Numeri ufficiali Covid-19. La discesa del trend in calo resta molta lenta. Terminare lockdown della scienza: grave errore non eseguire autopsie

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 comunicati dal Dipartimento della Protezione Civile alle ore 18.00 di oggi 22 maggio 2020

In isolamento domiciliare: 49.770 (-1.281)
Ricoverati con sintomi: 8.957 (-312)
In terapia intensiva: 595 (-45)
Deceduti: 32.616 (+130)

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 355 (-2)

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
[A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno – Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831 (12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 760 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431 (19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.227) – 400
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406
64 – 24.04 – 420 (25.969) – 406
65 – 25.04 – 415 (26.384) – 406
66 – 26.04 – 260 (26.644) – 404
67 – 27.04 – 333 (26.977) – 403
68 – 28.04 – 282 (27.359) – 402
69 – 29.04 – 323 (27.682) – 401
70 – 30.04 – 285 (27.967) – 400
71 – 01.05 – 269 (28.236) – 398
72 – 02.05 – 474 (28.710) – 399
73 – 03.05 – 174 (28.884) – 396
74 – 04.05 – 195 (29.079) – 393
75 – 05.05 – 236 (29.315) – 391
76 – 06.05 – 369 (29.684) – 391
77 – 07.05 – 274 (29.958) – 389
78 – 08.05 – 243 (30.201) – 387
79 – 09.05 – 194 (30.395) – 385
80 – 10.05 – 165 (30.560) – 382
81 – 11.05 – 179 (30.739) – 379
82 – 12.05 – 172 (30.911) – 377
83 – 13.05 – 195 (31.106) – 375
84 – 14.05 – 262 (31.368) – 373
85 – 15.05 – 242 (31.610) – 372
86 – 16.05 – 153 (31.763) – 369
87 – 17.05 – 145 (31.908) – 367
88 – 18.05 – 99 (32.007) – 364
89 – 19.05 – 162 (32.169) – 361
90 – 20.05 – 161 (32.230) – 358
91 – 21.05 – 156 (32.486) – 357
92 – 22.05 – 130 (32.616) – 355

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.
[?] Dati non forniti dal Dipartimento della Protezione Civile (invece, nei totali complessivi sono inclusi i dati dei decessi mancanti).

Abbiamo sempre puntato la nostra lente su dati (che sono persone) diversi da quelli trattati da altri. Dopo 92 giorni dal primo decesso italiano, abbiamo conferme che sono prove inequivocabili sui quali la magistratura avrà molto da lavorare. Il dato più importante è il dato dei decessi ma soprattutto la “media” dei decessi di tutto il periodo che secondo il nostro “sistema tutor” è un dato ancora alto (oggi al livello tra il 5 e il 6 aprile 2020). Non bisogna abbassare la guardia, poiché la discesa del trend in calo è molto lenta. Il dato dei ricoveri in terapia intensiva è sempre stato importante e da noi monitorato costantemente. Ma il dato mai giunto, quello fondamentale, è l’esito delle autopsie per determinare la causa dei decessi da e per Covid-19. Ma incredibilmente il Governo non permette autopsie.
Sono tutti dati che vanno sempre incrociati con i dati Istat sui decessi degli anni precedenti e confermati da Istituto Superiore della Sanità, che per il momento resta incredibilmente in silenzio e non si pronuncia in merito ai numeri effettivi dei decessi italiani causati da questa pandemia mondiale.

Ponte San Pietro Bergamo. Camera Mortuaria dell’Ospedale di Ponte San Pietro in Provincia di Bergamo la zona in Italia dove si sono registrati il maggiore numero di contagi da COVID-19 Coronavirus Nella foto la palestra dell’ospedale è stata adibita a Camera Mortuaria in assenza di posti (Foto di Carlo Cozzoli/Fotogramma, Ponte San Pietro Bergamo – 18.03.2020).

Coronavirus, denuncia dei medici: “Grave errore non fare autopsie”
La protesta: “Strumento fondamentale per individuare le terapie migliori, è giunto il momento di gridare contro questo terribile lockdown della scienza”
Zoom24.it, 22 maggio 2020

Un “lockdown della scienza” in Italia. È questa la conclusione a cui arrivano i medici delle università di Catania, Foggia e Catanzaro riguardo la mancanza di autopsie eseguite sui decessi Covid 19. È stato infatti pubblicato sul “Journal of clinical medicine” un articolo sull’ “opportunità mancata”, definita così in quanto – come si legge nello studio – “su 9.709 articoli scientifici redatti, soltanto sette hanno riportato indagini istologiche” e “sono state descritte solo due autopsie complete e la causa della morte è stata elencata come Covid-19 in una sola di esse”.
Autopsia fondamentale per individuare le terapie. “La morte per Covid 19, o con Covid 19, – sostiene Cristoforo Pomara, dell’università etnea, che ha coordinato il lavoro dei medici Monica Salerno, Francesco Sessa, Amalia Piscopo, Angelo Montana, Marco Torrisi, Federico Patanè, Paolo Murabito e Giovanni Li Volti – è ancora un’incognita legata a quadri variabili. In tale contesto l’autopsia è una ‘fotografia’ di quanto accaduto nell’organismo umano e di quali siano state le effettive cause del decesso, ed è proprio l’autopsia, partendo dall’accertamento delle cause, a fornire elementi per poter poi definire quali siano le terapie migliori in caso di malattia”.
Mancata definizione della causa esatta della morte. I medici sottolineano inoltre che “la mancanza di indagini post mortem non ha permesso una definizione della causa esatta del decesso, utile per determinare i percorsi di questa infezione. Sulla base dei pochi reperti istopatologici riportati negli studi analizzati, nei pazienti affetti da Covid-19 sembra esserci una chiara alterazione del sistema della coagulazione: un aumento dell’attività protrombotica con conseguente tromboembolia è stata descritta in una grande percentuale di questi. Come comunità scientifica, siamo chiamati ad affrontare questa emergenza globale che rappresenta una seria minaccia e tutti gli strumenti disponibili devono essere messi in campo per combatterla”.
Lockdown della scienza. “Questa lezione ereditata dai pioneri della medicina – si legge in conclusione – non dovrebbe mai essere dimenticata. È giunto il momento di gridare contro questo terribile lockdown della scienza: autopsia, autopsia, autopsia!”.

89.31.72.207