Numeri ufficiali Covid-19. Galli: “Virus non meno aggressivo, ma coda dell’epidemia”. Brusaferro: “Dati fanno prevedere seconda ondata”

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 comunicati dal Dipartimento della Protezione Civile alle ore 18.00 di oggi 29 maggio 2020

In isolamento domiciliare: 38.606 (-1.512)
Ricoverati con sintomi: 7.094 (-285)
In terapia intensiva: 475, di cui 173 in Lombardia, 61 in Piemonte, 76 in Emilia Romagna, 7 in Veneto, 158 nelle altre Regioni (-14)
Deceduti: 33.229 (+87, di cui 38 in Lombardia, 13 in Piemonte, 8 in Emilia Romagna, 8 in Veneto, 20 nelle altre Regioni)

Dalle serie “il Covid-19 uccide solo gli anziani”

Un anziano di 24 anni di Voghera (Pavia) ucciso dal Covid-19
È morto all’Ospedale Sacco di Milano, dove era ricoverato da oltre due mesi dopo essere stato contagiato dal Sars-CoV-2. Giacomo Jon è la vittima più giovane registrata in provincia di Pavia dall’inizio dell’epidemia. Era il più stretto collaboratore di Don Enrico Bernuzzi, parroco di San Rocco a Voghera, morto per coronavirus, all’età di 46 anni, lo scorso 13 aprile, giorno di Pasquetta. E pochi giorni prima era deceduto anche il sacrestano Roberto Corrada di 71 anni, anch’egli per Covid-19 (Il Ticino).
Un focolai a San Rocco? Ma cose dite!!!
A quanto pare i focolai sono allucinazioni di qualcuno, come le oasi in un deserto per chi ha sete e non vede acqua causa isolamento. I focolai non esistono, altrimenti il 3 giugno non si libera il paese! I dati non devono essere preoccupanti, altrimenti il Pil cala e i morti li faranno passare per normali influenze. Perché ora bisogna andare al mare, con la crema solare a fare il porco comodo con lo spritz e infradito sdraiati sul lettino da anestesia celebrale, con la musica da discoteca da open bar nelle orecchie, per non sentire più nulla e ovattarsi il cervello o quello che ne rimane. Perché sono più importanti i bar aperti dei cervelli chiusi in cantina. Perché se si pensa non ci si può godere l’estate in riviera con lo spritz da di divertimento da #stronziazonzo, a bere sui morti alcolici con olive e salatini da stordimento di coscienze.

Ad un anziano di 18 anni trapiantato i polmoni causa Covid-19, che gli ha bruciato i polmoni
Alto, in salute e senza patologie pregresse, 18 anni. È rimasto intubato e attaccato ai macchinari nella tensostruttura del San Raffaele di Milano per 58 giorni. Il Primario del Policlinico di Milano dove è stato eseguito il trapianto: “Polmoni irriconoscibili distrutti dal virus” (La Stampa).

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 336 (-2)
Il valore è rimasto al livello tra il 3 e 2 aprile 2020.

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
[A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno – Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831 (12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 760 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431 (19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.227) – 400
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406
64 – 24.04 – 420 (25.969) – 406
65 – 25.04 – 415 (26.384) – 406
66 – 26.04 – 260 (26.644) – 404
67 – 27.04 – 333 (26.977) – 403
68 – 28.04 – 282 (27.359) – 402
69 – 29.04 – 323 (27.682) – 401
70 – 30.04 – 285 (27.967) – 400
71 – 01.05 – 269 (28.236) – 398
72 – 02.05 – 474 (28.710) – 399
73 – 03.05 – 174 (28.884) – 396
74 – 04.05 – 195 (29.079) – 393
75 – 05.05 – 236 (29.315) – 391
76 – 06.05 – 369 (29.684) – 391
77 – 07.05 – 274 (29.958) – 389
78 – 08.05 – 243 (30.201) – 387
79 – 09.05 – 194 (30.395) – 385
80 – 10.05 – 165 (30.560) – 382
81 – 11.05 – 179 (30.739) – 379
82 – 12.05 – 172 (30.911) – 377
83 – 13.05 – 195 (31.106) – 375
84 – 14.05 – 262 (31.368) – 373
85 – 15.05 – 242 (31.610) – 372
86 – 16.05 – 153 (31.763) – 369
87 – 17.05 – 145 (31.908) – 367
88 – 18.05 – 99 (32.007) – 364
89 – 19.05 – 162 (32.169) – 361
90 – 20.05 – 161 (32.230) – 358
91 – 21.05 – 156 (32.486) – 357
92 – 22.05 – 130 (32.616) – 355
93 – 23.05 – 119 (32.735) – 352
94 – 24.05 – 50 (32.785) – 349
95 – 25.05 – 92 (32.877) – 346
96 – 26.05 – 78 (32.955) – 343
97 – 27.05 – 117 (33.072) – 341
98 – 28.05 – 70 (33.142) – 338
99 – 29.05 – 87 (33.229) – 336

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.
[?] Dati non forniti dal Dipartimento della Protezione Civile (invece, nei totali complessivi sono inclusi i dati dei decessi mancanti).

«Dante ci avverte: attenti alla banalità del male. “io non so ben ridir com’i’ v’intrai, / tant’era pien di sonno a quel punto / che la verace via abbandonai. […]”. Inferno, canto primo, il Poeta si ritrova nella selva oscura, ma non sa dire come vi è entrato. In questo momento colmo di confusione, i classici ci riportano con i piedi per terra e ci aiutano a orientarci dove crollano le antiche certezze. In soli tre versi, Dante Alighieri 700 anni fa spiegava con grande chiarezza e semplicità come si smarrisce la strada. La storia ci insegna che i “cattivi” quasi sempre non sanno di esserlo. Hanno sonno, come il pellegrino della Divina Commedia, la loro vista è annebbiata dal torpore e così, senza accorgersene, perdono la “verace via”. (…) Nei momenti difficili la tendenza a non pensare si fa più forte e il rischio di dimenticarci degli altri aumenta drasticamente. Abbiamo paura, ci sentiamo fragili e insicuri, e così abbassiamo lo sguardo e diventiamo manipolabili. Il miracoloso sviluppo della tecnologia ha portato l’amato progresso, ma nello stesso tempo ha emarginato il discorso sull’etica. In tanti hanno denunciato la confusione di una tecnica che da strumento si trasforma in fine e ci fa perdere ogni tipo di ragionamento sul senso di ciò che facciamo e di ciò che accade nel mondo. Il periodo che stiamo attraversando ci mette a dura prova.
Esimi politici minacciano le libertà fondamentali dei cittadini, come padri di famiglia con adolescenti ribelli. Capi dello Stato rispondono come bambini offesi a domande critiche di giornalisti che fanno il loro lavoro. Enormi conflitti d’interesse inducono al sospetto anche il più solido anti-complottista. Saranno di più quelli che sceglieranno di pensare o quelli che preferiranno non farlo? Dipende da ognuno di noi» (Giuseppe Lorenzetti – Vita.it, 29 maggio 2020).

Coronavirus Lombardia, Galli a SkyTg24: “Virus non meno aggressivo”
Secondo il primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, l’aumento di casi è dovuto “in larghissima misura” ai “tamponi arretrati che molte persone hanno chiesto di avere e hanno finalmente avuto”.
“Dobbiamo vedere cosa succede entro l’8 giugno e forse anche nei giorni immediatamente successivi per sapere se qualcosa è davvero successo in termini di nuovi contagi dopo le riaperture del 18 maggio”. Lo ha detto ai microfoni di Sky TG24 Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano. “Quello che stiamo vedendo adesso – ha continuato Galli parlando dell’aumento di contagi registrato negli ultimi giorni – è in larghissima misura, direi per la quasi totalità, qualcosa che è avvenuto parecchio prima. Sono i tamponi arretrati che molte persone hanno chiesto di avere e hanno finalmente avuto, anche perché magari già manifestavano da un po’ di tempo sintomi abbastanza inequivocabili. Abbiamo avuto un problema di restrizione diagnostica che adesso mette abbastanza in confusione chi vede i dati prodotti della Lombardia, che vedono per forza un aumento dei casi segnalati. Che questo però sia effettivamente l’esplosione di nuovi focolai successivi alla riapertura francamente, per gli elementi che abbiamo in mano, non mi sento di poterlo affermare”, ha sottolineato il primario.
“Virus non meno aggressivo, ma è coda dell’epidemia”
“Il virus secondo me non è meno aggressivo – ha proseguito Galli -, ma quella che stiamo vedendo è la coda di un’epidemia che ha visto la parte centrale e peggiore dell’epidemia stessa essersi già espressa. Abbiamo una situazione della malattia meno potente non perché si sia indebolito il virus, ma perché si sono selezionati nel tempo i pazienti che stiamo vedendo. L’85% abbondante delle persone che hanno questa infezione ce l’hanno a casa loro con sintomi che vanno dal decisamente fastidioso all’assenza di sintomi. In una condizione di questo genere è difficile poter dire che quelli che non hanno avuto una malattia conclamata abbiano un virus attenuato e quelli che invece hanno avuto la malattia conclamata abbiano un virus cattivo. Probabilmente è molto diversa la risposta individuale di ognuno, legata all’età e a numerosi altri fattori individuali”, ha concluso il primario.

Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità alla Camera: i dati fanno prevedere una seconda ondata
«Per gli scenari che immaginiamo, in autunno, una patologia come il Sars-CoV-2, che è trasmessa da droplet, si può maggiormente diffondere e si può confondere con altre sintomatologie di tipo respiratorio» e «la famosa ipotesi della seconda ondata è collegata a questo, che, dal punto di vista tecnico scientifico è un dato obiettivo». Così il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, in audizione in Commissione Bilancio della Camera. «In autunno, si diffondono le infezioni respiratorie, meno ore di sole e attività all’aperto e più la circolazione aumenta».
«Il virus è ancora presente e i comportamenti dei singoli sono le misure più efficaci per ridurne la circolazione. Questo è importante perché il numero di persone entrate a contatto con il virus è limitato, anche se varia da regione a regione», ha detto anche Brusaferro. E le «molte persone non entrate in contatto, e dunque suscettibili al virus, sono un serbatoio per la sua diffusione».

Walter Ricciardi, Consulente del Ministero della salute: dati sul contagio “non attendibili”. “Occorre prudenza, il virus circolerà ancora” – 29 maggio 2020

Mo’ è per un’apertura totale però i calabresi fuori sede l’hanno dovuta supplicare per poter rientrare. Vogliamo vedere i calabresi che stanno a Milano, Bergamo, Brescia e zone limitrofe se ritornano?! L’ultima volta che la Santelli ha avuto le idee chiare ha detto che in Calabria, con 40̊ all’ombra, sarebbe stato impossibile non avere 37 di temperatura corporea. Come diceva Totò “ma mi faccia il piacere!”. Ah sì, adesso rivuole i turisti dal Nord. La coerenza, questa sconosciuta.

Coronavirus, Santelli: riaperture siano nazionali
“Mi auguro che la data sia il 3 giugno, ma penso che non si possa più fare un discorso di Regioni, ha detto a Timeline, su Sky TG24, il Governatore della Regione Calabria
Mi auguro che si stia andando “verso una riapertura nazionale, un’apertura complessiva del Paese, con una valutazione abbastanza importante da parte del Ministero della Salute e da parte delle Regioni di eventuali focolai. Mi auguro che la data sia il 3 giugno, ma penso che non si possa più fare un discorso di Regioni: bisogna capire se ci sono ancora dei focolai, zone particolarmente rischiose, e in quel caso fare una sorta di zona rossa e controllare le persone in uscita. Non penso si possa fare più un discorso di Regioni o di ambiti così vasti come può essere la Lombardia intera o il Piemonte”. Lo ha detto a Timeline, su Sky TG24, il Governatore della Regione Calabria Jole Santelli.
Siamo pronti ad accogliere i turisti del nord Italia “a braccia aperte”. Così a Timeline, su Sky TG24, il Governatore della Regione Calabria Jole Santelli, parlando dell’opportunità di accogliere turisti da tutte le Regioni italiane. Rispondendo alla domanda se l’invito fosse rivolto anche al sindaco di Milano Giuseppe Sala, che nei giorni scorsi ha avuto parole molto dure nei confronti delle Regioni intenzionate a richiedere una sorta di ‘passaporto sanitario’ per consentire l’accesso sui propri territori, Santelli ha risposto: “invito formalmente il sindaco Sala a passare un weekend in Calabria. Non so se ci sia mai stato ma sono certa che se verrà se ne innamorerà”.
“Dobbiamo imparare a convivere con questo virus – ha concluso -, la Calabria si attrezza e si è attrezzata ad ospitare, vi aspettiamo a braccia aperte sperando di poter offrire a tutti coloro i quali accetteranno di venire a casa nostra l’ospitalità maggiore per una serena vacanza”.

Lettera aperta del Vescovo di Pavia al Ministro dell’Istruzione: gli istituti paritari, la riapertura scuole in sicurezza, i precari – 29 maggio 2020

89.31.72.207