Parlando del male se ne fa pubblicità, certo. Ma non parlarne è peggio, perché l’indifferenza dei buoni fa male tanto quanto l’azione dei malvagi

Oggi presento una nuova storia, per continuare il discorso intorno a “Cuties” [*] e per dire che il “male” non si ferma da solo. Condivido la continuazione della serie dei “Social Notes” del Prof. Marco Brusati su temi della massima importanza, che si presentano come delle Finestre di Overton. Mentre nel film “Cuties” distribuito da Netflix ad esibirsi davanti ad adulti sono ragazzine semisvestite [*], sulla TV danese va in onda il programma “Ultra Strip Down”, che davanti a un pubblico televisivo di 11-13enni fa sfilare maschi e femmine completamente nudi di ogni età e costituzione fisica, chiedendo alla fine ai giovanissimi ospiti le loro impressioni, senza filtri, senza pixel sul volto per proteggerne almeno l’identità. Secondo gli organizzatori il programma ha finalità educative, come hanno dichiarato anche i promotori del film “Cuties”.

Tutti lo sanno bene. Molti lo hanno capito. Pochi lo vogliono aver visto. Meno ancora sono coloro che hanno il coraggio di ammettere che tutto questo non è educativo, che invece è il Male che avanza in una Finestra di Overton. Quindi, “silere non possum” (Sant’Agostino). Non possiamo tacere.

In TV adulti nudi davanti a 11-13enni: è «educativo» anche questo?
di Marco Brusati
Dire oltre, 23 settembre 2020

[Tono sarcastico] Vuoi educare i bambini e le bambine ad accettare il loro corpo? Vuoi demitizzare il corpo perfetto tipico delle comparsate internet delle Star dei Social?

Vediamo cosa può venire in mente. Dunque: parlarne in famiglia o a scuola con riservatezza e delicatezza? Formare adulti, educatori e genitori ad evitare che i propri figli e le proprie figlie esibiscano corpi sempre più acerbi a beneficio di un montante gruppo di voyeuristi globali? Ma figuriamoci, tutta roba educativamente sorpassata! Qui c’è bisogno di una trovata creativa, che rompa gli schemi, che faccia parlare, che sollevi una discussione, che metta sul tavolo il problema, andando magari a vedere fin dove ci si può spingere prima che intervenga una qualche corte di giustizia. Che fare? Ecco la trovata: selezionare un pubblico televisivo di 11-13enni, far sfilare davanti a loro maschi e femmine completamente nudi di ogni età e costituzione fisica e, infine, chiedere ai giovanissimi ospiti le loro impressioni, senza filtri, senza pixel sul volto per proteggerne almeno l’identità.

[Tono serio] Succede davvero: il programma in onda sulla TV danese si chiama Ultra Strip Down e ci interessa da vicino perché secondo gli organizzatori ha finalità educative, come hanno dichiarato anche i promotori del film Cuties distribuito da Netflix. Le parti, tuttavia, sono invertite: nel film ad esibirsi davanti ad adulti sono ragazzine semisvestite.

7.png
Cuties.

Nel programma sono adulti a mettersi completamente nudi davanti a 11-13enni.

2.png
6.png
1.png
10.png
4.png
9.png

In entrambi i casi, come dicevamo, si dichiarano intenti «educativi». Del film «Cuties» abbiamo detto che, «la trama sta in piedi, anche se non presenta novità sconvolgenti», ma «le scene sono profondamente disturbanti ed inficiano le buone intenzioni della trama, se si pensa che le protagoniste non sono ologrammi o personaggi di fantasia, ma ragazzine reali, con la loro vita, le loro relazioni». Analogo ragionamento va fatto per il programma TV Ultra Strip Down che si propone di superare lo stereotipo del corpo perfetto mostrando corpi nudi, la cui esibizione in rete è causa del problema, non la soluzione.

Tuttavia, il grande assente in entrambi i prodotti mass-mediali è il rispetto del diritto umano al pudore e alla protezione della sfera dell’intimità, un diritto che per i bambini ed i minori deve essere assoluto, intangibile, non disponibile ed inviolabile anche in presenza di consensi genitoriali, sia quando si esibiscono sia quando assistono a esibizioni.

So che a parlarne si fa pubblicità al programma, ma non parlarne è peggio perché l’indifferenza dei buoni fa male tanto quanto l’attività dei malvagi.

Marco Brusati

[*] Finestra di Overton. “Cuties” di Netflix, scandalosa sessualizzazione di adolescenti e incentiva alla pedofilia – 18 settembre 2020

89.31.72.207