Oggi, tre anni fa è morto Joaquín Navarro-Valls. Vita mutatur non tollitur

Grazie Joaquín, per l’Uomo che sei stato, Direttore, Compagno di viaggi, Maestro, Amico; per avermi insegnato – come tuo Assistente dal 1985 al 2006 – il significato profondo delle parole “comunicare”, “servire” e “stile”.

Tre anni fa, il 5 luglio 2017, morì Joaquín Navarro-Valls, il portavoce. Lo voglio ricordare oggi con tre foto: durante un Viaggio Apostolico, della sua tomba al Cimitero di Prima Porta a Roma (che scattò 5 giorni dopo le esequie del 7 luglio 2017, quando lì pregò per l’anima di colui che ho visto pregare molte volte durante la sua vita. Talvolta, quando avevo bisogno di lui durante un Viaggio apostolico e non lo vide sul palco vicino al Papa, lo cercò e lo trovò immancabilmente sotto, in preghiera) e nel suo ufficio presso la Sala Stampa della Santa Sede.

Funerali di Joaquín Navarro-Valls – Roma, 7 luglio 2017: QUI.

Nel ricordo di Navarro-Valls, il portavoce – 24 maggio 2019. “Navarro Valls El portavoz”: il ritratto di Navarro Valls in un libro del fratello Rafael: QUI.

89.31.72.207