Funzionari della Santa Sede movimentavano capitali, si intestavano proprietà e assumevano cariche societarie, certamente non all’insaputa dei superiori

Esecutori: funzionari a cui è demandata l’attuazione di quanto sussiste come preordinato o preveduto dai superiori.

Prestanome: funzionari che hanno accettato di essere nominati amministratori per conto dei superiori che vogliono mettersi in affari e hanno deciso di costituire una società e di partecipare ad un holding, di cui però non possono – per ragioni di opportunità – né essere socio né tantomeno amministratori. Quindi, dei funzionari vengono così chiesto di fargli da prestanome. Assumono il timone della società o del holding solo formalmente, mentre sono di fatto i superiori a dirigerli, a prendere le decisioni, a lavorare. Ai prestanome spetta solo il compito di firmare i contratti e andare qualche volta in banca o dal notaio.

Ieri, 11 maggio 2020 su CNA-Catholic News Agency – l’agenzia stampa di proprietà del gruppo mediatico cattolico americano EWTN – è stato pubblicato un articolo a firma di Ed Condon (“Un funzionario del Vaticano era direttore della compagnia di broker di proprietà londinese”), di cui facciamo seguire il testo integrale in inglese, preceduto da una nostra traduzione italiano di lavoro. Dal articolo si apprende, che mentre la Segreteria di Stato della Santa Sede concludeva l’acquisto del condominio di lusso al numero 60 di Sloane Square a Londra, il funzionario laico della Segreteria di Stato Dott. Fabrizio Tirabassi, che supervisionava gli investimenti, fu nominato direttore di una società di proprietà del finanziere, che ha negoziato l’affare immobiliare. Si tratta di uno dei cinque funzionari della Santa Sede sospesi nell’ottobre 2019, a seguito di una perquisizione nella Segreteria di Stato, condotto per disposizione della Magistratura vaticana dal Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano, durante la quale furono sequestrato computer e documenti relativi a transazioni finanziarie del dipartimento. Da allora – ricorda Ed Condon – Tirabassi non è tornato al lavoro, e non è chiaro se rimanga impiegato. Un annuncio del 30 aprile della Sala Stampa della Santa Sede ha confermato che erano state prese “provvedimenti individuali” nei confronti di alcuni dipendenti in relazione alle indagini in corso, ma non specificava cosa potesse significare.
Su questo “Blog dell’Editore” abbiamo sempre anticipato questo tipo di notizie e le abbiamo confermate nel nostro ultimo pezzo a riguardo, dove abbiamo trattato addirittura tre temi insieme [Vaticano, Covid-19 e investimenti immobiliari. La comunicazione della Santa Sede incompleta, assurda e paradossale – 8 maggio 2020].

Lo scandalo finanziario di 60 Sloane Square a Londra rappresenta soltanto la punta di un iceberg di operazioni economiche fatte sempre nello stesso modo opaco, ad opera della Segreteria di Stato e soprattutto messe in piedi senza alcun controllo. La Segreteria di Stato non vuole controlli in uno Stato assoluto monarchico. Però, questo Stato ha chiesto di essere inserito nei circuiti internazionali economici e, quindi, lo Stato della Città del Vaticano deve rispettare le leggi e le regole internazionali; leggi e regole economiche mai rispettate, né dall’APSA-Amministrazione del Patrimonio della Santa Sede Sede, né dalla Segreteria di Stato.
Ma questo è il momento della verità, perché tutto ciò conferma che dei funzionari, dipendenti della Santa Sede su ordini dei superiori movimentavano capitali provenienti dai conti della Cassaforte riservata e segreta della Segreteria di Stato, al cui interno sono nascosti come matrioske e scatole cinesi altri conti, come i fondi provenienti dall’Obolo di San Pietro e dal FAS-Fondo di Assistenza Sanitaria dello Stato della Città del Vaticano, usati secondo noi per acquistare 60 Sloane Square e chissà cosa altro.
La Dott.ssa Caterina Sansone, che si intesta l’immobile e che firma tutti i documenti annessi, certamente non lo fa di sua iniziativa. Il Dott. Fabrizio Tirabassi, che assuma la Presidenza della holding collegata all’acquisto dell’immobile, certamente non lo fa all’insaputa dei superiori. La Sansone e il Tirabassi sono soltanto esecutori e prestanome, perché certamente dei palazzi non si possono intestare al Sovrano dello Stato della Città del Vaticano (il Papa) o al Segretario di Stato di Sua Santità…
Noi diciamo che tutto va come deve andare. Questi processi andranno avanti aldilà dei (per ora presunti) licenziamenti, come pare adoperati dall’uomo che veste bianco (e attendiamo ancora un’informazione chiara ed esaustiva da parte della comunicazione istituzionale della Santa Sede al riguardo).
La giustizia penale è il luogo deputato a fare chiarezza sullo scandalo finanziario e da tale procedimento ne nasceranno altri processi. Altri processi che saranno sicuramente a carattere internazionale, come questo, che sta già assumendo importanza internazionale.

Un funzionario del Vaticano era direttore della compagnia di broker di proprietà londinese
di Ed Condon
Washington, DC Newsroom, 11 maggio 2020/18:05 MT (CNA).-
Mentre la Segreteria di Stato della Santa Sede concludeva l’acquisto di un condominio di lusso a Londra, un funzionario laico della Segreteria che supervisionava gli investimenti è stato nominato direttore di una società di proprietà del finanziere che ha negoziato l’affare immobiliare.
Fonti vaticane affermano alla CNA che la nomina è ora sotto inchiesta, poiché i pubblici ministeri vaticani continuano a esaminare transazioni finanziarie e investimenti sospetti presso la Segreteria di Stato della Santa Sede.
Il funzionario, Fabrizio Tirabassi, è uno dei cinque impiegati della Santa Sede sospesi nell’ottobre 2019, a seguito di una perquisizione condotta dai gendarmi vaticani, che hanno sequestrato computer e documenti relativi a transazioni finanziarie del dipartimento.
Da allora Tirabassi non è tornato al lavoro, e non è chiaro se rimanga impiegato. Un annuncio del 30 aprile della Sala Stampa della Santa Sede ha confermato che erano state prese “provvedimenti individuali” nei confronti di alcuni dipendenti in relazione alle indagini in corso, ma non specificava cosa potesse significare.
Al centro degli investimenti e delle transazioni finanziarie sotto esame presso la Segreteria di Stato c’è l’acquisto di un edificio in numero 60 di Sloane Avenue a Londra, che è stato acquistato in più fasi, tra il 2014-2018 dall’imprenditore italiano Raffaele Mincione, che all’epoca gestiva centinaia di milioni di euro di fondi della Segreteria di Stato.
Quando ha venduto alla Segreteria di Stato 30.000 di 31.000 azioni del progetto, la holding di Minicone ha mantenuto le 1.000 azioni di voto necessarie per controllare la holding che possedeva l’edificio. Alla fine Mincione si offrì di separarsi da quelli, a prezzi molto gonfiati.
Per completare la vendita, nel 2018 la Segreteria di Stato ha chiesto l’aiuto di un altro uomo d’affari, Gianluigi Torzi, che ha agito da intermediario per l’acquisto delle restanti azioni. Torzi ha guadagnato 10 milioni di euro per il suo ruolo nell’accordo.
Secondo i documenti aziendali, a novembre 2018 Tirabassi, che era responsabile della gestione degli investimenti finanziari per la Segreteria di Stato, è stato nominato amministratore di Gutt SA, una società di proprietà di Torzi e registrata in Lussemburgo.
Il deposito di Gutt SA presso il Registre de Commerce et des Sociétés lussemburghese mostra che Tirabassi è stato nominato amministratore il 23 novembre 2018 e rimosso con una disposizione inviata il 27 dicembre. Al momento della sua nomina a direttore, l’indirizzo di Tirabassis era indicato come Segreteria di Stato nella Città del Vaticano.
La CNA ha chiesto al Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, se fosse a conoscenza della nomina e se ritenesse opportuno che un funzionario della Segreteria di Stato accettasse tale posizione. La CNA ha anche chiesto se i funzionari della Segreteria di Stato sono generalmente autorizzati ad accettare tali posizioni.
Il Cardinale Parolin non ha risposto al momento della pubblicazione.
Gianluigi Torzi ha anche collegamenti con l’architetto italo-britannico, Luciano Capaldo, che nel 2019 è stato nominato direttore della London 60 SA Ltd., una holding britannica di proprietà della Segretaria di Stato, che controlla la proprietà al numero 60 di Sloane Avenue a Londra.
Capaldo ha precedentemente ricoperto la carica di consigliere di amministrazione di diverse società in cui Torzi ha anche ricoperto il ruolo di amministratore o in cui Torzi e le sue società hanno avuto interessi finanziari: Sunset Credit Yield Ltd., Virtualbricks Ltd., Odikon Services Plc. Almeno uno di questi, Odikon Services, è stato oggetto di una causa per frode nel Regno Unito e attualmente sospeso dall’autorità di attività finanziarie del Regno Unito.
Dopo che diversi altri consiglieri sono stati nominati e rimossi dalla Segreteria di Stato nel 2019, Capaldo è ora l’unico amministratore di London 60 SA, lasciandolo effettivamente in controllo del investimento del Vaticano.
Secondo fonti vicine alla Prefettura per l’Economia, Tirabassi è stato coinvolto nella gestione di diverse transazioni finanziarie presso la Segreteria di Stato che sono ora all’esame degli investigatori finanziari in Vaticano.
“Quando guardi i registri, vedi grandi somme in arrivo, che si muovono molto rapidamente attraverso diversi conti e fondi, attraversano diverse giurisdizioni e ritornano di nuovo in Vaticano in quantità ridotte – a volte tutto in un giorno”, un ex ufficiale Vaticano ha detto a CNA.
“Se insisti su da dove proviene il denaro, dove è andato e perché, e dove il denaro si sta perdendo, non vi è alcuna risposta chiara”, ha detto una fonte autorevole a CNA. “L’unica cosa coerente che puoi identificare è la resistenza in Segreteria di Stato a spiegare qualcosa.”
La perquisizione di ottobre ha portato anche alla sospensione di Mons. Mauro Carlino, che è stato a capo dell’Ufficio Informazioni e Documentazione nella Prima Sezione della Segreteria di Stato, che sovrintende alla Chiesa e al governo curiale per conto del Papa. In precedenza, Carlino era segretario particolare del Cardinale Angelo Becciu, che è stato Sostituto della Segreteria di Stato tra il 2011 e giugno 2018, fungendo in effetto come primo ministro dello Stato della Città del Vaticano.
Il 4 novembre, la CNA ha riferito che nel 2015 il Cardinale Becciu sembra aver tentato di oscurare $ 200 milioni di prestiti nei bilanci vaticani, annullandoli contro il valore della proprietà acquistata a Londra, una manovra contabile vietata dalle politiche finanziarie approvate da Papa Francesco nel 2014.
I prestiti sono stati in parte estesi da BSI, una banca svizzera con una lunga tradizione di violazioni del riciclaggio di denaro e delle garanzie di frode nei suoi rapporti con fondi sovrani.
Nel 2016, BSI è stata oggetto di un rapporto negativo da parte della FINMA, l’autorità di regolamentazione finanziaria svizzera, che concludeva che la banca stava “violando gravemente i requisiti legali di dovuta diligenza in relazione al riciclaggio di denaro e gravi violazioni dei principi di un’adeguata gestione del rischio e organizzazione appropriata”.
Tra le violazioni identificate dalla FINMA vi erano regolari transazioni “pass-through” in cui i fondi venivano rapidamente trasferiti tra i conti prima di essere rispediti fuori dalla banca.
L’apparente tentativo di oscurare i prestiti è stato rilevato dalla Segreteria per l’Economia, allora guidata dal Cardinale George Pell. Gli alti funzionari della Segreteria per l’Economia hanno dichiarato alla CNA nel 2019, che quando Pell ha iniziato a chiedere i dettagli dei prestiti, in particolare quelli che coinvolgono BSI, Becciu ha chiamato il Cardinale in Segreteria di Stato per un “rimprovero”.
Pare che Becciu abbia detto a Pell che il Cardinale stava “interferendo negli affari sovrani”, esaminando i rapporti della Segreteria di Stato con BSI.
Nel febbraio 2020, un secondo ex alto funzionario della Segreteria di Stato è stato sospeso a seguito di incursioni nella sua casa e nel suo ufficio da parte di investigatori vaticani.
Mons. Alberto Perlasca ha prestato servizio sotto Becciu per quasi un decennio come capo dell’Ufficio amministrativo della Prima Sezione della Segreteria di Stato, fino a luglio 2019, quando è stato trasferito al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, il supremo tribunale di diritto canonico della Santa Sede. Perlasca ha lavorato come procuratore nel tribunale, fino a quando il suo ufficio e la sua casa sono stati perquisiti a febbraio.
In una dichiarazione del luglio 2019, la Santa Sede ha confermato che la perquisizione era stato ordinato dai pubblici ministeri della Città del Vaticano nell’ambito di un’indagine in corso sulla cattiva condotta finanziaria da parte di funzionari della Segreteria di Stato e seguiva l'”interrogatorio” di impiegati precedentemente sospesi, tra cui Carlino.
Un canonista che ha lavorato con la Segnatura ha confermato alla CNA la scorsa settimana, che l’ufficio di Perlasca è stato chiuso e il suo carico di lavoro riassegnato.
Mentre la Santa Sede non ha commentato sulle persone sospese dalle loro posizioni durante le indagini finanziarie, oltre la dichiarazione del 30 aprile, fonti vicine alla Segreteria di Stato hanno detto alla CNA la scorsa settimana che sia Carlino che Perlasca sono stati licenziati dal servizio curiale.

Vatican official was director in London property broker’s company
by Ed Condon
Washington, D.C. Newsroom, May 11, 2020 / 06:05 pm MT (CNA).-
As the Vatican’s Secretariat of State finalized its purchase of a London luxury apartment building, a lay secretariat official who oversaw investments was appointed a director of a company owned by the financier who brokered the property deal.
Vatican sources tell CNA that appointment is now under investigation, as Vatican prosecutors continue their look into suspicious financial transactions and investments at the Vatican Secretariat of State.
The official, Fabrizio Tirabassi, is one of five Vatican employees suspended in October 2019, following a raid conducted by Vatican gendarmes, who seized computers and documents related to financial dealings at the department.
Tirabassi has not since returned to work, and it is unclear whether he remains employed. An April 30 announcement from the Holy See press office confirmed that “individual measures” had been taken against some employees in relation to the ongoing investigations, but did not specify what that might mean.
At the center of investments and financial transactions under scrutiny at the secretariat is the purchase of a building at 60 Sloane Avenue in London, which was bought in stages, between 2014-2018 from Italian businessman Raffaele Mincione, who at the time was managing hundreds of millions of euros of secretariat funds.
When it sold to the secretariat 30,000 of 31,000 shares in the project, Minicone’s holding company retained the 1,000 voting shares needed to control the holding company which owned the building. Mincione eventually offered to part with those, at greatly inflated prices.
To complete the sale, in 2018 the Secretariat of State enlisted the help of another businessman, Gianluigi Torzi, who acted as a commission-earning middleman for the purchase of the remaining shares. Torzi earned 10 million euros for his role in the deal.
According to corporate filings, in November 2018 Tirabassi, who was responsible for managing financial investments for the secretariat, was appointed a director of Gutt SA, a company owned by Torzi and registered in Luxembourg.
Filings for Gutt SA with the Luxembourg Registre de Commerce et des Sociétés show that Tirabassi was appointed a director on 23 November, 2018 and removed by a filing sent on December 27. At the time of his appointment as director, Tirabassis’s address was listed as the Secretariat of State in Vatican City.
CNA asked Secretary of State Cardinal Pietro Parolin if he was aware of the appointment, and whether he considered it appropriate for an official at the secretariat to accept such a position. CNA also asked if officials at the secretariat are generally permitted to accept such positions.
Cardinal Parolin did not respond by time of publication.
Gianluigi Torzi also has connections to the British-Italian architect, Luciano Capaldo, who in 2019 was named a director of London 60 SA Ltd., a U.K. registered holding company owned by the Secretariat of State, which controls the property at 60 Sloane Avenue in London.
Capaldo has previously served as a director of several companies at which Torzi has also served as a director, or in which Torzi and his companies have had financial interest: Sunset Credit Yield Ltd., Virtualbricks Ltd., Odikon Services Plc. At least one of these, Odikon Services, has been the subject of a lawsuit for fraud in the U.K., and currently suspended by the UK’s Financial Conduct Authority.
After several other directors were appointed and removed by the secretariat in 2019, Capaldo is now the sole director at London 60 SA, leaving him effectively in control of the Vatican’s investment.
According to sources close to the Prefecture for the Economy, Tirabassi has been involved in managing several financial transactions at the secretariat which are now being examined by financial investigators at the Vatican.
“When you look at the ledgers, you see large sums coming in, moving around very quickly through different accounts and funds, crossing through different jurisdictions, and returning to the Vatican again in reduced amounts – sometimes all within a day,” a former Vatican official told CNA.
“If pressed on where the money is coming from, where it went and why, and where money is leaking out, there is no clear answer at all,” a senior source told CNA. “About the only consistent thing you can identify is the resistance in the secretariat to explaining anything.”
The October raid also led to the suspension of Msgr. Mauro Carlino, who served as the head of the Information and Documentation Office in the Secretariat’s First Section, which oversees Church and curial governance on behalf of the pope. Prior to that, Carlino was personal secretary to Cardinal Angelo Becciu, who was sustituto of the Secretariat of State between 2011 and June 2018, functioning as the Vatican City’s effective prime minister.
On Nov. 4, CNA reported that in 2015 Cardinal Becciu seems to have attempted to obscure $200 million loans on Vatican balance sheets by cancelling them out against the value of the property purchased in London, an accounting maneuver prohibited by financial policies approved by Pope Francis in 2014.
The loans were extended in part by BSI, a Swiss bank with a long track record of violating money-laundering and fraud safeguards in its dealings with sovereign wealth funds.
In 2016, BSI was the subject of a damning report by FINMA, the Swiss financial regulator, which concluded that the bank was in “serious breaches of the statutory due diligence requirements in relation to money laundering and serious violations of the principles of adequate risk management and appropriate organization.”
Among the breaches identified by FINMA were regular “pass-through” transactions in which funds were rapidly transferred between accounts before being sent back out of the bank.
The apparent attempt to obscure the loans was detected by the Prefecture for the Economy, then led by Cardinal George Pell. Senior officials at the Prefecture for the Economy told CNA in 2019 that when Pell began to demand details of the loans, especially those involving BSI, Becciu called the cardinal to the Secretariat of State for a “reprimand.”
Becciu reportedly told Pell the cardinal was “interfering in sovereign business” by looking into the secretariat’s dealings with BSI.
In February, 2020, a second former senior official at the Secretariat of State was suspended following raids on his home and office by Vatican investigators.
Msgr. Alberto Perlasca served under Becciu for nearly a decade as head of the administrative office of the secretariat’s First Section until July 2019, when he was transferred to the Supreme Tribunal of the Apostolic Signatura, the Holy See’s supreme court. Perlasca worked as a prosecutor at the court, until his office and home were raided in February.
In a July 2019 statement, the Holy See confirmed that the raid had been ordered by Vatican City prosecutors as part of an ongoing investigation into financial misconduct by officials at the Secretariat of State and followed the “interrogation” of previously suspended staff members, including Carlino.
One canonist working with the Signatura confirmed to CNA last week that Perlasca’s office has been cleared out and his caseload reassigned.
While the Holy See has not commented on the individuals removed from their positions during financial investigations beyond the April 30 statement, sources close to the secretariat told CNA last week both Carlino and Perlasca have been dismissed from curial service.

89.31.72.207