Nomine dei cardinali: c’è anche Czerny, sottosegretario ai migranti. Segnale chiaro da papa Francesco

Con l’annuncio del prossimo Concistoro fissato al 5 ottobre prossimo, il Sommo Pontefice creerà 13 nuovi cardinali: dieci elettori e tre ultraottantenni. Tra questi c’è Michael Czerny, il gesuita canadese di origine ceca, sottosegretario della Sezione migranti del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale. Un riconoscimento per un uomo che ha scelto di stare dalla parte dei più deboli.

Rispetto al vento dei forti contrasti razziali che soffia in Italia, a causa di posizioni estreme contro i flussi migratori, che spesso ledono i diritti fondamentali dell’uomo, papa Francesco sembra aver voluto dare una chiara e opposta impronta. Premiato dunque il lavoro di chi guarda ad un mondo con meno steccati retorici ma più concreto alla luce del messaggio evangelico.

Soddisfazione anche dal Centro Astalli, la sede italiana del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati. Da oltre trent’anni, impegnato in numerose attività e servizi di frontiera, affida ai propri canali social la propria gioia per la nomina: “Siamo felici di sapere che il gesuita p. Michael Czerny, è tra i cardinali scelti da Papa Francesco. Segno di una Chiesa sempre più aperta e sempre più in cammino al fianco degli ultimi, con i migranti! I nostri auguri pieni di stima e fraterna amicizia”.

89.31.72.207