Numeri ufficiali Covid-19. Solinas ricorda a Sala i suoi aperitivi pubblici in piena epidemia e gli chiede di “usare la decenza del silenzio”

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 comunicati dal Dipartimento della Protezione Civile alle ore 18.00 di oggi 27 maggio 2020

In isolamento domiciliare: 42.732 (-1.772)
Ricoverati con sintomi: 7.729 (-188)
In terapia intensiva: 505 (-16)
Deceduti: 33.072 (+117)

Quando sento parlare certi virologi, ho l’impressione che sono dispiaciuti assai, che il trend dell’epidemia da coronavirus è in discesa. A loro piacerebbe tanto un virus eterno, per poter continuare ad apparire in ospitate televisive da ospiti fissi a cachet fisso per esternare le loro idiozie, invece di L A V O R A R E, occupandosi di ricerca seria. Quasi preferisco gli esperti che manovrano di nascosto nei comitati tecnici. Almeno non dobbiamo sopportare pure le loro facce da bronzo e le loro voci da arrampicate sugli specchi.

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 341 (-2)
Il valore è sceso al livello del 3 aprile 2020.

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
[A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno – Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831 (12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 760 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431 (19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.227) – 400
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406
64 – 24.04 – 420 (25.969) – 406
65 – 25.04 – 415 (26.384) – 406
66 – 26.04 – 260 (26.644) – 404
67 – 27.04 – 333 (26.977) – 403
68 – 28.04 – 282 (27.359) – 402
69 – 29.04 – 323 (27.682) – 401
70 – 30.04 – 285 (27.967) – 400
71 – 01.05 – 269 (28.236) – 398
72 – 02.05 – 474 (28.710) – 399
73 – 03.05 – 174 (28.884) – 396
74 – 04.05 – 195 (29.079) – 393
75 – 05.05 – 236 (29.315) – 391
76 – 06.05 – 369 (29.684) – 391
77 – 07.05 – 274 (29.958) – 389
78 – 08.05 – 243 (30.201) – 387
79 – 09.05 – 194 (30.395) – 385
80 – 10.05 – 165 (30.560) – 382
81 – 11.05 – 179 (30.739) – 379
82 – 12.05 – 172 (30.911) – 377
83 – 13.05 – 195 (31.106) – 375
84 – 14.05 – 262 (31.368) – 373
85 – 15.05 – 242 (31.610) – 372
86 – 16.05 – 153 (31.763) – 369
87 – 17.05 – 145 (31.908) – 367
88 – 18.05 – 99 (32.007) – 364
89 – 19.05 – 162 (32.169) – 361
90 – 20.05 – 161 (32.230) – 358
91 – 21.05 – 156 (32.486) – 357
92 – 22.05 – 130 (32.616) – 355
93 – 23.05 – 119 (32.735) – 352
94 – 24.05 – 50 (32.785) – 349
95 – 25.05 – 92 (32.877) – 346
96 – 26.05 – 78 (32.955) – 343
97 – 27.05 – 117 (33.072) – 341

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.
[?] Dati non forniti dal Dipartimento della Protezione Civile (invece, nei totali complessivi sono inclusi i dati dei decessi mancanti).

Regioni con la percentuale maggiore di deceduti per Covid-19

Lombardia: 54,0%
Emilia Romagna: 12,9%
Piemonte: 8,4%.
Veneto: 5,9%

Botta e risposta tra il primo cittadino del capoluogo lombardo e il governatore della Sardegna. La provocazione del primo cittadino del capoluogo campano

“Vedo che alcuni presidenti di Regione, ad esempio quello della Liguria, Giovanni Toti, dicono che accoglieranno a braccia aperte i milanesi”, ha dichiarato il sindaco di Milano Sala (quello che non vuole fare polemiche, adesso si fa andare in minacce di ritorsioni economiche, sperando che riservi lo stesso sdegno ai milanesi che non affittano ai meridionali) in un video, riferendosi a quelle Regioni che chiedono la patente di immunità. “Altri, non li cito, dicono ‘magari se fanno una patente di immunità’ è meglio. Qui parlo da cittadino prima ancora che da sindaco: quando deciderò dove andare per un weekend o una vacanza me ne ricorderò”. “Milano e la Lombardia saranno sempre terre di libertà e di accoglienza”.

“Sala, l’Italia è stata ferma tre mesi poiché condizionata principalmente da una sola regione, la cui scellerata gestione della sanità ha ignorato focolai e ne ha creati altri in RSA ed ospedali. Se adesso l’altra Italia vuole ripartire completamente, ne ha tutto il diritto” (Cit.).

Il Governatore della Sardegna, sulla questione del passaporto sanitario e commentando l’odierno video sui social del sindaco del capoluogo lombardo, ha affermato: “Sala in materia di coronavirus dovrebbe usare la decenza del silenzio, dopo i suoi famigerati aperitivi pubblici in piena epidemia”. Ha poi precisato: “Nessuno ha chiesto improbabili patenti di immunità, ma un semplice certificato di negatività”.

“Sala, a parte di avere la decenza di stare zitto, dovrebbe solo avere la decenza di dimettersi, invece continua a parlare a vanvera. Patente immunità? È per la sicurezza di tutti! Ci vuole molto per capire che la Sardegna (una a caso) non è attrezzata per far fronte ad emergenze sanitarie eccezionali? Se la situazione andasse fuori controllo sarebbero dolori per tutti. Proteggiamo l’Italia non le Regioni! Scusi Sindaco Beppe Sala, lei non farebbe la stessa cosa per tutelare la salute dei cittadini milanesi e lombardi, se i numeri fossero inversi?” (Cit.).

Solinas: “Con test un cittadino di Milano può godersi vacanze in Sardegna”
Solinas, a proposito del test, ha spiegato: “La Sardegna lo ha fatto proprio per poter accogliere al meglio e in sicurezza tutti i cittadini, anche e soprattutto quelli che sarebbero fortemente penalizzati se il Governo andasse avanti nell’ipotesi di bloccare la mobilità dei residenti in regioni considerate a rischio superiore verso quelle a basso rischio. Con la mia proposta anche un cittadino di Milano potrebbe godersi da subito le vacanze in Sardegna facendo un semplice test che ne certifichi la negatività al virus al momento della partenza”. Questa di Sala – attacca il governatore sardo – “è l’ennesima strumentalizzazione infelice per cercare una ribalta mediatica che, per altri versi, su questo tema già gli appartiene e che difficilmente dimenticheremo”.

Sala: “Non andrei in vacanza dove si chiede test di negatività”
Il sindaco di Milano, con un post su Facebook, ha risposto così: “Illustre Presidente Solinas, rispondo con educazione a quanto da lei affermato. Ho parlato a titolo personale, ma non tiro proprio indietro la mano: io non andrei in vacanza laddove fosse richiesto un test di negatività al virus”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha replicato con un post su Facebook al governatore della Sardegna, Christian Solinas, che gli ha suggerito di “usare la decenza del silenzio”.

“Sbagliato discriminare gli italiani per Regioni di appartenenza”
Sala ha chiosato: “A parte il fatto che non è così semplice disporre di questi test, penso sia sbagliato discriminare gli italiani per Regioni di appartenenza. Milano e la Lombardia saranno sempre terre di libertà e di accoglienza. Ci aspettiamo lo stesso dal resto del Paese”.

De Magistris: “No a spostamenti da Lombardia e Piemonte”
“Se dovessi decidere adesso, a mio avviso, non ci sono le condizioni per consentire liberamente uno spostamento dalla Lombardia e dal Piemonte verso le altre regioni”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Mattina 9, in vista della scadenza del 3 giugno, data della possibile ripresa della mobilità fra regioni diverse. “A meno che – ha continuato il primo cittadino – non si garantisca la previa acquisizione del tampone negativo, che sarebbe la soluzione ottimale perché pure non consentire alle persone di viaggiare dopo tanto tempo è una limitazione forte”. ”Da come mi pare di capire – ha aggiunto – le Regioni non sono ancora in grado di effettuare i tamponi preventivi e quindi io aprirei subito (lo si potrebbe già fare domani ma va bene il 3 giugno) alla mobilità per quasi tutto il Paese e soprattutto per il Centro-Sud e prenderei ancora un po’ di cautela soprattutto per quanto riguarda la Lombardia ma credo anche per il Piemonte”.

Unica soluzione per permettere la libera circolazione tra le regioni: un “passaporto sanitario” come “certificato di negatività al Sars-CoV-2”

Certamente è sbagliato discriminare in base alla zona di provenienza, ma va valutato lo stato di salute di ogni cittadino. Però, in un Paese che non rispetta le regole e dove più importante è il buon senso, che non il rispetto della legge, ricordiamo che in tempo di quarantena c’erano in giro molti positivi a zonzo, che se ne fregavano della sicurezza degli altri e che sono stati fermati, è un dato accertato.
Un “passaporto sanitario” inteso come “certificato di negatività al Sars-CoV-2” sarebbe un lasciapassare per le persone sane, ma fermerebbe tutti i positivi in quarantena obbligatoria. Quindi, i positivi non potrebbero fare più il porco comodo loro.
Chi non vuole il “passaporto sanitario” ha i suoi motivi di deficienza, nel senso che non ha contezza dell’utilità che un “certificato di negatività al Sars-CoV-2” avrebbe in termini di sicurezza nei viaggi e spostamenti estivi, innanzitutto per le persone sane. Loro, la quarantena se la sono fatta per due mesi e ora hanno il diritto di vivere.
La provocazione di de Magistris non è lontana dalla realtà. Proviamo a pensare se da Milano, Torino e Bologna avessero detto ai Napoletani di restare a Napoli, ai Baresi a Bari, ai Reggini a Reggio Calabria, ai Palermitani a Palermo, ecc.: in quanti al Nord si sarebbero scandalizzati? E in quanto invece avrebbero legittimato tale richiesta del Nord contro il Sud? Ma quando il Sud va valere le sue ragioni, “dati alla mano”, il Nord se ne sbatte delle regole. Il dato della Lombardia parla chiaro. Quindi, che si fa dal 3 giugno? Servono regole rigide, altrimenti il coronavirus in estate si propagherà e si preparerà per la seconda ondata autunnale, che farà molte più vittime della prima.
Perciò, non vediamo altre soluzioni, che il “passaporto sanitario” per dare un “certificato di negatività al Sars-CoV-2”. Altrimenti, senza vaccino efficace, senza cura certa e senza regole rigide, avremo il caos. E pagheremo tutti noi. Soprattutto coloro che non sono stati #stronziazonzo e hanno rispettato (e continuano a rispettare) le regole sanitarie, saranno pure cornuti e mazziati. No grazie.

Gli anziani canadesi abbandonati nelle case di riposo

Ad aprile il governo canadese ha chiesto all’esercito di monitorare la situazione nelle residenze per anziani colpite dal Covid-19 in Ontario e nel Québec, con l’obiettivo di limitare la diffusione del virus. Adesso è stato reso noto il rapporto compilato dai vertici militari, che il Primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito “molto allarmante”. I soldati, spiega il Guardian, hanno trovato luoghi completamente abbandonati, dove i residenti erano denutriti, il cibo era andato a male ed era stato mangiato dagli insetti, e non si rispettavano le misure protettive basilari. In una struttura i residenti non venivano lavati da settimane. In un’altra gli operatori trattavano male gli anziani. In molte i dipendenti non avevano le competenze per gestire la situazione ed evitare la diffusione del virus.
In Canada, come in molti altri paesi, il Covid-19 ha colpito duramente le persone che vivevano in queste strutture. Solo in cinque residenze visitate dall’esercito in Ontario ci sarebbero stati almeno 225 morti. Nel paese molte strutture sono gestite dai privati. Il Governatore dell’Ontario ha annunciato che chiederà l’apertura di un’inchiesta.

In Belgio.
Questo è incredibile. Nessuna possibilità di indagine parlamentare senza “atmosfera da capro espiatorio”? Bene, allora la palla spetta alla procura e ai giudici investigativi. L’hanno voluto loro stessi.
La maggioranza fiamminga non vuole una commissione d’inchiesta sui centri di assistenza residenziale: “Non è lo strumento ideale. L’atmosfera da capro espiatorio non è il momento”, dice il leader del gruppo openvld @wfschiltz. #VillaPolitica

Tutto il mondo è paese.

Le misure drastiche sono di nuovo buone. Domani chissà…

Foto di copertina: Josephine Alessio su Instagram, 25 maggio 2020: “I risultati di ciò che facciamo oggi, li vedremo tra 10/15 giorni. Speriamo bene…”