Oltre le docce, barba e capelli per i clochard

Sono tantissimi i volontari che hanno già  donato tutta l’attrezzatura necessaria, forbici, spazzole, rasoi, uno specchio e, ovviamente, la poltrona da barbiere. Così, lunedì 16 febbraio, i clochard che gravitano attorno al Vaticano potranno usufruire non solo delle docce e dei bagni che Papa Francesco ha autorizzato ad adibire per loro sotto al colonnato di piazza San Pietro, ma anche di un servizio di taglio barba e capelli che va a completare le esigenze di pulizia ed igiene dei senzatetto. La “barberia del Papa” è¨ l’ultima iniziativa per i poveri della città  promossa dall’Elemosineria apostolica, il braccio operativo della carità  del Pontefice guidata da monsignor Konrad Krajewski, l’arcivescovo polacco cui Begoglio, nominandolo, aveva ordinato di non rimanere dietro la scrivania ma di divenire il suo prolungamento concreto a favore degli ultimi. Così Krajewski dopo aver organizzato la costruzione delle docce, che ha subito qualche ritardo sui tempi di ristrutturazione previsti, ha fatto riservare un’area dei nuovi locali ampliati sotto al Colonnato ad una sala da barbiere. “La prima cosa che noi vogliamo – spiega Krajewski – è  dare dignità  alla persona. La persona che non ha la possibilità di lavarsi è una persona socialmente rifiutata e tutti noi sappiamo che un clochard non può presentarsi in un posto pubblico come un bar o un ristorante per chiedere di usufruire dei servizi perché questi gli vengono negati”. “Ma certo – fa sapere sull’ultima iniziativa – fare la doccia e poter lavare la biancheria non basta. E’ necessario anche essere in ordine con i capelli e la barba, anche per prevenire malattie. Un altro servizio che un senzatetto difficilmente potrebbe avere in un negozio normale perché magari potrebbe sollevare il timore di diffondere ai clienti qualche malattia, come ad esempio la scabbia”.

Così, pensando anche al fatto che tanti senzatetto girano nei pullman e nella metropolitana mischiandosi alla gente comune, la barberia del Papa, aggiunge Krajewski, aspira a svolgere un servizio “per il bene comune della città”. Questione di un paio di settimane, dunque, e il servizio sarà pronto a partire assieme alle tre nuove docce. L’armamentario necessario c’è¨ già  tutto e tanti sono i barbieri volontari che con entusiasmo si sono messi a disposizione. Due sono dell’Unitalsi, altri frequentano l’ultimo anno della scuola di barbieri di Roma. Taglio e barba saranno effettuati di lunedì il giorno in cui i negozi sono chiusi e i barbieri sono liberi dalla loro attività .

89.31.72.207