‘O cazzimbocchio

La parola del giorno per oggi è “‘o cazzimbocchio”, di cui Napoli è piena, come è anche piena di tipici modi di dire e di espressioni curiose, che la rendono ancora più particolare. Di Napoli, della sua lingua e della sua cultura c’è sempre qualcosa da scoprire.

‘O cazzimbocchio è nu piezzo ‘e preta tosta a ‘fforma ‘e tronc ‘e piramide, e s’aûsa pe lastricà ‘e vie, in Italia ‘o chiammano sampietrino. Coccruno rice ca ‘o nomme ‘e sta preta è ‘o stess ‘e ‘na preta tedesca ‘e forma tonna, ‘o katzenkopf che vo dicere capa ‘e jatta, ma cu katzenkopf nun tene niente ‘a spartere pecchè so diverse. ‘O cazzimbocchio tene ‘a base cuatrata, accussì ‘e riggiulari ponno seguì a forma a ‘vvotte da via. S’appoiano ‘ncoppa a rena e po dint’ ‘e senghe se scola a pece liquida c’azzecca tutte cose. N’ato significato do cazzimbocchio è chillo che se aûsa pe chiammà a granita. Sa aûsa assaje a Napule e ‘a Torre Nunziata e ate posti vicino ‘o Vesuvio. ‘A parola cazzimbocchio s’aûsa pure pe dicere ‘e ‘na cosa grossa assaje ca sta annanze ‘e piere e da ‘mpiccio.

Il “cazzimbocchio” è un blocchetto di leucitite, a forma di piramide tronca, usato per la pavimentazione delle strade e più conosciuto come “sampietrino” (a Roma). Qualcuno ne individua l’origine etimologica nel nome di un ciottolo tedesco di forma semisferica, il “katzenkopf “ (testa di gatto). In realtà, il “cazzimbocchio”, non ha nulla a che vedere con una testa di gatto, visto che hanno una forma completamente diversa. La versione napoletana ha la forma di tronco di piramide con base e vertice quadrati, il che consente ai lastricatori di infiggerla pietra su di un letto di sabbia e terriccio, seguendo esattamente l’andamento curvato a botte del piano stradale, facendo accostare i lati delle basi nei cui interstizi vien fatta colare della pece liquida per assicurare tenuta ed impermeabilità alla strada lastricata. Il ciottolo tedesco, invece, è tutt’altra cosa. Le due versioni, inoltre, non sono comparabili perché, a parte una somiglianza nel suono, tra cazzimbocchio e katzenkopf non sono documentabili specifici passaggi linguistici. La voce originaria fu cazzibocchio, poi a mano a mano trasformatasi per migliorarne la fonetica in cazzimbocchio.

In tutte le forme napoletane è riconoscibile il richiamo osceno, un po’ (anche se in maniera piuttosto forzata) per il riferimento alla forma di un fallo, un po’, soprattutto, perché nel parlato popolare, quando di un oggetto non si conosce il nome, si utilizza genericamente quello di “cazzo“, e potrebbe essere successo lo stesso tra i lastricatori.

Fonti: Dott. Raffaele Bracale, Difesa del Napoletano http://accademmianapulitana.altervista.org/difesa-del-napoletano-dott-raffaele-bracale/; Federica Barbi, “‘O cazzimbocchio, Napoli ne è chiena: ‘o ssapite pecché se chiamma accussì?”, Vesuviolive.it, 9 dicembre 2017; Marco De Rosa, “Quanno ‘o jaccio addeventa arte pe bevere”, Ecampania.it, 28 giugno 2014; Ciro Pellegrino, “È overo che a Natale chiavano n’ato cazzimbocchio gruoss ‘ncopp a Caracciolo?”, giornalisticamente.it, 10 luglio 2017; Wikipedia.

89.31.72.207