti).

89.31.72.207