Istituzione della Direzione Generale del Personale presso la Segreteria di Stato

Condividi su...

Il Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede N. 144 di oggi 6 marzo 2020 ha reso noto l’istituzione della Direzione Generale del Personale presso la Segreteria di Stato (attualmente chiusa per l’emergenza Sars-CoV-2):

«Istituzione della Direzione Generale del Personale
Accogliendo la proposta del Consiglio dei Cardinali e del Consiglio per l’Economia, Sua Santità Francesco ha disposto l’istituzione della “Direzione Generale del Personale” presso la Sezione per gli Affari Generali della Segreteria di Stato.
La “Direzione Generale del Personale” assumerà i compiti dell’attuale Ufficio del Personale della Segreteria di Stato e avrà competenza non solo sui Dicasteri ed Enti propri della Santa Sede, ma anche su Istituti (ad esempio, l’Istituto per le Opere di Religione), Fabbriche, Capitoli, Amministrazioni, Organismi, Fondazioni, Domus e altri Enti dipendenti dalla Santa Sede o a essa in qualche modo collegati, in deroga ai rispettivi Regolamenti.
Questa nuova Direzione sarà presieduta da un Direttore e sarà munita di potere strategico, ispettivo e operativo, con funzioni di coordinamento, controllo e vigilanza; essa sarà, inoltre, attrezzata in modo da poter rispondere, in tempi utili, alle varie richieste che sarà chiamata ad espletare.
La nuova “Direzione Generale del Personale” manterrà stretti collegamenti con la Segreteria per l’Economia, con l’Ufficio del Lavoro della Sede Apostolica, con il Fondo Pensioni e con il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, nonché con la Commissione indipendente di valutazione per le assunzioni di personale laico presso la Sede Apostolica (CIVA).
Si tratta di un passo di grande rilevanza nel cammino di riforma avviato dal Santo Padre».

Un memorabile rafforzamento e ampliamento considerevole dei poteri della Segreteria di Stato di Sua Santità, guidato dal “numero due” della Santa Sede, il Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin (nella foto con Papa Francesco).
Altroché “smantellamento” di cui si parlava all’inizio del pontificato attuale…

Va riletto Gagliarducci:
Analisi del lunedì di Gagliarducci. “Per Papa Francesco, il passato conta. Non può contare, tuttavia, per coloro che non lo sanno”
Infranto il mito del papa rivoluzionario alimentato dai media, ecco la delusione. Verso dissenso aperto?
Uno sguardo oltre il “book-gate”, puntando la lente sul problema vero: la mancanza di pensiero istituzionale

151.11.48.50