Numero 5 – Boris Johnson. Il virus è uguale per tutti. Il virus non ha fretta

Il Primo Ministro britannico Boris Johnson è risultato positivo al test per Coronavirus. L’ha annunciato lui stesso in un video su Twitter: “Negli ultimi giorni ho avuto alcuni lievi sintomi del coronavirus, come tosse e febbre, quindi mi sono sottoposto al test e sono risultato positivo. Quindi ora lavorerò da casa, mi sono auto-isolato ed è la cosa giusta. Ma grazie alla tecnologia sarò sempre in contatto con i miei collaboratori e guiderò la nostra battaglia contro il coronavirus, a sostegno della nostra meravigliosa sanità pubblica. Questo è il modo: fermare il contagio!”.

Pochi minuti dopo il Primo Ministro, anche il Ministro della Salute britannico Matt Hancock ha annunciato, sempre su Twitter, di esser risultato positivo al Coronavirus: “Ho sintomi molto lievi e sono in buone condizioni, ma ho contratto il virus e ora mi auto-isolerò qui a casa per una settimana. Vinceremo questa battaglia”.

È scattato immediatamente il panico a Downing Street, perché sia Johnson, sia Hancock negli ultimi tempi sono stati a stretto contatto con tutti, dai principali ministri ai loro collaboratori, hanno condotto delle riunioni importanti, hanno tenuto conferenze stampa con i giornalisti parlamentari di Westminster. È oramai certo che anche tutte queste persone dovranno auto-isolarsi, creando non pochi problemi anche alla macchina organizzativa anti-Coronavirus (secondo un rapporto shock della Sanità britannico l’80% della popolazione potrebbe essere contagiato e potrebbero esserci almeno 318 mila vittime, se non si riesce a contenere il Sars-CoV-2.

Ma c’è di più. Boris Johnson due giorni fa è stato anche in Parlamento per il “question time”, prima che l’aula chiudesse. Quindi, molte altre persone potrebbero essere a rischio.
*
Buckingham Palace ha fatto sapere che “la Regina ha incontrato Johnson l’ultima volta lo scorso 11 marzo. La Sovrana è in buona salute e segue tutte le indicazioni mediche in questo senso”. Quindi, sedici giorni fa: una finestra importante, che dovrebbe averla tenuta al sicuro da un potenziale contagio dal Primo Ministro. Però, oggi come ieri, Buckingham Palace non specifica se la Regina Elisabetta II si sia sottoposta al test per Coronavirus, né tantomeno l’eventuale risultato.

Secondo indiscrezioni dall’interno di Domus Sanctae Marthae*****, Papa Francesco sarebbe stato sottoposto già due volte al test per Sars-CoV-2. Però, nessuno dei due casi è stato confermato ufficialmente – tantomeno l’eventuale risultato – dalla comunicazione della Santa Sede che non comunica. Correggo, “qualcosa” comunque comunica:
“Il Santo Padre Francesco ha ricevuto questa mattina in Udienza:
– Em.mo Card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, e Seguito;
– Padre Abate Guillermo Leon Arboleda Tamayo, O.S.B., Presidente della Congregazione Sublacense Cassinese dell’Ordine di San Benedetto”.

La Sala Stampa della Santa Sede comunica, che ancora riceve gente. Ma a quando l’isolamento per Papa Francesco? Probabilmente mai. Perché? Perché vuole fare il martire, ma il martire se lo vuole fare, lo può fare da solo, senza mettere a repentaglio la salute dei dipendenti della Domus Sanctae Marthae*****, che a casa hanno le loro famiglie, che li aspettano. Anche se nella Domus hanno preso precauzioni e il Papa mangia da solo, c’è appunto chi cucina, chi pulisce, chi è alla reception a rispondere al telefono e a risolvere le mille richieste di ogni monsignore. Ci sono gli addetti alla sicurezza, gli inservienti, i manutentori, ecc. Dove sono le tutele per queste persone? Al momento nessuna tutela. Però, poi il Papa pensa alle famiglie al tempo del Covid-19, ma alle famiglie dei dipendenti della Domus – di fatto – non ci pensa.
… e – ci risulta – che continua a dare la mano a tutti, ancora oggi.

Papa positivo o Papa negativo, la Domus non è più luogo sicuro. Supplica al Papa, nel tempo della prova – 26 marzo 2020

#ilviruseugualepertutti – La conta

1 – Regina Elisabetta II, in isolamento cautelativo al Castello di Windsor (19.03.2020)
2 – Cancelliere Angela Merkel, positivo al Coronavirus, in isolamento a casa (21.03.2020)
3 – Principe Alberto di Monaco, positivo al Coronavirus, in isolamento a Palazzo Grimaldi (21.03.2020)
4 – Principe Carlo d’Inghilterra, positivo al Coronavirus, in isolamento alla tenuta di Balmoral (25.03.2020)
5 – Primo Ministro Boris Johnson, positivo al Coronavirus, in isolamento a casa (27.03.2020)

#cipensailvirus
#ilvirusringrazia
#ilvirusnonhafretta

89.31.72.207