A Cerfignano le ‘Olimpiadi senza barriere’

Il partenariato del progetto ‘Ci mettiamo in gioco’, composto dall’ASD ‘Oratorio S. Ippazio’ di Tiggiano, dall’Oratorio ‘Karol Wojtyla’ di Cerfignano, dalla Pallavolo Azzurra di Alessano e dall’Azzurra Donne di Alessano, organizza dal 7 al 9 giugno presso il Villaggio Olimpico di Cerfignano – Santa Cesarea Terme, in provincia di Lecce, le ‘Olimpiadi senza barriere – festa della primavera’.

Il programma prevede per venerdì mattino la Cerimonia d’apertura con i Saluti e gli interventi di Pasquale Bleve, sindaco di S. Cesarea Terme e di Ettore Caroppo, Sindaco di Minervino di Lecce, di Alessandro Stefanelli, dirigente dell’Istituto Comprensivo Minervino, di Paolo Aprile, dirigente dell’Istituto Alberghiero Santa Cesarea Terme e Liceo Artistico Poggiardo, di Rossano Corvaglia, direttore di Ambito di Zona di Poggiardo e del luogotenente Nicola Perrone, comandante dei Carabinieri di Poggiardo.

Si proseguirà con l’accensione della fiaccola delle ‘Olimpiadi senza Barriere’ alla presenza di Marco Buscicchio, atleta paralimpico di handbike, a cui farà seguito il workshop sul tema dell’inclusione (guidati da tutor specializzati e dall’equipe degli animatori e degli insegnanti). Nel pomeriggio ‘Festa della Primavera 2019 Together – Per dare il meglio di sé’, con le fasi preliminari per bambini e ragazzi per calcio a 5, volley in acqua,Pallamano in acqua, triathon (vortex, velocità 60 metri, gimkana campestre), laboratori creativi e giochi da cortile. In serata inizierà anche il ‘Wojtyla Cup 2019’, torneo di calcio a 5 per adolescenti.

Sabato 8 giugno continueranno le prove olimpiche, che si concluderanno in serata con una ‘caccia al tesoro’ in notturna per ragazzi e adolescenti. Domenica 9 giugno si svolgerà il Torneo a 18 squadre di basket e le esibizioni del ‘Quiddich’ (a cura dell’ASD Lunatica Quiddich Team Brindisi), uno sport magico che si pratica a cavallo di manici di scopa volanti con quattro palle e presenta elementi in comune con sport del mondo reale come calcio, pallacanestro, polo, canoa e polo, a cui seguirà una partita dimostrativa di Baskin (basket in carrozzina cura dell’ASO Lupiae – Lecce).

Nel pomeriggio si svolgerà presso il salone dell’oratorio parrocchiale ‘ConVIVIAMO INSIEME – Piatti e ricette per includere!’, laboratorio interculturale di cucina con famiglie italiane e straniere, presenti sul territorio e provenienti da Marocco, Sri Lanka, Romania, Moldova, Albania, Senegal, Polonia. L’iniziativa si svolge con il Patrocinio dell’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della CEI, del Centro Sportivo Italiano e della Cooperativa ‘L’Adelfia’ di Alessano.

Il progetto ‘Ci mettiamo in gioco’, realizzato con il contributo dell’Ufficio per lo Sport, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, intende allargare le opportunità di accesso allo sport per bambini, ragazzi e adulti che si trovano alla periferia del sistema sociale per difficoltà economiche, fisiche , psichiche, culturali. Si svolge nel Sud Salento: terra ‘estrema’, riconosciuta come area interna depressa, da sempre terra di sbarchi e di accoglienza.

Il partenariato ha scelto un percorso di aggregazione inclusiva attraverso attività sportive e ludico-ricreative rivolte a famiglie a basso reddito con problemi di abbandono scolastico e immigrate, spesso in presenza di minori non accompagnati, andando a operare nell’ambito dell’educazione extra-scolastica dei minori e dell’inclusione dei giovani, migranti e portatori di diverse abilità che versano in situazioni di disagio sociale.

89.31.72.207