Il Natale nelle tradizioni dei Pontefici

Anche i Papi hanno le loro tradizioni natalizie. Che siano state apprese in famiglia e caratteristiche della terra d’origine, oppure nate negli anni trascorsi come giovane sacerdote, vescovo e cardinale, ogni Pontefice le ha mantenute vive anche dopo l’ascesa al Soglio petrino.

Il 24 dicembre, quando la sera è calata, i polacchi iniziano la “Wieczerza wigi1ijna” (letteralmente “cena di Natale”). Ogni vigilia Giovanni Paolo II invitava nell’appartamento in Vaticano una ventina di amici e collaboratori conterranei; essendo casa sua era perciò il “capofamiglia”, e a lui spettava il compito di guidare quei piccoli riti che si concludevano con la solenne Messa di Mezzanotte in Basilica.

Leggeva il brano del Vangelo che racconta la nascita del Signore, quindi pronunciava un breve discorso, fatto di ricordi familiari e durante il quale commemorava coloro che non c’erano più, infine formulava gli auguri ai presenti. La tradizione polacca vuole che il capofamiglia distribuisca quindi l’“oplatek”, un pane bianco di forma rettangolare tipico della vigilia, non prima di averlo spezzato come fece Gesù nell’Ultima Cena; dandone un pezzetto a ciascuno si chiede perdono dei contrasti che possono esserci stati durante l’anno e delle mancanze commesse.

Successivamente, come in tutte le famiglie cattoliche in patria, anche Papa Wojtyla insieme ai suoi ospiti andava davanti all’albero di Natale e al presepio per cantare “Nel profondo silenzio della notte, si sente la voce: alzatevi, pastori, perché è nato il vostro Dio a Betlemme”. Dopo ognuno prendeva posto a tavola per il cenone, che la tradizione vuole di una dozzina di portate tutte a base di pesce, secondo l’usanza (tipica anche in Italia) che vuole l’astinenza dalla carne. 

La natia Baviera ha sempre avuto un posto speciale nel cuore di Benedetto XVI, e le sue tradizioni durante le festività natalizie, molto simili a quelle della vicina Polonia, ne sono un’ulteriore prova. “La vigilia di Natale dopo cena – ha raccontato nel 2013 ad Angela Ambrogetti, per la rivista “Credere”, l’allora secondo segretario mons. Alfred Xuereb – in attesa della Messa, ci riunivamo attorno all’albero acceso, il Papa prendeva il brano del Vangelo della natività di Gesù e lo leggeva, poi ci scambiavamo gli auguri. Mi spiegò che ogni padre di famiglia in Baviera fa così”.

L’albero con le candele accese come si usa in Germania, i canti natalizi in tedesco, in latino e in italiano. Il prelato maltese, oggi nunzio in Corea del Sud, ha voluto ricordare un momento del primo Natale passato assieme a Benedetto nell’appartamento papale. “Ad un certo momento il Papa si gira verso di me e mi dice: ‘Il suo predecessore, don Mietek, ci cantava qualche canto in polacco, lei ne ha qualcuno maltese?’ Io avevo degli spartiti dei canti popolari nostri, in particolare uno che è il più tradizionale: ‘Ninni la Tibkix Izjed’, ‘Ninna nanna a Gesù, non piangere più’. Si canta sempre. Corsi nel mio ufficio, presi gli spartiti e fu grande la mia sorpresa e la mia emozione quando il Papa prese gli spartiti e si mise al pianoforte a suonare”. “Ancora oggi – conclude Xuereb – il pensiero mi emoziona”.

Per Papa Francesco, da cardinale il Natale era un momento privato, da trascorrere principalmente da solo in raccoglimento ma anche con il vescovo ausiliare di Buenos Aires e pochi amici. Dopo aver celebrato la Messa in Cattedrale, usciva a benedire i fedeli nell’atrio e si ritirava in sagrestia con pochi ospiti per mangiare qualcosa e fare un brindisi.

Nei suoi anni in Argentina, il futuro Papa era solito ospitare alcuni esponenti della comunità ebraica che, nonostante il differente credo religioso, accettavano il suo invito partecipando alla Messa e alle cena successiva. Un pasto molto semplice, con menù pensato anche per rispettare le loro tradizioni ebraiche. Ogni 25 dicembre, Bergoglio si recava anche a visitare i sacerdoti anziani o infermi della casa sacerdotale nel quartiere Flores, nel luogo dove aveva riservato una stanza per quando si sarebbe ritirato dal ministero di arcivescovo.

89.31.72.207