I numeri ufficiali Covid-19 (che sono persone) alle ore 18.00 di oggi – “R con zero” tra 0,5 e 0,7 – Media giornaliera decessi 406 (+1)

Dati Covid-19 comunicati dal Dipartimento della Protezione Civile alle ore 18.00 del 23 aprile 2020

In isolamento domiciliare: 81.710 (+83)
Ricoverati con sintomi: 22.871 (-934)
In terapia intensiva: 2.267 (-117)
Deceduti: 25.549 (+464)

Verifica del “trend” dell’epidemia (calcolato dallo Staff del “Blog dell’Editore” con il sistema “tutor”)

Media giornaliera dei decessi (dal 21 febbraio al 23 aprile 2020): 406 (+1)

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi
[A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]
Numero giorno -Data – Decessi del giorno [*] (Totale decessi) – Media giornaliera dei decessi (arrotondata)

1 – 21.02 – 1 (1) – 1
2 – 22.02 – 1 (2) – 1
3 – 23.02 – 1 (3) – 1
4 – 24.02 – 3 (6) – 1
5 – 25.02 – 1 (7) – 1
6 – 26.02 – 5 (12) – 2
7 – 27.02 – ? (?) – ?
8 – 28.02 – ? (21) – 3
9 – 29.02 – 8 (29) – 3
10 – 01.03 – 5 (34) – 3
11 – 02.03 – ? (?) – ?
12 – 03.03 – ? (79) – 7
13 – 04.03 – 28 (107) – 8
14 – 05.03 – 41 (148) – 11
15 – 06.03 – 49 (197) – 13
16 – 07.03 – 36 (233) – 15
17 – 08.03 – 133 (366) – 22
18 – 09.03 – 97 (463) – 26
19 – 10.03 – 168 (631) – 33
20 – 11.03 – 196 (827) – 41
21 – 12.03 – 189 (1.016) – 48
22 – 13.03 – 250 (1.266) – 58
23 – 14.03 – 175 (1.441) – 63
24 – 15.03 – 368 (1.809) – 75
25 – 16.03 – 349 (2.158) – 86
26 – 17.03 – 345 (2.503) – 96
27 – 18.03 – 475 (2.978) – 110
28 – 19.03 – 427 (3.405) – 122
29 – 20.03 – 627 (4.032) – 139
30 – 21.03 – 793 (4.825) – 161
31 – 22.03 – 650 (5.475) – 177
32 – 23.03 – 602 (6.077) – 189
33 – 24.03 – 743 (6.820) – 207
34 – 25.03 – 683 (7.503) – 221
35 – 26.03 – 662 (8.165) – 233
36 – 27.03 – 969 (9.134) – 254
37 – 28.03 – 889 (10.023) – 271
38 – 29.03 – 756 (10.779) – 284
39 – 30.03 – 818 (11.597) – 297
40 – 31.03 – 831(12.428) – 311
41 – 01.04 – 727 (13.155) – 321
42 – 02.04 – 800 (13.915) – 331
43 – 03.04 – 766 (14.681) – 341
44 – 04.04 – 681 (15.362) – 349
45 – 05.04 – 525 (15.887) – 353
46 – 06.04 – 636 (16.523) – 359
47 – 07.04 – 604 (17.127) – 364
48 – 08.04 – 542 (17.669) – 368
49 – 09.04 – 610 (18.279) – 373
50 – 10.04 – 570 (18.849) – 377
51 – 11.04 – 619 (19.468) – 382
52 – 12.04 – 431(19.899) – 383
53 – 13.04 – 566 (20.465) – 386
54 – 14.04 – 602 (21.067) – 390
55 – 15.04 – 578 (21.645) – 394
56 – 16.04 – 525 (22.170) – 396
57 – 17.04 – 575 (22.745) – 399
58 – 18.04 – 482 (23.327) – 402
59 – 19.04 – 433 (23.660) – 401
60 – 20.04 – 454 (24.114) – 402
61 – 21.04 – 534 (24.648) – 404
62 – 22.04 – 437 (25.085) – 405
63 – 23.04 – 464 (25.549) – 406

[*] Dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.

Locatelli (Consiglio Superiore di Santità): “L’indice R0 scende tra 0,5 e 0,7”

“R con zero”, l’indice di contagiosità del Sars-CoV-2, è sceso ad una percentuale compresa tra lo 0,5 e lo 0,7. Lo ha detto il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli nella Conferenza stampa bisettimanale del Dipartimento della Protezione civile.
Proprio in relazione all’indice R0 è legata la scelta del Comitato Tecnico Scientifico di suggerire la non riapertura delle scuole dal 4 maggio, e quindi probabilmente mettere la parola fine all’anno scolastico in presenza. “Riaprire le scuole vorrebbe dire riportare l’indice di contagio ben sopra l’1”, ha spiegato ancora Locatelli che ha ribadito che si tratta di un suggerimento e che la “scelta spetta al ministro e al governo”.
Locatelli ha anche aggiunto che finora l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha approvato 26 studi di terapie contro Covid-19 (di cui 13 già attivati) e bocciato 51 proposte. Per quanto riguarda i vaccini sono 5 sono quelli in fase già avanzata (2 negli Usa, 1 in Inghilterra, 1 in Germania e 1 in Cina) ma ci vorranno “mesi prima di poter pensare alla commercializzazione di un vaccino” e per capire quanto “potrà durare la protezione”.

Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede N. 243, 23 aprile 2020
Dichiarazione del Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni


A causa dell’attuale situazione sanitaria e delle sue conseguenze sullo spostamento e l’aggregazione di fedeli e pellegrini, il Santo Padre, insieme con il Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali e con l’Episcopato ungherese, ha ritenuto di posporre il 52° Congresso Eucaristico Internazionale, in programma a Budapest il prossimo mese di settembre 2020, al settembre 2021.
* * *
Il 20 aprile il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede aveva annunciato già, che “il Santo Padre, insieme al Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, ha ritenuto di posporre di un anno il prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie e la prossima Giornata Mondiale della Gioventù”.

89.31.72.207