Numeri ufficiali Covid-19. Dal Governatore della Campania: solidarietà alla Lombardia. Mascherine sono obbligatorie

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 comunicati dal Dipartimento della Protezione Civile alle ore 18.00 di oggi 31 maggio 2020

In isolamento domiciliare: 35.253 (-1.308)
Ricoverati con sintomi: 6.387 (-293)
In terapia intensiva: 435 (-15)
Deceduti: 33.415 (+75)

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 331 (-2)
Il valore è al livello del 2 aprile 2020.

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
[A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno – Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831 (12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 760 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431 (19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.227) – 400
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406
64 – 24.04 – 420 (25.969) – 406
65 – 25.04 – 415 (26.384) – 406
66 – 26.04 – 260 (26.644) – 404
67 – 27.04 – 333 (26.977) – 403
68 – 28.04 – 282 (27.359) – 402
69 – 29.04 – 323 (27.682) – 401
70 – 30.04 – 285 (27.967) – 400
71 – 01.05 – 269 (28.236) – 398
72 – 02.05 – 474 (28.710) – 399
73 – 03.05 – 174 (28.884) – 396
74 – 04.05 – 195 (29.079) – 393
75 – 05.05 – 236 (29.315) – 391
76 – 06.05 – 369 (29.684) – 391
77 – 07.05 – 274 (29.958) – 389
78 – 08.05 – 243 (30.201) – 387
79 – 09.05 – 194 (30.395) – 385
80 – 10.05 – 165 (30.560) – 382
81 – 11.05 – 179 (30.739) – 379
82 – 12.05 – 172 (30.911) – 377
83 – 13.05 – 195 (31.106) – 375
84 – 14.05 – 262 (31.368) – 373
85 – 15.05 – 242 (31.610) – 372
86 – 16.05 – 153 (31.763) – 369
87 – 17.05 – 145 (31.908) – 367
88 – 18.05 – 99 (32.007) – 364
89 – 19.05 – 162 (32.169) – 361
90 – 20.05 – 161 (32.230) – 358
91 – 21.05 – 156 (32.486) – 357
92 – 22.05 – 130 (32.616) – 355
93 – 23.05 – 119 (32.735) – 352
94 – 24.05 – 50 (32.785) – 349
95 – 25.05 – 92 (32.877) – 346
96 – 26.05 – 78 (32.955) – 343
97 – 27.05 – 117 (33.072) – 341
98 – 28.05 – 70 (33.142) – 338
99 – 29.05 – 87 (33.229) – 336
100 – 30.05 – 111 (33.340) – 333
101 – 31.05 – 75 (33.415) – 331

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.
[?] Dati non forniti dal Dipartimento della Protezione Civile (invece, nei totali complessivi sono inclusi i dati dei decessi mancanti).

Essere querelati per aver detto i fatti, si chiama INTIMIDAZIONE

“Essere querelati per aver detto la verità, è un grande stimolo per andare avanti” (Nino Cartabellotta, Medico, Presidente Fondazione GIMBE, ente indipendente di ricerca e formazione che difende un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico). #SalviamoSSN #iostocongimbe

Numeri ufficiali Covid-19. Fondazione Gimbe: contagio non adeguatamente sotto controllo in Lombardia, Liguria e Piemonte – 28 maggio 2020

“Per rendersi conto di che aria tira in Italia basta vedere la nomina di Patrizia Baffi, unica consigliera regionale renziana in Lombardia, la quale il 4 maggio non partecipa al voto di sfiducia presentata dal PD contro Gallera. La stessa Baffi viene poi votata dalla maggioranza come presidente della commissione d’inchiesta sul covid-19 in Lombardia. Perché giustamente il presidente della commissione è espressione della maggioranza, ma viene scelto tra i membri della minoranza. E giustamente chi potevano scegliere?” (Cit.).

Vincenzo De Luca: in Campania l’uso della mascherina è obbligatorio

Un invito: mantenetela alzata soprattutto quando parlate a distanza ravvicinata, perché è la situazione più a rischio. Rispettando poche e semplici regole possiamo proteggerci dal contagio.

La solidarietà alla Lombardia del Governatore della Campania

L’intervista di Vincenzo De Luca a Massimo Gramellini su Rai 3 nel corso della trasmissione “Aspettando le Parole” del 30 maggio 2020.

Un commento a “Quel contagio che non deve scendere” di Giovanni Maria Leotta – L’Occidentale, 30 maggio 2020

Sul questo “Blog dell’Editore” abbiamo preso in considerazione altri dati. Sin dall’inizio dell’emergenza italiana abbiamo sempre dubitato dei dati sul contagio emessi dal Dipartimento della Protezione Civile, senza conferme dall’Istituto Superiore di Sanità, senza incroci con dati Istat, senza conferme medico legali evidenziate da mancate autopsie mai autorizzate dal non governo, che ha gestito in modo pessimo l’emergenza Covid-19, basandosi su un buonsenso (che purtroppo non c’è) in un primo momento e poi senza riuscire a fare rispettare le disposizioni emanate in un secondo momento. Infatti, i dati – che sono persone – che su questo “Blog dell’Editore” abbiamo preso in considerazione, sono altri e non quelli presi in considerazione dai più. I dati che abbiamo deciso di prendere in considerazione possono essere letti su questo “Blog dell’Editore”, negli articoli dedicati all’emergenza Covid-19, nella quale insieme allo Staff ci lavoro da 101 giorni, per cercare di capire come dare una lettura di questi dati. Questi numeri che appaiono sempre più enunciati per non far capire nulla a nessuno sull’effettiva entità di questa epidemia. Dalla nostra passione per la lente è nato il “Sistema Tutor”, che evidenzia la media giornaliera dei decessi a livello nazionale, che secondo noi resta alta. Il messaggio di “non abbassare la guardia” arriva anche da eminenti figure scientifiche, che restano preoccupati e invitano alla cautela. Ma il 3 giugno si avvicina e l’unico messaggio che sentiamo di dare è “si salvi chi può”, perché la barca affonderà. Su quella barca, che ci porta su spiagge e isole, non saremo soli. Insieme a tutti noi ci sarà il virus con asciugamano e infradito, che viene in vacanza con noi, pronto più che mai per la seconda ondata autunnale.

È sbagliato mandare messaggi fuorivianti

Alle parole di Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano, direttore della terapia intensiva (“Il Covid non esiste più, qualcuno terrorizza il paese”) risponde lo pneumologo Luca Richeldi, componente del Comitato tecnico scientifico: “Il virus circola ancora ed è sbagliato dare messaggi fuorvianti che non invitano alla prudenza. È indubitabilmente vero e rassicurante il fatto che la pressione sugli ospedali si sia drasticamente ridotta nelle ultime settimane. Non va però scordato – rileva – che questo è il risultato delle altrettanto drastiche misure di contenimento della circolazione virale adottate nel nostro Paese”. “Peraltro – afferma Richeldi – è bene ricordare che la circolazione virale è un processo dinamico, per cui la gradualità e la cautela nella ripresa delle attività economiche e sociali devono rimanere la nostra priorità. Soprattutto alla luce delle riaperture del 3 giugno”. “Del resto, basta vedere come purtroppo la situazione sia molto diversa in Paesi, come Russia, Messico o India, nei quali – conclude – queste misure non hanno potuto essere così efficaci e non hanno dato i confortanti risultati che vediamo nel nostro Paese”.

Sulla stessa linea il direttore dell’Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito: al momento “non vi è alcuna prova o studio scientifico pubblicato che dimostri che il nuovo coronavirus Sars-CoV-2 sia mutato. Fortunatamente in Italia – rileva -abbiamo ora meno casi gravi e ciò dimostra che le misure di contenimento adottate hanno dato i loro frutti”.

Si dice sconcertato Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità. “Non posso che esprimere grande sorpresa e assoluto sconcerto per le dichiarazioni rese dal Professor Zangrillo con frasi quali il ‘virus clinicamente non esiste più’ e che ‘Terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve prendere la responsabilità’. Basta semplicemente guardare al numero di nuovi casi di positività a Sars-CoV-2 che vengono confermati ogni giorno per avere dimostrazione della persistente circolazione in Italia del nuovo coronavirus”.

Il video.

Postilla

1. Più di 26mila anziani lasciati morire nell’epidemia.
2. Il generale Antonio Pappalardo, presidente dei “gilet arancioni”, che oggi, domenica 31 maggio hanno fatto tappa in Puglia: “Il Coronavirus non è letale, ammazza gli ultra 80enni malati. Basta con le menzogne e le falsità, avete terrorizzato il popolo italiano, lo avete annichilito”.
3. “Quello di cui non mi capacito non è tanto che questo tizio sia stato un deputato, ma che sia arrivato alla carica di generale dei Carabinieri” (Marco Frittella).
4. Non è che questi “gilet gialli” bevono “la vodka a 50 centesimi distillata nelle fogne” (dixit Vincenzo De Luca)?
5. Al momento in Italia non vengono riportate situazioni critiche relative all’epidemia di Covid-19. È questo in sintesi il risultato del monitoraggio degli indicatori per la Fase 2 per la settimana tra il 18 e il 24 maggio, presentato nel Report realizzato da Cabina di regia e Istituto superiore di sanità.
In conclusione:
– Le misure di lockdown in Italia hanno effettivamente permesso un controllo dell’infezione da COVID-19 sul territorio nazionale pur in un contesto di persistente trasmissione diffusa del virus con incidenza molto diversa nelle 21 Regioni/PPAA.
– La situazione attuale, relativa all’inizio della prima fase di transizione, è complessivamente positiva. Permangono segnali di trasmissione con focolai nuovi segnalati che descrivono una situazione epidemiologicamente fluida in molte Regioni italiane. Questo richiede il rispetto rigoroso delle misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l’igiene individuale e il distanziamento fisico
– È necessario continuare a rafforzare i servizi territoriali per la prevenzione e la risposta a COVID-19 per fronteggiare eventuali recrudescenze epidemiche.

89.31.72.207