Il Console Generale di Spagna ha visitato la sede dell’Ordine Costantiniano a Napoli

Lunedì 29 giugno il Console Generale del Regno di Spagna in Napoli, l’Ill.mo Sig. Don Carlos Maldonado Valcàrcel, accompagnato dalla Funzionaria del Consolato, Dott.ssa Alessia Fresca, si è recato in visita alla sede della Delegazione di Napoli e Campania del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio presso il Real Monte ed Arciconfraternita di San Giuseppe dell’Opera di Vestire i Nudi, in Napoli.

Nella Sala del Governo il Principe Caracciolo di Melissano ha letto il messaggio che il Presidente della Real Commissione per l’Italia ha indirizzato agli illustri ospiti e ai Cavalieri presenti: “Ho accolto con vivo piacere la notizia della cerimonia che si svolgerà il 29 giugno in Napoli presso la sede del Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell’Opera di Vestire i Nudi, che ospita pure la Delegazione Costantiniana di Napoli e Campania.

Se impegni di carattere istituzionale in Lombardia e le limitazioni dovute all’attuale situazione non mi consentono di essere presente come nei miei desideri, pur tuttavia desidero assicurare della mia affettuosa vicinanza tutti gli Illustri Convenuti.  Rivolgo, in primis, un deferente saluto all’Ill.mo Signor Console Generale di Spagna a Napoli, Don Carlos Maldonado Varcàrcel, la cui prestigiosa presenza ci ricorda gli speciali legami storici e dinastici tra il Regno di Spagna e l’antico Regno delle Due Sicilie, legami, peraltro, mai venuti meno sotto il profilo ideale e culturale.

Sono quindi vivamente grato, per la sua grande disponibilità, al Principe Don Landolfo Ambrogio Caracciolo di Melissano, Cavaliere di Giustizia della Sacra Milizia e Vice Presidente della Commissione Araldica, che così degnamente rappresenta.

Sentimenti di profonda gratitudine manifesto poi al Sopraintendente del Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell’Opera di Vestire i Nudi, Nobile Avvocato Ugo de Flaviis; gli speciali rapporti instauratisi di recente tra il Real Monte e l’Ordine Costantiniano, sono di auspicio per una sempre più stretta collaborazione tra le due illustri e antiche Istituzioni. Ciò anche per espresso desiderio del nostro beneamato Gran Maestro, S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone e Orlèans, Duca di Calabria, Conte di Caserta.

Uno speciale saluto rivolgo, infine, a Don Manuel de Goyzueta dei Marchesi di Toverena, Cavaliere di Giustizia, che ringrazio toto corde per l’impegno profuso quale Delegato della Sacra Milizia per Napoli e Campania, e con lui desidero pure manifestare la mia riconoscenza al Consiglio di Delegazione, in special modo all’Ing. Gionata Barbieri, che ha preparato con cura questo evento”.

Il Console Generale e la Funzionaria del Consolato sono stati dapprima annunciati dal Curatore della Cappella Magistrale in Napoli, l’Avv. Genovese e dal Cerimoniere di Delegazione, il Sig. Costabile, introducendo i graditi ospiti nell’aula liturgica della suddetta Cappella Magistrale, ossia la Chiesa di San Giuseppe dei Nudi, ove erano ad attenderli la rappresentanza della Delegazione di Napoli e Campania e dell’Opera pia di San Giuseppe, con gli spazi addobbati con motivi floreali che richiamavano i colori della bandiera di Spagna in onore dell’illustre visitatore.

La missione consolare spagnola è stata poi condotta dalla Prof.ssa Bianca Iovine, storica della regia confraternita giuseppina, in una approfondita e circostanziata visita alla Cappella Magistrale ed ai locali che ospitano il Museo del Real Monte ed Arciconfraternita, nel corso della quale la conduttrice ha illustrato con dovizia di particolari artistici e storici e rievocando una nutrita aneddotica, le opere d’arte, i dipinti, gli arredi sacri e le gioie presenti nel museo, oltreché la considerevole messe di reliquie ivi raccolte, prima fra tutte la famosa reliquia del “Bastone di San Giuseppe”. Altre preziose informazioni sull’Opera pia sono state fornite anche dal Dott. Gennaro Ciccarelli e dalla restauratrice Dott.ssa Maria Rosaria Di Leo.

Nel seguito il Segretario Generale della Delegazione di Napoli e Campania l’Ing. Barbieri, ha esposto al diplomatico spagnolo gli stretti legami di oggi e del passato che intercorrono tra la storia del Regno di Spagna e quella della Milizia Costantiniana, così come quelli che sussistono con San Giuseppe dei Nudi, concludendo l’intervento con un omaggio di proprie pubblicazioni inerenti queste tematiche.

89.31.72.207