Papa Francesco prega per le vittime dell’ Ebola

“Di fronte all’aggravarsi dell’epidemia di ebola, desidero esprimere la mia viva preoccupazione per questa implacabile malattia che si sta diffondendo specialmente nel Continente africano, soprattutto tra le popolazioni più disagiate”.  E’ stato questo l’appello del Papa stamattina al termine dell’ udienza generale. Un virus che spaventa e che ha già ucciso  oltre 5 mila persone e ne ha contagiate 10 mila. “Sono vicino con l’affetto e la preghiera alle persone colpite, come pure ai medici, agli infermieri, ai volontari, agli istituti religiosi e alle associazioni, che si prodigano eroicamente per soccorrere questi nostri fratelli e sorelle ammalati”, ed ha concluso: “Rinnovo il mio appello, affinché la Comunità Internazionale metta in atto ogni necessario sforzo per debellare questo virus, alleviando concretamente i disagi e le sofferenze di quanti sono così duramente provati. Vi invito a pregare per loro e per quanti hanno perso la vita”.

Nella catechesi  il Papa parlando della Chiesa come come corpo di Cristo ha spiegato che è

la concretezza dell’amore verso gli altri a far comprendere l’aspetto “divino” della Chiesa come corpo di Cristo. Per questo i cristiani non devono mai “essere motivo di scandalo”.  Il Papa ha detto che “come in Cristo la natura umana asseconda pienamente quella divina e si pone al suo servizio, in funzione del compimento della salvezza, così avviene, nella Chiesa, per la sua realtà visibile, nei confronti di quella spirituale. Anche la Chiesa, quindi, è un mistero, nel quale ciò che non si vede è più importante di ciò che si vede, e può essere riconosciuto solo con gli occhi della fede”. E nemmeno la realtà visibile della Chiesa è misurabile “come si fa a conoscere tutto il bene che viene fatto? Tante opere di amore, tante fedeltà nelle famiglie, tanto lavoro per educare i figli, per trasmettere la fede, tanta sofferenza nei malati che offrono le loro sofferenze al Signore… Ma questo non si può misurare ed è tanto grande!”

Ed ha aggiunto: “Attraverso la sua realtà visibile, di tutto quello che si vede, i sacramenti e la testimonianza di tutti noi cristiani, la Chiesa è chiamata ogni giorno a farsi vicina ad ogni uomo, a cominciare da chi è povero, da chi soffre e da chi è emarginato, in modo da continuare a far sentire su tutti lo sguardo compassionevole e misericordioso di Gesù”. Poi ha concluso: “Chiediamo il dono della fede, perché possiamo comprendere come, nonostante la nostra pochezza e la nostra povertà, il Signore ci ha reso davvero strumento di grazia e segno visibile del suo amore per tutta l’umanità. Possiamo diventare motivo di scandalo, sì. Ma possiamo anche diventare motivo di testimonianza, dicendo con la nostra vita quello che Gesù vuole da noi”.

Nei saluti in spagnolo il Papa ha dedicato un momento di preghiera  al ricordo dei 43 studenti dello Stato di Guerrero in Messico, rapiti un mese fa e per i quali si teme fortemente per la loro sorte, vittime di una brutta storia di violenza e complicità tra autorità locali e bande di narcotrafficanti:

“Vorrei oggi elevare una preghiera e avvicinare al nostro cuore il popolo messicano, che soffre per la scomparsa dei suoi studenti e per tanti problemi simili. Che il nostro cuore di fratelli stia loro vicino, pregando in questo momento”.

89.31.72.207