Gioco d’azzardo: nel maceratese è ‘febbre’ da gioco

La Commissione Bilancio della Camera, con il parere favorevole del governo, ha dato il via libera alla proposta emendativa alla manovra del 2018. L’emendamento è a firma di Giovanni Sanga (Pd) e Gian Mario Fragomeli (PD) e proroga a ‘dopo il 31 dicembre 2018’ il termine entro cui non potranno essere più rilasciati i nulla osta per le attuali slot machine da bar.

La legge di Stabilità 2016 aveva previsto come termine il 31 dicembre 2017. La Legge di Stabilità 2016 aveva previsto un’evoluzione delle slot da bar. Evoluzione tecnologica che doveva essere disciplinata con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Era inoltre previsto che i nulla osta per le AWP (come vengono chiamate in gergo le slot), non potessero ‘più essere rilasciati dopo il 31 dicembre 2017’ e dovessero ‘essere dismesse entro il 31 dicembre 2019’.

Inoltre, si leggeva nella Legge di Bilancio 2016, ‘a partire dal 1º gennaio 2017 possono essere rilasciati solo nulla osta per apparecchi che consentono il gioco pubblico da ambiente remoto, prevedendo la riduzione proporzionale, in misura non inferiore al 30%, del numero dei nulla osta di esercizio relativi ad apparecchi attivi alla data del 31 luglio 2015, riferibili a ciascun concessionario’.

Ed in provincia di Macerata stanno aumentando le ‘puntate’ nelle sale gioco secondo i dati diffusi dal database ‘l’Italia delle slot’, con Civitanova Marche la città in cui si gioca di più in euro pro capite nelle Marche. L’algoritmo incrocia i dati di reddito, popolazione e raccolta dal gioco (dati Aams) e fornisce informazioni su giocate pro capite, giocate complessive, numero di apparecchi fra videolottery e new slot (quelle presenti anche nei bar) e fornisce un quadro del settore in Italia.

Con € 2.945 euro di giocata pro capite Civitanova è in prima posizione, seguita da Macerata (€ 629), Recanati (€ 268), Tolentino (€ 1.191), Morrovalle (€ 760), Corridonia (€ 1.908), San Severino (€ 897). Nella regione a Pesaro si brucia in gioco e slot € 845, ad Ancona € 1.011 e a Porto San Giorgio € 2.696. I dati sono riferiti al 2016 e rispetto al 2015 su Civitanova c’è un incremento del 9,7% sulle giocate per un totale di giocate complessive che ammontano ad € 124.000.000.

Il dato provinciale relativo a tutti i comuni della provincia invece si attesta ad € 977 pro capite nel 2016, mentre nel 2015 erano € 921. Per quanto riguarda gli apparecchi a Civitanova sono 552 gli apparecchi complessivi fra videolottery (185) e new slot (367). Ed il dipartimento delle Dipendenze patologiche dell’Area Vasta 3 di Macerata, elaborando i dati relativi al gioco d’azzardo sul territorio della provincia di Macerata, ha evidenziato una nuova emergenza.

Infatti per quanto riguarda il maceratese, il numero di concessioni può essere solo stimato attorno alle 1.400 unità, per un totale di circa 800 esercizi presso cui giocare: circa una concessione ogni 200 abitanti e una ogni 2 km², ma in alcuni comuni, come ad esempio a Civitanova Marche (un esercizio ogni 0,3 km² circa) o Muccia (un esercizio ogni 83 abitanti), le medie sono molto più elevate.

Inoltre l’osservatorio nazionale per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave è riuscito per la prima volta ad avere a disposizione, pur con molte difficoltà, i dati provinciali relativi al 2015. In quell’anno, nella provincia di Macerata, la raccolta monetaria complessiva ha superato € 508.000.000, con perdite da parte dei giocatori per oltre € 98.000.000.

La media per ciascun maceratese maggiorenne è di € 1.882 giocati all’anno, con una perdita media di € 366, dati che pongono la provincia al 29° posto rispetto alle 110 province italiane. Considerando che in provincia il reddito pro capite medio è pari ad € 17.461, ne consegue che i maceratesi utilizzano oltre il 10% di esso per giocare d’azzardo.

Infine gli € 1.882 giocati in media annualmente da ciascun maceratese sono ripartiti come segue: € 1.097 slot machines e newslot (35°posto tra le province italiane), € 179 lotterie istantanee (44° posto), € 96 scommesse in agenzia (14° posto), € 296 gioco telematico (54° posto), € 214 tutti gli altri giochi (20° posto).

89.31.72.207