Numeri ufficiali Covid-19 del 28 giugno 2020. Nuovi focolai: al Comune di Roma e “importati” dal Bangladesh a Roma e in Romagna. A Roma chiuse delle piazze

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 ufficiali alle ore 18.00 di oggi 28 giugno 2020

In isolamento domiciliare: 15.423 (-56)
Ricoverati con sintomi: 1.160 (- 196)
In terapia intensiva: 98 (+1)
Deceduti: 34.738 (+22)

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 269 (-2)

Il valore è al livello tra il 28 e 27 marzo 2020 (tra il giorno 37 e 36 dal primo decesso per Covid-19; il 27 marzo era il giorno con il più alto numero dei morti: 969).

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno – Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831 (12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 760 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431 (19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.227) – 400
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406
64 – 24.04 – 420 (25.969) – 406
65 – 25.04 – 415 (26.384) – 406
66 – 26.04 – 260 (26.644) – 404
67 – 27.04 – 333 (26.977) – 403
68 – 28.04 – 282 (27.359) – 402
69 – 29.04 – 323 (27.682) – 401
70 – 30.04 – 285 (27.967) – 400
71 – 01.05 – 269 (28.236) – 398
72 – 02.05 – 474 (28.710) – 399
73 – 03.05 – 174 (28.884) – 396
74 – 04.05 – 195 (29.079) – 393
75 – 05.05 – 236 (29.315) – 391
76 – 06.05 – 369 (29.684) – 391
77 – 07.05 – 274 (29.958) – 389
78 – 08.05 – 243 (30.201) – 387
79 – 09.05 – 194 (30.395) – 385
80 – 10.05 – 165 (30.560) – 382
81 – 11.05 – 179 (30.739) – 379
82 – 12.05 – 172 (30.911) – 377
83 – 13.05 – 195 (31.106) – 375
84 – 14.05 – 262 (31.368) – 373
85 – 15.05 – 242 (31.610) – 372
86 – 16.05 – 153 (31.763) – 369
87 – 17.05 – 145 (31.908) – 367
88 – 18.05 – 99 (32.007) – 364
89 – 19.05 – 162 (32.169) – 361
90 – 20.05 – 161 (32.230) – 358
91 – 21.05 – 156 (32.486) – 357
92 – 22.05 – 130 (32.616) – 355
93 – 23.05 – 119 (32.735) – 352
94 – 24.05 – 50 (32.785) – 349
95 – 25.05 – 92 (32.877) – 346
96 – 26.05 – 78 (32.955) – 343
97 – 27.05 – 117 (33.072) – 341
98 – 28.05 – 70 (33.142) – 338
99 – 29.05 – 87 (33.229) – 336
100 – 30.05 – 111 (33.340) – 333
101 – 31.05 – 75 (33.415) – 331
102 – 01.06 – 60 (33.475) – 328
103 – 02.06 – 55 (33.530) – 326
104 – 03.06 – 71 (33.601) – 323
105 – 04.06 – 88 (33.689) – 321
106 – 05.06 – 85 (33.774) – 319
107 – 06.06 – 72 (33.846) – 316
108 – 07.06 – 53 (33.899) – 314
109 – 08.06 – 65 (33.964) – 312
110 – 09.06 – 79 (34.043) – 309
111 – 10.06 – 71 (34.114) – 307
112 – 11.06 – 53 (34.167) – 305
113 – 12.06 – 56 (34.223) – 303
114 – 13.06 – 78 (34.301) – 301
115 – 14.06 – 44 (34.345) – 299
116 – 15.06 – 26 (34.371) – 296
117 – 16.06 – 34 (34.405) – 294
118 – 17.06 – 43 (34.448) – 292
119 – 18.06 – 66 (34.514) – 290
120 – 19.06 – 47 (34.561) – 288
121 – 20.06 – 49 (34.610) – 286
122 – 21.06 – 24 (34.634) – 284
123 – 22.06 – 23 (34.657) – 282
124 – 23.06 – 18 (34.675) – 280
125 – 24.06 – -31 (34.644) – 277 [**]
126 – 25.06 – 34 (34.678) – 275
127 – 26.06 – 30 (34.708) – 273
128 – 27.06 – 8 (34.716) – 271
129 – 28.06 – 22 (34.738) – 269

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.
[?] Dati non forniti dal Dipartimento della Protezione Civile (invece, nei totali complessivi sono inclusi i dati dei decessi mancanti).
[**] 30 – 61 (ricalcolo Provincia Autonoma di Trento).

Positivi al Sars-CoV-2 dipendenti del Comune di Roma. Il Campidoglio: “Martedì intervento sanificazione”
Dipendenti del Comune di Roma sono risultati positivi al test sierologico del coronavirus. Lo rende noto il Campidoglio in un breve comunicato stampa nel pomeriggio di domenica 28 giugno: “È stata disposta la chiusura e la sanificazione degli uffici della sede dipartimentale di Roma Capitale di via Ostiense 131L, per la giornata di martedì 30 giugno. Alcuni dipendenti sono risultati positivi al test sierologico per il Covid-19”.
Nelle poche righe del Campidoglio però, non viene specificato il numero di contagi all’interno della struttura che ospita il Dipartimento Risorse Economiche. Comunicazione istituzionale che non comunica.

Cesena, Cesenatico, Cervia e Ravenna: focolai di Sars-CoV-2 arrivati dal Bangladesh
C’è un focolaio di Sars-CoV-2 in Romagna, tra persone arrivate dal Bangladesh. I casi si sono registrati a Ravenna, Cesenatico, Cervia e Cesena. Una quindicina le persone positive tutte di origine bangladese che sono arrivate in Italia a Roma da Dacca e che poi hanno raggiunto i loro parenti in varie zone in Romagna. I voli sarebbero atterrati a Roma il 17 e il 23 giugno. I casi sono stati segnalati al dipartimento di prevenzione sanitaria perché alcuni passeggeri sono stati trovati positivi. Tutte le persone su quel volo residenti in Romagna sono state rintracciate grazie alla collaborazione della comunità del Bangladesh del territorio e si trovano ora in isolamento domiciliare. C’è stata molta collaborazione da parte della comunità straniera.

A Roma due nuovi focolai dal Bangladesh. Sono 11 i bengalesi positivi al Covid-19 nella Capitale
Ci sono 11 casi di Sars-CoV-2 fra cittadini del Bangladesh a Roma in quelli che ad oggi sembrano due differenti focolai. Sei dei positivi sono atterrati all’aeroporto di Fiumicino con voli diversi, dopo essere partiti da Dacca, capitale del paese. Altri cinque ruotano attorno al caso dei due ristoranti a Fiumicino dove uno di loro lavorava. Per il caso del dipendente di Indispensa Bistrot sono stati individuati otto positivi. Due sarebbero i titolari del ristorante. Quattro sono del Bangladesh, legati al primo positivo, ricoverato con una polmonite interstiziale all’ospedale Spallanzani. Il primo contagiato, due giorni prima del ricovero, era stato in Ambasciata, a contatto con impiegati e altri connazionali. Saranno tutti sottoposti ai tamponi.

Nessun controllo in aeroporto: il virus importato dal Bangladesh
Sei cittadini del Bangladesh sono atterrati a Fiumicino con voli diversi dopo essere partiti da Dacca mentre altri 5 sono legati al caso dei ristoranti
di Gabriele Laganà
Il Giornale, 28 giungo 2020
Sono saliti a 11 i cittadini del Bangladesh che sono stati colpiti dal coronavirus a Roma e provincia in quelli che sembrano essere al momento due distinti focolai dell’infezione.
Sei di loro sono atterrati all’aeroporto di Fiumicino con voli diversi, tutti con scalo, dopo essere partiti da Dacca, la capitale del Bangladesh. Altri cinque, invece, sarebbero legati al caso dei due ristoranti a Fiumicino, in questo caso lo scalo aeroportuale non è parte della storia, dove uno di loro lavorava.
La vicenda è intricata perché non è detto che le autorità sanitarie riescano a tracciare tutti i contatti avuti dalle persone infette. Contemporaneamente si sta cercando di capire quale sia la reale situazione in Bangladesh. Risulta preoccupante, infatti, che si siano registrati sei casi su voli differenti in così pochi giorni.
Come spiega Il Messaggero, vi è un focolaio che si potrebbe classificare come di “importazione”. Riaprono le frontiere e ripartono i voli. Le persone si spostano con maggiore libertà. Qualcuno arriva dal Brasile e dal Regno Unito, Paesi molto colpiti dal virus. Secondo le norme, dopo essere atterrati tutti dovrebbero restare in quarantena di quattordici giorni. Ma ci sono dubbi sul rispetto di questa procedura. Quel che è certo è che sei cittadini del Bangladesh atterrati a Roma sono risultati positivi: uno è stato ricoverato al Policlinico Umberto I. Scatta l’indagine epidemiologica. La Regione si attiva immediatamente e, dopo aver chiesto l’intervento del Ministero delle Infrastrutture, ha aperto un canale di dialogo con le compagnie aeree utilizzate dagli stranieri che quasi sempre lavorano a Roma. È necessario capire molte cose e in tempi brevi.
Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio, ha spiegato: “Il paziente ricoverato all’Umberto I ci ha candidamente confessato che aveva già i sintomi di Covid-19 prima di salire sull’aereo a Dacca. Come è possibile? Perché l’hanno lasciato partire?”. E così è stata contattata anche la compagnia aerea per capire cosa sia davvero accaduto negli aeroporti di partenza. Le autorità sanno che bisogna agire subito per scongiurare nuovi e più vasti focolai.
Ma c’e dell’altro. Il 24 giugno un cittadino originario del Bangladesh che lavorava in un ristorante viene ricoverato con una polmonite interstiziale allo Spallanzani di Roma. Il caso non è collegato alla situazione-voli. Però suscita molti dubbi. L’allarme scatta immediatamente. Come previsto dalle regole attuali, vengono eseguiti tamponi agli altri dipendenti del locale e ai clienti così come agli amici e, in generale, a tutti coloro che in qualche modo potrebbero essere entrati in contatto con il soggetto colpito dal coronavirus o quanti siano passati dal ristorante. Le autorità chiedono ai cittadini di recarsi al drive in della Asl Roma 3, situato a Casal Bernocchi, per sottoporsi al tampone. Per sottoporsi ai controlli si presentano circa mille persone: otto risultano positive. Tra queste figurano due titolari del ristorante dove lavorava il primo contagiato. Gli stessi proprietari hanno anche un altro locale, subito chiuso dopo l’accertamento dei fatti. Quattro, invece, sono legati appunto al primo positivo.
Al momento nessun cliente del ristorante risulta positivo. Notizia confortante? Sembrerebbe di sì. Purtroppo, però, sulla vicenda si addensano ombre sinistre. La Regione Lazio denuncia che, contrariamente a quanto prevede l’ordinanza, nel locale non sono stati registrati i contatti di chi ha mangiato in questi giorni. Ciò significa che senza nomi dei clienti che si sono recati nel ristorante sarà piuttosto complicato ricostruire i contatti. Non è tutto. Il primo contagiato due giorni prima del ricovero era stato in ambasciata, dove aveva avuto contatti con gli impiegati e con altri connazionali che si trovavano negli uffici. Tutti dovranno essere individuati e sottoposti a tampone.
Le autorità devono lavorare su due fronti. Spegnere i focolai interni e capire cosa sta accadendo davvero in Bangladesh. E, se il caso lo richiede, agite tempestivamente adottando i provvedimenti necessari per tutelare la salute di tutti.

Roma, troppi assembramenti: chiusi ritrovi della movida, off limits anche scalinate di piazza Trilussa
Isolate momentaneamente anche la Scalea del Tamburino, piazza Bologna e largo degli Osci
Sono stati oltre 4mila i controlli in questo fine settimana da parte delle pattuglie della polizia locale di Roma Capitale, impegnate a controllare la presenza di persone davanti ai locali della movida, nelle principali piazze e nei luoghi di ritrovo della città.
Gli accertamenti, fino a tarda notte, hanno interessato diversi quartieri della capitale. E a causa dei forti assembramenti che impedivano di fatto l’osservanza delle regole per limitare il contagio, gli agenti hanno dovuto isolare e chiudere momentaneamente al transito le scalinate di piazza Trilussa, piazza Bologna, la Scalea del Tamburino e largo degli Osci.

89.31.72.207